TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 16/01/2021 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ASIA & OCEANIA 
ASIA & OCEANIA / Una rete di sicurezza per gli agricoltori:
Perché l'agricoltura dovrebbe essere liberalizzata in India quando nella maggior parte dei paesi i governi la sovvenzionano?
Date of publication at Tlaxcala: 06/12/2020
Original: A safety net for farmers:
Why should Indian agriculture be liberalised when in most countries governments subsidise it?

Translations available: Français 

Una rete di sicurezza per gli agricoltori:
Perché l'agricoltura dovrebbe essere liberalizzata in India quando nella maggior parte dei paesi i governi la sovvenzionano?

Christophe Jaffrelot ख्रिस्तोफ जाफ्रेलॉट
Hemal Thakker हेमल ठक्कर


Translated by  Alba Canelli

 

Senza il sostegno del governo, gli agricoltori più piccoli dell'India sarebbero ancora più vulnerabili.

I contadini indiani, in particolare, temono che le leggi agricole aprano la strada alle mega-imprese indiane.

 
Il 27 settembre, il presidente Ram Nath Kovind ha dato il suo consenso per tre controverse leggi agricole approvate dal Parlamento: la legge del 2020 sull'accordo relativo alle garanzie dei prezzi e ai servizi agricoli (FAPAFS), la legge del 2020 sulla promozione e l'agevolazione degli scambi e sulla facilitazione del commercio di prodotti agricoli  (FPTC) e la legge sui prodotti di base 2020 (EC). Questi progetti di legge sono stati approvati dal Rajya Sabha (Consiglio di Stato, Camera Alta del Parlamento) con votazione orale, nonostante la richiesta dell'opposizione di una votazione registrata.

Tali leggi modificano sostanzialmente le norme relative alla vendita, all'immagazzinamento e alla determinazione del prezzo dei prodotti agricoli. Consentiranno agli acquirenti privati di accumulare le materie prime essenziali per le vendite future, cosa che finora solo gli agenti autorizzati dal governo potevano fare, modificando al tempo stesso le regole per l'agricoltura su contratto. Il primo ministro ha definito i progetti di legge uno spartiacque per l'agricoltura indiana, mentre il governo ha affermato che le riforme elimineranno le barriere nel settore agricolo e libereranno gli agricoltori dalla morsa degli intermediari creando un mercato unico.
 
Tuttavia, i sindacati e i gruppi di agricoltori sono preoccupati per due questioni principali: in primo luogo, poiché il prezzo minimo di sostegno (PSM) non è menzionato nei progetti di legge, temono di perdere l'opzione garantita di vendere ai mandis (mercati) degli Agricultural Produce Market Committees (APMC, Comitati di mercati dei prodotti agricoli) e che questo porterà allo sfruttamento da parte delle aziende. In secondo luogo, temono un processo di aziendalizzazione dell'agricoltura in assenza di regolamentazione, in quanto le aziende agricole potrebbero essere in grado di dettare sia le condizioni di mercato (compresi i prezzi) che i termini dell'agricoltura su contratto, in quanto i piccoli agricoltori non hanno lo stesso potere contrattuale.
 
Gli agricoltori indiani, in particolare, sono preoccupati che le leggi agricole possano spianare la strada alle grandi aziende indiane. Quando la leader del partito sikh di centro-destra del Punjab Shiromani Akali Dal, Harsimrat Kaur Badal, si è dimessa dal suo incarico di Ministra delle Industrie Agroalimentari del governo di Narendra Modi, ha detto, citando un agricoltore punjabi: "Jio (gigante delle telecomunicazioni) è arrivato, hanno regalato telefoni gratis. Quando tutti hanno comprato questi telefoni e sono diventati dipendenti da loro, la concorrenza è stata spazzata via e Jio ha aumentato le sue tariffe. Questo è esattamente ciò che le aziende hanno intenzione di fare [con l'agricoltura]". Alcuni gruppi di agricoltori del Punjab hanno costretto la chiusura dei negozi del Reliance Group [un conglomerato multinazionale multisettoriale] per protesta, mentre il suo amministratore delegato Mukesh Ambani ha espresso il suo interesse per l'agricoltura. Nel 2017, ha detto: «Agricoltura, istruzione e salute: tutti e tre sono sulla nostra tabella di marcia... »

Anche il Gruppo Adani [un altro conglomerato multinazionale multisettoriale] ha fatto alcuni investimenti nello spazio delle infrastrutture agroalimentari. "In Adani, vogliamo essere conosciuti come il grande protagonista delle infrastrutture agroalimentari e Adani Wilmar come una grande azienda alimentare del Paese", ha dichiarato in un'intervista Atul Chaturvedi, CEO del ramo agroalimentare del Gruppo Adani. Adani Agri Logistics ha investito nella rete di stoccaggio, movimentazione e trasporto dei cereali, mentre la joint venture Adani Wilmar sta cercando di espandersi anche nei prodotti alimentari.
 

I membri del Bharatiya Kisan Union (BKU: Sindacato agricoltoti indiani) protestano dopo che la polizia ha bloccato il confine di Ghazipur (confine Delhi-Uttar Pradesh) durante la loro marcia "Dilli Chalo" (Sulla strada per Delhi!) contro le nuove leggi agricole a Nuova Delhi lunedì 30 novembre 2020. Il Pan-Indian Taxi Union ha minacciato di scioperare se le richieste degli agricoltori non fossero state soddisfatte entro 2 giorni (PTI).

La diffidenza degli agricoltori è comprensibile. Non solo perché i grandi giocatori hanno molta influenza, ma anche perché le esperienze passate non sono state gratificanti. Ad esempio, la gestione del regime di assicurazione delle colture contro le calamità naturali, introdotto nel 2017, è stata affidata, tra l'altro, ad una delle società di Anil Ambani. Come ha scoperto P Sainath, gli agricoltori non ne hanno beneficiato.

Perché l'agricoltura dovrebbe essere liberalizzata in primo luogo quando nella maggior parte dei paesi i governi sovvenzionano il settore? Negli Stati Uniti, il settore agricolo dovrebbe ricevere quest'anno 46 miliardi di dollari di sussidi federali. Ciò rappresenta circa il 40% del reddito agricolo totale e senza questi sussidi, il reddito agricolo usamericano sarebbe sul punto di diminuire nel 2020, secondo un articolo del New York Times. Analogamente, dal 2006 la spesa per la politica agricola comune dell'Unione europea ha raggiunto una media di 54 miliardi di euro all'anno. 
 
Senza un qualche sostegno statale, gli agricoltori più piccoli dell'India sarebbero ancora più vulnerabili. Secondo i dati provvisori del 10° Censimento agricolo 2015-2016, i "piccoli proprietari terrieri e agricoltori marginali" (quelli con meno di due ettari di terreno) rappresentano l'86,2% di tutti gli agricoltori in India, ovvero quasi 126 milioni di persone. Per loro è inconcepibile trasportare i loro prodotti in altri stati o in luoghi remoti per venderli. Non resisteranno facilmente agli accordi "proposti" dalle aziende agroalimentari. 
 
Dovrebbero essere fatti sparire in nome della modernizzazione dell'agricoltura, che comporta la concentrazione delle terre  e la meccanizzazione?

Potrebbe essere una buona idea se il settore industriale potesse offrire loro dei posti di lavoro. Ma la quota del settore secondario sull'occupazione totale è rimasta stagnante a circa il 26% (contro il 41% dell'agricoltura) e la sua quota sul PIL è in calo. Anche il settore terziario non è stato in grado di creare abbastanza posti di lavoro, e la maggior parte dei lavoratori migranti urbani vive in condizioni precarie, come è stato chiaramente dimostrato dalla migrazione inversa dovuta al confinamento dovuto al COVID-19. Dovrebbero essere più numerosi i contadini che lasciano la loro terra e finiscono nelle città senza un vero lavoro? Il divario tra l'India urbana e quella rurale in termini di risorse pro capite si sta già allargando.

Sarebbe molto più prudente aumentare gli investimenti pubblici in agricoltura in termini di infrastrutture e sotto forma di programmi di sostegno al reddito, come il Rythu Bandhu di Telangana o l'aiuto al miglioramento dei mezzi di sussistenza e del reddito dei contadini in Odisha. Questo, unito alla garanzia che nessuna transazione può essere effettuata al di sotto del PSM, contribuirebbe ad alleviare una parte del disagio rurale.

Ma il denaro non è l'unico problema (o l'unica soluzione). Per rendere l'agricoltura sostenibile, il governo dovrebbe ispirarsi al modello di agricoltura gestita dalla comunità dell'Andhra Pradesh che promuove i principi agroecologici con l'uso di prodotti localmente ed ecologicamente sostenibili, concentrandosi sulla salute del suolo, piuttosto che affidarsi a fertilizzanti chimici. Questo modello è più resistente e più ricco di biodiversità e fornisce una rete di sicurezza per gli agricoltori. 

http://tlaxcala-int.org/upload/gal_21691.jpg





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://indianexpress.com/article/opinion/columns/farm-bills-protets-indian-agriculture-sector-7078237/
Publication date of original article: 03/12/2020
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=30220

 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.