TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 19/01/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / La tortura sistematica dei palestinesi nelle prigioni israeliane
Date of publication at Tlaxcala: 07/12/2019
Original: The systematic torture of Palestinians in Israeli detention
Translations available: Français 

La tortura sistematica dei palestinesi nelle prigioni israeliane

Yara Hawari يارا هواري

Translated by  Alba Canelli

 

Dalla creazione di Israele nel 1948, l'Agenzia per la sicurezza israeliana tortura i palestinesi. Yara Hawari, ricercatrice principale della rete Al-Shabaka di ricerca sull politica in Palestina, spiega qui che l'uso della tortura nei centri di detenzione israeliani è sistematico e legittimato dalla legge dell'occupante. Descrive poi i passi che la comunità internazionale deve compiere per ritenere Israele responsabile e per porre fine a queste violazioni della legge.

 
Il recente caso di Samer Arbeed sottolinea ancora una volta l'uso sistematico della tortura contro i detenuti palestinesi nelle prigioni israeliane. I soldati israeliani hanno arrestato Arbeed nella sua casa di Ramallah il 25 settembre 2019. Lo hanno picchiato duramente prima di portarlo al centro di detenzione Moscovia a Gerusalemme per un interrogatorio.
 
Due giorni dopo, secondo il suo avvocato, è stato ricoverato in ospedale dopo essere stato violentemente torturato e la sua vita è stata in pericolo per diverse settimane. Un tribunale aveva autorizzato i servizi segreti israeliani, lo Shin Bet, ad utilizzare "metodi eccezionali" per ottenere informazioni in questo caso senza passare attraverso i tribunali. Questo ha portato Amnesty International a condannare il trattamento di Arbeed, che l'ONG ha definito "tortura sanzionata dalla legge". [1]
 
Nell'agosto 2019, poco prima dell'arresto di Arbeed, le forze di occupazione israeliane hanno lanciato un'operazione contro i giovani palestinesi e arrestato più di 40 studenti dell'Università di Birzeit. Gli arresti sono aumentati dopo la detenzione di Arbeed e, poiché a molti studenti è stato negato l'accesso a un avvocato, si teme che molti di loro siano stati sottoposti a tortura.
 
Questi atti di tortura non sono nuovi. Dalla creazione dello Stato di Israele nel 1948, lo Shabak (conosciuto come Shinbet, agenzia di intelligence interna) (ISA) ha sistematicamente torturato i palestinesi con diverse tecniche. Molti paesi hanno sancito la proibizione della tortura nella loro legislazione nazionale (il che non impedisce che rimanga una pratica diffusa con il pretesto della sicurezza di Stato), ma Israele ha intrapreso una strada diversa: Non ha adottato una legislazione nazionale che vieta l'uso della tortura e i suoi tribunali hanno autorizzato l'uso della tortura nei casi di "necessità". Ciò ha permesso all'ISA di fare ampio uso della tortura contro i prigionieri politici palestinesi.
 
Lo scopo di questo articolo è quello di descrivere la pratica della tortura nelle prigioni israeliane (al momento dell'arresto e nelle prigioni), di tracciarne la storia e di analizzarne gli sviluppi recenti. Basato sul lavoro di varie organizzazioni palestinesi, l'articolo mostra che la pratica della tortura nel sistema carcerario israeliano è sistematica e sancita dal diritto nazionale. Propone una serie di misure chiare che consentirebbero alla comunità internazionale di chiedere conto a Israele e di porre fine a queste violazioni.

La tortura e la legge

La questione della tortura occupa un posto importante nei dibattiti sull'etica e la morale. Molte persone sottolineano che la pratica della tortura è un segno di una società malata e corrotta. Infatti, per praticare la tortura, non si deve avere nulla di umano, e una volta iniziato questo processo di disumanizzazione non ci sono limiti. Inoltre, la scusa comunemente usata dalle forze di sicurezza per giustificare la tortura, ossia che fornisce informazioni vitali, è contraddetta dai fatti. Secondo molti esperti di primo piano, e persino i funzionari della CIA, le informazioni ottenute sotto tortura sono generalmente false. I detenuti spesso confessano di tutto per porre fine alle loro sofferenze.
 
Il regime giuridico internazionale vieta la tortura ai sensi del diritto internazionale consuetudinario e di vari trattati internazionali e regionali. L'articolo 5 della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo stabilisce quanto segue: "Nessuno può essere sottoposto a tortura o a pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti". Il diritto internazionale umanitario, che regola la condotta delle parti durante un conflitto, include anche la proibizione della tortura. Ad esempio, la terza convenzione di Ginevra vieta "la violenza contro la vita e le persone, in particolare l'omicidio in tutte le sue forme, le mutilazioni, i trattamenti crudeli e la tortura" e "gli attacchi alla dignità personale, in particolare i trattamenti umilianti e degradanti". Inoltre, la quarta convenzione recita: "Nessuna coercizione fisica o morale può essere esercitata nei confronti delle persone protette, in particolare per ottenere informazioni da loro o da terzi".
 
Il divieto di tortura è talmente assoluto da essere considerato jus cogens ai sensi del diritto internazionale, il che significa che non può essere derogato o sostituito da qualsiasi altra legge. Tuttavia, la tortura continua ad essere usata da molti paesi in tutto il mondo. Amnesty International parla di una crisi globale, in quanto l'ONG ha documentato violazioni del divieto di tortura nella grande maggioranza degli Stati membri dell'ONU negli ultimi cinque anni.
 
La "guerra al terrorismo" condotta dagli USA dopo l'11 settembre 2001 ha portato a casi di sistematica e atroce tortura, le cui vittime sono state soprattutto prigionieri arabi e musulmani. Il campo di detenzione di Guantanamo Bay, istituito dagli USA nel 2002 per detenere "terroristi", è stato e rimane un luogo di tortura. Immagini di prigionieri bendati, ammanettati e inginocchiati a terra in abito arancione sono state condivise in tutto il mondo.
 
Tuttavia, forse le immagini più eclatanti di questo periodo provengono dalla prigione militare usamericana di Abu Ghraib, in Iraq. Le foto militari trapelate e i rapporti rivelano che la prigione è stata teatro di torture su larga scala, tra cui lo stupro di uomini, donne e bambini. L'amministrazione usamericana dell'epoca condannò questi atti e cercò di farli sembrare un incidente isolato. Le organizzazioni per i diritti umani, tra cui Human Rights Watch, hanno affermato il contrario.
 
Inoltre, le recenti testimonianze su Abu Ghraib rivelano i cupi legami tra le tecniche di interrogatorio usamericane e israeliane. In una memoria, un ex interrogatore usamericano in Iraq ha affermato che l'esercito israeliano ha addestrato il personale usamericano in varie tecniche di interrogatorio e tortura, tra cui quella che è stata chiamata "sedia palestinese", in cui un detenuto è legato a una sedia bassa con le mani legate ai piedi, che lo tiene in una posizione accovacciata. Questa pratica terribilmente dolorosa è stata perfezionata sui palestinesi - da qui il suo nome - ed è stata adottata dagli usamericani in Iraq.
 
Nonostante questi scandali, sono state adottate pochissime misure per proteggere i prigionieri di guerra e la tortura continua ad essere giustificata in nome della sicurezza. Nella sua prima intervista, Donald Trump, appena nominato presidente degli USA, ha detto che, nel contesto della "guerra al terrore", la "tortura funziona". La cultura popolare, come le serie televisive "24" e "Homeland", normalizza anche l'uso della tortura, in particolare contro arabi e musulmani, e sostiene l'idea che sia giustificata dall'interesse superiore. Recentemente sono aumentate anche le serie televisive e i film con le attività del Mossad e Shin Bet, come "Fauda", "The Spy" e "Dead Sea Diving Resort", che promuovono le attività dell'ISA demonizzando i palestinesi come terroristi. Queste serie e questi film presentano al mondo un'immagine di Israele che gli permette di giustificare le sue violazioni del diritto internazionale, compresa la tortura.
 
Sebbene Israele abbia ratificato la Convenzione contro la tortura (CAT) nel 1991, non l'ha recepita nella propria legislazione nazionale. Inoltre, nonostante l'affermazione contraria del Comitato delle Nazioni Unite, Israele sostiene che la Convenzione contro la tortura non si applica ai territori palestinesi occupati. [2] Poiché è permessa nei casi di "necessità", Israele può affermare che non vi è alcun crimine di tortura in Israele, come ha fatto nel caso Arbeed. Questa "necessità" ha preso il suggestivo nome di "bomba a tempo" che permette a molti governi di giustificare la tortura e la violenza in situazioni ritenute urgenti.
 
Israele ha anche emesso diverse sentenze sulla tortura che hanno rafforzato le attività dei suoi servizi di sicurezza. Ad esempio, nel 1987, due palestinesi hanno sequestrato un autobus israeliano e sono stati poi catturati, picchiati e giustiziati dallo Shin Bet. I media israeliani hanno ricevuto l'ordine di non riferirlo, ma i dettagli della tortura e dell'esecuzione sono trapelati e hanno portato alla creazione di una commissione governativa. La commissione ha concluso che, sebbene "la pressione sui detenuti non dovrebbe mai assumere la forma di tortura fisica..... una misura moderata di pressione fisica non può essere evitata". Le raccomandazioni della commissione hanno ignorato il diritto internazionale non definendo "misure di pressione fisica moderata", e di fatto hanno dato allo Shin Bet la libertà di torturare i palestinesi.
 
Più di dieci anni dopo, a seguito di una richiesta delle organizzazioni per i diritti umani, la Corte suprema israeliana ha emesso nel 1999 una sentenza secondo la quale agli interrogatori dell'ISA non è più consentito l'uso di mezzi fisici negli interrogatori, vietando così l'uso della tortura. La Corte ha stabilito che quattro metodi comuni di "pressione fisica" (scuotimenti violenti, concatenamento ad una sedia in posizione stressante, restare accovacciati prolungatamente a rana e privazione del sonno) sono illegali. Ma il tribunale ha aggiunto una clausola che ha dato agli interrogatori una via di fuga, esonerando i colpevoli di pressione fisica da qualsiasi responsabilità penale se hanno agito in una situazione di bomba a tempo o per necessità in difesa dello Stato - in altre parole, se il detenuto è stato considerato una minaccia immediata per la sicurezza pubblica.
 
La tortura come necessità di sicurezza è stata riaffermata nel 2017 quando la Corte suprema si è pronunciata a favore dello Shin Bet, che ha ammesso di aver commesso quelle che hanno definito "forme estreme di pressione" sul detenuto palestinese Assad Abu Ghosh. La loro giustificazione era che Abu Ghosh aveva informazioni su un imminente attacco terroristico. La corte lo ha considerato un "interrogatorio rinforzato" piuttosto che una tortura, e ha affermato che era giustificato a causa della dottrina della bomba a orologeria. I tribunali hanno regolarmente emesso sentenze di questo tipo.
 
Sebbene le organizzazioni palestinesi per i diritti umani presentino regolarmente denunce alle autorità israeliane, raramente ricevono una risposta, e quando lo fanno, è spesso per informarle che il caso è stato chiuso per mancanza di prove. In realtà, dal 2001 sono state presentate 1.200 denunce contro i servizi di sicurezza per tortura, ma nessun agente è mai stato perseguito.

Il sistema carcerario israeliano: luoghi di tortura sistematica

Ogni anno, il sistema carcerario militare israeliano arresta e incarcera migliaia di prigionieri politici palestinesi, per lo più provenienti dai territori occupati nel 1967. Dall'inizio dell'occupazione della Cisgiordania e della Striscia di Gaza e dell'instaurazione della legge marziale in queste zone, Israele ha detenuto più di 800.000 palestinesi, che rappresentano il 40% della popolazione maschile, ovvero un quinto della popolazione totale.
 
La legge israeliana consente inoltre all'esercito di detenere un prigioniero fino a sei mesi senza accuse in una procedura nota come detenzione amministrativa. Questo periodo può essere prolungato a tempo indeterminato, mentre le "accuse" rimangono segrete. Di conseguenza, i detenuti e i loro avvocati non sanno di cosa sono accusati o quali prove vengono utilizzate contro di loro. L'ultimo giorno del periodo di sei mesi, le persone così detenute sono informate se saranno rilasciate o se la loro detenzione sarà prorogata. Addameer, l'Associazione per l'assistenza ai detenuti e i diritti umani, ha definito questa pratica come una forma di tortura psicologica in sé.
 
È durante il periodo iniziale di detenzione, amministrativa o meno, quando i detenuti sono spesso privati di qualsiasi contatto con i loro avvocati e/o familiari, che sono sottoposti alle forme più violente di interrogatorio e tortura. Quando e se arrivano in tribunale, vengono processati dai soldati israeliani e spesso viene loro negata un'adeguata rappresentanza legale. Questo sistema è illegale ai sensi del diritto internazionale e gruppi palestinesi e internazionali per i diritti umani hanno documentato una vasta gamma di violazioni.
 
I bambini non sono risparmiati dai disagi della prigionia e della tortura nel sistema militare israeliano e quasi sempre viene negata la presenza dei genitori durante gli interrogatori. Questo è stato il caso, ad esempio, nel 2010, quando la polizia di frontiera israeliana ha arrestato Mohammed Halabiyeh, 16 anni, nella sua città natale di Abu Dis. Durante il suo arresto, la polizia gli ha rotto la gamba e lo ha picchiato, calciandolo intenzionalmente nella gamba ferita. E' stato interrogato per cinque giorni consecutivi e ha ricevuto minacce di morte e aggressioni sessuali. Fu poi ricoverato in ospedale e, durante questo periodo, gli agenti israeliani continuarono a maltrattarlo inserendogli delle siringhe nel corpo e colpendolo in faccia. Halabiyeh è stata processato e perseguito come adulto, come tutti i bambini palestinesi di età superiore ai 16 anni detenuti, in diretta violazione della Convenzione sui diritti del fanciullo [3]. Israele arresta, detiene e persegue ogni anno tra i 500 e i 700 bambini palestinesi.
 
Attualmente ci sono 5.000 prigionieri politici palestinesi, tra cui 190 bambini, 43 donne e 425 detenuti amministrativi, la maggior parte dei quali sono stati sottoposti a qualche forma di tortura. Secondo Addameer, i metodi più comuni usati dallo Shin Bet e dagli interrogatori sono i seguenti:
 
- Tortura Posizionale: i detenuti sono posti in posizioni stressanti, spesso con le mani legate dietro la schiena e i piedi incatenati e costretti a piegarsi a metà. Vengono lasciati in questa posizione per molto tempo durante gli interrogatori.
- Picchiati: i detenuti sono spesso picchiati, a mano o con oggetti, a volte fino all'incoscienza.
- Confinamento solitario: i detenuti sono tenuti in isolamento per lunghi periodi di tempo.
- Privazione del sonno: ai detenuti viene impedito di riposare o dormire e vengono sottoposti a lunghe sessioni di interrogatorio.
- Tortura sessuale: uomini, donne e bambini palestinesi sono vittime di stupro, molestie fisiche e minacce di stupro. Le molestie sessuali verbali sono una pratica particolarmente comune in cui i detenuti ricevono commenti su se stessi o sui propri familiari. Questo tipo di tortura è spesso considerato efficace perché la vergogna che circonda le violazioni sessuali impedisce ai detenuti di rivelarle.
- Minacce ai membri della famiglia: gli interrogatori li minacciano di attaccare i membri della famiglia per costringerli a parlare. Ci sono stati casi in cui i membri della famiglia sono stati arrestati e interrogati in una stanza vicina, in modo che il detenuto possa sentire che venivano torturati.
 
I suddetti metodi di tortura lasciano danni durevoli. Mentre la tortura fisica può causare gravi danni fisici, comprese fratture ossee e dolori muscolari e articolari cronici, soprattutto a causa di posizioni stressanti o l'essere confinati in uno spazio ristretto, i danni psicologici possono essere ancora più gravi, con conseguenti depressioni profonde e durature, allucinazioni, ansia, insonnia e pensieri suicidi.
 
Molti meccanismi di tortura richiedono la complicità degli attori del sistema giudiziario militare israeliano, compreso il personale medico, che viola il codice etico medico, definito dalla dichiarazione di Tokyo e dal protocollo di Istanbul, che stabilisce che i medici non devono cooperare con gli interrogatori che praticano la tortura, non devono condividere informazioni mediche con i torturatori e devono opporsi attivamente alla tortura. In realtà, i medici israeliani sono stati a lungo complici nella tortura di detenuti e prigionieri palestinesi. Nel corso degli anni, i giornalisti hanno scoperto documenti che rivelano che i medici hanno convalidato atti di tortura e dichiarazioni scritte false per giustificare le lesioni causate dalla tortura.
 
I medici sono anche complici nell'alimentazione forzata, un altro meccanismo di tortura, anche se meno comune, usato dal regime israeliano. In caso di alimentazione forzata, il detenuto viene legato mentre un tubo sottile viene spinto attraverso una narice verso lo stomaco. Il liquido scorre poi nel tubo per alimentare il corpo. Il personale medico deve inserire il tubo, che a volte può entrare nella bocca o nella trachea invece che nell'esofago, nel qual caso l'operazione deve essere ripetuta. Non solo è molto doloroso, ma può anche portare a gravi complicazioni mediche e persino alla morte.
 
Negli anni '70 e '80, diversi prigionieri palestinesi morirono a causa del cibo forzato e la Corte suprema aveva ordinato di porre fine a questa pratica. Ma una legge della Knesset del 2012 ha ripristinato l'alimentazione forzata per rompere gli scioperi della fame palestinesi. In una dichiarazione indirizzata al Primo Ministro israeliano nel giugno 2015, l'Associazione Medica Mondiale ha dichiarato che "l'alimentazione forzata è violenta, spesso dolorosa e spesso va contro il principio dell'autonomia individuale. E' un trattamento degradante, disumano e può equivalere a una tortura"

Prevenire la tortura israeliana

Per i palestinesi, la tortura è solo uno degli aspetti della violenza strutturale a cui sono sottoposti dal regime israeliano, che li rinchiude in una prigione a cielo aperto e li priva dei loro diritti fondamentali. E' anche una questione che riceve poca attenzione da parte della comunità internazionale, di solito perché le autorità israeliane usano l'argomento della sicurezza di Stato, rafforzato dal discorso sulla "guerra al terrore". Così, il calvario di Samer Arbeed, descritto dai media israeliani come un terrorista, è stato ignorato dalla maggior parte degli Stati, nonostante le petizioni e le pressioni di molte organizzazioni per i diritti umani palestinesi e internazionali. Come per altre violazioni commesse contro il popolo palestinese, la tortura israeliana ci costringe a chiederci quale sia lo scopo del diritto internazionale.
 
Il 13 maggio 2016, il Comitato delle Nazioni Unite contro la tortura ha invitato Israele a mettere in atto più di 50 misure a seguito di un controllo del rispetto della Convenzione contro la tortura. Ha raccomandato, tra l'altro, che tutti gli interrogatori siano registrati e filmati, che i detenuti siano sottoposti ad esami medici indipendenti e che la detenzione amministrativa sia revocata. Si tratta, ovviamente, di raccomandazioni importanti e Israele dovrebbe essere obbligato a rispettarle. Ma tutto questo non serve a nulla finché i paesi terzi rifiutano di ritenere Israele responsabile delle violazioni del diritto internazionale e dei diritti dei palestinesi.
 
Ecco alcuni passi che potrebbero essere compiuti da coloro che lavorano per i diritti dei palestinesi sulla scena internazionale e nazionale per porre fine alla natura sistematica della tortura israeliana:
 
1) Le organizzazioni e i gruppi dovrebbero attaccare penalmente persone al di fuori di Israele e della Palestina coinvolte nella tortura dei palestinesi. La responsabilità può essere estesa non solo a coloro che commettono atti di tortura, ma anche a coloro che li consentono, li incoraggiano o non li denunciano. Ciò include interrogatori, giudici militari, guardie carcerarie e medici. Trattandosi di un crimine di guerra jus cogens, la tortura è soggetta a una giurisdizione universale, il che significa che terzi possono presentare denunce penali contro singoli individui. [4] Mentre gli attacchi penali non risolvono necessariamente il problema della tortura sistematica dei palestinesi, essi esercitano pressioni sugli israeliani coinvolti limitando i loro movimenti e movimenti in altri paesi.
 
2) In quanto unico organo giudiziario indipendente in grado di porre fine all'impunità per le violazioni dei diritti dei palestinesi, la Corte Penale Internazionale ha la responsabilità di chiedere conto a Israele. L'Ufficio del Procuratore, con tutte le informazioni e le relazioni dettagliate che gli sono state presentate, deve avviare un'indagine formale sulle violazioni commesse nel sistema carcerario israeliano.
 
(3) Gli Stati firmatari delle Convenzioni di Ginevra e le organizzazioni internazionali per i diritti umani devono esercitare pressioni sul Comitato internazionale della Croce Rossa affinché adempia al suo mandato di proteggere i detenuti palestinesi e indagare su qualsiasi accusa di tortura. [5]
 
4) La società civile e le istituzioni palestinesi devono continuare a sostenere coloro che assistono le vittime della tortura. Devono compiere uno sforzo deciso per aumentare gli aiuti e renderli disponibili in tutte le regioni della Cisgiordania e della Striscia di Gaza. Anche il tabù della violenza sessuale e delle cure terapeutiche deve essere infranto. Il trattamento delle vittime di violenza sessuale è spesso difficile perché si vergognano troppo per parlarne, e la mancanza di comunicazione rende la guarigione più incerta. Queste azioni concertate permetteranno ai palestinesi e ai loro alleati di limitare la pratica della tortura profondamente radicata nel sistema carcerario israeliano e coperta dalla legge israeliana, aiutando nel contempo a guarire coloro che ne hanno sofferto.

L'autrice desidera ringraziare Basil Farraj, Suhail Tahail Taha e Randa Wahbe per i loro sopporto e per aver contribuito  con la loro perizia alla stesura di questo documento.
 

Note

1] Questo articolo è stato scritto con il supporto della Fondazione Heinrich-Böll. Le opinioni qui espresse sono quelle dell'autrice e non riflettono necessariamente l'opinione della Fondazione Heinrich-Böll.

2] Secondo B'tselem, "Israele sostiene di non essere vincolato dal diritto internazionale in materia di diritti umani nei territori occupati, in quanto non sono ufficialmente territorio israeliano sovrano. Se è vero che Israele non è sovrano nei territori occupati, questo fatto non distoglie dal suo dovere di garantire il rispetto delle disposizioni internazionali in materia di diritti umani. Gli avvocati internazionali non sono d'accordo con la posizione di Israele sulla questione, e anche la Corte Internazionale di Giustizia (CIG) e tutti i comitati dell'ONU che controllano l'attuazione delle varie convenzioni sui diritti umani hanno ripetutamente respinto la posizione di Israele. Questi organismi internazionali hanno ripetutamente affermato che gli Stati devono rispettare le disposizioni in materia di diritti umani ovunque esercitino un controllo effettivo".

3] Nel 2009, Israele ha istituito un tribunale militare minorile per perseguire i bambini al di sotto dei 16 anni di età - l'unico paese al mondo a farlo. Secondo l'UNICEF, utilizza le stesse strutture e lo stesso personale giudiziario del Tribunale Militare per gli Adulti.

4] Il caso di Tzipi Livni ne è la prova: Livni era la ministra degli Esteri israeliana durante l'assalto a Gaza del 2009, che ha ucciso più di 1.400 palestinesi. Nello stesso anno, un gruppo di avvocati con sede nel Regno Unito è riuscito a convincere un tribunale britannico ad emettere un mandato d'arresto nei suoi confronti. Successivamente ha dovuto annullare il suo viaggio nel Regno Unito ed è stata anche costretta ad annullare il suo viaggio in Belgio nel 2017, quando la Procura belga ha annunciato l'intenzione di arrestarla e di interrogarla sul suo ruolo nell'assalto.

5] Recentemente, dopo l'arresto e la tortura di Samer Arbeed, il CICR ha rilasciato una dichiarazione, ma invece di condannare le violazioni israeliane, ha condannato gli attivisti che hanno manifestato e occupato l'ufficio del CICR a Ramallah per protestare contro il silenzio dell'organizzazione su Arbeed.

 





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://al-shabaka.org/briefs/the-systematic-torture-of-palestinians-in-israeli-detention/
Publication date of original article: 28/11/2019
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=27593

 

Tags: Palestina/IsraeleOccupazione sionistaTorturaUSAColonialismoSovranitàONUGuerra al terrorismoMossadShin Bet
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.