TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 11/04/2021 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Un presidente in manette: perché i palestinesi dovrebbero votare par Marwan Barghouti
Date of publication at Tlaxcala: 05/04/2021
Original: A president in handcuffs: why Palestinians should vote for Barghouti
Translations available: Français 

Un presidente in manette: perché i palestinesi dovrebbero votare par Marwan Barghouti

Gideon Levy جدعون ليفي גדעון לוי

Translated by  Beniamino Rocchetto
Edited by  Fausto Giudice Фаусто Джудиче فاوستو جيوديشي

 

Se fossi palestinese, voterei per Marwan Barghouti come Presidente dell'Autorità Palestinese. Se fossi un sionista israeliano che insiste nel credere nella soluzione dei due stati, farei anche tutto il possibile per far eleggere Barghouti. E anche come israeliano che non crede più nella soluzione dei due stati, sto sognando, sinceramente sognando, il momento in cui quest'uomo finalmente uscirà di prigione e diventerà il leader dei palestinesi. Attualmente è l'unica possibilità per infondere nuova speranza nell’agonizzante popolo palestinese e nel cadavere che giace all'esterno, il cadavere del processo di pace, che non è mai stato un processo e nemmeno inteso a raggiungere la pace.

Non c'è niente ora che possa suscitare emozioni e accendere la speranza più che immaginare Barghouti rilasciato dalla prigione di Hadarim, proprio come il combattente per la libertà più ammirato è stato rilasciato dalla prigione sudafricana di Victor Verster l'11 febbraio 1990. Nelson Mandela è stato liberato dopo 27 anni. Lui, come Barghouti, era stato condannato all'ergastolo. Lui, come Barghouti, era stato condannato per terrorismo.

Ma la controparte di Mandela era il coraggioso Frederik Willem de Klerk. Ad accanirsi contro Barghouti non c’è altro che incitazione all’odio, stupidità e codardia israeliane.

Non c'è prova più chiara del fatto che Israele non ha mai voluto raggiungere un accordo se non l’infinita è insensata detenzione di Barghouti. Basta chiedere a qualsiasi membro del servizio di sicurezza Shin Bet o a qualsiasi statista israeliano esperto in materia e diranno che Barghouti è l'ultima possibilità, l'ultima possibilità per unire i palestinesi e per costruire la pace.

Mandela è stato eletto presidente del suo paese; Barghouti potrebbe candidarsi alla presidenza del suo popolo. Mandela lo fece da uomo libero; Barghouti lo farà come un prigioniero che sta scontando una assurda condanna a cinque ergastoli più altri 40 anni che, non voglia il cielo, potrebbero non finire mai.

Scrivo "non voglia il cielo" perché Barghouti è davvero l'ultima possibilità. E non è che i responsabili israeliani non lo sappiano. Piuttosto, è proprio perché loro lo sanno meglio di me che non verrà mai rilasciato.

Tuttavia, immaginare questo uomo basso ed esuberante che indossa un semplice orologio Casio, con il suo sorriso accattivante e il suo peculiare ebraico - pronuncia “kibush” (occupazione) come “kivush” e “imma” (madre) con l'accento sulla seconda sillaba piuttosto che la prima- essendo liberato dalla prigionia e diventando presidente accende la speranza. Quanto un piccolo passo potrebbe cambiare così tanto.

Ventiquattro anni fa questa settimana, nel Giorno della Terra del 1997, mentre circolavamo con la sua macchina tra i copertoni incendiati delle manifestazioni a Ramallah, mi disse: “Quello che temo di più è che perdiamo la speranza”. Quel momento è arrivato. Solo Barghouti può ancora cambiare il corso.

Chiunque voglia capire cosa è successo ai palestinesi dovrebbe guardare a quello che è successo a Barghouti. Quest'uomo di pace che è stato trasformato in un terrorista è la prova che i palestinesi hanno già provato tutto.

Cos’altro poteva provare? Ha bussato alle porte dei comitati centrali dei partiti sionisti alla fine degli anni '90, implorandoli di fare qualcosa prima che tutto esplodesse. Ma Israele non ha fatto nulla e tutto è esploso.

Ha portato i suoi figli al Safari Park di Ramat Gan, e durante un meraviglioso e indimenticabile viaggio parlamentare in Europa ha stretto amicizia con membri della Knesset dei partiti Likud e Shas e persino delle colonie. Era un tifoso della squadra di calcio dell'Hapoel Tel Aviv. Ed era un uomo di pace, forse l'uomo di pace palestinese più determinato che mai.

Solo quando si rese conto che nulla avrebbe smosso Israele dal suo atteggiamento arrogante e dal suo attaccamento al potere, adempì la sua stessa profezia che tutto sarebbe esploso e si unì  alla lotta armata, proprio come fece Mandela, anche se il capitolo violento della lotta del secondo viene ora minimizzato.

Barghouti è in prigione già da circa 20 anni. È stato condannato per terrorismo contro uno Stato la cui occupazione è il peggiore e più crudele terrore tra il fiume Giordano e il Mar Mediterraneo.

L'ultima volta che l'ho visto indossava l'uniforme marrone dei servizi penitenziari israeliani. Era nell'aula di tribunale di Tel Aviv. Adesso sta pensando di candidarsi alle elezioni palestinesi, delle elezioni sotto occupazione.

Se viene eletto presidente, non saranno solo i palestinesi a beneficiarne. E se viene eletto presidente, l'occupazione aggiungerà un nuovo terribile nadir nella sua storia: non solo un combattente per la libertà dietro le sbarre, ma un presidente in manette.

 

 





Courtesy of Frammenti vocali in MO/Tlaxcala
Source: https://www.haaretz.com/opinion/.premium.HIGHLIGHT-a-president-in-handcuffs-why-palestinians-should-vote-for-barghouti-1.9671926
Publication date of original article: 31/03/2021
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=31243

 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.