TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 03/03/2021 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 USA & CANADA 
USA & CANADA / L'oscuro passato di Avril Haines, la nuova direttrice dell'intelligence nazionale degli Stati Uniti
Date of publication at Tlaxcala: 01/02/2021
Original: The dark past of Biden’s nominee for Director of National Intelligence, Avril Haines
Translations available: Français 

L'oscuro passato di Avril Haines, la nuova direttrice dell'intelligence nazionale degli Stati Uniti

John Kiriakou

Translated by  Alba Canelli

 

Nota da Tlaxcala: l'originale di questo articolo è stato pubblicato il 29 dicembre 2020. Il 21 gennaio, il Senato degli Stati Uniti ha approvato la nomina di Avril Haines con 84 voti contro 10.

Ci sono tre aree controverse in cui Avril Haines si è fatta un nome e per le quali dovrebbe rispondere all'udienza di conferma.

L'ex direttore ad interim della CIA Mike Morell, che per anni ha affermato in modo disonesto di non avere nulla a che fare con il programma di tortura dell'agenzia ma che ha continuato a difenderlo, si è ritirato dalla corsa per diventare il nuovo direttore della CIA del presidente eletto Joe Biden.
 
Questa decisione è una vittoria per il gruppo pacifista Code Pink, che ha guidato il movimento Stop Morell, ed è una grande cosa per tutti gli americani. Ma ora dobbiamo preoccuparci della candidata di Biden a direttrice dell'Intelligence Nazionale (DNI), Avril Haines.
 
Sulla carta, Haines è certamente qualificata per guidare la comunità di intelligence. Collaboratrice di lunga data di Biden, ha la fiducia del presidente eletto. Ma questo non basta. Haines è esattamente il tipo di persona che non dovrebbe essere in una posizione di autorità nel campo dell'intelligence. Lei è il tipo di apologeta dell'intelligenza neoliberale a cui molti di noi si sono opposti per tanti anni. Ma non prendetemi in parola. Guardate i suoi precedenti.
 
Haines ha iniziato a lavorare per Biden quando serviva come vice procuratore generale del Comitato per le relazioni estere del Senato sotto la presidenza di Biden. Quando è diventata vicepresidente nel 2009, Haines si è unita al Dipartimento di Stato, dove ha servito come vice consigliere legale per le questioni relative ai trattati. Dopo appena un anno, è arrivata alla Casa Bianca, dove è diventata vice assistente del presidente e assistente consigliere legale del presidente per gli affari di sicurezza nazionale, il procuratore generale del Consiglio di sicurezza nazionale.
 

Avril Haines, al centro, con il presidente Barack Obama, a destra, e altri collaboratori, 13 luglio 2015. (Flickr, Casa Bianca, Pete Souza)

È una bella situazione. Significa che il suo lavoro era quello di giustificare legalmente le decisioni del presidente Barack Obama su questioni di intelligence come gli attacchi con i droni e se pubblicare o meno il rapporto della CIA sulla tortura. Ha servito sotto il direttore della CIA John Brennan. A quanto pare a Obama è piaciuto il suo lavoro, perché nel 2013 ha nominato Haines vice direttrice della CIA.
 
Haines è stata la prima donna ad essere nominata vice direttrice della CIA, e ancora una volta ha servito sotto Brennan, che ha dimostrato più volte di non essere a favore della supervisione del Congresso. L'atteggiamento di Haines era simile a quello di Brennan: la CIA faceva quello che voleva, come ha sempre fatto, e non si scusava per questo.
 
C'erano tre aree controverse in cui la Haines si è fatta un nome e per le quali dovrà rispondere all'udienza di conferma: il rifiuto della CIA di rilasciare il rapporto del Senato sulla tortura e la decisione di hackerare il sistema informatico della Commissione Intelligence del Senato; la decisione della CIA di non punire gli agenti che hanno effettuato l'hacking e che hanno ucciso e torturato i prigionieri al di là anche di ciò che il Dipartimento di Giustizia ha detto fosse ammissibile; e il programma di droni del governo, in cui sono stati uccisi centinaia se non migliaia di civili.
 

I "piloti" di UAV manovrano un drone MQ-1 Predator per un raid in Medio Oriente. (Esercito degli Stati Uniti)

La copertura della tortura da parte di Haines

Forse ricorderete che nel dicembre 2014, lo staff democratico della commissione per le relazioni estere del Senato ha rilasciato una versione pesantemente ridimensionata del riassunto del rapporto sulla tortura della commissione, il risultato di anni di indagini utilizzando documenti di fonte primaria della CIA. Il riassunto era lungo circa 525 pagine, solo una frazione delle circa 6.000 pagine del rapporto completo. E la pubblicazione di quelle 525 pagine fu il risultato di lunghi negoziati tra la commissione e la CIA.
 
Alla fine, il pubblico ha appreso alcuni dettagli su ciò che i prigionieri della CIA hanno passato nelle prigioni segrete di tutto il mondo. Ma la storia completa non è mai stata resa pubblica. Probabilmente non lo sarà mai. E questo grazie ad Avril Haines.

La senatrice Feinstein molto arrabbiata con la CIA...

-Okay ora, se la senatrice Fienstein te lo chiede, tu dici che sei molto felice, che ti stai divertendo e che non hai niente di cui lamentarti...
-Senatrice Feinstein, che piacevole sorpresa!
-Sorpresa, sì. Piacevole no.
Disegno di Dantziger, marzo 2014

All'inizio di quell'anno, Dianne Feinstein, allora presidente della commissione intelligence del Senato, ha parlato in Senato in un modo molto insolito e ha accusato il direttore della CIA Brennan di spiare il personale della sua commissione. In particolare, Feinstein ha detto che gli agenti della CIA avevano violato i computer del Senato per vedere cosa gli investigatori della commissione stavano esaminando.
 
L'hacking è stato senza precedenti, e Feinstein lo ha trasmesso al Dipartimento di Giustizia per l'azione penale. Il procuratore generale Eric Holder, tuttavia, ha scelto di non perseguire. Brennan si è assunto la responsabilità di aver ordinato l'hacking, e non si è scusato per questo. Ma il suo principale vice, il suo assistente, il suo consulente legale durante tutto l'episodio era Avril Haines. Non ha mai spiegato le sue decisioni di sostenere l'hacking.
 
Inoltre, è stata Haines che ha scavalcato l'ispettore generale della CIA e ha deciso di non punire gli agenti della CIA che hanno violato i computer della commissione, o quelli che sono andati oltre ciò che il Dipartimento di Giustizia aveva autorizzato nel suo programma Enhanced Interrogation Techniques (tecniche di interrogatorio migliorate, NdT), uccidendo e mutilando i prigionieri.
 
Alla fine, non solo nessun agente della CIA è stato punito, ma i leader e gli agenti più anziani del programma di tortura sono stati promossi, in alcuni casi ad alcune delle posizioni più ambite della CIA. So che questo è vero. Ho lavorato per loro.

Haines e i droni

Un settore in cui Haines ha ricevuto poca copertura mediatica è il suo ruolo nel programma UAV. Quando Haines era il principale avvocato del Consiglio di Sicurezza Nazionale, Brennan era il custode della "kill list". È stata Haines a prendere il telefono nel cuore della notte per chiederle il permesso legale - il permesso - di lanciare attacchi missilistici dai droni. Non è mai stata ritenuta responsabile delle sue azioni.
 
È giunto il momento che gli americani mettano fine alle nomine di Biden per la sicurezza nazionale. Morell era completamente inadatto a una posizione di alto livello nell'apparato di sicurezza nazionale di Biden. Anche Haines lo è. Ha, semplicemente, commesso crimini contro l'umanità. Non mi illudo che Biden sia progressista o che sarà molto diverso dai precedenti presidenti democratici in termini di sicurezza nazionale.

Ma credo che il male sia il male. Avril Haines è esattamente il tipo di persona che non vogliamo vedere a capo della comunità di intelligence. Ora è il momento per gli oppositori alla sua promozione di fare pressione sui senatori della commissione per l'intelligence. C'è ancora tempo per disfarla. 

 





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://consortiumnews.com/2020/12/29/john-kiriakou-the-dark-past-of-bidens-nominee-for-national-intelligence-director/
Publication date of original article: 29/12/2020
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=30686

 

Tags: CIATorturaGuerraUSAAvril HainesJoe Biden
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.