TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 02/06/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 EDITORIALS & OP-EDS 
EDITORIALS & OP-EDS / Perversione della classe intellettuale
Date of publication at Tlaxcala: 11/01/2020
Original: Intelectualidad perversa
Translations available: Français  Português/Galego 

Perversione della classe intellettuale

Alí Ramón Rojas Olaya

Translated by  Tito Pulsinelli  -  Alba Canelli

 

Nel 1786, quando Bolivar aveva 3 anni, Thomas Jefferson (1743-1826), prima di diventare il terzo presidente degli Stati Uniti (1801-1809) e prima che fosse scritta la Dottrina Monroe, vomitò queste parole: "La nostra Confederazione deve essere considerata come il nido dal quale tutta l'America, sia del Nord che del Sud, deve essere popolata. Ma guardiamoci dal credere che sia nell'interesse di questo grande continente espellere gli spagnoli. Per il momento, questi paesi sono nelle mani migliori, e temo solo che saranno troppo deboli per mantenerli sotto controllo fino a quando la nostra popolazione non sarà cresciuta abbastanza per portarli via pezzo per pezzo". Questa macabra sentenza fu sostenuta militarmente nel Corpo dei Marines fondato a Filadelfia il 10 novembre 1775.

Il mondo per gli USA

Nel 1804, John Quincy Adams (1758-1831), che sarebbe diventato il sesto presidente degli Stati Uniti (1825-1829), ampliò la visione del suo predecessore: "Tutto ciò che speriamo è di possedere il mondo".

http://tlaxcala-int.org/upload/gal_21574.jpg

I 12 apostoli

Le più importanti università e i centri di studi superiori della NATO (Organizzazione Terrorista del Nord Atlantico) sono al servizio della politica di ingerenza. Lì, i think tank stanno tramando l'ordito e la trama del loro impero: Henry Kissinger (Harvard), Allen Dulles (Princeton), Leo Strauss (Columbia), Allan Bloom (Chicago), Alexandre Kojève (École Pratique des Hautes Études de París), Paul Wolfowitz (Chicago e Cornell), Francis Fukuyama (Harvard e Cornell), Albert Wohlstetter (Columbia e City College of New York), Milton Friedman (Columbia, Chicago e Rutgers), Gene Sharp (Statale dell' Ohio), Robert Keohane (Harvard) e Joe Nye (Harvard) sono solo alcuni di questi carri armati del pensiero. È dovere di ogni bolivariano conoscere le loro opere e far conoscere la loro ideologia minacciosa per rafforzare la difesa integrale.

La Dottrina Monroe

La Dottrina Monroe e il concetto di Destino Manifesto sono stati "sviluppati nel XX secolo da tre pensatori che hanno consolidato l'ideologia del pensiero conservatore negli Stati Uniti". Luis Antonio Bigott nel suo libro "Otra vez y ahora sí Bolívar contra Monroe" (Editorial Trinchera, 2010), si riferisce a Leo Strauss (1899-1973), Allan David Bloom (1930-1992) e Alexandre Kojève (1902-1968) che, influenzati dalla Fenomenologia di Edmund Husserl e dall'esistenzialismo del filosofo nazista Martin Heidegger, sostengono la superiorità degli USA.

http://tlaxcala-int.org/upload/gal_21573.jpg

John Gast, 1872, American Progress, un'allegoria del "Destino Manifesto": "Colombia", personificazione degli USA, conduce la civiltà verso ovest alla testa dei coloni che stabiliscono le linee del telegrafo, e così facendo provoca la fuga deggli animali selvatici e dei pellerossa, probabilmente terrorizzati dal libro che essa porta...

 

Destino manifesto

Tutti gli americani si credono superiori perché la dottrina del Destino Manifesto esprime che gli Stati Uniti sono una nazione destinata ad espandersi da nord a sud e dall'Atlantico alle coste del Pacifico. In questo modo, gli americani presuppongono che l'espansione non sia solo buona, ma anche logica, cioè che sia manifesta e certa, cioè che abbia un destino. Il Destino Manifesto ha una maniglia sul Deuteronomio della Bibbia su cui Israele basa la sua invasione della Palestina, ed è l'equivalente tedesco della teoria del Lebensraum (Spazio vitale) che i nazisti hanno promosso per giustificare la loro espansione nell'Europa orientale e nell'Asia centrale. Se c'è qualche dubbio, basta leggere il capitolo 20 del Deuteronomio, il libro dell'Antico Testamento e del Tanakh ebraico, che è al quinto posto, preceduto da Numeri ed è, di conseguenza, l'ultimo testo della Torah e, per i cristiani, del Pentateuco: 

"Se ti avvicini per assediare una città, le offrirai prima la pace. Se lo accetta e vi apre le porte, tutte le persone che vi sono dentro saranno salvate, e saranno soggette a voi, e vi saranno affluenti. Ma se non si arrenderà, e le ostilità inizieranno contro di te, tu la colpirai; e quando il Signore tuo Dio te l'avrà consegnata in mano, metterai a ferro e fuoco tutti gli uomini di guerra che vi si trovano. Ma non farai del male alle donne, né ai bambini, né al bestiame, né a tutto ciò che è in città. Dividi il bottino tra il popolo e mangia il bottino dei tuoi nemici, che il tuo signore Dio ti ha dato. Così farai a tutte le città che sono molto lontane da te e non sono di quelle di cui prenderai possesso. Perché nelle città che ti saranno date nel paese della promessa non lascerai un'anima viva, ma le metterai tutte a nudo senza distinzione".
Il Destino Manifesto è sintetizzato in tre pilastri: (1) La virtù delle istituzioni e dei cittadini degli Stati Uniti. (2) La missione di estendere queste istituzioni, ridisegnando il mondo a immagine e somiglianza degli Stati Uniti. (3) La decisione di Dio di affidare agli Stati Uniti l'adempimento di tale missione.

La Dottrina Monroe, sviluppata da John Quincy Adams e attribuita a James Monroe nel 1823, afferma che l'America Latina è considerata una "sfera d'influenza" per gli Stati Uniti. È sintetizzato nella frase "L'America per gli americani", solo che per i nordamericani gli unici americani sono loro stessi.

Quadro teorico della violenza

Per Strauss la pace è una situazione negativa e la guerra è la cosa positiva. Riferendosi al destino del colosso del nord scrive: "Gli Stati Uniti sono la nazione scelta da Dio. Gli Stati Uniti non dovrebbero mai impegnarsi per una pace americana, ma rimanere in una guerra permanente".

Strauss ha imparato da Nietzsche che solo pochi sono in grado di conoscere la verità senza cadere a pezzi. I filosofi non possono dire quello che pensano veramente. Quindi, per lui, la verità è pericolosa e distruttiva per la società. Ecco perché dice che dall'inizio dei tempi la gente crea menzogne per vivere in modo più pacifico. La religione, per esempio. La speranza nell'aldilà, nella punizione del male e nella ricompensa del bene, la reincarnazione, la resurrezione, la vita eterna, l'immagine stessa di Dio, tutte queste sono solo speranze di poter vivere. Sono "bugie necessarie", senza le quali la maggior parte degli esseri umani probabilmente si dispererebbe e si suiciderebbe, sapendo che questa valle di lacrime non ha un lieto fine. Questo è rafforzato da Bloom: "Gli Stati Uniti sono il centro del dominio e hanno bisogno del mantenimento permanente della violenza".

Kojève, da parte sua, ci assicura che le componenti teleologiche, dovere degli Stati Uniti, sono costituite dal nazionalismo e dal messianismo. La vera civiltà, che per Kojève è rappresentata dagli Stati Uniti, sarà possibile solo se mantiene un regime di terrore che è inevitabile.

Francis Fukuyama (1952) difende la teoria secondo cui la storia umana come lotta tra ideologie è finita, dando vita a un mondo in cui l'economia neoliberale si è imposta e che questa, protetta da una pseudo-democrazia, costituisce l'unico pensiero.

Paul Wolfowitz (1943) giustifica la guerra per estendere la democrazia del libero mercato. Specializzato nell'inventare minacce immaginarie per ottenere denaro e lanciare avventure belliche, ha creato teorie sugli "interventi preventivi" e sull'intimidazione ai "concorrenti emergenti". Sotto l'influenza di Allan Bloom, Paul Wolfowitz sviluppa le sue conoscenze in scienze politiche e il suo interesse si concentra sulla filosofia di Leo Strauss, il consigliere di Bloom.

Albert Wohlstetter (1913-1997), che ha studiato matematica con Jacob Wolfowtiz, padre di Paul, è il primo stratega nucleare del paese. È un membro della Rand Corporation e un teorico statunitense della vulnerabilità. Wohlstetter, figura chiave dei neoconservatori, fondò la squadra dei "Vulcaniani", in riferimento al dio romano che forgia armi divine nelle profondità dei vulcani. Questo gruppo comprendeva Condoleezza Rice.

Milton Friedman (1912-2006), economista sionista statunitense e creatore della dottrina del libero mercato, ha infestato il Cile nel 1975 con lezioni di economia durante il governo militare di Pinochet, quando fu invitato dalla Valparaíso Business School. Friedman, per aver soffocato le economie di paesi tutt'altro che liberi, per aver attuato misure economiche impopolari, per aver raccomandato la creazione del caos per attuarle, ha vinto il premio Nobel per l'economia nel 1976.

Il bocciolo di un fiore

Dal 1952 al 1961, la direzione della Agenzia Centrale di Intelligenza degli Stati Uniti (CIA) fu assunta da Allen Welsh Dulles, che nel 1965 pubblicò il libro “The Craft of Intelligence”, in cui illustra il metodo per ottenere l'annichilimento dell'URSS. Per raggiungere questo obiettivo generale, Dulles si propone il penultimo obiettivo: propagare il caos. Per ottenerlo, dice, bisogna concretizzare quattro obiettivi specifici, che definisce episodi. A questo riguardo spiega: “Episodio dopo episodio, si vanno delineando le proporzioni di una grande tragedia, quella della morte del più irriducibile popolo della terra, la tragedia della definitiva e irreversibile estinzione della sua autocoscienza”. Questi obiettivi specifici o episodi che attaccano i valori, la cultura e il partito con l'aiuto dei lacchè di sempre, sono l'inoculazione degli antivalori. “Sostituiremo i valori sovietici, senza che sia percepito, e li rimpiazzeremo con altri falsi, e li obbligheremo a credere in essi”.

Aiuto dei lacchè: “Troveremo i nostri alleati dentro la stessa Russia”. Controcultura: “Faremo sparire dalla letteratura e dall'arte il contenuto sociale. Disabitueremo agli artisti, faremo passar loro la voglia di dedicarsi all'arte, alla ricerca e studio dei fenomeni che si sviluppano all'interno della società. Letteratura, cinema, teatro, dovranno riflettere ed esaltare i più bassi istinti umani. Appoggeremo con ogni mezzo quegli artisti che cominciano a inculcare nella coscienza umana il culto del sesso, della violenza, il sadismo e il tradimento. In una parola: qualsiasi tipo di amoralità”.

Caos nel partito: “In direzione dello Stato, creeremo il caos e la confusione: In modo impercettibile, ma con continuità e costanza, stimoleremo il dispotismo dei funzionari, la corruzione e la mancanza dei principi. L'onestà e l'onorabilità saranno ridicolizzate come cose non necessarie, presentate come vestigia del passato. La sfacciataggine, l'insolenza, l'inganno, l'alcolismo e tossicomania, la paura irrazionale dei propri simili, il tradimento, il nazionalismo e l'ostilità tra i popoli e, prima di tutto, l'odio verso il popolo russo; tutto questo lo coltiveremo abilmente fino a che tutto scoppierà come il bocciolo di un fiore”.

Una volta realizzati questi quattro obiettivi specifici, Dulles deduce che “ben pochi riusciranno a sospettare o persino comprendere quel che realmente succede”. “Però questa gente la metteremo in situazione di non poter nuocere, indifesi, ridicolizzati, troveremo come calunniarli, screditarli, segnalandoli come scorie sociali. Fare apparire come volgarità i fondamenti della moralità, fino a distruggerli”. “La nostra principale scommessa è la gioventù. La corromperemo, demoralizzeremo, pervertiremo”.

La violenza della non-violenza

Gene Sharp (1928) fa del jiu-jitsu un'arma di pace nel mondo. Il jiu-jitsu è un'arte marziale giapponese che si basa sulla difesa senza armi. Da due millenni è praticata nel paese del sol nascente. La sua origine rimonta alle battaglie tra i “bushi”, guerrieri classici, contro i samurai, guerrieri con armature, che venivano neutralizzati e sconfitti solo per mezzo di lussazioni, strangolamenti ed atterramento. Gene Sharp, professore di Filosofia e Politica, fondatore dell'Istituto Albert Einstein, organizzazione “senza scopo di lucro” che promuove la “difesa della libertà e della democrazia, nonché la riduzione della violenza politica mediante il ricorso alle azioni non-violente”, coniò il termine Politica Jiu-Jitsu nel suo libro “Politics of Nonviolent Action:Part One:Power and Struggle”, pubblicato nel 1973. Con questo termine,Sharp, nato il 21 di gennaio del 1928, si riferisce all'abbattimento dell'opponente, squilibrandolo mediante una strategia politica.

Il codice di Sharp si origina nell'idea che il potere non deriva da una qualità intrinseca di quelli che comandano, ossia che il potere non è monolitico. Secondo Sharp, ogni struttura di potere si basa sull'obbedienza dei soggetti agli ordini della dirigenza politica. In tal senso, quando c'è disobbedienza civile cade il governo. In questa base che si coinvolge nella disobbedienza, gli studenti universitari sono una percentuale significativa.

In tal senso, il cubano Raul Antonio Capote narra nel libro “Nemico” che quand'era infiltrato nella controrivoluzione in terra cubana, riceveva istruzioni dalla CIA dirette a “creare, migliorare ed accrescere il lavoro svolto dalle reti tra gli studenti universitari” con la finalità di utilizzarli “per provocare un caos sociale e politico, generare caos nelle strade sotto le bandiere della nonviolenza; attirare la stampa internazionale, provocare la repressione mediante il ricorso ad azioni violente e illegali” per poi divulgarli nei canali di comunicazione sociale delle imprese private per poi giustificare qualsiasi tipo di azione contro la rivoluzione, presentadole come azioni di giustizia”.

Gene Sharp abitava, fino alla sua morte a 90 anni nel 2018, al primo piano di un edificio di Boston dove funziona anche l'Albert Einstein Institution (AEI). Questo piano è in realtà un laboratorio imperialista che funziona come un teatro di operazioni destabilizzanti contro governi che non si sottomettono agli interessi degli Stati Uniti. Da questa centrale di spionaggio si è intessuta la trama delle rivoluzioni colorate e delle primavere arabe; non per niente, la sua pagina web è tradotta in 40 lingue.

Soft power

I geopolitologi Joe Nye e Robert Keohane pubblicarono il libro Poder e Interdipendencia (1977) , dove sviluppano i concetti della interdipendenza asimmetrica e complessa. come componente del neoliberismo nelle relazioni internazionali. Nel 2004, Nye pubblica “Il Potere soffice: i mezzi per il successo nella politica mondiale”. Per Nye il soft power è più efficace del potere duro (invasione militare e guerra economica) perché si esercita attraverso la controcultura e l'ideologia dominante ed attacca la psiche: il potere è l'abilità di influire sul comportamento degli altri, ottenendo i risultati che si desiderano.
 
La tendenza del soft power è “lavorare indirettamente formando l'ambiente per la politica, ed alcune volte ci vogliono anni per produrre i risultati sperati”. Nye parla di tre categorie di analisi: cultura, valori e politica. Nel suo libro “The future of Power” (2011) Nye ribadisce che il potere soffice è descrittivo piuttosto che normativo, pertanto può essere strumentalizzato per fini infami. Questo professore dell'Università di Harvad afferma che “La seduzione è sempre più efficace della coazione, e i valori come democrazia, diritti umani e opportunità individuali sono profondamente seduttori”.

Bolivar vive!

L'impresario statunitense Warren Buffett, maggior azionista e direttore esecutivo della Perkshire Hathaway, è molto esplicito: “È in corso una guerra di classe, ma è la mia classe, quella dei ricchi, che sta facendo la guerra e la stiamo vincendo”.
 
Bolivar fu un obiettivo degli Stati Uniti dal 1824 al 1830. Gli “albini del nord” Henry Clay, William Tudor e William Henry Harrison - oltre allo staffiere colombiano Santander- volevano distruggere la Repubblica della Colombia che Bolivar creò il 17 dicembre del 1819 ad Angostura, perché aveva una straordinaria forza, un gran potere: quello era lo spazio ideale per la costruzione di un canale interoceanico, grandi piantagioni di cacao e caffè, immense ricchezze naturali, le aree fluviali dell'Orinoco, del Maddalena, del Meta e del Caronì. Per quel che riguarda i suoi nemici, Bolivar dice: “In conclusione, vedo uniti i cattivi ai perversi di tutti gli estremi per distruggere l'unica cosa buona e solida, e successivamente spartirsi tra loro gli avanzi e per ultimo spezzettarsi, sommergendo questo paese per sempre nell'abisso”. 

Con la ragione dalla sua parte e con la consapevolezza del pericolo insito nei piani d'espansione angloamericana, ci lascio' questa sentenza: “Penso che per l'America sarebbe meglio adottare il Corano che il governo degli Stati Uniti”. 
 
Bolivar vive!




Courtesy of Tlaxcala
Source: http://www.unexca.edu.ve/index.php/2019/02/17/articulo-intelectualidad-perversa/
Publication date of original article: 17/02/2019
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=27837

 

Tags: Simon BolivarVenezuelaUSAImperialismoAbya YalaPensatori dell'imperialismoRivoluzioni di coloreControrivoluzioni
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.