TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 19/08/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 James Petras 
Author /   James Petras
James Petras
Biographies available: Español  Français  English  Esperanto  Italiano 

 


James Petras

 

James Petras, nato a Boston nel 1937 da genitori greci emigrati dall’isola di Lesbos,  è professore emerito a riposo per la cattedra di sociologia presso l’università di Binghamton, New York e professore aggiunto alla Saint Mary's University, Halifax, Nuova Scozia, Canada. Laureatosi in lettere presso la Boston University, ha conseguito il dottorato all’università di Berkeley, California.
Il suo primo incarico a Binghamton risale al 1972 presso il dipartimento di sociologia, e questi sono i suoi campi di interesse: sviluppo, America latina, area dei Caraibi, movimenti rivoluzionari, analisi di classe.
Membro della Sezione di sociologia marxista della Associazione Sociologica Americana, è stato premiato con il Robert Kenny Award per il miglior trattato del 2002. Durante la sua carriera ha conseguito importanti riconoscimenti, fra cui il “Best Dissertation Award” nel 1968 da parte dell’Associazione di scienze politiche dell’Occidente.
Petras è autore fecondo di pubblicazioni sulle problematiche politiche latino-americane e medio- orientali; 62 sono i suoi lavori pubblicati in 29 lingue, e più di 600 saggi su riviste specialistiche, come la “American Sociological Review”, “British Journal of Sociology”, “Social Research” e “Journal of Peasant Studies”.
Ha pubblicato più di 2000 articoli su giornali e riviste di tutto il mondo, fra cui “The New York Times”, “The Guardian”, “The Nation”, “Christian Science Monitor”, “Foreign Policy”, “New Left Review”, “Partisan Review” e “Le Monde Diplomatique”.
Attualmente scrive l’editoriale mensile per “Mexican newspaper”, “La Jornada”, come aveva fatto in precedenza per il quotidiano spagnolo “El Mundo”; è membro del collettivo editoriale di “Canadian Dimension” e collabora con “CounterPunch” e “Atlantic Free Press”.
 
Petras si autodefinisce uno scrittore e attivista “rivoluzionario e anti-imperialista”. Ha fatto parte attiva del movimento contadino dei “senza-terra” brasiliani e del movimento dei disoccupati in Argentina.
Dal 1973 al 1976, Petras ha collaborato nell’ambito del Tribunale Bertrand Russell sulla repressione nell’America latina.  Ha citato gli Stati Uniti come “potenza imperiale dominante” ed ha definito le richieste per attuare riforme sui diritti umani in Cina come “campagna di propaganda sui diritti umani messa in atto da Washington”.
Petras ha fatto riferimento alla politica statunitense verso l’Iraq come “Olocausto USA/iracheno (UIH)”, che egli descrive come “un processo continuo, che copre gli ultimi 16 anni (1990-2006), che ci fornisce un esempio lampante di sterminio sistematico pianificato dallo stato, di un sistema di tortura e di distruzione fisica progettato per de-modernizzare una società laica in pieno sviluppo e per trasformarla in una serie di clan tribal-etnico-clericali in continuo conflitto fra di loro, privi di qualsiasi autorità nazionale o di un’economia vitale.”
In un articolo del 2006 dal titolo “Ancora abbondano le teorie cospirative antisemite sull’11 settembre”, la Anti-Defamation League contestava l’affermazione di Petras che esistevano prove che “gli Israeliani” erano venuti a conoscenza  degli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001, ma avevano trattenuto queste informazioni senza comunicarle al governo degli Stati Uniti.
Petras ha definito gli Ebrei degli Stati Uniti “quinta colonna di Israele”, sinonimo di traditori, accusandoli di essere “sostenitori della dottrina di guerre offensive”.
Petras ha stigmatizzato Israele come “il paese più militarizzato del mondo.”
Petras ha difeso i risultati delle elezioni in Iran del 2009 che avevano assegnato la vittoria con più del 60% di consensi al “nazionalista-populista” presidente Mahmoud Ahmadinejad, in un articolo dal titolo “Le elezioni iraniane: la truffa della denuncia di ‘elezioni rubate’”.
Descrivendo la lotta in Iran come quella di riformisti che si contrappongono solo per ottenere “un più alto reddito, come individui orientati al capitalismo e al libero mercato” contro “la classe operaia a basso reddito”, contro i sostenitori di “un’economia morale” per una società più giusta, ha denunciato la pretesa che le elezioni siano state rubate, come una “beffa” perpetrata da “opinionisti” occidentali.

Note bibliografiche

  • Zionism, Militarism and the Decline of US Power - Sionismo, militarismo e declino della potenza degli USA - Clarity Press, Inc. (2008). ISBN 0932863604
  • Rulers and Ruled in the US Empire: Bankers, Zionists and Militants – Dominatori e dominati nell’Impero USA: banchieri, sionisti, e militanti - Clarity Press, Inc. (2007). ISBN 978-0932863546
  • The Power of Israel in the United States – Il potere di Israele negli Stati Uniti - Clarity Press, Inc. (2006). ISBN 0-932863-51-5
  • Empire with Imperialism: The Globalizing Dynamics of Neoliberal Capitalism – Imperialismo autoritario: le dinamiche globalizzanti del capitalismo neo-liberista – con Luciano Vasapollo, Zed Books (2006).
  • Social Movements and State Power: Argentina, Brazil, Bolivia, Ecuador – Movimenti sociali e potere dello Stato: Argentina, Brasile, Bolivia, Ecuador - con Henry Veltmeyer, Pluto Press (2005).
  • Globalization Unmasked: Imperialism in the 21st Century – Globalizzazione smascherata: imperialismo nel XXI secolo - con Henry Veltmeyer, Zed Books (2001).
  • The Dynamics of Social Change in Latin America – Le dinamiche dei cambiamenti sociali nell’America latina - con Henry Veltmeyer, Palgrave Macmillan (2000).
  • Empire or Republic: Global Power or Domestic Decay in the US – Imperialismo o Repubblica: potere globale o rovina interna negli Stati Uniti - con Morris Morley, Routledge (1994).
  • Latin America in the Time of Cholera: Electoral Politics, Market Economics, and Permanent Crisis, – America latina al tempo del colera: politiche elettorali, economia di mercato e crisi permanenti - Routledge (1992).






URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/biographie.asp?ref_aut=9&lg_pp=it


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.