TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 15/08/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Yavne: un richiamo ebraico all'uguaglianza in Israele-Palestina
Date of publication at Tlaxcala: 12/07/2020
Original: Yavne: A Jewish case for equality in Israel-Palestine
Translations available: Français 

Yavne: un richiamo ebraico all'uguaglianza in Israele-Palestina

Peter Beinart

Translated by  Frammenti vocali in MO: Israele e Palestina

 

COSA RENDE QUALCUNO UN EBREO - non solo un ebreo di nome, ma un ebreo in piena  regola - oggi? Nei circoli haredi [ortodossi], essere un vero ebreo significa aderire alla legge religiosa. Negli spazi ebraici di sinistra, significa sostenere le cause progressiste,ma  questi ambienti sono le eccezioni. Nel vasto centro della vita ebraica - dove risiedono il potere e la rispettabilità - essere ebrei significa soprattutto sostenere l'esistenza di uno stato ebraico. Nella maggior parte delle comunità ebraiche sulla terra, il rifiuto di Israele è un'eresia maggiore del rifiuto di Dio. 

 
La ragione viene spiegata raramente, soprattutto perché è considerata ovvia: opporsi a uno stato ebraico significa rischiare un secondo Olocausto. e porre il popolo ebraico in pericolo esistenziale. Nelle epoche precedenti, gli ebrei scomunicati erano chiamati apikorsim, non credenti. Oggi sono chiamati kapos, collaboratori nazisti. Attraverso un gioco di prestigio storico che trasforma i palestinesi in nazisti, la paura dell'annientamento è arrivata a definire cosa significhi essere un autentico ebreo.
 
Sono cresciuto con questi presupposti che  mi circondano ancora. Pervadono le comunità dove  prego, dove mando i miei figli a scuola e trovo molti dei miei amici più cari. Nel corso degli anni, ho imparato a vivere in questi spazi mettendo in discussione pubblicamente le azioni di Israele. Tuttavia mettere in discussione l'esistenza di Israele come stato ebraico è un diverso ordine di offesa, simile a sputare di fronte alle persone che amo e a tradire le istituzioni che danno significato e gioia alla mia vita. Inoltre, lo stato ebraico è stato a lungo prezioso anche per me. Quindi ho rispettato alcune linee rosse.
 
Sfortunatamente, la realtà no. Con il passare degli anni, è diventato più chiaro che lo stato ebraico include il controllo israeliano permanente della Cisgiordania. In ogni nuova elezione, indipendentemente da quali partiti entrino nel governo, Israele ha continuato a finanziare gli insediamenti ebraici in un territorio  dove  i palestinesi non hanno la cittadinanza, i giusti  processi, la libera circolazione e il diritto di voto per il governo che domina la loro vita. Israele ha costruito autostrade per i coloni ebrei in modo che possano viaggiare facilmente attraverso la Linea Verde - che raramente appare sulle mappe israeliane -,mentre i loro vicini palestinesi languiscono ai posti di blocco. La Cisgiordania ospita uno dei più potenti politici israeliani, due dei suoi giudici della corte suprema e la sua più recente scuola di medicina. 

"Immagina: la guerra è finita" :  sil muro dell'apartheid a Qalandia

 
Ora il primo ministro Benjamin Netanyahu ha promesso di annettere parti della terra che Israele ha brutalmente e non democraticamente controllato per decenni. E guardando tutto questo ho iniziato a chiedermi, per la prima volta nella mia vita, se il prezzo da pagare per uno stato che favorisce gli ebrei rispetto ai palestinesi sia troppo alto. Dopotutto sono gli esseri umani . Tutti gli esseri umani - e non gli stati , sono  a immagine di Dio.     
 
La dolorosa verità è che il progetto al quale i sionisti liberali come me si sono dedicati per decenni - uno stato per i palestinesi separato da uno stato per gli ebrei - è fallito. La tradizionale soluzione a due stati non offre più un'alternativa convincente all'attuale percorso di Israele. Rischia di diventare, invece, un modo per mimetizzarsi e consentire quel percorso. È tempo che i sionisti liberali abbandonino l'obiettivo della separazione ebraico-palestinese e abbraccino l'obiettivo dell'uguaglianza ebraico-palestinese.
 
Ciò non richiede l'abbandono del sionismo. Richiede di ravvivare una comprensione che è stata in gran parte dimenticata. Richiede la distinzione tra forma ed essenza. L'essenza del sionismo non è uno stato ebraico nella terra di Israele; è una casa ebraica nella terra di Israele, una fiorente società ebraica che offre rifugio agli ebrei e arricchisce l'intero mondo ebraico. È tempo di esplorare altri modi per raggiungere questo obiettivo ( dalla confederazione a uno stato binazionale democratico )  senza soggiogare un altro popolo. È tempo di immaginare una casa ebraica che sia anche una casa palestinese.
 
Gli ebrei hanno fatto distinzione tra forma ed essenza in altri periodo critici  della nostra storia. Per circa mille anni, il culto ebraico ha significato portare sacrifici al Tempio di Gerusalemme. Quindi, nel 70 d.C., con il Tempio in procinto di cadere, il rabbino Yochanan ben Zakkai immaginò un'alternativa.  Dalle accademie di Yavne venne una nuova forma di adorazione, basata sulla preghiera e sullo studio. Il sacrificio animale, si è scoperto, non era essenziale per essere ebreo.  Il nostro compito in questo momento è quello di immaginare una nuova identità ebraica, che non identifichi più l'uguaglianza palestinese con il genocidio ebraico, ma che vede la liberazione palestinese come parte integrante della nostra. Questo è ciò che Yavne significa oggi.
 
CAPIRE PERCHÉ la classica soluzione a due stati è morta richiede la comprensione di come è nata la sua attuale incarnazione: dalla sconfitta palestinese. Per la maggior parte del 20 ° secolo, i palestinesi hanno perseguito uno stato tutto loro nella terra tra il fiume Giordano e il Mar Mediterraneo,ma  dagli anni '70 gli intellettuali palestinesi iniziarono ad ammettere pubblicamente che questa lunga lotta era fallita. In un'aspra concessione alla realtà, hanno proposto che i palestinesi perseguissero quello che chiamavano un "mini-stato" in Cisgiordania, Gerusalemme est e Striscia di Gaza. Nel 1988, quando l'Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP) riconobbe Israele, questa divenne la sua posizione ufficiale. Perfino il movimento islamista Hamas - che non ha riconosciuto Israele - ha ripetutamente abbracciato il "mini-stato" come base per una tregua a lungo termine. 
 
Fin dall'inizio, tuttavia, i palestinesi hanno chiarito di cosa avevano bisogno in cambio di questo storico compromesso. "La pietra angolare" della concessione, ha scritto lo storico palestinese Walid Khalidi nel suo rivoluzionario saggio del 1978 "Pensare l'impensabile", "è il concetto di sovranità palestinese. Non mezza sovranità, o quasi sovranità o sovranità surrogata. Ma uno stato palestinese sovrano e indipendente. " (Ad oggi, i palestinesi si oppongono in modo schiacciante alle restrizioni sulla sovranità di un futuro stato palestinese.) Un secondo requisito per accettare il "mini-stato" era che le ambizioni territoriali palestinesi non sarebbero state  ulteriormente ridotte: accettare il 22%  per i palestinesi  palestinesi   era già abbastanza.
 
Se Israele avesse accettato questi principi durante i suoi numerosi negoziati di pace, non vi è alcuna garanzia che il conflitto israelo-palestinese sarebbe finito. I rifugiati palestinesi avrebbero comunque voluto il diritto di tornare a casa propria in Israele. (Anche se, negli ultimi anni, il leader dell'OLP Mahmoud Abbas ha accettato sostanziali limitazioni a tale diritto). I palestinesi che vivono in Israele come cittadini (a volte chiamati "arabi israeliani") avrebbero potuto continuare a  vivere in uno stato ebraico. Tuttavia  la soluzione dei  due stati avrebbe potuto essere l'inizio di una soluzione più duratura. Probabilmente non lo sapremo mai perché,  da quando i palestinesi hanno accettato uno stato con sede in Cisgiordania, Israele ha reso  ciò impossibile.
 
Israele ha ridefinito la "statualità" palestinese per includere un territorio sempre meno ampio  e una sovranità sempre minore, violando così i due requisiti fondamentali per un mini-stato. Nel 1982, l'ex vicesindaco di Gerusalemme Meron Benvenisti avvertì che la soluzione dei due stati era "a cinque minuti a mezzanotte" perché 100.000 coloni ebrei avrebbero presto abitato in Cisgiordania e  a Gerusalemme est - un numero che considerava incompatibile con lo stato palestinese  entro la linea del 1967. Poiché sempre più ebrei si sono stabiliti in Cisgiordania, Israele ha richiesto che uno stato palestinese includesse strutture israeliane sempre più grandi. Nel 2000, quando la popolazione dei coloni a Gerusalemme Est e in Cisgiordania ha superato i 365.000, il Primo Ministro Ehud Barak ha proposto a Israele di annettere il 9% della Cisgiordania e di compensare i palestinesi con un nono di territorio in Israele. Nel 2020, con il numero di coloni che si avvicina a 650.000, Donald Trump — in sintonia con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu — ha proposto che Israele possa annettere fino al 30% della Cisgiordania  compensando  i palestinesi con circa la metà della terra in Israele, molte delle quali sono nel  deserto.
 
Allo stesso tempo i leader israeliani hanno chiarito che uno stato palestinese non può possedere nulla che assomigli a poteri sovrani. Barak ha proposto che uno stato palestinese accetti le truppe israeliane lungo il confine orientale con la Giordania per 12 anni. Netanyahu è andato oltre, dichiarando che "per avere la propria entità che Trump definisce uno stato", i palestinesi devono "acconsentire ad accettare il controllo di sicurezza israeliano ovunque". In altre parole, i palestinesi possono creare un'entità che gli Stati Uniti chiamano uno stato che in realtà non lo è. 
 
I commentatori a volte attribuiscono questi atteggiamenti israeliani incalliti agli effetti della violenza palestinese. Tuttavia negli ultimi 15 anni, in gran parte grazie alla cooperazione palestinese con Israele, il numero di israeliani uccisi dai palestinesi è diminuito drasticamente: da più di 450 nel 2002, al culmine della Seconda Intifada, a una media di meno di 30 per anno da quando la Seconda Intifada si è conclusa nel 2005. (Il numero di palestinesi uccisi da Israele è molto più alto). Nonostante ciò  il sostegno israeliano a uno stato palestinese è costantemente diminuito. Nell'ultimo decennio, in un'era di relativa quiescenza palestinese, il ritmo della crescita degli insediamenti è aumentato e gli elettori israeliani hanno reso Netanyahu, un avversario permanente della sovranità palestinese.  Come  ha sostenuto la giornalista israeliana Noam Sheizaf, la preferenza degli ebrei israeliani è chiara: uno stato  dove milioni di palestinesi mancano dei diritti fondamentali. 
 
Poiché la prospettiva di uno stato palestinese praticabile è fallita , un numero crescente di palestinesi ha abbracciato l'idea di uno stato dove  godono della parità di diritti. Nel 2011, secondo i dati condivisi con me dal sondaggista palestinese Khalil Shikaki, il doppio dei palestinesi in Cisgiordania e Gaza preferiva due stati a uno stato. Quest'anno, le due opzioni sono praticamente unite . La prospettiva di uno stato uguale è particolarmente popolare tra i giovani palestinesi. Nel 2019, secondo Shikaki, i palestinesi di età compresa tra 18 e 22 anni hanno preferito uno stato con un margine del 5%.
 
I difensori della separazione ebraico-palestinese sostengono che uno stato uguale è persino meno realistico di due perché è ancora più favorevole per la popolazione che esercita il maggior potere: gli ebrei israeliani,ma  non è questo il punto. Oggi due stati e uno stato uguale sono entrambi irrealistici. La domanda giusta non è quale visione sia più fantasiosa in questo momento, ma quale possa generare un movimento abbastanza potente da portare  a un cambiamento fondamentale.   
 
La soluzione a due stati - che è diventata una frammentata Palestina sotto il controllo israeliano di fatto - non può farlo. Non fornisce più speranza  e  quando l'oppressione incontra la disperazione, il risultato può essere la rabbia nichilista. Nel 2015 è scoppiata l'" intifada dei coltelli " a Gerusalemme est e in Cisgiordania. Questi attacchi, compiuti da giovani palestinesi, non erano coordinati; non hanno espresso richieste politiche. Il giornalista israeliano Gershom Gorenberg li ha definiti "la disperazione espressa con i coltelli".
 
Se la soluzione a due stati si decompone senza un'alternativa convincente, questo potrebbe essere il futuro: spasmi di violenza terrificante ma non coordinata. L'annuncio del "piano di pace" di Trump - con la sua implicita accettazione dell'annessione israeliana - ha già prodotto un picco nel sostegno palestinese alla "lotta armata". E se scoppierà la lotta armata, gli ebrei israeliani e della diaspora che già sostengono politiche che infliggono violenza ai palestinesi interpreteranno una risposta palestinese violenta come una licenza per una brutalità sempre maggiore.
 
Oggi, i leader israeliani trovano tollerabile lo status quo, ma  quando la violenza palestinese rivela che non lo è, quei leader - avendo reso impossibile la separazione - potrebbero avvicinarsi alle politiche di espulsione di massa. Quella prospettiva non è così remota come potrebbe sembrare. Importanti israeliani — daTom Segev allo storico dell'Olocausto Yehuda Bauer al corrispondente di Haaretz Amira Hass allo scrittore israeliano palestinese Sayed Kashua — lo dicono da anni. Tra un terzo e la metà degli ebrei israeliani dichiara regolarmente ai sondaggisti che i palestinesi dovrebbero essere incoraggiati o costretti a lasciare il Paese. L'anno scorso, quando l'Israeli Democracy Institute ha chiesto agli ebrei israeliani cosa si dovrebbe fare con i palestinesi nell'area C - che comprende più della metà della Cisgiordania - se Israele annettesse  quel territorio, la risposta più popolare fu che dovevano essere rimossi fisicamente. Già, secondo il gruppo israeliano per i diritti umani B'Tselem, la politica israeliana a Gerusalemme est - che revoca la residenza dei palestinesi se lasciano la città per un lungo periodo di tempo - "è orientata a spingere i palestinesi ad andarsene". All'inizio di quest'anno, il piano Trump includeva un'idea a lungo sostenuta dall'ex ministro della Difesa e degli Esteri Avigdor Lieberman, per cui Israele avrebbe ridisegnato il suo confine  spingendo  circa 300.000 cittadini palestinesi di Israele fuori dal paese. Questo è dove Israele è diretto mentre muore la soluzione a due stati. L'annessione non è la fine della linea. È una waystation sulla strada per l'inferno. 
 
Ostacolare  un 'oppressione  che degenera nella pulizia etnica richiede una visione che possa ispirare non solo i palestinesi, ma il mondo. L'uguaglianza lo offre. Molti dei movimenti politici del secolo scorso che parlavano nella lingua dell'indipendenza nazionale - dal Fronte di liberazione nazionale dell'Algeria al Vietcong - sono sbiaditi come modelli, ma  la richiesta di uguaglianza - come si manifesta nel movimento per i diritti civili, nel movimento anti-apartheid e nel movimento Black Lives Matter - conserva un enorme potere morale. I leader israeliani lo riconoscono. Nel 2003, il futuro primo ministro israeliano Ehud Olmert avvertì che quando i palestinesi avrebbero sostituito la "lotta contro l'occupazione" con la "lotta per il voto individuale", ciò  si sarebbe rivelato " una lotta molto più popolare e alla fine molto più potente. "
 
Una lotta per l'uguaglianza potrebbe far emergere dei leader palestinesi che possiedano l'autorità morale che manca ad Abbas e Hamas. La ricerca della separazione prepara gli osservatori a cercare la leadership palestinese a Ramallah o Gaza City, ma  come ha notato l'uomo d'affari e scrittore palestinese-usamericano Sam Bahour, i politici palestinesi che parlano in modo più efficace dell'uguaglianza risiedono all'interno della linea verde: sono i legislatori che compongono il partito  palestinesi di Israele. Quando il leader della Lista Comune, Ayman Odeh, ha tenuto il suo discorso inaugurale alla Knesset nel 2015, ha parlato di "Majid, uno studente arabo all'Università di Tel Aviv che non è in grado di affittare un appartamento" perché la gente riattacca il telefono quando "sente  il suo nome o il suo     accento "e di " Imad e Amal, una giovane coppia araba in cerca di una casa ”in un paese che ha costruito“ 700 città ebraiche e non una sola città araba ”sin dalla sua fondazione. Odeh  che adorna il suo ufficio con poster di Nelson Mandela e Martin Luther King Jr. , si è anche impegnato a salvaguardare i diritti degli ebrei vulnerabili, "anche  di quelli ai quali  è stato insegnato a odiarci", perché "anche loro, come noi, sono degni di uguaglianza. " 
 
ìOdeh supporta ufficialmente due stati, ma  la visione dell'uguaglianza della Lista Comune all'interno della Green Line può essere estesa . Negli  Stati Uniti e in tutto il mondo quella visione trascina con tutta la quella forza emotiva che Olmert temeva. Nel 2018, mentre la Knesset stava per approvare la "Legge fondamentale" quasi costituzionale che dichiarava che solo gli ebrei hanno il diritto all'autodeterminazione nazionale in Israele, diversi membri della Lista araba hanno proposto un'alternativa :  "il principio di uguale cittadinanza per ogni cittadino. " Quando un difensore dei diritti dei palestinesi ha mostrato le leggi in conflitto a cinque membri democratici del Congresso, tutti hanno ammesso timidamente di preferire quella della lista araba. Se un movimento per l'uguaglianza raccoglie slancio, l'ostilità scomparirà quando i democratici allineeranno la loro visione per Israele-Palestina con la loro visione egualitaria per gli Stati Uniti. Anche se a malapena alcuni eminenti politici americani sostengono uno stato uguale in Israele-Palestina, un sondaggio dell'Università del Maryland del 2018 ha scoperto che gli americani di età compresa tra 18 e 34 anni preferiscono questa ipotesi a qualsiasi altra  alternativa .
 
Una lotta per l'uguaglianza rende anche possibili nuove strategie. Nel 1994, il processo di pace di Oslo ha creato l'Autorità Palestinese (PA), che molti palestinesi speravano potesse essere l'embrione del loro stato in Cisgiordania e Gaza. Poiché la prospettiva dello stato palestinese è svanita, tuttavia, l'AP è diventata invece il subappaltatore israeliano nel far rispettare l'occupazione, svolgendo compiti che Israele preferisce non svolgere a solo, dal raccogliere i rifiuti alla gestione delle scuole a catturare i ladri. Nonostante abbia perso la sua legittimità, l'AP persiste perché offre lavoro e una parvenza di ordine,ma  persiste anche a causa di una visione di separazione che rende il governo palestinese sempre più farsesco nell'attesa. Liberato da quella visione, un movimento per la parità vedrebbe l'AP come una barriera alla libertà palestinese e cercherebbe la sua abolizione. Tale abolizione comporterebbe rischi per i normali palestinesi, ma aumenterebbe anche in modo drammatico il costo dell'occupazione per Israele, che dovrebbe schierare i propri soldati e burocrati per svolgere i compiti che ora delega ai giovani palestinesi  e  sarebbe chiaro al mondo che esiste, in effetti, un solo paese tra il fiume e il mare.
 
Alimentato da un movimento per l'uguaglianza, Gerusalemme potrebbe diventare un modello per la politica paritaria in Israele-Palestina nel suo insieme. Attualmente, la maggior parte dei palestinesi che vivono in città sono residenti a Gerusalemme ma non cittadini israeliani. Ciò significa che mentre non possono votare alle elezioni nazionali di Israele, possono votare alle elezioni locali di Gerusalemme. In passato si sono rifiutati in modo schiacciante, dal momento che ciò potrebbe legittimare il controllo di Israele su Gerusalemme Est, che l'OLP afferma come la futura capitale del suo stato. Ma come ha sottolineato Ian Lustick dell'Università della Pennsylvania nel suo libro Paradigm Lost, il sondaggio suggerisce che i palestinesi a Gerusalemme Est preferirebbero la pari cittadinanza in Israele alla cittadinanza in uno stato palestinese. 
 
TUTTO QUESTO porterà presto una Israele-Palestina democratica integrata? Ovviamente no. Ma il progresso appare spesso utopico prima che un movimento per il cambiamento morale ottenga successo . Secondo un avvocato della Carolina del Nord citato nel libro dello storico Jason Sokol There Goes My Everything, "[la] segregazione era assolutamente incomprensibile per il sud medio" a metà del XX secolo. In un discorso a seguito dell'accordo del Venerdì Santo che ha reso i cattolici uguali cittadini nell'Irlanda del Nord, il politico cattolico John Hume ha osservato: "Ciò che era inconcepibile è ora il luogo comune". Sia in Israele che nella diaspora, l'obiezione ebraica fondamentale all'uguaglianza palestinese non è che sia impossibile ma che sia indesiderabile: che si dimostrerebbe disfunzionale e metterebbe in pericolo gli ebrei.
 
L'obiezione spesso inizia con l'osservazione che gli stati binazionali - gli stati che mancano di un'identità nazionale globale - possono essere violenti e instabili,ma  Israele è già uno stato binazionale: il territorio sotto il suo controllo contiene due nazioni, una ebrea e una palestinese, demograficamente quasi uguali. Il governo israeliano governa in modi diversi in diverse parti della terra tra il Mediterraneo e la Giordania, ma ovunque governa. IN  Cisgiordania, l'esercito israeliano, a  Gaza i residenti non possono importare latte, esportare pomodori, viaggiare all'estero o ricevere visitatori stranieri senza l'approvazione di Israele (e, in misura minore,egiziana). Il binazionalismo non espresso di Israele non si manifesta nella politica statale solo perché i palestinesi in Cisgiordania, Gerusalemme est e Gaza non possono votare per i leader che li governano, e i cittadini palestinesi di Israele — che possono votare — sono generalmente esclusi dalla coalizione israeliana che governa . Quindi, quando i commentatori affermano che un'Israele-Palestina binazionale sarebbe violento  e instabile, quello che stanno veramente dicendo è che sarebbe violento e instabile se tutti potessero votare. 
 
Le tesi accademiche, tuttavia, suggeriscono il contrario. In un articolo del 2010 su World Politics, basato su una serie di dati sui conflitti civili dal 1946 al 2005, gli scienziati politici Lars-Erik Cederman, Andreas Wimmer e Brian Min hanno scoperto che "i gruppi etnici hanno maggiori probabilità di avviare conflitti con il governo se  sono esclusi dal potere statale ". Allo stesso modo, nella sua tesi inedita, "Uguaglianza collettiva", la studiosa legale israeliana Limor Yehuda nota che numerosi studi "trovano forti correlazioni tra esclusione politica e discriminazione strutturale dei gruppi etnazionali e guerre civili". 
 
Il ragionamento è intuitivo. Nelle società divise le persone hanno maggiori probabilità di ribellarsi quando manca  loro  la possibilità di  esprimere le loro lamentele in modo non violento . Tra il 1969 e il 1994, quando i protestanti e il governo britannico emarginarono i cattolici nell'Irlanda del Nord, l'esercito repubblicano irlandese (IRA) uccise più di 1.750 persone. Quando l'accordo del Venerdì Santo ha consentito ai cattolici di partecipare pienamente al governo, la violenza dell'IRA si è in gran parte fermata. 
 
Durante l'apartheid, anche l'African National Congress (ANC) di Mandela subì violenze, che la maggior parte dei bianchi sudafricani supponeva sarebbe aumentata se avesse guadagnato potere. In un sondaggio del 1987, circa il 75% dei bianchi sudafricani affermava  che "la sicurezza fisica dei bianchi sarebbe stata minacciata dal governo nero". Particolarmente terrificante era questa pratica  dell'ANC  :  i militanti avvolgevano  gomme piene di benzina attorno al collo di sospetti collaboratori e le incendiavano .  Nel suo libro One Country   cita  Mahmoud Mamdani, che spiega: “Fintanto che non esistevano alternative politiche efficaci, era difficile screditare  tale pratica politicamente. Quando si presentò un modo non violento per porre fine all'apartheid , la "cintura di gomma"  sparì. ”  
Se i palestinesi non fossero così disumanizzati nel discorso pubblico, sarebbe ovvio che anche loro preferiscono non uccidere o essere uccisi quando possono raggiungere i loro diritti in modo pacifico. I cittadini israeliani palestinesi, che vivono molto più vicini agli ebrei israeliani rispetto ai palestinesi in Cisgiordania e Gaza, se lo volessero , potrebbero terrorizzare gli ebrei israeliani in modo molto più efficace. Tuttavia il terrorismo da parte di cittadini palestinesi di Israele è estremamente raro. La migliore spiegazione è quella offerta dalla ricerca in scienze politiche. Quando i palestinesi a Gaza vogliono protestare contro le politiche israeliane, hanno poche opzioni oltre il razzo di Hamas o la marcia verso il recinto che li circonda rischiando  di essere colpiti. ,
 
Questa disumanizzazione dei palestinesi è anche alla base della diffusa ipotesi ebraica per  cui un'eguale Israele-Palestina non potrebbe essere una democrazia funzionante. I commentatori ebrei falchi spesso sostengono (erroneamente) che il mondo arabo non ha democrazie, il che implica che c'è qualcosa di intrinseco nell'arabo che rende impossibile la democrazia.
 
Una tempo un'argomentazione simile fu utilizzata per gli africani. "Ovunque in Africa, colpi di stato, insurrezioni e violenza politica sono stati endemici poiché i gruppi etnici hanno lottato per la supremazia", ​​ha dichiarato un ministro del governo sudafricano nel 1988. "Perché la maggioranza dovrebbe essere diversa in Sudafrica?" La risposta è questa : il Sudafrica - a differenza di molti altri paesi africani - conteneva precondizioni chiave per attuare una democrazia liberale. Questo vale anche per  Israele-Palestina. Un elemento è dato dallo  sviluppo economico. La democrazia liberale è strettamente correlata al reddito pro capite e il reddito pro capite di Israele e dei territori occupati è più di tre volte alto rispetto a quello del Libano, più di sei volte più alto di quello della Giordania e più di dieci volte più alto di quello egiziano.  Esiste certamente un vasto divario tra il reddito pro capite degli israeliani e quello dei palestinesi in Cisgiordania e  a Gaza, un abisso che porrà sfide in uno stato democratico,ma  la democrazia è anche fortemente correlata all'istruzione e qui, sia Israele che i territori occupati sono in una posizione molto migliore rispetto ai loro vicini. Il tasso di alfabetizzazione degli adulti in Medio Oriente e Nord Africa è del 79%. Sia in Israele che nei territori occupati, è del 97%.
 
Israele-Palestina, come il Sud Africa post-apartheid, erediterebbe anche un sistema democratico che funziona ragionevolmente bene per il gruppo privilegiato. Israele vanta una burocrazia competente, un esercito che difende  e  leader civili e, nonostante gli sforzi di Netanyahu per minarli, giornalisti e giudici che mantengono una significativa indipendenza. Gli ebrei inclini a pensare che i palestinesi siano incapaci di democrazia potrebbero notare che né l'AP in Cisgiordania né Hamas a Gaza tengono regolarmente elezioni libere. Questo dipende  dal  fatto che sia in Cisgiordania che a Gaza, in modi diversi, la repressione è comune tra i leader palestinesi egoisti e lo stato israeliano, che esercita il controllo finale. Il miglior esempio di questa cooperazione autoritaria si è verificato nel 2006: in Cisgiordania, a Gaza, 
 
Anche in questo caso, le prove migliori di come i palestinesi si comporterebbero da cittadini è dato dal  modo in cui già agiscono da cittadini. I cittadini palestinesi di Israele non partecipano semplicemente alla democrazia israeliana. Sono, per molti aspetti, gli israeliani maggiormente impegnati nei principi della democrazia democratica. Nel 2019 un sondaggio di Roby Nathanson, Dahlia Scheindlin e Yanai Weiss ha scoperto che i cittadini palestinesi di Israele hanno valutato la libertà di espressione e l'uguaglianza di genere più degli ebrei israeliani. In altre due recenti indagini l'Israeli Democracy Institute ha scoperto che i cittadini palestinesi erano più propensi degli ebrei israeliani a ripudiare l'uso della violenza a fini politici, più propensi a sostenere i quartieri integrati e più disposti a dire che le posizioni sia ebraiche che arabe, in merito al conflitto israelo-palestinese, dovrebbero essere insegnato nelle scuole. Alla domanda di quale istituzione governativa si fidassero di più, gli ebrei risposero: "Le forze di difesa israeliane". I cittadini palestinesi : "La corte suprema". 
 
Tutto ciò suggerisce che l'affermazione per cui  un'Israele-Palestina binazionale non può essere pacifico e democratico è mal concepita. Israele-Palestina è già binazionale. Più diventa uguale, più è probabile che sia pacifico e democratico. 
 
QUALE POTREBBE essere il sistema politico di un'eguale Israele-Palestina? Il Sudafrica post-apartheid ha creato una carta dei diritti e una forte corte costituzionale. 
 
È un buon inizio,ma Israele-Palestina non può essere il Sudafrica post-apartheid perché il Sudafrica non è uno stato binazionale.,ma  una nazione sudafricana. Quando il Sudafrica divenne una democrazia per tutto il suo popolo, non dovette aggiungere un trattino al suo nome.    
 
. In Israele-Palestina esiste un'identità nazionale ebraica e un'identità nazionale palestinese, ma nessuna identità nazionale ebraica-palestinese, almeno non ancora. Quando i redattori della rivista progressiva +972 Magazine cercarono un solo nome inclusivo per descrivere l'unico stato tra il fiume e il mare, trovarono solo un prefisso.   

http://tlaxcala-int.org/upload/gal_22821.jpg

Derry, Irlanda del Nord

 
In quanto stato binazionale un'Israele-Palestina democratica dovrebbe proteggere non solo i diritti individuali ma anche i diritti nazionali. Belgio e Irlanda del Nord sono modelli migliori. Il Belgio binazionale delega enorme potere alle sue tre regioni una composta principalmente da fiamminghi di lingua olandese, una composta principalmente da valloni di lingua francese e una mista linguisticamente . Ci sono anche "governi di comunità", che rappresentano persone che parlano olandese e francese, non importa dove vivono. Se il 75% dei rappresentanti fiamminghi o valloni in parlamento si oppone a una legislazione importante, può bloccarla. Nell'Irlanda del Nord, i due capi di governo sono scelti, rispettivamente, dai maggiori partiti cattolici e protestanti. Le decisioni parlamentari richiedono un sostegno sostanziale da parte dei rappresentanti di entrambe le comunità. Queste forme di cooperazione, o "consociate", non sono sempre positive . Tra il 2010 e il 2011 il Belgio ha impiegato 589 giorni per formare un governo. Tuttavia, l'evidenza accademica è chiara: le società divise che condividono il potere funzionano molto meglio di quelle che non lo fanno.  
 
Gli studiosi hanno immaginato vari modi per adattare questi modelli a Israele-Palestina mentre affrontano spinose questioni di diritti nazionali, immigrazione e poteri militari. Alcuni riguardano il federalismo, un governo centrale che - come in Belgio o in Canada - passa il potere agli enti locali, attraverso i quali ebrei e palestinesi gestiscono i propri affari. Altri riguardano il confederalismo, uno stato ebraico e uno palestinese che dà potere a un'autorità sovranazionale che potrebbe assomigliare all'Unione europea. A Land for All, un gruppo che promuove il confederalismo, ha proposto che i rifugiati palestinesi possano tornare in Israele e tuttavia essere cittadini della Palestina, mentre i coloni ebrei potrebbero rimanere in Palestina e rimanere cittadini di Israele. In alternativa, il famoso studioso palestinese Edward Said ha suggerito nel 1999 che in uno stato  nel 1999 che in un unico stato, "[la] legge del ritorno per gli ebrei e il diritto al ritorno per i rifugiati palestinesi [dovrebbero] essere presi in considerazione e messi insieme".
 
Ciò che è cruciale per Israele , se deve rimanere un rifugio per gli ebrei, non è che un ebreo di New York possa sbarcare a Tel Aviv e diventare cittadino il primo giorno. Lo  stato che  sancisce nella sua costituzione l'obbligo di essere un paradiso per qualsiasi ebreo o  per qualsiasi palestinese ,  è in pericolo. 
 
Tale principio potrebbe essere esteso alla politica estera . Israele oggi vanta un Ministero degli Affari della Diaspora incaricato di promuovere il benessere degli ebrei in tutto il mondo. Un democratico israelo-palestinese potrebbe  aggiungere un ministero incaricato di promuovere il benessere dei palestinesi della diaspora. Delineare più pienamente una politica estera democratica israelo-palestinese richiederebbe un suo saggio,ma , vale la pena notare che, sebbene gli antagonisti regionali come l'Iran e Hezbollah rimarrebbero, la libertà palestinese minerebbe la giustificazione fondamentale del loro antagonismo.Uno stato  Israele-Palestina  potrebbe godere  di una calda pace con gran parte del mondo arabo.   
 
http://tlaxcala-int.org/upload/gal_22822.jpg
 
Niente di tutto ciò significa che il binazionalismo democratico in Israele-Palestina sarebbe semplice o facile. Al contrario, sarebbe enormemente  complesso.,ma gli ebrei sarebbero ben posizionati per difendere i propri interessi. Rispetto ai bianchi sudafricani, gli ebrei israeliani vantano legami transnazionali molto più forti con una diaspora molto più forte. Sono anche una percentuale molto più ampia della popolazione. Alla fine dell'apartheid, il Sudafrica era bianco al 12%. Israele-Palestina  ha circa il 50% di ebrei. E anche se la quota ebraica della popolazione diminuisse a causa dell'emigrazione, dei rifugiati e di un tasso di natalità inferiore, l'esperienza del Sudafrica e degli Stati Uniti , dove l'uguaglianza politica ha solo rimediato marginalmente al baratro economico tra i privilegiati storicamente e gli oppressi storicamente , suggerisce che il privilegio economico ebraico 
 resterebbe .
 
Disprezzare l'evidenza che in un paese  di uguali gli ebrei non solo  possono sopravvivere, ma prosperare, è generalmente considerato come un dato nel discorso ebraico tradizionale : senza sovranità gli ebrei di Israele si troverebbero ad affrontare un pericolo mortale. La convinzione che gli ebrei nella terra di Israele rischino il genocidio senza uno stato ebraico è fondamentale per ciò che significa essere sionisti oggi.,ma la maggior parte dei fondatori del sionismo 
non ci credeva. 
 
Nel suo libro Beyond the Nation-State, lo storico Dmitry Shumsky sostiene che la richiesta di uno stato ebraico non ha definito il sionismo fino agli anni '40. Questo non era vero solo per i "sionisti culturali" come Ahad Ha'am. Era vero anche per i "sionisti politici" come Theodor Herzl, Leon Pinsker, Ze'ev Jabotinsky e persino, per gran parte della sua vita, David Ben-Gurion. Questi uomini enfatizzavano l'autodeterminazione ebraica - una fiorente comunità ebraica con l'autonomia di gestire i propri affari - piuttosto che la sovranità ebraica.  Come spiegò Jabotinsky nel 1909, "Il pathos completo del nostro ideale non si è mai concentrato sulla sovranità, ma piuttosto sull'idea di un territorio, una società ebraica compatta in un unico spazio continuo. . . non uno stato ebraico ma una vita collettiva ebraica ". Già negli anni '20, Ben-Gurion immaginava collettivi ebrei e palestinesi che avrebbero funzionato come "stati all'interno dello stato", con i loro parlamenti autonomi e primi ministr.
 
 Questo non vuol dire che i sionisti si preoccupassero dei diritti dei palestinesi. Con alcune onorevoli eccezioni, come Ahad Ha'am - e in seguito Martin Buber, Gershom Scholem, Judah Magnes e Henrietta Szold,  variamente coinvolti nell'organizzazione Brit Shalom, che sosteneva uno stato binazionale - non lo erano. I primi sionisti si preoccuparono soprattutto di creare un luogo di rifugio e ringiovanimento ebraico,ma non consideravano quegli obiettivi come sinonimo di statualità. Ciò li ha resi più aperti della maggior parte dei sionisti contemporanei agli accordi costituzionali dove ebrei e palestinesi godono dell'autonomia nella gestione dei  propri affari. Uno dei membri più importanti della Lista Comune, Ahmad Tibi, ha proposto che Israele diventi uno "stato per tutte le sue nazionalità": un paese dove  ebrei e palestinesi godono non solo di uguali diritti individuali ,ma di uguali diritti nazionali. La visione di Tibi, sostiene Shumsky, "è profondamente in linea con gli aspetti principali centrali dell'immaginazione politica sionista del periodo iniziale ". 
 
In che modo il sionismo si è evoluto da un'ideologia che comprendeva alternative allo stato ebraico in un sionismo che centrava la sua esistenza nel genocidio ? Parte della risposta è  questa: alla fine degli anni '20 e '30, sotto il dominio coloniale britannico, l'aumento dell'immigrazione ebraica provocò una crescente violenza tra palestinesi ed ebrei, che portò alla proposta della Commissione Peel del 1937 di dividere la Palestina in due stati etno-religiosi, un'idea che molti sionisti abbracciarono con riluttanza. Fu  l'Olocausto a trasformare radicalmente il pensiero ebraico sulla sovranità. Negli anni '40, osserva Shumsky, i sionisti immaginavano "un nuovo contratto" con il mondo: "In cambio dello sterminio di milioni di ebrei europei e della cancellazione della presenza ebraica collettiva nelle terre della diaspora europea, gli ebrei devono ricevere uno stato che possa esprimere la sola  identità nazionale ebraica ". 
 
Dall'Olocausto gli ebrei hanno proiettato retroattivamente il programma di sterminio del nazismo sull'opposizione palestinese al pre-stato sionista, ma  questa lettura dell'Olocausto distorce il modo in cui i palestinesi si sono effettivamente comportati: non sono genocidi odiatori di ebrei, ma come altri popoli cercano  di realizzare i loro  diritti nazionali. Sotto il dominio coloniale britannico, i leader palestinesi hanno spinto per istituzioni rappresentative che avrebbero consentito  una rapida transizione verso l'indipendenza, proprio come i leader nazionalisti in Asia, Africa e nel resto del Medio Oriente. Pur insistendo generalmente sul fatto che gli ebrei già in Palestina meritassero uguali diritti, si opposero all'immigrazione sionista di massa, che sospettavano, giustamente, a loro spese, soprattutto da quando la Dichiarazione Balfour aveva impegnato la Gran Bretagna a creare una "casa nazionale" per gli ebrei ma non per palestinesi. 
 
Nel 1929 e nel 1936 le rivolte palestinesi divennero violente,ma  anche in questo, i palestinesi  non si differenziarono dai popoli che combattevano il colonialismo: gli anni 1919-1930 furono testimoni di violente rivolte in Egitto, Iraq, India, Siria, Indonesia, Vietnam e Birmania . Perfino la scelta del Grand Mufti di Gerusalemme, Amin al-Husseini, di collaborare con  i nazisti negli anni '40 - sebbene spregevole e tragica  - non fu affatto unica tra i leader nazionalisti di quei paesi  che erano sotto la dominazione britannica e francese.
 
Per tutte queste ragioni, gli stess sionisti pre-statali descrivevano la resistenza palestinese non come genocidio :  . "Ogni popolazione nativa nel mondo resiste ai coloni purché abbia la minima speranza di essere in grado di liberarsi del pericolo di essere colonizzata", scrisse il falco Jabotinsky nel 1923. "Questo è ciò che fanno gli arabi in Palestina." 
 
La rappresentazione dei palestinesi come odiatori compulsivi di ebrei  e la corrispondente convinzione che qualsiasi cosa al di fuori dello stato ebraico costituisca un suicidio collettivo  non deriva tanto dal comportamento palestinese,ma dal trauma ebraico. Come ha osservato il defunto studioso israeliano Yehuda Elkana, un sopravvissuto dell'Olocausto stesso, ciò che “motiva gran parte della società israeliana nei suoi rapporti con i palestinesi è.una particolare interpretazione delle lezioni dell'Olocausto. " È questa lente dell'Olocausto che ha portato il Primo Ministro Menachem Begin, alla vigilia dell'invasione israeliana del Libano nel 198, a dichiarare: "L'alternativa a questo è Treblinka". È ciò che consente alle organizzazioni ebraiche americane dell'establishment di partecipare a conferenze incentrate sul Medio Oriente dal titolo "Is It 1938 Again?" da  "Diritto di esistere" a "Confini di Auschwitz" a "Judenrein, "Le analogie dell'Olocausto strutturano la conversazione ebraica sui palestinesi anche quando gli ebrei non ne sono pienamente consapevoli. La ricerca accademica suggerisce che quanto più profondamente gli ebrei israeliani hanno interiorizzato una narrazione della storica persecuzione ebraica, tanto meno simpatia hanno per i palestinesi. 
 
Questo spiega perchè  così tanti ebrei sono convinti che le scuole palestinesi insegnano ai bambini palestinesi a odiare gli ebrei quando studi accademici hanno dimostrato ripetutamente che i libri di testo palestinesi non sono più incendiari di quelli di Israele. È a causa di questa interpretazione che ,quando la reporter di Haaretz Amira Hass andò a vivere tra i palestinesi , gli ebrei israeliani le dissero che stava mettendo a rischio la sua "vita". (In effetti, durante questi  suoi quattro anni  ha sperimentato "calore accogliente".) È a causa di questa interpretazione  che gli ebrei che hanno trascorso decenni a sviluppare relazioni con i leader di Hamas - come il defunto Menachem Froman, ex rabbino dell'insediamento di Tekoa e il rabbino Michael Melchior, un ex ministro del governo israeliano, vengono ridicolizzati o ignorati quando suggeriscono che questi leader sono disposti a vivere in pace. 
 
Questa disumanizzazione mascherata da realismo è un cancro. Non solo trasforma i palestinesi in nazisti, ma trasforma chiunque accolga la causa palestinese in un simpatizzante nazista, colpevole di antisemitismo fino a prova contraria . Spinge il governo israeliano e i suoi alleati ebrei della diaspora a considerare gli attivisti che boicottano Israele in nome dell'uguaglianza palestinese come una maggiore minaccia alla vita ebraica dei politici suprematisti bianchi i cui fans  attaccano le sinagoghe. Spinge  l'establishment ebraico americano a insegnare la propaganda del governo israeliano ai giovani ebrei americani quando dovrebbe insegnare loro il giudaismo, convincendo così un'intera generazione di giovani ebrei progressisti americani impegnati che la comunità che li ha allevati è moralmente corrotta.
 
Alla fine equiparare i palestinesi ai nazisti non li minaccia solo. Ci minaccia. Un tema persistente nella scrittura afroamericana - da Frederick Douglass a James Weldon Johnson a James Baldwin - è che, danneggiando i neri, anche i bianchi si fanno del male. Molti palestinesi comprendono una verità simile. "Il prigioniero sogna la libertà e la prigione perseguita i sogni della guardia carceraria", ha dichiarato il leader della Lista Comune Ayman Odeh durante una conferenza organizzata da Haaretz nel 2015. "Dobbiamo liberare entrambi i popoli". 
 
Per generazioni, gli ebrei hanno visto uno stato ebraico come un tikkun, una riparazione, un modo per superare l'eredità dell'Olocausto.,ma non ha funzionato. Per giustificare la nostra oppressione dei palestinesi, lo stato ebraico ci ha richiesto di vederli come nazisti. in questo modo, ha mantenuto in vita l'eredità dell'Olocausto. Il vero tikkun è l'uguaglianza, una casa ebraica  che sia anche una casa palestinese. Solo con  la liberazione  dei  palestinesi  e con  il vederli come esseri umani, non la reincarnazione del nostro passato torturato  possiamo liberarci dalla morsa dell'Olocausto. La parola ebraica per pace, "shalom", è collegata alla parola "shlemut", completezza. Solo la libertà palestinese - un prerequisito per la vera pace in Israele-Palestina  può rendere completi  gli ebrei.
 
Quando il rabbino Yochanan ben Zakkai chiese all'imperatore romano di dargli Yavne, stava riconoscendo che una fase della storia ebraica aveva fatto il suo corso. Era giunto il momento per gli ebrei di immaginare un percorso diverso. Questa volta volta è tornata . Immagina un paese  dove  al tramonto del 27 di Nissan, l'inizio di Yom HaShoah, i residenti ebrei e palestinesi si trovano insieme  a Yad Vashem  e un imam consegna il du'a islamico per i morti. Immagina quegli stessi leader, il 15 maggio, riuniti  nel cimitero restaurato del villaggio di Deir Yassin, , sito di un futuro Museo della Nakba,, per commemorare  i circa 750.000 palestinesi fuggiti o espulsi durante la fondazione di Israele  e un il rabbino recita  la nostra preghiera per i morti. 
 
Questo è ciò che Yavne può significare ai nostri tempi. È tempo di costruirlo.
 

Amitai Abouzaglo, Eliot Cohen et Philip Johnson hanno contribuito alle ricerche per questo saggio





Courtesy of Frammenti vocali
Source: https://jewishcurrents.org/yavne-a-jewish-case-for-equality-in-israel-palestine/
Publication date of original article: 07/07/2020
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=29298

 

Tags: Soluzione a un Solo StatoPalestina/Israele
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.