TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 24/11/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 EDITORIALS & OP-EDS 
EDITORIALS & OP-EDS / Perché dovremmo rallegrarci dei negazionisti dell'Olocausto, non eliminarli
Una risposta al CEO di Facebook Mark Zuckerberg e al CEO di Twitter Jack Dorsey
Date of publication at Tlaxcala: 26/10/2020
Original: Why we should rejoice at Holocaust deniers, not suppress them
Translations available: Français 

Perché dovremmo rallegrarci dei negazionisti dell'Olocausto, non eliminarli
Una risposta al CEO di Facebook Mark Zuckerberg e al CEO di Twitter Jack Dorsey

Norman Finkelstein

Translated by  Alba Canelli

 

Facebook e Twitter hanno annunciato che bandiranno la negazione dell'Olocausto sulle loro piattaforme. In un libro di prossima pubblicazione intitolato Cancel Culture, Academic Freedom, and Me, Norman Finkelstein sostiene che la negazione dell'Olocausto dovrebbe essere insegnata all'università, preferibilmente da un negatore dell'Olocausto. Ecco un estratto del suo manoscritto.

Sarebbe una presa in giro della verità e della libertà accademica (si sostiene) se un'università desse una piattaforma ai negazionisti dell'Olocausto. Ma, per cominciare, non è chiaro cosa neghino i negazionisti dell'Olocausto. L'Olocausto nazista denota lo sterminio della comunità ebraica europea o di tutte le categorie di persone sistematicamente messe a morte o condannate a morte? 

Se riguarda solo gli ebrei, perché questo trattamento esclusivo? 
Se il criterio è quantitativo - 5-6 milioni di ebrei sono morti - allora perché l'olocausto nazista gode di uno status così privilegiato da non poter essere messo in discussione? 
Circa 30 milioni di russi sono stati uccisi durante la Seconda guerra mondiale, ma nessuna bandiera rossa impedisce il dibattito a tutto campo su questa distruzione mortale. Inoltre, se la singolarità dell'Olocausto nazista e il punto in questione è il numero di persone uccise, è difficile capire perché un tabù sarebbe posto sulla negazione dell'Olocausto. 

La cosa più sensata da fare non sarebbe semplicemente presentare la prova tecnica della cifra ampiamente accettata di 5-6 milioni? Ma forse è il criterio qualitativo del modo di procedere che contraddistingue lo sterminio nazista: cioè il metodico processo di sterminio di tipo industriale/impianto /catena di montaggio, che culmina nelle camere a gas. Tuttavia, solo la metà degli ebrei morti sono stati uccisi nei campi di sterminio[1], mentre Raul Hilberg, che nel suo monumentale studio  La distruzione degli ebrei d'Europa si è concentrato sul "processo di distruzione", colloca comunque l'Olocausto nazista e il genocidio ruandese nella stessa categoria ("La storia si era ripetuta"), anche se il genocidio dei Tutsi è stato perpetrato con armi più primitive [2]. 
 
Eppure, se il punto di contesa è la tecnica utilizzata, perché non lasciare semplicemente che le prove delle camere a gas parlino da sole? Se l'effetto voluto del tabù sulla negazione dell'Olocausto è quello di farla scomparire, il vero effetto ottenuto è quello di suscitare sospetti: perché i negazionisti dell'Olocausto vengono messi a tacere se le prove smentiscono indiscutibilmente le loro affermazioni? 

In effetti, il tabù può avere un effetto boomerang in diversi modi. L'Alleanza internazionale per la commemorazione dell'Olocausto definisce la negazione dell'Olocausto, tra le altre cose, come "tentativi di confondere la responsabilità per la creazione di campi di concentramento e di morte progettati e gestiti dalla Germania nazista spostando la colpa su altre nazioni o gruppi etnici". [3] "Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha addossato l'ultima colpa dell'Olocausto nazista al muftì palestinese di Gerusalemme. [4] Dovrebbe essere escluso dalle università?

Quando insegnavo il saggio di John Stuart Mill sulla libertà, mettevo alla prova le restrizioni di Mill contro un trittico di scenari ipotetici, uno dei quali era il seguente:

Un professore del nostro dipartimento di storia vuole dedicare parte del suo corso introduttivo sull'Europa moderna alla proposta che l'Olocausto nazista non è mai avvenuto. Si tratta di una lezione obbligatoria, in cui il professore non risponde alle domande degli studenti. Gli dovrebbe essere permesso questo corso [5]?
 
Per prima cosa ho respinto le obiezioni più ovvie degli studenti. Il silenzio imposto alla classe dal professore non contraddice Mill? Ma - ho risposto - non ascoltate i programmi radiofonici, non guardate i programmi televisivi e non leggete libri con cui siete profondamente in disaccordo e ai quali non potete rispondere fisicamente? (Infatti, il più delle volte, l'autore di un testo offensivo non è più tra i vivi). 

Una persona razionale si copre le orecchie, cambia canale e distrugge il libro, o prende atto di affermazioni inquietanti, sia che possa avere l'ultima parola o che non riesca a dire una sola parola? Eppure la presentazione unilaterale del professore (si sostiene) contraddice Mill. Ma, ho risposto, "non siamo forse bombardati da testi e immagini - soprattutto nelle offerte dei corsi universitari - che affermano l'Olocausto nazista? Non può essere considerato un disturbo dell'equilibrio se un solo professore dedica una sola sessione di un solo corso a sfidare l'incessantemente articolata saggezza consensuale sulla realtà del genocidio nazista degli ebrei? Una volta accantonate queste prevedibili obiezioni, è iniziato il vero lavoro.

A cosa servirebbe un tale corso se sapessi per certo che l'olocausto nazista si è verificato? Ma nessuno può essere certo della sua convinzione finché non ha sentito e risposto a tutte le obiezioni. Anche un bambino, se il suo credo è messo in discussione, conosce abbastanza epistemologia per ribattere: "Dimostrami che mi sbaglio! Se vogliamo radicare le nostre certezze, dobbiamo prima affrontare ciascuno dei nostri avversari", dice John Stuart Mill:
"La completa libertà di contraddire e confutare la nostra opinione è la condizione stessa che ci permette di assumere la sua verità con buona ragione...; e in nessun altro modo un essere umano dotato di facoltà umane può avere la certezza razionale di avere ragione". 
Le credenze di cui abbiamo più ragione di giustificare la verità non hanno alcuna garanzia su cui basarsi, se non come invito permanente a tutto il mondo a dimostrare che sono infondate"[6].
Anche se si può raccogliere una montagna di prove a sostegno, non si può preferire il proprio credo a quello dei negazionisti dell'Olocausto se ci si rifiuta di ascoltarli. Il massimo che si può razionalmente sostenere in questo caso è l'agnosticismo; perché allora la tua convinzione si basa su pregiudizi personali, non sulla verità.
"Chi conosce solo la propria versione della storia sa poco. Le sue ragioni possono essere buone, e nessuno ha avuto la possibilità di confutarle. Ma se non è in grado di confutare gli argomenti della parte opposta, se non è sicuro di cosa siano, non ha motivo di preferire nessuna delle due opinioni. La posizione razionale per lui sarebbe la sospensione del giudizio e, a meno che non ne sia soddisfatto, o segue un argomento autorevole, o adotta, come la maggior parte delle persone, la parte a cui si sente più incline [7]".
Inoltre, anche se non dubitate affatto di voi stessi, questo non vi può permettere di decidere per gli altri, a meno che non siate onniscienti [8]; una volta riconosciuta la vostra fallibilità umana, dovete anche ammettere la possibilità che siate in errore, nel qual caso il vostro atto di censurare le opinioni opposte potrebbe negare agli altri la possibilità di scambiare l'errore con la verità.
"Coloro che vogliono sopprimere [un'opinione], naturalmente, negano la sua verità; ma non sono infallibili. Non hanno l'autorità di decidere per tutta l'umanità ed escludono chiunque altro dai mezzi di giudizio.... Qualsiasi divieto di dibattito è un presupposto di infallibilità".
Anche se la realtà dell'Olocausto nazista si è affermata, dare una piattaforma ai negazionisti è comunque giustificato. Così come la profondità dell'affermazione "tutti gli uomini sono creati uguali" (l'altro esempio che ho usato per spiegare il punto di vista di Mill) non è del tutto ovvia, lo è anche la profondità dell'olocausto nazista. Se in essa sono sepolte profondità di significato, allora possono essere rivelate solo in una discussione libera. Non si può fare a meno di stupirsi della velocità del riflesso per soffocare la negazione dell'Olocausto, anche se imponendo tabù si ridurrà inevitabilmente una tragedia umana, per quanto profonda, a un mantra sterile, oggetto di culto cieco o, per usare le parole di Mill, a un "dogma morto".
 
È anche difficile non vedere il proliferare di linee rosse che proteggono l'Olocausto da qualsiasi rettifica che la libertà di espressione consentirebbe, anche - diciamo soprattutto - se uno dei suoi principali postulati sembra essere falso. Così, da un lato, viene imposta una sola sanzione alla negazione dell'Olocausto - nemmeno la negazione del cambiamento climatico, che minaccia la sopravvivenza stessa del pianeta, viene così sanzionata! -, mentre, d'altra parte, l'unicità dell'Olocausto nazista si è rivelata difficile da definire, e peggio ancora, negare la sua unicità o anche confrontarla con altri crimini storici - se non per dimostrare che non può essere paragonata a nessun altro crimine - è interpretata come una forma di negazione dell'Olocausto [9]. Più i tabù si moltiplicano, più l'Olocausto nazista si stacca dal tempo e dallo spazio e si riduce a oggetto di idolatria.
"Per quanto vera [una proposta] possa essere, se non viene discussa a fondo, frequentemente e senza paura, sarà considerata un dogma morto e non una verità viva.
Non solo i motivi di un'opinione vengono dimenticati in assenza di discussione, ma troppo spesso il significato dell'opinione stessa diventa confuso. Le parole che lo trasmettono cessano di suggerire idee o suggeriscono solo una piccola parte delle idee che erano originariamente destinate a trasmettere. Al posto di una concezione e di una credenza viva, rimangono solo poche frasi, conservate a memoria; oppure, a seconda dei casi, viene conservata la conchiglia e solo la corteccia del significato, perdendo la migliore essenza".
I tabù che circondano l'olocausto nazista - la paura di metterlo in discussione (le sue sfaccettature), lo status sacrosanto che occupa - non solo lo hanno portato a diventare un rituale senza vita, ma hanno anche generato una serie di pubblicazioni infondate, false testimonianze e grottesche pseudo-scienze, il cui risultato paradossale è quello di portare acqua ai mulini dei negazionisti [10]? Se un presunto testimone gode dell'immunità dal controinterrogatorio della parte avversa - come tutti i Tom, Dick e Moshe che si impegnano come "sopravvissuti all'Olocausto" [11] - la propensione umana è quella di esagerare, e questa inclinazione naturale si rafforza in una menzogna se non incontra alcuna opposizione.
"C'è sempre speranza quando le persone sono costrette ad ascoltare entrambe le parti; è quando ascoltano solo una parte che gli errori si induriscono in pregiudizi, e la verità stessa cessa di avere l'effetto della verità esagerando nella menzogna".
È anche possibile (e persino probabile) ottenere una buona visione d'insieme di un problema, ma alcuni fatti possono essere sbagliati. Se uno si impegna per la purezza della verità, non solo nella sua interezza ma anche nelle sue parti, allora un negazionista dell'Olocausto si assumerà l'utile compito di scoprire gli errori "locali", proprio perché è l'avvocato del diavolo - cioè è fanaticamente determinato a "smascherare" la "bufala del XX secolo" dell'Olocausto. Investirà quindi tutto il suo essere nell'esame di ogni prova, non dando per scontato il minimo dettaglio, setacciando ogni singola prova, e nel suo zelo monomaniacale di esporre un errore, ne dissotterrerà inevitabilmente uno.
"E anche se il mondo ha ragione, è comunque probabile che i dissidenti abbiano qualcosa da dire che merita di essere ascoltato, e che la verità perderebbe qualcosa con il loro silenzio"[12].
"Se queste persone [i negazionisti dell'Olocausto] vogliono parlare, lasciateli parlare", consiglia Hilberg. "Questo porta solo quelli di noi che fanno ricerca a riesaminare ciò che avremmo potuto dare per scontato. E questo è utile. [13]" Se Hilberg era rilassato riguardo ai negazionisti dell'Olocausto, è perché era fiducioso nelle sue conclusioni basate sulla sua padronanza delle fonti. L'impulso alla censura nasce non solo dal disgusto per ciò che i negazionisti dell'Olocausto proclamano oltraggiosamente, ma anche, e più spesso, dalla paura di non potervi rispondere in modo credibile. [14] "Sì, c'è stato un Olocausto", osservava Hilberg, "che, tra l'altro, è più facile a dirsi che a dimostrarsi[15]" Se hai fatto i compiti a casa, allora rispondere agli scettici sgradevoli è, nel peggiore dei casi, una forma di divertimento intellettuale, l'equivalente mentale della cattura del pesce in un barile.

Così, esaminando ogni prova al microscopio e ispezionandola da ogni angolazione, il negazionista dell'Olocausto fa per voi quello che voi, se siete veramente impegnati nella verità, dovreste fare per voi stessi; la differenza è che l'ispezione del negazionista dell'Olocausto è la più approfondita, perché è molto più difficile discutere contro voi stessi una volta che avete optato per una credenza, o sviluppato un interesse personale in essa. Così, lungi dal reprimere i negazionisti dell'Olocausto, si dovrebbe essere grati a loro per aver - anche involontariamente - facilitato la ricerca della verità.
"Né gli basta ascoltare le argomentazioni degli avversari dalla bocca dei suoi stessi padroni, presentate così come le dichiarano e accompagnate da ciò che propongono come confutazioni. Non è questo il modo di rendere giustizia alle argomentazioni, né di metterle in reale contatto con la propria mente. Deve essere in grado di sentirle dalla bocca di persone che li credono veramente; che li difendono seriamente e fanno del loro meglio per propagarli. Egli deve conoscerli nella loro forma più plausibile e convincente; deve sentire tutta la forza della difficoltà che la vera visione del soggetto deve incontrare ed eliminare; altrimenti non potrà mai realmente possedere la parte di verità che incontra ed elimina quella difficoltà.

Se ci sono persone che contestano un'opinione ricevuta, o che lo faranno se la legge o l'opinione lo permette, ringraziamole per questo, apriamo la nostra mente per ascoltarle, e rallegriamoci che ci sia qualcuno che farà per noi quello che altrimenti dovremmo fare per noi stessi, se abbiamo una qualche considerazione per la certezza o la vitalità delle nostre convinzioni, per noi stessi e con molto più impegno".
L'ovvio ammonimento all'argomentazione di Mill è che mentre è bene lasciare che i negazionisti dell'Olocausto vendano le loro merci nell'arena pubblica senza disturbarli, e persino tollerarli come oratori se un'organizzazione del campus sceglie di invitarli, non dovrebbe essere applicata una diversa serie di regole in classe? Così come i coetanei di uno studioso devono verificare il merito scientifico dei lavori presentati per la pubblicazione (altrimenti la comunità accademica degenera in un vero e proprio pasticcio), così anche un dipartimento di storia deve esaminare la propria offerta di corsi: i vincoli di tempo rendono impossibile l'esame di un evento storico critico da ogni possibile angolazione. Come si può giustificare lo spreco anche di una sola sessione di un corso per una proposta ciarlatana? 
 
È certamente legittimo discutere se la guerra civile americana sia stata combattuta sui diritti degli Stati o sulla questione della schiavitù, o se la schiavitù sia migliore o peggiore della schiavitù salariale. Allo stesso modo, molte questioni di base sulla soluzione finale non sono ancora state risolte; in effetti, esistono ancora controversie su quando è iniziata e perché Hitler l'ha implementata. Ma discutere se il genocidio degli ebrei sia avvenuto o meno non sarebbe frivolo quanto discutere se la schiavitù sia esistita o meno nel Sud anteguerra? 

Posto in questo modo, la domanda si risolve da sola. Tuttavia, c'è una differenza fondamentale. Coloro che denunciano la virtù dell'"equilibrio" - cioè che presentano tutti i lati di una proposta in classe - e indicano la negazione dell'Olocausto come prova positiva che questo equilibrio è assurdo, allo stesso tempo sostengono che la negazione dell'Olocausto costituisce un pericolo emergente o addirittura imminente per la società. Ma se questo negazionismo rappresenta una minaccia così grave per la popolazione in generale[16], come può essere dislocato se non affrontandolo direttamente, non presentato in modo caricaturale attraverso il sofisma dello spaventapasseri (la sua confutazione non convincerà), ma nella sua versione più virulenta adottata dall'avvocato del diavolo? La risposta non può certo essere quella di sopprimere la negazione dell'Olocausto attraverso la censura o la forza maggiore. Lo scopo di un'università è la ricerca della verità, non l'imposizione di idee "corrette". È anche quasi impossibile soffocare fisicamente un'idea "sbagliata", mentre una volta che ha guadagnato terreno, si diffonderà facilmente tra una popolazione ignorante delle argomentazioni contro di essa e quindi mentalmente disarmata per contrastarla.
"Raramente è possibile escludere completamente una discussione e, una volta avviata, le convinzioni che non si basano sulla convinzione possono cedere alla minima parvenza di argomentazione". (17)
Se, per motivi di argomentazione, si mette da parte il fatto che, in primo luogo, la negazione dell'Olocausto non può essere rimossa se "l'Olocausto" non si riferisce ad un oggetto stabile e discreto, e, in secondo luogo, che la negazione dell'Olocausto consiste in gran parte in affermazioni di fatto discrete che possono essere rimosse con confutazioni di fatto discrete, allora la conclusione è la seguente:
  • Se la negazione dell'Olocausto è un fenomeno marginale, allora, alla luce della responsabilità di una facoltà di familiarizzare gli studenti, non assolutamente con tutte le teorie che esistono su un argomento, ma solo con "le migliori espressioni pubblicate su... i temi in questione [18]", La negazione dell'Olocausto non dovrebbe probabilmente essere insegnata in un'aula universitaria perché non figura nei dibattiti accademici attuali sulla genesi e i contorni dell'Olocausto nazista, anche se i negazionisti svolgono, anche inavvertitamente, una funzione preziosa nella società in generale, così che ostacolerebbe la ricerca della verità se venissero completamente censurati.
  • D'altra parte, se la negazione dell'Olocausto costituisce un contagio reale o potenziale, dovrebbe essere insegnata, idealmente dagli stessi negatori dell'Olocausto, se non altro per inoculare gli studenti. Affermare sia che la negazione dell'Olocausto non deve essere insegnata, sia che essa rappresenta un pericolo chiaro e presente, è contrario alla logica.
Non meno logica è l'affermazione dell'amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg e dell'amministratore delegato di Twitter Jack Dorsey, secondo cui un presunto aumento globale dell'antisemitismo e dell'ignoranza dell'Olocausto nazista giustificherebbe la soppressione della negazione dell'Olocausto.

Post-scriptum: Questo articolo è stato sottoposto ad una serie di pubblicazioni "progressiste" che vantano un impegno di principio per la libertà di espressione. Tutti l'hanno respinta. È un commento rivelatore sull'impegno della cosiddetta sinistra per la libertà di espressione vedere che essa sostiene non solo la censura della negazione dell'Olocausto, ma anche la censura della discussione razionale - basata sui principi più basilari della libertà di espressione - sul fatto che la negazione dell'Olocausto debba o meno essere censurata. Ciò che mi diverte di più è che, mentre questa folle politica identitaria pretende di difendere gli ebrei dalla negazione dell'Olocausto, questa scandalosa repressione della libertà di espressione non ha assolutamente nulla a che vedere con la negazione dell'Olocausto. 
 

Se l'integrità del martirio del popolo ebraico è stata violata, ciò è in gran parte dovuto non ai negazionisti dell'Olocausto, ma alle macchinazioni delle organizzazioni ebraiche che sfruttarono l'Olocausto nazista per scopi finanziari e politici. Come al solito, l'Olocausto viene ora sfruttato per promuovere un'agenda completamente diversa. Infatti, non appena Facebook ha annunciato la sua decisione di censurare la negazione dell'Olocausto, il Consiglio dei deputati degli ebrei britannici ha invitato Facebook a censurare anche l'"antisemitismo" adottando una definizione di antisemitismo volta a proteggere Israele dalle critiche. Ma la cosiddetta sinistra, che è infinitamente stupida, credulona, vigliacca, ipocrita, opportunista - e, non dimentichiamolo, avanguardista-totalitarista - non lo vedrà, così come non ha visto che gli attacchi a Jeremy Corbyn non avevano nulla a che fare con l'antisemitismo. Chi può dimenticare l'orribile spettacolo di Mehdi Hasan, il grande progressista, che si unisce al disgustoso spaventapasseri dell'Olocausto Jonathan Freedland per denunciare l'antisemitismo nel partito laburista britannico?

Note

[1] Un quarto di loro sono stati semplicemente messi in fila e fucilati nei campi...

[2] Raul Hilberg, La distruzione degli ebrei d'Europa, (Einaudi, 1999), vol. 3, pp. 1294-1296 dell'originale inglese.

[3] https://www.holocaustremembrance.com/working-definition-holocaust-denial-and-distortion. Questa definizione di negazione dell'Olocausto comprende cinque tabù. Gli altri quattro sono: "Sforzi intenzionali per scusare o minimizzare l'impatto dell'Olocausto o dei suoi elementi principali, compresi i collaboratori e gli alleati della Germania nazista"; "Minimizzazione grossolana del numero delle vittime dell'Olocausto in contraddizione con fonti attendibili"; "Tentativi di incolpare gli ebrei per aver causato il loro stesso genocidio"; e "Dichiarazioni che rendono l'Olocausto un evento storico positivo".

[4] « Netanyahou: Hitler ne voulait pas exterminer les Juifs », Haaretz, 21 ottobre 2015, tradotto in francese da Tlaxcala


[5] Gli altri due scenari erano: "Un professore del nostro Dipartimento di Biologia vuole dedicare una sessione nella sua classe di Genetica alla proposta che le persone di colore sono intellettualmente inferiori ai bianchi"; "Un professore del nostro Dipartimento di Antropologia vuole dedicare una sessione nella sua classe di Antropologia alla proposta che in alcune culture le donne amano essere picchiate e violentate". Quando insegnavo in Turchia, ho sostituito lo scenario della negazione dell'Olocausto con : "Un insegnante del Dipartimento di Religione vuole dedicare una sessione del suo corso sulla Religione rispetto all'affermazione che l'Islam è una religione terroristica".

[6] Tutte le citazioni in italico provengono dal libro di John Stuart Mill del 1859, tradotto in italiani nel 1981 sotto il titolo
Saggio sulla libertà

[7] Stavo facendo l'analogia con un cliente che diceva a un dipendente di Baskin-Robbins [una famosa gelateria] che la vaniglia è il suo gusto preferito.
– Ma avete assaggiato gli altri 30 gusti?
– Non ho bisogno di farlo. Adoro la vaniglia. E' dolce, è zuccherata, è cremosa, è una sensazione di formicolio.
– Le vostre ragioni possono essere eccellenti, signore, ma se non avete nemmeno assaggiato gli altri sapori, come potete preferire la vaniglia?


[8] Interrogavo  maliziosamente l'allievo proclamando la sua certezza in questi termini: "Sei Dio?"

[9] Norman G. Finkelstein, 
L' industria dell'Olocausto. Lo sfruttamento della sofferenza degli ebrei (Rizzoli, 2004), Citazione dalla seconda edizione  (New York, 2003), pp. 41-55.

[10] Finkelstein, L’industria dell'Olocausto, pp. 55-78. Una spiegazione più completa terrebbe conto dell'utilità ideologica che produce questa valutazione assurda.

[11] Ibid., pp. 158-161, 236-239.

[12] In classe l'ho paragonata all'incompletezza estetica di un mosaico quando manca una tessera, a un puzzle quando manca un pezzo, o a un cruciverba quando manca una lettera. Così come i matematici parlano di una prova "elegante", la verità ha una sua estetica di essere impeccabile.

[13] Christopher Hitchens, "Hitler's Ghost",  Vanity Fair, giugno 1996. Hilberg ha osservato privatamente che sono stati i negazionisti dell'Olocausto a dimostrare che lo Zyklon-B nella sua forma pura non era abbastanza letale da essere stato usato nelle camere a gas.

[14] "Mettere a tacere un avversario", ha osservato un moderno discepolo di Mill, "suona allarmante come una confessione alla quale non possiamo rispondere".  Conrad Russell, Academic Freedom (New York, 1993), p. 44.


[15] "C'è un nuovo antisemitismo? Una conversazione con Raul Hilberg". Logos (inverno-primavera 2007, ). Ricordo molto bene il mio senso di impotenza intellettuale quando lessi The Hoax of the Twentieth Century (La bufala del Novecento) di un negazionista dell'Olocausto di nome Arthur Butz. Egli ha giustamente osservato, per esempio, che in origine si sosteneva che tre milioni di ebrei erano stati uccisi ad Auschwitz e che un totale di sei milioni di ebrei erano stati uccisi. Il numero di morti ad Auschwitz si è poi ridotto a un milione, ma la cifra totale è stata comunque stimata in sei milioni. Come è stato possibile, chiese retoricamente Butz. Non ho avuto risposta.


[16] In realtà, gran parte del pericolo è artificiale (Finkelstein, 
L' industria dell'Olocausto, pp. 68-71), ma questa è un'altra questione. Qui mi rivolgo all'argomentazione di coloro che invocano la negazione dell'Olocausto come mezzo per frenare la volontà di equilibrare la retorica tra le parti opposte, ma che sostengono anche che la negazione dell'Olocausto rappresenta un pericolo chiaro e presente.

[17] Stavo facendo l'analogia con il divieto di pubblicazione del Mein Kampf da parte della Germania: se davvero vuole evitare una recrudescenza del nazismo, la Germania dovrebbe invece rendere obbligatorio lo studio critico del Mein Kampf.

[18] Dichiarazione del 1915 dell'Associazione Americana dei Professori Universitari

 
 




Courtesy of Tlaxcala
Source: http://normanfinkelstein.com/2020/10/21/why-we-should-rejoice-at-holocaust-deniers-not-suppress-them-a-reply-to-facebook-ceo-mark-zuckerberg-and-twitter-ceo-jack-dorsey-by-norman-g-finkelstein/
Publication date of original article: 21/10/2020
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=29933

 

Tags: Norman FinkelsteinOlocaustoFacebookTwitterCensuraStoriaPropagandaMediaVerità
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.