TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 29/05/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 AFRICA 
AFRICA / Delle ONG chiedono il rilascio dei prigionieri politici saharawi ad alto rischio di infezione da coronavirus
Date of publication at Tlaxcala: 03/04/2020
Original: Las ONG piden la liberación de presos políticos saharauis por alto riesgo de contagio del coronavirus
Translations available: English  Français 

Delle ONG chiedono il rilascio dei prigionieri politici saharawi ad alto rischio di infezione da coronavirus

Equipe Media Sahara Media Team ايكيب ميديا

Translated by  Fausto Giudice Фаусто Джудиче فاوستو جيوديشي

 

I gruppi denunciano che questi prigionieri sono vittime di maltrattamenti, torture e negligenza medica intenzionale

Le prigioni marocchine sono i luoghi più favorevoli alla diffusione del coronavirus, dove migliaia di prigionieri vivono in condizioni di sovraffollamento

In Marocco i casi sono in aumento e riguardano circa 642 persone, 37 delle quali hanno perso la vita. Nel Sahara occidentale sono già state confermate 2 persone infette


Dimostrazione di saharawi nei territori occupati del Sahara Occidentale / Equipe Media

“Le loro vite sono in pericolo e devono essere liberati”. Così le ONG e gli attivisti per i diritti umani riassumono la situazione di decine di prigionieri politici saharawi ammassati nelle carceri marocchine, a grave rischio di contagio da Covid-19. Per molti anni i detenuti e le loro famiglie hanno denunciato condizioni “disumane” in queste carceri; ora la mancanza di ventilazione e di cure mediche si aggiungono al sovraffollamento come fattori di rischio di infezione.

In una lettera inviata a Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, Michelle Bachelet, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, e ai 15 membri del Consiglio di sicurezza dell'ONU, gruppi come Per un Sahara libero e il Movimento per i prigionieri politici saharawi  (MPPS) chiedono un'azione immediata per garantire la protezione dei prigionieri politici saharawi nelle prigioni marocchine di fronte alla pandemia.

I collettivi denunciano che “i prigionieri politici saharawi nelle prigioni marocchine, la maggior parte dei quali si trova in Marocco e non nel Sahara occidentale, sono vittime di maltrattamenti, torture e negligenza medica intenzionale”. Avvertono anche che “nel contesto di questa pandemia, sono bersagli facili per il regime marocchino ed è urgente intervenire per la loro protezione”.

Le prigioni marocchine sono i luoghi più favorevoli alla diffusione del coronavirus, dove migliaia di prigionieri vivono in condizioni di sovraffollamento in condizioni deplorevoli. La salute dei detenuti non è importante per l'amministrazione carceraria. E questo è coerente perché, altrimenti, non sarebbero torturati o tenuti in condizioni di scarsa igiene e sarebbero portati dal medico quando si ammalano.

Nel frattempo, il nuovo coronavirus continua la sua espansione mondiale. In Marocco i casi sono in aumento e riguardano circa 642 persone, 37 delle quali hanno perso la vita. Nel Sahara occidentale sono già stati confermati due casi di covid-19. I Saharawi sono in quarantena.

►Il Comitato norvegese di sostegno al Sahara occidentale si unisce alla campagna di firma e suggerisce di scrivere lettere ai seguenti organismi per chiedere l'immediato rilascio di tutti i prigionieri politici saharawi. Ancora più necessario a causa di COVID-19.

  • Saad-Eddine El Othmani, Primo Ministro del Marocco
    Fax: +212 37 76 99 95/37 76 86 56
     
  • Nasser Bourita, Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione, Marocco
    Fax: +212 - 37-76-55-08 / 37-76-46-79 Email: ministere@maec.gov.ma
     
  • Mohamed Benabdelkader, Ministro della Giustizia, Rabat, Marocco
    Fax: +212 37 72 68 56. Email: ccdh@ccdh.org.ma
     
  • Mustapha Ramid, Ministro di Stato per i diritti umani, Marocco
    Fax: +212 5 37 67 67 11 55, Email: contact@didh.gov.ma
  • Rappresentante permanente del Regno del Marocco presso l'Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra e altre organizzazioni internazionali in Svizzera
    18a Chemin François Lehmann, 1218 Grand Saconnex, Fax: + 022 791 81 80 41 Email: mission.maroc@ties.itu.int
     
  • S.E. Alem Menouar, Ambasciatore, Missione del Regno del Marocco presso l'Unione Europea
    2 Avenue Franklin Roosevelt, 1050 Bruxelles, Belgio Email: mission.maroc@skynet.be

 

  





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.cuartopoder.es/internacional/2020/04/03/ong-piden-la-liberacion-de-presos-politicos-saharauis-por-alto-riesgo-de-contagio-del-coronavirus/
Publication date of original article: 03/04/2020
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=28534

 

Tags: Prigionieri politici saharawiCrisi del coronavirus
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.