TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 08/03/2021 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Bibi Netanyahu, Pfizer e le elezioni israeliane
Date of publication at Tlaxcala: 21/02/2021
Original: Bibi, Pfizer and the Israeli election
Translations available: Français 

Bibi Netanyahu, Pfizer e le elezioni israeliane

Gilad Atzmon جيلاد أتزمون گيلاد آتزمون

Translated by  Leopoldo Salmaso

 

Il più grande organo di informazione israeliano, Ynet, ha riferito poche ore fa che nel paese che si è fatto volontariamente campo di esercitamento della Pfizer "il 75,4% di quelli diagnosticati ieri aveva meno di 39 anni. Solo il 5,5% aveva più di 60 anni. Il numero di pazienti in condizioni critiche è sceso a 858 - il minimo dal 4 gennaio. Tuttavia, questo numero è più del doppio che a metà dicembre, subito prima che Israele iniziasse il suo esperimento "pionieristico" di vaccinazione di massa. Ynet riferisce oggi che “In Israele il 59,9% dei pazienti critici ha più di 60 anni. Il 18,2% ha un'età compresa tra 50 e 59 anni. Inoltre, il 10,8% ha un'età compresa tra 40 e 49 anni e il 7,5% è nella sua trentina. Ad oggi, più di un terzo dei pazienti critici ha un'età compresa tra i 30 ei 59 anni".

 http://tlaxcala-int.org/upload/gal_24299.jpg


Covid-19 in Israele, prima e dopo la vaccinazione di massa

Il significato di quanto sopra può difficilmente essere negato o almeno richiede un'attenzione immediata. Il paese che guida la corsa di vaccinazione di massa segnala un cambiamento radicale nella natura della pandemia. Non ci vuole un genio per sospettare che possa esserci una correlazione tra la campagna di vaccinazione di massa e la crescente vulnerabilità dei gruppi di età più giovane, compresi neonati e donne in gravidanza. Anche la biologia qui è lungi dall'essere troppo complicata. Il virus che inizialmente colpiva gli anziani e i vulnerabili si è mutato e ora è abbastanza forte da attaccare altri segmenti della società, in particolare le fasce più giovani.

Fino al 20 dicembre, giorno in cui Israele ha lanciato la sua campagna di vaccinazione di massa, il paese aveva registrato 3.074 morti. In meno di due mesi di vaccinazioni di massa "di successo" quel numero è quasi raddoppiato. Al momento della stesura di questo articolo, si attesta a 5.526. Questo spettacolare aumento delle morti (80% in meno di due mesi) si è verificato quando il paese era in lockdown, quindi per certo non sono stati gli  "affollamenti" a facilitare la diffusione del virus. L'unica cosa che si stava diffondendo in Israele in questi due mesi erano i vaccini Pfizer e il cosiddetto mutante britannico che sembra più diffuso a Bnei Brak[1] che nel Kent. A questo punto la domanda inevitabile è se ci sia una connessione tra vaccinazione e mutanti, ma questa è l'unica domanda che nessuno può porre in Israele.

 http://tlaxcala-int.org/upload/gal_24296.jpg

Nel novembre 2020 i dati del ministero della Salute israeliano rivelavano che Israele aveva registrato 400 casi di coronavirus in età inferiore ai due anni. Entro febbraio 2021, quel numero è cresciuto a 5.800. Si tratta di un netto rialzo di circa il 1300%, davvero impressionante. L'israeliano Ynet riferisce che questo tipo di aumento del numero di morbilità da Covid-19 nei neonati è segnalato in tutto il mondo, ho indagato ma non sono riuscito a trovare alcuna conferma che sia davvero così. In Gran Bretagna, ad esempio, tutto quello che trovo sono rapporti su un "baby boom Covid-19" e alcune preoccupazioni riguardo a un aumento dell'obesità infantile. In effetti, nessuno segnala un aumento del 1300% di Covid-19 nei neonati, tranne Israele.

Non sono in grado di determinare cosa abbia indotto gli israeliani a trasformarsi in cavie per un gigante farmaceutico con un dubbio record in fatto di sicurezza ed etica. Si deve considerare la possibilità che in Israele il successo di una campagna di vaccinazione di massa possa dipendere da Netanyahu e dal prioritario stratagemma del suo partito in vista delle prossime elezioni. Netanyahu deve affrontare una seria battaglie legali, quindi per lui vincere le elezioni va ben oltre la politica. È una lotta per la sopravvivenza. Credo che Bibi abbia dovuto scegliere tra la guerra con l'Iran e il vaccino Pfizer. Aveva buone ragioni per ritenere che Pfizer fosse di gran lunga un'opzione migliore e più pacifica.

Netanyahu probabilmente ha capito che una campagna di vaccinazione di massa di successo gli avrebbe assicurato la vittoria. Questa era davvero una considerazione ragionevole da parte sua, e potrebbe rivelarsi corretta. Vale la pena ricordare che nessuno degli oppositori politici di Netanyahu della sinistra israeliana in via di evaporazione o o del centro osa sfidare la politica di Netanyahu sui vaccini. Inoltre, nessuna istituzione di sinistra in Israele si è alzata in difesa dei molti israeliani riluttanti a farsi vaccinare (attualmente più del 50%). Nessun politico si è schierato dalla loro parte e ha difeso i loro diritti elementari.

 http://tlaxcala-int.org/upload/gal_24295.jpg

Nel frattempo, il governo cerca disperatamente di assicurarsi che l'intera nazione sia vaccinata. Il governo non esiterà a introdurre misure totalitarie. Il Jerusalem Post ha riferito oggi che “sarà richiesto un passaporto verde per entrare in determinati luoghi e per partecipare a determinate attività. Solo le persone che sono state vaccinate o che sono guarite dal coronavirus avranno diritto al passaporto. Come parte del programma, palestre, teatri, hotel, concerti e sinagoghe registrati potranno operare a partire dalla prossima settimana". Israele ha già firmato accordi con altri Stati che apriranno le loro porte esclusivamente agli israeliani che hanno il passaporto verde.

Ci si potrebbe chiedere perché il governo israeliano sia così ossessionato dal vaccinare l'intera popolazione, compresi i giovani, l'esercito e altri segmenti che non sono necessariamente ad alto rischio. Una possibilità è che il governo israeliano ormai conosca le reali implicazioni del vaccino. Israele non può chiudere un occhio sull'aumento del 1300% dei casi di Covid-19 nei neonati. Inoltre, non possono ignorare che il numero di morti per Covid-19 dall'inizio della campagna di vaccinazione è uguale a quello delle vittime delle forze armate nella guerra dello Yom Kippur del 1973, una guerra da cui il paese è ancora traumatizzato.

È possibile che la leadership israeliana ora riconosca l'errore fatale che ha commesso distribuendo ampiamente il vaccino. Può essere plausibile che l'unica soluzione che potrebbero trovare sia vaccinare l'intera popolazione, sperando che ciò possa fornire una protezione almeno temporanea, che potrebbe durare fino alla data delle elezioni di marzo.

Se c'è una qualche validità nella mia rappresentazione oscura della realtà israeliana, è ragionevole concludere che con Bibi al timone e Pfizer con un ago, gli israeliani non hanno proprio bisogno di altri nemici.

[1] Bnei Brak è una città situata a nord-est di Tel Aviv, nella pianura centrale della costa mediterranea di Israele, che ospita la più grande concentrazione di ebrei ultra-ortodossi del mondo





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://gilad.online/writings/2021/2/20/bibi-pfizer-and-the-election
Publication date of original article: 21/02/2021
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=30892

 

Tags: Campagna vaccinazione elettoralistaBibi PfizerPalestina/Israele
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.