TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 18/01/2021 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Gli adolescenti Bashar e Yousef si aggiungono a una triste lista : l’elenco dei feriti dalla forze israeliane
Date of publication at Tlaxcala: 12/01/2021
Original: Palestinian teenagers Bashar and Yousef join a grim statistic: shot by Israeli Forces
Translations available: Français 

Gli adolescenti Bashar e Yousef si aggiungono a una triste lista : l’elenco dei feriti dalla forze israeliane

Amira Hass عميرة هاس עמירה הס

Translated by  Frammenti vocali in MO: Israele e Palestina

 

787 palestinesi della Cisgiordania, inclusi 155 minori, sono stati feriti l'anno scorso da proiettili di gomma o letali sparati dai soldati e dalla polizia di frontiera. Bashar ha perso un occhio, Yousef ha fratture al cranio. Per entrambi sarà necessaria una lunga convalescenza.

Bashar Hamad, che ha perso un occhio a causa di un proiettile sparato dalla polizia di frontiera, campo profughi di Qalyandiah, Cisgiordania, dicembre 2020. Foto Amira Hass

 

Bashar Hamad, 16 anni, del campo profughi di Qalandiyah e Yousef Taha, 17 anNi, di Kafr Qaddum non si conoscono. Ma fanno parte della statistica invisibile dei palestinesi uccisi e feriti dai soldati israeliani in Cisgiordania l'anno scorso.

632 Palestinesi sono stati feriti da proiettili di gomma, di questi 127 minori, mentre 155 sono stati feriti da fuoco vivo, di questi 28 minorenni. E questo in aggiunta ai 1.513 che sono stati intossicati dai gas lacrimogeni e hanno avuto bisogno di cure sul posto o in una clinica, tra questi 195 minori.

I due ragazzi hanno qualcos'altro in comune: i proiettili dei soldati li hanno colpiti alla testa. Bashar ha perso l'occhio destro e gli è stata fatta una protesi oculare provvisoria coperta da una benda; ora sta aspettando di ottenere il suo occhio protesico permanente, forse in Giordania, forse in Israele. Yousef ha riportato fratture al cranio, mal di testa incessante e perdita di equilibrio.

Entrambi avranno bisogno di una lunga convalescenza e riabilitazione. Nessuno dei due può ancora tornare a scuola. Nessuno dei due parla del suo infortunio, Bashar perché è stanco di parlarne, Yousef perché non ricorda nulla di quel giorno.

Ognuno è stato solo a un soffio dall'unirsi alle statistiche delle persone uccise dal fuoco israeliano nel 2020: 25 persone in Cisgiordania, tra queste sette minori.

Dal cortile della casa della famiglia Taha a Kafr Qaddum si vedono tutto intorno delle colline tondeggianti, frutteti e cortili adornati di piante. La casa della famiglia Hamad a Qalandiyah ha un albero di limoni all'ingresso e alcune piante, ma quando alzi lo sguardo, tutto ciò che vedi sono i densi edifici di cemento del campo profughi.

La casa dei Taha si trova all'estremità nord-orientale, più alta del villaggio. È raggiungibile da una strada la cui uscita nord è stata bloccata 17 anni fa a beneficio di un nuovo quartiere della colonia israeliana di Kedumim.

Ora la strada è disseminata di resti di pneumatici bruciati, sassi lanciati e barricate rudimentali, oltre ai gusci dei gas lacrimogeni e delle granate stordenti che i soldati sparano ogni venerdì contro i residenti del villaggio, che dal 2011 protestano per il loro diritto di circolare sull'unica strada diretta per Nablus e lavorare nei loro poderi.

La casa di Hamad si trova all'estremità orientale di Qalandiyah. Al di là di essa si trova un'area collinare aperta che è vietata ai palestinesi. Una parte è stata occupata dalle colonie di Psagot e Kokhav Yaakov.

Bashar Hamad è alto per la sua età e, nonostante i radi baffi, il suo viso conserva l'espressione di un bambino che sta ancora scoprendo il mondo, ma ora è pervaso da esaurimento e dolore per le sue ferite.

Manifestazione contre le colonie a Kafr Qaddum, 2 ottobre 2020. Foto Mohamad Torokman/Reuters

Lui e suo fratello maggiore frequentano la scuola superiore Al-Umma nella vicina città di A-Ram. Come tutti i giorni tornavano da scuola verso le 13:45, il 17 novembre. Sono scesi dal minibus al checkpoint di Qalandiyah, che divide in due la strada che esce da Ramallah. Uno svincolo curva a est, mentre l'altro passa per il checkpoint ed è aperto solo alle auto con targa israeliana.

È una delle ore più trafficate di questa strada abbastanza stretta, costeggiata su entrambi i lati da negozi, officine, farmacie, studi legali, ambulatori, garage e chioschi improvvisati. Alcune parti non hanno marciapiedi; in altre parti, i marciapiedi sono così stretti che i pedoni, compresi molti bambini, camminano tra le auto e le bancarelle di cibo.

Qualcuno nella polizia israeliana ha ritenuto opportuno inviare una grande squadra della polizia di frontiera in questo punto a quell'ora specifica.

Bashar e suo fratello hanno visto la polizia e i loro veicoli lasciare il posto di blocco. “Pensavo che stessero facendo irruzione da qualche parte, ma non sapevo dove”, ha detto Bashar a Iyad Haddad, ricercatore di terreno di di B’Tselem, cinque giorni dopo.

Un portavoce della polizia ha detto ad Haaretz che “durante le operazioni di contrasto a Kafr Aqab, le forze di polizia di frontiera e gli ispettori del comune di Gerusalemme hanno sequestrato 40 scatole di petardi e 250 scatole di sigarette detenute illegalmente, confiscato due auto con targhe non in regola ed emesso otto multe.”

Anche se a nord della barriera di separazione la strada principale stretta, affollata e dissestata che i fratelli hanno percorso per tornare a casa è ufficialmente all'interno dei confini municipali di Gerusalemme, la sua giurisdizione copre anche l'ingresso al campo profughi e la prima fila di case su ciascun lato della strada, così come Kafr Aqab e Samiramis, due villaggi palestinesi che sono diventati giungle urbane di edifici alti e affollati.

Bashar e suo fratello sono entrati nel campo profughi. Bashar ha notato che diversi poliziotti erano entrati in alcuni edifici all'ingresso del campo, dove vi è una clinica dell'UNRWA, l'ufficio del Comitato Popolare (una sorta di consiglio locale di volontari) e un centro di attività per bambini. Hanno visto anche un lanciagranate lacrimogeno montato su una delle due auto di pattuglia della polizia.

Bashar col padre Mohammed Hamad, FotoAmira Hass

Secondo la polizia, “Durante l'operazione sono scoppiati disordini che hanno coinvolto circa 100 rivoltosi, che hanno lanciato pietre e bottiglie molotov contro le forze di sicurezza. Gli agenti della polizia di frontiera hanno reagito contro i rivoltosi che li avevano attaccati, sparando proiettili antisommossa, in conformità con i regolamenti. Non è stato utilizzato fuoco letale”. Inoltre, hanno detto che un membro della polizia di frontiera è stato “ferito alla testa e portato in ospedale con gravi abrasioni sul viso”.

Bashar ricorda le granate stordenti e i gas lacrimogeni sparati dalla polizia di frontiera mentre entrava nel campo. “La gente ha iniziato a scappare e i negozianti hanno chiuso”, ha raccontato ad Haddad di B’Tselem.

Poi ragazzi e giovani del campo hanno iniziato a scontrarsi con la polizia. Hanno improvvisato barricate rudimentali con lamiere e altri rottami metallici sulla strada per bloccare l'accesso al campo e hanno lanciato pietre, ha aggiunto. Non ha parlato di alcuna molotov nel suo resoconto dettagliato a B’Tselem.

Ha stimato che circa 30 agenti della polizia di frontiera hanno affrontato circa 100 palestinesi, la maggior parte dei quali tra i 15 ei 17 anni.

Bashar e suo fratello si sono trovati sotto il fuoco incrociato di due gruppi di polizia di frontiera che si erano schierati in luoghi diversi. Le granate stordenti, i gas lacrimogeni, i proiettili antisommossa hanno impedito ai ragazzi di proseguire il cammino verso casa.

Verso le 14:30, il fratello di Bashar è corso verso la scuola vicina, mentre Bashar si è nascosto all'angolo della strada vicino alla grande moschea. All'improvviso, ha visto una specie di munizione arrivargli contro. Un proiettile letale? Un proiettile di gomma? Forse una granata di gas lacrimogeno? Non lo sa.

Tutto quello che ricorda è che questo oggetto di metallo ha colpito il suolo; poi ha sentito qualcosa colpire il suo occhio ed esplodere al suo interno. Crede che il tiratore fosse uno dei poliziotti schierati sui tetti all'entrata del campo.

“Mi è parso che il mio occhio fosse uscito dall’orbita”, ha detto a B’Tselem con impressionante chiarezza. “Ho messo la mano sull'occhio ferito e ho sentito scorrere il sangue. Ho iniziato a urlare: "Sono stato colpito, sono stato colpito". Volevo scappare, ma dopo aver camminato per alcuni passi, non riuscivo più a vedere. Ho perso l'equilibrio e sono caduto.”

La gente è accorsa in suo aiuto e ha cercato un'auto per portarlo in ospedale. La strada principale era praticamente bloccata perché autisti e passeggeri erano fuggiti dalle auto avvolti da nuvole di gas lacrimogeni, temendo di essere feriti dalle granate stordenti, dai lacrimogeni o dai proiettili.



Soldati di fronte a una manifestazione a Kafr Qaddum, il 13 novembre 2020. Foto Mohamad Torokman/Reuters

Un uomo che Bashar non conosceva si è offerto volontario per portarlo con la sua macchina. Bashar si è seduto accanto a lui, gli occhi sanguinanti, cercando di tamponare il sangue con i fazzoletti che erano nell'auto.

“Ero confuso e spaventato”, ha detto a Haddad. “Il ragazzo che mi ha accompagnato cercava di tranquillizzarmi, dicendomi: 'Non aver paura, non aver paura; presto saremo in ospedale’.”

L'autista ha attraversato vicoli secondari, ma alla fine ha raggiunto un vicolo cieco nel nord del campo profughi. Così sono scesi dall'auto e hanno camminato per circa 20 metri a piedi, Bashar premendo sull’occhio sanguinante tamponandolo con dei fazzoletti. L'uomo ha trovato un'altra auto che ha portato Bashar attraverso i vicoli di Kafr Aqab fino a quando non hanno incontrato un'ambulanza, che lo ha portato all'ospedale principale di Ramallah.

A quel punto, qualcuno aveva detto a suo padre della sua ferita e Mohammed Hamad è corso in ospedale. Dopo una serie di controlli, l'ospedale ha dichiarato di non avere un'unità specializzata in lesioni agli occhi, quindi ha inviato Hamads a una clinica oculistica nel centro di El Bireh, nelle vicinanze. A causa della gravità della ferita, quella clinica li ha mandati in un ospedale privato a nord di Ramallah, che si è poi scoperto non aveva un reparto di oculistica.

“Immaginatevi”, ha detto Mohammed Hamad. “Solo alle 22:00 siamo finalmente arrivati ​​in una struttura che potesse curarlo: l'ospedale dell'Università An-Najah di Nablus. È entrato in sala operatoria alle 10:30 circa. I medici mi hanno detto: Anche se c'è solo un 1% di possibilità di salvare l'occhio, ci proveremo. Ma circa mezz'ora dopo aver iniziato l'operazione, in anestesia generale, il dottore è uscito, si è scusato e mi ha chiesto di firmare il permesso per rimuovere l'occhio.”

È così che il giovane Bashar si è aggiunto alla lista degli altri 46 palestinesi in Cisgiordania (compresa Gerusalemme Est) che, secondo l'Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari, hanno subito lesioni agli occhi o hanno perso la vista a causa delle sparatorie da parte di soldati e polizia dal 2008.

La famiglia Hamad è originaria del villaggio di Saris a ovest di Gerusalemme. Mohammed Hamad è stato condannato a 10 anni di carcere per la sua attività nel Fatah. Come tutti i fedeli dell'organizzazione e del suo ex leader Yasser Arafat, era certo che avrebbero raggiunto l'indipendenza e la pace.

Ora le sue speranze si sono ridotte alle sue preoccupazioni quotidiane per la sicurezza dei suoi figli. “Bashar è uno di quei ragazzi tranquilli che studiano”, ha detto. “Giocava un po’ a calcio e poi tornava a casa. Sono stato rilasciato dalla prigione a metà degli anni '90, in un periodo più tranquillo, e speravo che anche i miei figli potessero vivere in un periodo simile.

“Non ho mai visto Saris, ma sono un Sarisiano”, ha aggiunto. “Ci hanno espulsi da lì. Ora, anche a Qalandiyah, non ci lasciano vivere in pace, con tutte le loro incursioni”.

Yousef Taha di Kafr Qaddum è stato colpito alla schiena il 27 novembre, apparentemente da un proiettile di gomma. La forza dell'impatto lo ha fatto cadere faccia a terra. Successivamente sono state riscontrate fratture sia intorno all'occhio che nella parte posteriore del cranio.

Un vicino lo ha visto lasciare un edificio in costruzione. A quanto pare, avrebbe voluto assistere da lì mentre i soldati si scontravano con un gruppo di giovani e ragazzi del villaggio che ancora osavano spingersi nel punto dove la strada bloccata attraversa i futteti, ai quali l’assesso è condannato. L'edificio si trova a poche decine di metri dal luogo degli scontri.

Quando Yussef ha raggiunto la tromba delle scale, il vicino ha udito uno sparo e lo ha visto cadere. Ha visto sette soldati a circa 15 metri dall'edificio.

È corso verso Yousef e ha chiamato un'ambulanza. Dopo il ricovero di Yousef ha chiamato anche il padre del ragazzo, Abd al-Fatah, che si è precipitato all'ospedale Rafidia di Nablus con un'altra auto.

L'unità del portavoce dell’IDF ha detto che un gruppo di rivoltosi ha bruciato pneumatici e lanciato pietre. “Le forze sul campo hanno usato armi antisommossa per disperdere i rivoltosi e garantire la sicurezza dei residenti della zona”, ha aggiunto. “Siamo a conoscenza delle affermazioni su un palestinese ferito”.

Poiché la strada diretta da Kafr Qaddum a Nablus è bloccata, l'ambulanza, invece di dirigersi verso est, ha portato il ragazzo ferito a ovest lungo una strada che si snoda tra i frutteti. Poi ha girato a sud verso il villaggio di Hajjah, da lì è andata al villaggio di Al-Funduq e infine ha svoltato a est verso Nablus. Di conseguenza il tragitto verso Nablus invece di 15 minuti è durato 40 minuti.

Quando il padre di Yousef è arrivato all'ospedale Rafidia, ha trovato suo figlio in uno stato oscillante tra coscienza e incoscienza.

“Un giorno mi sono svegliato e mi sono ritrovato in ospedale”, disse Yousef con voce debole. “Non ricordavo nulla di quello che era successo, e ancora non ricordo.” Nonostante la sua emorragia interna, i medici hanno deciso di non operare, scegliendo invece di far guarire le fratture.

Durante la mia conversazione con suo padre, circa due settimane fa, Yussef giaceva in soggiorno sotto una coperta a motivi floreali. Non parlava molto, ma ascoltava con interesse, a volte guardando il suo telefono.

Quando legge, chiude l'occhio destro, ferito nella caduta. “Mi fa molto male”, ha ammesso . Prende antidolorifici “moderatamente, in modo da non diventarne dipendente”, ha detto suo padre chiedendo che suo figlio non fosse fotografato in queste condizioni.

In totale, 214 residenti di Kafr Qaddum sono stati feriti dal fuoco dell'esercito israeliano quest'anno, inclusi 36 minori. Di questi, 139 hanno subito intossicazioni da gas lacrimogeni e hanno avuto bisogno di cure mediche sul posto o in una clinica, 65 sono stati colpiti da proiettili di gomma e cinque da fuoco vivo. Un altro è stato ferito da una granata lacrimogena che lo ha colpito direttamente. L'Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari, che raccoglie dati su tutti i feriti, ha affermato che le sue statistiche non includono il numero di persone traumatizzate dalla violenza che hanno subito.

Abd al-Fatah Taha è andato ad Amman per finire il liceo subito dopo che Israele ha occupato la Cisgiordania nel 1967. Si è poi addestrato per diventare un pilota in Marocco e si è unito all'OLP. Successivamente è diventato un pilota civile, ed è tornato con Arafat nel 1994, lavorando come uno degli otto aviatori che hanno pilotato l'elicottero di Arafat fino allo scoppio della seconda Intifada nel 2000.

“I miei figli mi chiedono perché sono tornato, dicendo che sarebbe stato sicuramente meglio rimanere all'estero”, ha detto. “E dico loro che ho sempre sognato di tornare, ed ero persino disposto a vivere in una grotta sul nostro appezzamento di terra, che abbiamo affittato a dei pastori”.





Courtesy of Frammenti vocali in MO
Source: https://www.haaretz.com/israel-news/.premium-palestinian-teens-bashar-and-yousef-join-a-grim-statistic-shot-by-israeli-force-1.9417510
Publication date of original article: 03/01/2021
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=30499

 

Tags: Crimini sionistiOccupazione sionistaPalestina/Israele
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.