TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 21/10/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 AFRICA 
AFRICA / La falsa carità della Francia
Date of publication at Tlaxcala: 03/05/2020
Original: A falsa caridade de França
Translations available: English  Français  Español 

La falsa carità della Francia

Isabel Lourenço

 

Questa settimana, il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (PAM) ha ricevuto un contributo iniziale di € 400.000 ($ 452.000) dal governo della Francia (UE) per sostenere i bambini rifugiati sahrawi nei campi in Algeria .

Il contributo francese sosterrà il programma di alimentazione scolastica del PAM per circa 40.000 bambini nelle scuole e nei centri diurni. Ciò consentirà a ogni bambino di fare uno spuntino a metà mattina (biscotti e latte nutrienti) non appena le scuole riapriranno.
 
Secondo le dichiarazioni di Imed Khanfir, rappresentante e direttore del PAM in Algeria, questo aiuto "sarà essenziale per il futuro di questi bambini ... Il PAM è molto grato al popolo e al governo della Francia per il loro sostegno al nostro programma di alimentazione scolastica ..." .
 
La Francia sarà responsabile di dare a 40.000 bambini un pacchetto di latte e biscotti cinque volte a settimana. Dovremmo essere felici? Bene no.
 
La Francia è in gran parte responsabile del fatto che questi bambini, i loro genitori e nonni vivono in campi profughi e dipendono dagli aiuti alimentari.
 
I 400.000 euro divisi per 40.000 bambini danno 10 euro per bambino, il che che rappresenta per un anno di istruzione di base con una durata minima di 200 giorni, 0,05 euro al giorno. Cinque centesimi al giorno non sono sufficienti per acquistare latte e biscotti in qualsiasi parte del mondo. Secondo il PAM, il costo per uno spuntino per bambini è di 0,25 euro. Pertanto, il contributo di beneficenza della Francia ammonta a 40 merendine per bambino.
 
 
40 spuntini su un piatto della bilancia, e sull'altro pîatto, 45 anni di occupazione e sopravvivenza nei campi profughi, 29 anni di ostruzione da parte della Francia nel Consiglio di sicurezza e 16 anni di guerra in cui la Francia ha supportato l'occupante marocchino sul piano logistico.
 
Se mettessimo su questa bilancia i 400.000 euro della merenda e il prezzo di uno solo dei molteplici aerei francesi usati durante la guerra per bombardare i sahrawi e il cui costo era di circa 8 milioni di euro (1), vediamo l'estrema ipocrisia di questa "carità".
 
Durante la guerra, la Francia ha partecipato attivamente da Nouakchott in diverse occasioni, fino al ritiro della Mauritania dal territorio saharawi, ma ha supportato il Marocco con logistica e finanziamenti durante i 16 anni di conflitto armato tra il Fronte Polisario e il Marocco fino al cessate il fuoco nel 1991 .
 
Dal primo momento, il Marocco ha avuto un forte sostegno da parte degli Stati Uniti e della Francia nell'occupazione del Sahara occidentale e nel genocidio del popolo saharawi.
 
Ancora oggi, il sostegno militare all'occupazione marocchina continua, come evidenziato da "DISCLOSE" e dai suoi partner di investigazione (Lighthouse Reports, in collaborazione con Disclose e con il supporto di Arte, Mediapart, Radio France e Bellingcat) che hanno analizzato i video. , immagini satellitari e notizie in un'indagine in cui hanno scoperto che gli aerei e le navi da guerra vendute da società francesi al Marocco sono stati recentemente implicati nell'occupazione marocchina del Sahara occidentale.
 
 
Ma anche a livello diplomatico, la Francia è il forte difensore del Marocco. Al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, in cui la Francia è membro permanente, la sua azione è stata quella di ostacolare attivamente qualsiasi processo che possa portare allo svolgimento del referendum sull'autodeterminazione nel Sahara occidentale, premessa per la firma del cessate il fuoco nel 1991 tra le parti.
 
La Francia minaccia ogni anno l'uso del veto nel Consiglio di sicurezza (CS), per impedire l'inclusione di una componente di protezione dei diritti umani nel mandato della Missione delle Nazioni Unite per il Sahara occidentale. Pertanto, MINURSO (Missione delle Nazioni Unite per il referendum nel Sahara occidentale) non solo non adempie al suo mandato principale, ma è praticamente l'unica missione di pace delle Nazioni Unite senza una componente dei diritti umani.
 
Il veto non è stato utilizzato da nessuno dei P5 (membri permanenti del Consiglio di sicurezza con diritto di veto) per votare sulla questione del Sahara occidentale.
 
Il "veto tecnico" è stata una pratica francese durante le discussioni private sui progetti di risoluzioni del Consiglio di sicurezza. In questo modo, la Francia non è mai stata costretta a esprimere un voto negativo quando si vota come in altri casi e, pertanto, intende mantenere la propria immagine di un paese democratico e di valori umanitari. Inoltre, nessuno dei P5 è arrivato al punto di utilizzare un voto negativo per combattere la Francia su questo tema.
 
Un chiaro esempio di interferenza francese fu il proposto piano Baker II, presentato dall'allora inviato personale del segretario generale delle Nazioni James Baker nel 2003, che sarebbe stato accettato come una soluzione accettabile al conflitto, ma ancora una volta la Francia minacciò il veto e il Marocco respinse chiaramente il piano.
 
L'ipocrisia della Francia raggiunge un punto tale che sul portale della Missione permanente della Francia presso le Nazioni Unite a New York può leggere:
"Il governo non usa più il suo veto in situazioni di atrocità di massa
 
Durante la 70a Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il Presidente François Hollande ha annunciato che la Francia si è impegnata a non usare mai il suo veto in caso di atrocità di massa: "La Francia vorrebbe che i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza non facessero più appello al veto [ potere] in caso di atrocità di massa. Come possiamo accettare che le Nazioni Unite, anche oggi, possano rimanere paralizzate mentre accade il peggio? Anche in questo caso, faremo un esempio. Giuro qui che la Francia non utilizzerà mai il suo potere di veto in caso di atrocità di massa " .
 
La Francia vuole regolare l'uso del veto in seno al Consiglio di sicurezza
 
Come suggerito dal Presidente nel 2013, il regolamento sull'uso del veto includerebbe i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza (Cina, Stati Uniti, Francia, Regno Unito, Russia) che si impegnano volontariamente e collettivamente a non utilizzare il veto di fronte a un situazione in cui si osservano enormi atrocità, come nel caso di genocidi, crimini contro l'umanità e crimini di guerra su vasta scala ".
 
Una dichiarazione molto alla francese, con tutta la terminologia corretta e apparentemente molto preoccupata per i diritti umani. Potrebbe quasi farci dimenticare che la Francia sostiene ed è parte attiva nei regimi che commettono genocidi e crimini di guerra e che, nel caso del Sahara occidentale occupato, dove i crimini sopra menzionati sono stati commessi e commessi su base giornaliera, la Francia è il padrino del Marocco.
 
A livello dell'Unione europea, la Francia sostiene ancora una volta palesemente il Marocco, l'ultimo scandalo è quello dell'eurodeputata liberale francese Patricia Lalonde, responsabile della negoziazione dell'accordo del Parlamento europeo per includere il Sahara occidentale nell'accordo commerciale agricolo e sulla pesca tra l'UE e il Marocco. L'eurodeputata ha dovuto dimettersi da relatrice a causa di un conflitto di interessi sui suoi legami con Rabat, a seguito di accuse di cattiva condotta.
 
L'ex deputata francese Patricia Lalonde, del gruppo dell'Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa e l'Unione dei Democratici e degli Indipendenti (Francia), era membro della commissione per il commercio internazionale e della delegazione all'Assemblea parlamentare dell'Unione per il Mediterraneo e membro supplente della commissione per gli affari esteri. Gilles Pargneaux del gruppo dell'Alleanza Progressista di Socialisti e Democratici al Parlamento Europeo e al Partito Socialista Francese è membro della Delegazione dell'Assemblea parlamentare dell'Unione per il Mediterraneo e membro supplente della Commissione per gli affari esteri e la delegazione per le relazioni con i paesi del Maghreb e l'Unione del Maghreb arabo.
 
Entrambi avevano posizioni chiave per difendere gli interessi del Marocco rispetto agli accordi e alle associazioni con questo paese e non rispettavano le sentenze emesse dalla Corte di giustizia dell'Unione europea sulla non inclusione del Sahara occidentale e dei suoi prodotti e risorse.
 
Il caso è stato denunciato da Philippe Lamberts, copresidente del Gruppo dei Verdi / ALE al Parlamento europeo, che ha scritto il 27 novembre 2018 una lettera ad Antonio Tajani, Presidente del Parlamento europeo, denunciando tre deputati e un deputato che erano attivi a difesa degli interessi marocchini, senza aver informato il Parlamento dei loro conflitti di interesse e richiesto che la questione fosse sottoposta al comitato consultivo sul codice di condotta.
 
Lalonde faceva parte del consiglio di amministrazione della Fondazione EuroMedA, una fondazione con collegamenti diretti con la leadership marocchina, di cui Gilles Pargneaux era presidente e co-fondatore.
 
Sia attivamente che illegalmente hanno difeso gli interessi marocchini contro il popolo sahrawi all'interno dell'UE.
 
L'Unione europea ha anche appena annunciato una donazione di 5,3 milioni di euro al PAM per aiutare i campi profughi di sahrawi.
 
Ricordiamo che l'UE ha attribuito al Marocco, proprio per combattere la pandemia COVID-19, 450 milioni di euro, che è 50 volte superiore al valore annuale attribuito negli ultimi due anni per la sopravvivenza di centinaia di migliaia di sahrawi nei campi di rifugiati. Oltre a questo importo vi sono i profitti multimilionari che i membri dell'UE ottengono dallo sfruttamento illegale delle risorse del Sahara occidentale. Il sostegno finanziario al Marocco nell'ambito dell'accordo di associazione / associazione negli ultimi due decenni è stato scandaloso e senza alcun controllo dell'applicazione, come denunciato da numerosi deputati al Parlamento europeo.
 
La Francia partecipa allo sfruttamento illegale delle risorse del Sahara occidentale, con la presenza di diverse compagnie. Tra quelle che troviamo nel settore agricolo la società "AZURA", nel settore petrolifero "TOTAL", diverse società nel settore delle energie rinnovabili, nell'area di servizio i grandi gruppi bancari BNP Paribas, Société Générale, Crédit Agricole, la compagnia assicurativa Axa Assurance, la compagnia aerea Transavia e l'impresa tursitica per gli insegnanti UCPA.
 
Le tre banche hanno filiali: BMCI, Crédit du Maroc e Société Générale Maroc, nonché AXA Assurance con la sua consociata marocchina AXA Assurance Maroc, tutte con una presenza nei territori occupati.
 
In una videoconferenza organizzata il 25 aprile dalla ONG svedese Solidarity Rising, la prof.ssa Yahia H. Zoubir (2) ha ricordato che nel 2007 la proposta di un piano di autonomia marocchina invece di tenere un referendum era un idea dell'ex presidente francese Giscard d'Estaing.“In effetti, il Marocco non ha mai avuto intenzione di onorare lo svolgimento del referendum concordato tra il Fronte Polisario e il Marocco sotto l'egida delle Nazioni Unite e dell'Unione Africana perché sa che il risultato non sarebbe favorevole. Anche il Marocco non ha spiegato in cosa consisterebbe il piano di autonomia, nonostante fosse stato interrogato più volte durante i negoziati tra le parti. Quando parlo di "israelizzazione" del conflitto, intendo che il Marocco, come Israele, vuole imporre una situazione di fatto, usando l'introduzione di coloni e più coloni, costruzione di edifici e infrastrutture, emarginazione della popolazione saharawi e condizioni che ostacolano la soluzione. per la comunità internazionale di accettare l'occupazione, se non formalmente, informalmente. Niente di tutto ciò sarebbe possibile senza il sostegno della Francia. ”Disse il professor Zoubir.
 
Se guardiamo all'Unione Africana, al recente ingresso in questa organizzazione del Marocco e al ruolo della Francia nel continente, continuiamo a vedere lezioni ravvicinate e di reciproco sostegno tra i due paesi. Il Marocco entrò nell'Unione Africana con il sostegno della maggior parte dei paesi francofoni africani, ex colonie francesi che rimasero sotto il giogo del Franco CFA e, quindi, in una dipendenza economico-politica quasi totale dalla Francia. Nel dicembre 2019 Macron ha annunciato la fine del CFA e la creazione di una nuova valuta denominata ECO a causa dell'intensa risposta all'interno dei paesi contro il controllo francese e delle forti critiche che sono state l'obiettivo a livello internazionale, soprattutto in Italia, legato alla crisi dei rifugiati.
 
Pertanto, il Marocco ha il sostegno dei paesi africani francofoni e di altri paesi con economie distrutte in cambio di promesse di sostegno economico, ma è diventato anche facilitatore della Francia all'interno dell'UA.
 
Queste manovre sono state evidenti negli ultimi due anni, e recentemente con l'apertura di consolati illegali, di paesi africani senza cittadini, all'interno dei territori occupati del Sahara occidentale sono diventati ancora più evidenti.
 
A livello militare, l'interazione Marocco / Francia e il sostegno nel continente africano sono ben noti. In effetti, le politiche militari di Macron in questa zona del mondo vanno di pari passo con il Marocco.
 
Ma perché la Francia è così attaccata alla monarchia marocchina, un paese del Nord Africa senza risorse naturali pertinenti, tranne quelle che ruba nel Sahara occidentale e con problemi sociali crescenti e rivolte crescenti?
 
Oltre alla relazione storica e alla nostalgia francese, e circa quarantacinquemila cittadini francesi che vivono in Marocco, un numero molto basso e persino insignificante rispetto ai dati del 2016, dove la maggior parte degli espatriati francesi viveva nell'Unione europea. La seconda area geografica più popolare per i francesi che vivono all'estero è stata il Nord America, con oltre 259.000 cittadini francesi residenti lì. Solo in Portogallo, 17.245 cittadini francesi vivono attualmente secondo i dati SEF. Tuttavia, in Francia, la comunità marocchina è già il 18,4% del numero totale di emigranti con 755.400 immigrati legali, si stima che il numero sia molto più elevato.
 
Sono quindi i fattori economici, ma soprattutto quelli geopolitici che rendono il Marocco il figlioccio della Francia. Un ingresso in Africa, un continente sempre più legato economicamente alla Cina e dove la Francia è in una fase di declino, e anche un ponte per alcuni paesi arabi.
 
Dal punto di vista economico, possiamo menzionare il fatto che la Francia è il principale investitore diretto con il 70% degli investimenti in Marocco ed è il suo secondo partner economico, con la Spagna la prima.
 
Possiamo concludere che uno dei principali fattori per il Marocco di continuare impunemente l'occupazione del territorio saharawi è il sostegno della Francia, che preferisce ignorare il diritto internazionale e mettere il potere politico sulla legalità. Questa contraddizione tra legge e potere politico e supporto esterno è l'impedimento per risolvere il conflitto nel Sahara occidentale. L'occupante è palesemente sostenuto dai principali attori politici del mondo, in particolare Francia e Stati Uniti, ma anche dalla Spagna, che ha svolto un ruolo vergognoso in questo processo. Con la Francia e gli Stati Uniti, membri permanenti del CS delle Nazioni Unite e della Spagna nel gruppo di "amici del Sahara occidentale delle Nazioni Unite", qualsiasi soluzione che rispetti il ​​diritto internazionale sembra essere stata esclusa in anticipo.
 
Come dice Zoubir, "presentano le vittime come criminali", il popolo sahrawi, tuttavia, non abbandona la sua lotta per l'indipendenza, che è attualmente condotta a livello diplomatico, ma che su questa via si avvicina ogni minuto al punto di rottura .
 
La bilancia della "carità" è la prova dell'ipocrisia internazionale.
 

Note

(1) Durante i mesi di gennaio e febbraio, l'invasione militare marocchina e mauritana ha portato all'enorme fuga della popolazione civile sahrawi, stabilendosi nei campi profughi di Tindouf, in Algeria. L'aviazione marocchina bombardò i campi del Sahrawi a Um-Draiga, Tifariti, Amgala, El Maltani, Guelta-Zemur con Napalm e fosforo bianco, e nel 1977 l'aereo dell'esercito francese Jaguar fece un'incursione nel Sahara occidentale attraverso la Mauritania attaccando la Mauritania Sahrawi nell'operazione "Lamantine".

(2) Yahia H. Zoubir è professore senior di studi internazionali e direttore della ricerca in Geopolitica presso la KEDGE Business School, in Francia, ed è attualmente borsista presso il Brookings Doha Center. Prima di entrare a far parte di KEDGE nel 2005, ha insegnato in varie università degli Stati Uniti ed è stato professore ospite in varie università in Cina, Europa, Stati Uniti, India, Indonesia, Corea del Sud, Medio Oriente e Nord Africa.





Courtesy of Maghreb Press Agency
Source: https://www.jornaltornado.pt/a-falsa-caridade-de-franca/
Publication date of original article: 01/05/2020
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=28851

 

Tags: Francia-MaroccoPAMONUSahara occidentale occupatoOccupazione marocchinaMINURSOUnione Africana
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.