TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 18/11/2017 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ABYA YALA 
ABYA YALA / Argentina: Recuperare la memoria, recuperare la strada
Date of publication at Tlaxcala: 06/05/2011
Original: Argentina: Recuperar la memoria, recuperar la calle

Argentina: Recuperare la memoria, recuperare la strada

Rubén Kotler

Translated by  Alba Canelli
Edited by  Aurora Santini

 

Giorni di lotta, giorni di riflessione. Il primo maggio da tempo ha perso la sua ragion d'essere. Negli ultimi decenni, il movimento operaio presente nel nostro paese è stato attaccato, e quest’attacco, ricevuto da diversi centri e con diverse metodologie, ha fatto in modo che parte della coscienza di classe operaia retrocedesse. Tuttavia, nella memoria di migliaia di lavoratori rimane il ricordo degli anni '70 nel nostro paese.

Erano anni in cui la lotta e la riflessione sulle condizioni di lavoro non venivano discusse solo il primo maggio, ma il movimento sindacale nel suo complesso si trovava in una sorta di assemblea permanente, con dibattiti dentro e fuori le fabbriche, dove si discuteva alla pari con i datori di lavoro sui miglioramenti e sulle condizioni lavorative e salariali, e dove c'era anche un impegno solidale di tutti i lavoratori verso e per la classe.
 
Oggi, quando vediamo la domenica del primo maggio, le strade di alcune città semideserte, torniamo a chiederci cosa ne è stato di quel movimento operaio capace di girare il mondo a testa in giù, cosa ne è stato di quella lotta che non si preoccupava dei giorni di ferie, ma della lotta in sé, nella quale tutti i lavoratori erano impegnati in progetti di classe.Dopo l'uragano chiamato "neoliberismo" e i colpi di coda delle selvagge politiche capitalistiche degli ultimi quarant'anni, urge ricostruire il tessuto del movimento operaio, urge recuperare la strada e sapere che un disoccupato, un lavoratore in nero, un lavoratore sottopagato, è un compagno che ci chiede attenzione, solidarietà e lotta. Solo nell'insieme, per l'insieme e dall'insieme, sarà possibile recuperare la memoria di classe di quei lavoratori che hanno rischiato la pelle per tutti, solidalmente, coscienti del fatto che tutti i lavoratori e tutte le lavoratrici meritano la stessa rivendicazione.
 
Alcuni segni di una lenta e progressiva ripresa si sono potuti vedere nelle ultime settimane in Argentina. L'uscita degli operatori sanitari a Tucumán da un movimento di autoconvocati che sta mettendo in scacco il governo provinciale, evidenziando i deficit del sistema sanitario locale, i lavoratori del petrolio nel sud del nostro paese, la lotta dei lavoratori esternalizzati delle ferrovie a Buenos Aires, sono alcuni degli esempi del fatto che, sotto l'epidermide della burocrazia sindacale, un'altra consapevolezza operaia si muove. Tuttavia, siamo ancora lontani dalle lotte di altri tempi, e solo nell'unità di tutti questi settori sarà possibile mettere nuovamente sul tavolo la questione del lavoro dignitoso, la questione salariale e la questione dei diritti del lavoro. Ma siamo anche più lontani dall'apparato statale borghese che sostiene il grande capitale mentre colpisce il lavoratore, in particolare il combattivo, laddove l'uccisione di Mariano Ferreira alla fine del 2010 è solo la punta dell'iceberg di uno Stato che pensa solo alla repressione, mentre cerca di rubare al movimento operaio le bandiere della sua lotta storica.
 
Che valgano gli esempi del SiTraC e del SiTraM. Per questo abbiamo i registri dei loro archivi, per questo deve servirci la storia. Per recuperare la memoria che ci permette di recuperare la strada. E perché il prossimo primo maggio ci ritroviamo con le bandiere del movimento operaio unito per le strade, chiedendo l'impossibile affinché si avveri il sogno dei lavoratori degli anni settanta. Quelli che, la coscienza nell'anima, scendevano in piazza e lottavano per i loro diritti. I nostri diritti.





Courtesy of De Igual a Igual
Source: http://www.deigualaigual.net/es/opinion/firma/5156-argentina-recuperar-la-memoria-recuperar-la-calle
Publication date of original article: 01/05/2011
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=4688

 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.