TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 04/06/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ABYA YALA 
ABYA YALA / Guatemala: quarant’anni dopo il massacro dell’ambasciata di Spagna, quello che resta da fare
Date of publication at Tlaxcala: 26/02/2020
Original: Guatemala: Cuarenta años después, lo que queda por hacer
Translations available: Français 

Guatemala: quarant’anni dopo il massacro dell’ambasciata di Spagna, quello che resta da fare

Factor Méndez Doninelli

Translated by  Silvana Fioresi
Edited by  Fausto Giudice Фаусто Джудиче فاوستو جيوديشي

 

Lo scorso 31 gennaio segna il quarantesimo anniversario (1980-2020) del massacro commesso all’ambasciata di Spagna in Guatemala, provocato dalle forze dell’ordine della dittatura militare dell’epoca, presidiata dal generale Fernando Romeo Lucas García (1978-1982). L’attacco contro questa rappresentanza diplomatica ha fatto 37 morti.


37 morti carbonizzati: fine dell’occupazione dell’ambasciata di Spagna- Il governo dice: "Una cellula terrorista ha occupato l’ambasciata"

Quel giorno un gruppo di contadini maya dell’etnia Quiché, accompagnati da studenti universitari, hanno occupato la suddetta ambasciata con l’intenzione di attirare l’attenzione nazionale e internazionale, per denunciare le atrocità che l’esercito guatemalteco commetteva contro la popolazione indigena, in particolare nella regione di Ixil.

A quel tempo il mondo era bipolare, due potenze mondiali divergenti (gli USA e l’ex Unione Sovietica) si contendevano il dominio del pianeta, la guerra fredda era in vigore e le politiche di controinsurrezione anticomuniste promosse dall’imperialismo usamericano miravano a contenere quello che loro chiamavano « l'avanzamento del comunismo ».

In Guatemala la lotta armata era in piena espansione e, in ragione della polarità sociale esistente, ogni atto, espressione o azione di individui, gruppi, organizzazioni o istituzioni, interpretata come opposta al governo, era considerata come “sovversiva”. Di fronte a una probabile vittoria degli insorti, l’esercito ha attuato un’offensiva militare senza precedenti, includendo una politica da terra bruciata, genocidi e crimini contro l’umanità (esecuzioni extragiudiziarie, detenzioni illegali e arbitrarie, torture, trattamenti crudeli e disumani, sparizioni forzate o involontarie), facendo, con tutto questo, migliaia di vittime.  

 

“Perché il colore del sangue è dimenticato? i massacrati saranno vendicati”

Venendo a sapere dell’occupazione dell’ambasciata, il governo ha ordinato alla polizia nazionale (PN) di espellere il gruppo di contadini, a dispetto delle richieste di ritiro dell’ambasciatore Máximo Cajal, per cercare una soluzione pacifica attraverso il dialogo. A causa dell’azione brutale della PN il governo spagnolo di Adolfo Suárez ha interrotto le relazioni diplomatiche con il Guatemala, ristabilite poi nel 1985.

Arredondo

Le seguenti persone sono state accusate del massacro: Donaldo Álvarez Ruiz, ex ministro degli interni, tuttora in fuga ; Germán Chupina Barahona, ex direttore della PN dissolta, il generale Óscar Humberto Mejía Victores, ormai morto, e Pedro García Arredondo, ex capo del Comando 6 della PN. Il 19 gennaio 2015, il Tribunale B dei rischi maggiori ha condannato García Arredondo, ritenuto colpevole del massacro, a 90 anni di prigione. È stato anche ritenuto colpevole dell’esecuzione di due studenti universitari che partecipavano ai funerali delle vittime dell’incendio dell’ambasciata.

 

“Chupina Barahona, la morte non ti assolve né ti perdona”-HIJOS (Figli per l’Identità e la Giustizia contro l’Oblio e il Silenzio)

Tra le vittime figuravano l’ex vicepresidente guatemalteca Eduardo Cáceres Lehnhoff e l’ex ministro degli Esteri Adolfo Molina Orantes e anche il console spagnolo Jaime Ruiz del Árbol e gli spagnoli Luis Felipe Sanz e María Teresa Villa.

Le altre vittime : Juan Chic Hernández, Vicente Menchú, Gabina Morán Chupé, María Pinula Lux, Regina Pol Juy, María Ramírez Anay, Antonia Ramírez Anay, Mateo Sic Chen, Mateo Sis, Juan Tomás Lux, Francisco Tum Castro, Gaspar Vivi, Juan Us Chic, José Ángel Xoná Gómez, Juan López Yac, Gregorio Yuja Xoná, Mateo López Calvo, Juan José Yos, Francisco Chen Tecú, Salomón Tabico Zapeta, Edgar Rodolfo Negreros Straube, Leopoldo Pineda, Luis Antonio Ramírez Paz, Sonia Magali Welches Hernández, Lucrecia Anleu, Lucrecia de Avilés, Mary de Barillas, Nora Mena Aceituno, Miriam Rodríguez, Fernando Antonio García Rac e Trinidad Gómez Hernández.

Ciò che rimane da fare è mantenere la memoria storica viva, onorare le vittime e la loro lotta, continuare a lottare contro l’impunità e garantire che questo non si ripeterà più.

 





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.alainet.org/es/articulo/204501
Publication date of original article: 31/01/2020
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=28192

 

Tags: Massacro Ambasciata di Spagna GuatemalaControinusrrezioneResistenza armataRivolte logicheGuatemalaAbya Yala
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.