TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 21/10/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 EDITORIALS & OP-EDS 
EDITORIALS & OP-EDS / Di cosa sei orgoglioso quando pensi allo Stato di Israele?
Date of publication at Tlaxcala: 21/09/2020
Original: What are you proud of when you think of the State of Israel?
Translations available: Français 

Di cosa sei orgoglioso quando pensi allo Stato di Israele?

Gideon Levy جدعون ليفي גדעון לוי

Translated by  Frammenti vocali in MO: Israele e Palestina

 

Un gruppo di lavoratori palestinesi sono inchinati sugli alberi abbattuti, trascinati come cadaveri da un trattore e  segano i tronchi    in piccoli ceppi. La prima luce sta sorgendo sui campi a nord di Tel Aviv. A poche centinaia di metri da lì,  in un quartiere di lusso  si dorme  ancora . Il  rumore delle seghe e il fumo non  sono penetrati nelle doppie finestre delle eleganti ville.

http://tlaxcala-int.org/upload/gal_23202.jpg

Gli operai con i loro vestiti logori e laceri lavorano senza alcun tipo di equipaggiamento protettivo.   Hanno lasciato le loro case in Cisgiordania nel cuore della notte e attraversato gli umilianti posti di blocco per abbattere gli alberi lungo l'Autostrada Ayalon, dove si sta costruendo una nuova corsia per la strada intasata. Gli automobilisti sull’ autostrada non  degnano di uno sguardo  i lavoratori che renderanno il loro viaggio più facile in futuro. Questo è l'ordine naturale delle cose: i palestinesi come taglialegna per gli ebrei.

Hanno lavorato così sotto il sole cocente tutto il giorno. L'appaltatore ebreo siede all'ombra e sorveglia da lontano. Lo spettacolo  ricorda  scene di schiavitù negli Stati Uniti o di apartheid in Sud Africa; il quartiere di lusso sullo sfondo, l'appaltatore ebreo, i lavoratori palestinesi, i salari da fame, il ritorno al Bantustan la sera

Ore dopo,   a Washington, sono stati firmati accordi tra Israele, Emirati Arabi Uniti e Bahrein. Non si deve sottovalutare il loro valore o sottovalutare la loro importanza, né lesinare i complimenti al primo ministro per averli raggiunti. Hanno promosso l'accettazione di Israele nella regione, dopo anni dove Israele le ha volto le spalle e puntato le armi adosso  ma niente di ciò che è stato firmato a Washington cambierà la realtà dei taglialegna a nord di Tel Aviv. La tirannia, lo sfruttamento e l'espropriazione rimarranno invariate.

Gli  accordi sono stati firmati  alla vigilia di Rosh Hashanah, il capodanno ebraico. È un ottimo momento per chiedere: di cosa sei orgoglioso quando pensi allo Stato di Israele? Che cosa di tutto ciò che ci hanno detto nella nostra infanzia e ci hanno insegnato durante l'adolescenza resta e ci rende orgogliosi?

Agli israeliani piace lamentarsi del loro paese, ma ne sono ancora molto orgogliosi. Il loro orgoglio ben  presto si trasforma in arroganza, particolarmente marcato quando visitano altri paesi: gli americani sono ingenui, i tedeschi sono quadrati, gli italiani sono stupidi, i cinesi sono strani, gli scandinavi sono rompipalle, gli arabi sono arretrati e gli africani primitivi. Israele è il massimo. Non si può fare a meno di notare la condiscendenza, soprattutto tra i giovani, in ogni trekking in Sud America e in ogni  Casa di Chabad  in Asia. Nasce in casa e si coltiva a scuola e nell'esercito. Siamo i migliori. Non c'è nessuno come noi. Questo atteggiamento costituisce il maggiore ostacolo per il raggiungimento della pace nella regione.

http://tlaxcala-int.org/upload/gal_23204.jpg

La realtà dell'occupazione dovrebbe far vergognare ogni israeliano del proprio paese , ma non  solo  questa. La violenza sulla strada e sui marciapiedi, l'aggressione, l'ignoranza, il razzismo, l'ultranazionalismo, la maleducazione, il crollo del sistema sanitario, l'esercito eroico principalmente contro i deboli e costruito sul marciume morale, la mancanza di considerazione per  tutti  gli aspetti della vita, la gestione vergognosa della  crisi del coronavirus . Ma meraviglia delle meraviglie, gli israeliani sono ancora convinti di essere i migliori. La nazione start-up. Start-up di cosa, esattamente? L’irrigazione a goccia?

La miracolosa fondazione dello Stato,  un evento straordinario e senza precedenti, anche se basato su un'ingiustizia  profonda, giustificava davvero l'orgoglio nazionale altissimo. Nella parte anteriore dell'autobus che trasportava la delegazione giovanile, di cui facevo parte, alla fine degli anni '60, sventolavamo orgogliosamente la bandiera israeliana. Oggi  in molti di quei paesi a volte bisogna nascondere tutto ciò che identifica uno come israeliano, per vergogna.

Possiamo e dobbiamo essere orgogliosi del nostro primo ministro a fianco del presidente degli Stati Uniti e di due ministri degli esteri arabi nel prato sud della Casa Bianca, ma  finché le vittime del sionismo e dell'occupazione continueranno a tagliare alberi per noi , non c'è motivo di orgoglio.   

 

 





Courtesy of Frammenti vocali/Tlaxcala
Source: https://www.haaretz.com/opinion/.premium-what-are-you-proud-of-when-you-think-of-the-state-of-israel-1.9162595
Publication date of original article: 17/09/2020
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=29653

 

Tags: SionismoSuprematismo israelianoPalestina/Israele
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.