TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 10/12/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ABYA YALA 
ABYA YALA / La decisione della Bolivia sul litio ha accelerato il colpo di stato
Date of publication at Tlaxcala: 03/12/2019
Original: La decisión de Bolivia sobre el litio apresuró golpe de Estado

La decisione della Bolivia sul litio ha accelerato il colpo di stato

Stella Calloni استلا کالونی

Translated by  Alba Canelli

 

La militarizzazione dei confini dell'Argentina e del Cile con la Bolivia ha coinciso con l'ingresso della società statunitense Ensorcia Metals, a cui Buenos Aires e Santiago hanno consegnato la produzione di batterie al litio, a differenza della Bolivia, che ha il più grande serbatoio, e che ha creato una società statale per l'industrializzazione in associazione con aziende europee, dice un gruppo di ricercatori della rete boliviana Marka Abia Yala.

"La geopolitica del litio è stata profondamente trasformata da una situazione molto complicata a una situazione altamente pericolosa per le economie regionali e la pace", dicono i ricercatori nel loro studio "Bolivia en la mira militar" (La Bolivia nell'occhio militare).

Questa decisione sovrana della Bolivia è citata come una delle ragioni per cui gli Stati Uniti hanno accelerato il colpo di Stato in quel paese. Una serie di accordi firmati tra il Comando Sud e altre istituzioni militari e di intelligence di Washington con il governo di Mauricio Macri, ha significato l'aumento della presenza militare statunitense in tutta la nazione, con preponderanza al confine con la Bolivia, area attivata dal 2018, aggiunge Marka Abia Yala.

Inoltre, truppe speciali, consiglieri e gruppi di mercenari stranieri stanno agendo a fianco delle forze armate e di sicurezza boliviane che reprimono le proteste contro il colpo di stato al presidente Evo Morales, e le indagini evidenziano la permeabilità dei confini del paese con Argentina, Cile, Brasile e Paraguay, secondo i ricercatori nel testo Militarización y Relaciones de Estados Unidos con América Latina pubblicato da Marka Abia Yala, con cui collaborano esperti dell'America Latina.
 
Questo corrispondente ha ricevuto messaggi da diverse parti della Bolivia in cui si dice di aver visto persone, apparentemente straniere, insieme alle forze del colpo di Stato nel bel mezzo della repressione.
 
"L'intimidazione della Bolivia attraverso l'installazione di basi e azioni al confine con Cile e Argentina si svolge in un processo accelerato di militarizzazione del continente, ed è per questo che le visite del Vice Presidente degli Stati Uniti, Mike Pence così come James Matti ex segretario della difesa, in entrambi i paesi, prima di essere sostituito nel luglio di quest'anno da Mark Esper," dicono i ricercatori nel documento Bolivia en la mira militar de Estados Unidos.

Nell'agosto 2018, l'Assemblea Popolare della Puna nella provincia argentina di Jujuy ha denunciato le incursioni militari statunitensi a La Quiaca (confine con la Bolivia) dopo un accordo di cooperazione tra il governo di Mauricio Macri e la Guardia Nazionale Georgiana per "affrontare situazioni di calamità naturali, controlli alle frontiere e collaborazione nelle missioni di pace", firmato nel dicembre 2016 e ampliato nel 2018. Una presenza militare che serve per installare una base segreta al confine con la Bolivia, oltre che molto vicino a dove si trovano il litio argentino, cileno e boliviano.

Anche il governo di Evo Morales ha reagito nell'agosto dello scorso anno alle manovre militari effettuate ai confini tra Argentina e Cile con la Bolivia. L'uso di elicotteri, aerei, paracadutisti, veicoli corazzati, truppe, apparve come in un processo di invasione.
 
Il presidente boliviano ha espresso la sua preoccupazione per la presenza militare degli Stati Uniti, e ancor di più quando i diplomatici argentini hanno confermato che Macri ha deciso di installare un'unità militare ad Abra Pampa, Jujuy, a circa 70 chilometri dal confine con la Bolivia, quando il Comando Sud stava costruendo una base nella provincia di Neuquén, vicino ai depositi di Vaca Muerta nel sud e anche a Ushuaia, Terra del Fuego.

Denunciando le esercitazioni militari nella regione di Antofagasta, il leader di Aymara ha detto in Twitter: "Le truppe americane in America Latina non garantiscono né dignità né sovranità. Viviamo in tempi di liberazione dei popoli e non di subordinazione agli imperi".
 
Le coincidenze tra un nuovo dispiegamento di truppe argentine, cilene e del Comando Sud e il viaggio di Ivanka Trump a Jujuy lo scorso settembre, e soprattutto l'insolito entourage che l'ha accompagnata tra cui 2.500 agenti federali, insieme al fatto che gli oppositori boliviani hanno incontrato la figlia del presidente statunitense Donald Trump, e i sospetti del tipo di armamenti dispiegati per una "manovra" che ha provocato anche un avvertimento da parte del governo Morales, hanno indotto un gruppo di analisti a preparare un rapporto per chiedere spiegazioni sulla partecipazione dell'Argentina al colpo di stato contro Morales, coprendo con le proprie forze armate la partecipazione militare degli Stati Uniti. 




Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.jornada.com.mx/ultimas/mundo/2019/11/23/decision-de-bolivia-sobre-el-litio-apresuro-golpe-de-estado-de-eu-1131.html
Publication date of original article: 23/11/2019
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=27585

 

Tags: BoliviaAbya YalaGolpeLitioEvo MoralesCile
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.