TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 26/10/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 UNIVERSAL ISSUES 
UNIVERSAL ISSUES / I coronabond delle prostitute
Date of publication at Tlaxcala: 16/04/2020
Translations available: English 

I coronabond delle prostitute

Leopoldo Salmaso

 

Il Potere, scatenando questa pandemia di terrorismo mediatico, ha realizzato il più clamoroso autogol che potesse mai commettere: ha fatto scoprire alle masse che la sua pistola è scarica!

Lo dissi pubblicamente[1] il 9 febbraio e continuo a ripeterlo: per quanto grave possa essere questa "quasi-pandemia" [2], non è neppure minimamente paragonabile alla pandemia di terrore subito scatenata e pervicacemente mantenuta dal mainstream. Sapendo chi paga la grancassa globale, era palese un duplice intento: danneggiare il più possibile il colosso asiatico; stringere la morsa del controllo sulle libertà individuali, a cominciare dai cittadini occidentali "troppo viziati dagli statuti democratici".

Fui facile profeta nel prevedere che il boomerang scagliato contro la Cina sarebbe tornato indietro a ferire "il cacciatore" molto più gravemente della preda designata.

Pare invece che il secondo intento sia pienamente realizzato, a giudicare dal fatto che 60 milioni di italiani si sottomettono con esasperante docilità anche alle restrizioni più demenziali, come il divieto di passeggiare da soli nei boschi, o il limite massimo di due persone in automobile: il guidatore e un passeggero... nel sedile posteriore! [3]. Nel resto del mondo le cose non vanno tanto meglio, anzi, nei paesi impoveriti, soprattutto dell'Africa subsahariana, le restrizioni fanno arretrare milioni di persone a livelli di fame vera e propria, pur essendo risibile l'impatto del coronavirus sulla salute di quelle popolazioni.

Ma, come dice il proverbio, "chi troppo vuole nulla stringe", non perché la gente si sia (ancora)[4] ribellata, ma perché i governi devono comunque sostenere gran parte delle spese correnti, e le banche centrali sono costrette a tirar fuori fiumi di denaro senza contropartita.

E così tanta gente tele-ipnotizzata, che fino a ieri considerava "visionario" o, peggio, "complottista" chi come me metteva sotto accusa il sistema monetario[5] globale, incomincia ad ascoltare e a dar credito alle nostre obiezioni: ma come, non ci avevano sempre tenuti schiavi del debito, con il dogma della "scarsità monetaria"? E invece no, con Covid-19 niente debito... ergo, fine della schiavitù?

Il Potere, scatenando questa pandemia di terrorismo mediatico, ha realizzato il più clamoroso autogol che potesse mai commettere: far scoprire alle masse che la sua pistola è scarica!

Per inquadrare meglio questo punto, torna buona una storiella variamente rimaneggiata da decenni, senza che si possa risalire a una fonte certa. Nel dominante contesto maschilista essa viene chiamata "il denaro della prostituta":

"In un piccolo borgo di montagna, in cui tutti sono indebitati per una persistente crisi economico-finanziaria, arriva un turista, entra nel solo albergo ancora aperto e chiede di vedere una stanza. Accompagnato dalla moglie del gestore, sale a ispezionare le stanze, dopo aver lasciato una banconota da 200 euro sul banco della reception.
Il gestore prende la banconota e corre a pagare il debito col macellaio, dicendogli di stare pronto a fornirgli i tagli migliori se il turista si ferma. Il macellaio prende i 200 euro e corre a pagare il suo debito con il contadino che gli fornisce le varie carni. Il contadino prende la banconota e corre a pagare gli arretrati al mugnaio che gli fornisce i mangimi. Il mugnaio prende i 200 euro e corre a saldare il suo debito con la prostituta. La prostituta corre al piccolo albergo dove aveva avuto le camere a credito, e mette la banconota sul banco della reception, sotto lo sguardo sorpreso-compiaciuto del gestore.

Proprio in quel momento il turista scende, dice educatamente che le stanze non lo soddisfano, prende i suoi 200 euro, saluta e se ne va.

Risultato: è tutto come prima, ma ora un gruppo di persone vive senza debiti ed è più fiducioso nel futuro, tanto che riprende a curare i giardini da tempo trascurati...".

MORALE: il denaro "fa girare" l'economia reale se entra ed esce liberamente (moneta-libera[6]). L'economia reale è come un mulino a vento, e il denaro si dovrebbe comportare come un vento costante, che fa girare le pale del mulino purché non intervengano fattori di crisi.

Le CRISI si verificano essenzialmente per due cause:

- una causa accidentale, contingente, mostruosa eppure relativamente "veniale", che è la speculazione (essa sottrae denaro all'economia reale);

- una causa strutturale, implicita, nascosta ma assolutamente "mortale", che è il tasso di interesse caricato al momento dell'emissione del denaro stesso (moneta-debito). Questo "peccato originale" è matematicamente non-estinguibile[7], anzi cresce (interesse composto) sempre più in rapporto al denaro disponibile. Controprova: non esistono stati creditori netti, ma solo stati meno indebitati di altri. Indebitati verso chi? Verso il sistema bancario globale che è in mani private ed è l'unico creditore netto[8].

Uno stato, nel pieno esercizio della sua sovranità monetaria, potrebbe emettere moneta-libera, esente da interesse[9]. Ma quei pochi stati che hanno osato farlo con tutta la moneta (la blasfema moneta-libera) sono stati dichiarati "canaglia"[10] dai vari governi degli USA, "sceriffi" dei poteri che governano il sistema bancario mondiale (FMI[11], BRI[12], OMC[13], rete delle banche "centrali nazionali"): un sistema che è pubblico solo di nome ma privato nella realtà dei fatti.

Alcuni di quegli "stati canaglia" sono stati bombardati e invasi, i loro leader impiccati o linciati; altri di quegli stati sono sottoposti a sanzioni ed embarghi tanto devastanti quanto illegali. Crimini così abominevoli si sono potuti perpetrare perché il mainstream e la "scienza ufficiale" hanno continuato a ingannare e dis-trarre l'opinione pubblica mondiale...

Covid-19 si profila(va) come una ghiottissima occasione per moltiplicare le rapine e le schiavitù, e invece è arrivato l'autogol: gli USA e gli stati dell'UE (rigorosamente in ordine sparso), per fronteggiare l'emergenza da essi stessi gonfiata a dismisura, distribuiscono a famiglie e imprese quantità inaudite, per quanto gonfiate[14], di moneta-libera[15],[16], e possono spiegarlo in due soli modi: o che sono loro stessi "più canaglie di tutti"; o che finora avevano ingannato il mondo intero con la bugia della moneta-debito.

Nota finale tragicomica: un sito "anti bufala" si è premurato di squalificare la storiella della prostituta come "disinformazione"[17], girando la frittata sul versante delle tasse che, in questo caso, non c'entrano proprio. Domanda: l'estensore di quella recensione era tele-ipnotizzato o tele-comandato?

 Note

[1] https://comune-info.net/il-virus-del-terrore/

 

[2] L'OMS, che di fatto è governata da privati con in testa Bill Gates, non ha mai definito criteri univoci in base ai quali dichiarare ufficialmente lo "Stato di Pandemia". Anche in questa occasione non abbiamo una "dichiarazione di stato di pandemia" ma solo una conferenza stampa in cui il DG dice che Covid-19 "può essere caratterizzata come pandemia"

[4] I pochi atti di ribellione, come quello del giorno di Pasqua a Bruxelles, sono stati censurati dal mainstream

[6] "Moneta Intera", "Moneta Positiva", e altre denominazioni accomunano gruppi in tutto il mondo, la maggior parte dei quali confluiscono nel IMMR (Movimento Internazionale per la Riforma Monetaria).

[7] Tu non possiedi nulla. Io ti do 100 euro gravati da un 2% di interesse all'origine. Tu li prendi ma subito dopo io voglio indietro i miei "102" euro. Tu mi puoi restituire i 100 euro, ma sei condannato senza scampo al debito di 2 euro, che non potrai mai ottenere, se non gravati da ulteriore debito.

[8] Non solo: essendosi riservate il privilegio di essere "too big to fail" (troppo grosso per fallire), le grandi banche riversano le proprie insolvenze sulle spalle dei contribuenti, attraverso i bail-out (riscatti) statali.

[9] Questo succede realmente con le monete metalliche (che però sono gravate da costi di fabbricazione). Perciò il sistema bancario privato lascia agli stati l'onere di coniare le costose monete metalliche e tiene per sé l'onore di creare non solo le banconote, ma soprattutto il denaro elettronico che costa ancora meno e costituisce il 95% di tutto il denaro circolante.

[11] Fondo Monetario Internazionale

[12] Banca dei Regolamenti Internazionali

[13] Organizzazione Mondiale del Commercio





Courtesy of Tlaxcala
Source: http://tlaxcala-int.org/article.asp?reference=28679
Publication date of original article: 16/04/2020
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=28679

 

Tags: Crisi del coronavirusMoneta-debitoMoneta-liberaSovranità monetariaSistema bancario mondialeScarsità monetariaDenaro senza contropartitaPanico Globale Organizzato (PGO)
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.