TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 17/11/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Essere o non essere uno Stato ebraico, questo è il dilemma
Date of publication at Tlaxcala: 05/11/2019
Original: To be or not to be a Jewish State, that is the question
Translations available: Español 

Essere o non essere uno Stato ebraico, questo è il dilemma

Sheldon Richman

Translated by  Alba Canelli

 

I difensori di Israele ci devono una spiegazione. In primo luogo, insistono che Israele è e sempre deve essere uno Stato ebraico, cosa che non si riferisce alla religione ebraica ma al "popolo ebraico" ovunque, compresi gli ebrei che sono cittadini di altri stati e non cercano un nuovo paese di residenza. Per essere ebrei, secondo l'opinione prevalente, è sufficiente avere una madre ebrea (o essere stati convertiti da un rabbino ortodosso autorizzato). La fede in un creatore supremo dell'universo, nella Torah come parola di Dio e nel rituale ebraico non ha nulla a che fare con l'ebraismo (ignoriamo qui i molti problemi di questa concezione, tipo: come può esserci un ebraismo laico?).


"Abbey Road" (Versione israeliana)- Carlos Latuff

Dalla sua fondazione, la definizione di ebraico è stata molto controversa all'interno e all'esterno di Israele. Il punto è che, come ha scritto l'antropologa Roselle Tekiner, "quando il compito centrale di uno stato è importare persone da un gruppo etnico/religioso selezionato e sviluppare il paese solo a loro beneficio, è fondamentale essere ufficialmente riconosciuto come membro in buona fede di quel gruppo". (Questo è tratto dall'antologia Anti-Zionism: Analytical Reflections, che è offline e apparentemente fuori stampa. Ma vedi l'articolo di Tekiner, "La legge israeliana sulla cittadinanza differenziata nega ai non ebrei il 93% della loro terra Israel’s Two-Tiered Citizenship Law Bars Non-Jews from 93 Percent of Its Lands)
 
In secondo luogo, i sostenitori di Israele insistono sul fatto che Israele è una democrazia, anzi, l'unica democrazia in Medio Oriente. Si oppongono con veemenza ogni volta che qualcuno dimostra che Israele, in quanto Stato del popolo ebraico, danneggia il 25 per cento dei cittadini israeliani non ebrei, la maggior parte dei quali sono arabi.

La legge israeliana distingue in modo univoco la cittadinanza dalla nazionalità. La nazionalità di un cittadino arabo israeliano è "arabo", non israeliano, mentre la nazionalità di un cittadino ebreo è "ebreo", non israeliano. I cittadini di qualsiasi altro paese sono così distinti nella legge? Il divieto di matrimonio tra ebrei e non ebrei non è il risultato di negoziati politici con partiti religiosi, ma del desiderio di proteggere il popolo ebraico dalle impurità. Queste contorsioni sono richieste dallo Stato di Israele, autodichiaratosi come qualcosa di diverso dalla terra di tutti i suoi cittadini. I primi sionisti hanno detto che volevano che la Palestina fosse ebrea come la Gran Bretagna è britannica e la Francia è francese, un'idea sbagliata che ha avuto conseguenze terribili per i palestinesi.
 
L'insistenza dei sostenitori di Israele sul fatto che Israele può essere ebraico e democratico è sconcertante. Cosa significa per Israele essere uno Stato ebraico se questo Stato non ha conseguenze reali per i non ebrei? Se tutto ciò significava che la Stella di Davide era sulla bandiera, potevamo sentire molte meno obiezioni nei confronti di Israele. Ma, ovviamente, significa molto di più.

Per vedere cosa significa, bisogna guardare oltre la Dichiarazione d'Indipendenza di Israele, la Legge fondamentale (la sua costituzione de facto) e gli statuti specifici, che contengono un linguaggio che inizialmente proibisce la discriminazione contro i non ebrei. Dobbiamo sapere che i documenti ufficiali non devono essere presi alla lettera. Ciò che conta in ogni società è la "vera costituzione", i principi che sono alla base del comportamento comunemente accettato. La vecchia costituzione dell'Unione Sovietica elencava la libertà di stampa tra i "diritti" dei cittadini sovietici, e la Costituzione degli Stati Uniti dice che solo il Congresso può dichiarare guerra e che "il diritto del popolo di tenere e portare armi non deve essere violato".
 
Più pertinente, la dichiarazione di Balfour del 1917, in cui il governo britannico "accoglieva con favore l'istituzione in Palestina di un focolare nazionale per il popolo ebraico", affermava anche che "non si doveva fare nulla che potesse pregiudicare i diritti civili e religiosi delle comunità non ebraiche esistenti in Palestina o i diritti e lo status politico di cui godono gli ebrei in qualsiasi altro paese". Sappiamo come ha funzionato.
 
Allora qual è la storia in Israele (non sto parlando della Cisgiordania e della Striscia di Gaza, che Israele occupa da 52 anni e dove i palestinesi non hanno diritti).
 
Recentemente, dopo un'intervista sul mio nuovo libro, Coming to Palestine, un ascoltatore mi ha sfidato per le mie dichiarazioni che il governo israeliano tratta i criminali arabi ed ebrei in modo diverso a seconda che versino "sangue ebraico" o "sangue arabo" (una tale differenza nella realtà non esiste) e che i partiti politici non possono chiedere che Israele sia cambiato da uno stato ebraico a uno stato di tutti i suoi cittadini.

Chi ha ragione?

Per quanto riguarda la giustizia penale, l'editorialista di Haaretz Gideon Levy mostra aneddoticamente che i cittadini arabi israeliani che uccidono ebrei possono passare più tempo in prigione dei cittadini ebrei israeliani che uccidono arabi. "Il sangue arabo è più economico in Israele", scrisse Levy nel 2014, "e il sangue ebraico è più spesso". Dice che le cose sono le stesse oggi. Nel corso degli anni sono stati pubblicati molti articoli che documentano questa disparità de facto, anche se non de jure. Infatti, Haaretz ha riferito nel 2011 che:
Gli arabi israeliani accusati di certi tipi di crimini hanno maggiori probabilità di essere condannati rispetto ai loro omologhi ebrei. E una volta condannati, hanno maggiori probabilità di essere mandati in prigione e più a lungo. Queste disparità sono state riscontrate in un recente studio statistico commissionato dall'Amministrazione giudiziaria israeliana e dall'Ordine degli Avvocati di Israele... Lo studio [preliminare inedito] è unico in quanto è il primo del suo genere ad essere commissionato e finanziato in parte dall'amministrazione dei tribunali, e in quanto ha cercato di esaminare le affermazioni degli avvocati secondo cui i giudici israeliani trattano i criminali arabi più duramente degli ebrei.
Si noti che la discriminazione del governo contro i non ebrei in tutto lo spettro dei problemi non è generalmente scritta nella legge, anche se può esserlo. Principalmente e palesemente, la discriminazione si applica legalmente al "diritto di ritorno". Le persone definite ebree, indipendentemente da dove sono nate o vissute, possono diventare cittadini/nazionali israeliani praticamente all'arrivo, mentre gli arabi espulsi dalle loro case ancestrali nel 1947-48 e 1967 non possono tornare, tanto meno diventare cittadini/nazionali con pieni diritti. Concretamente, io, ateo nato a Philadelphia da genitori ebrei nati a Philadelphia (probabilmente radicati vicino al Mar Nero), posso "tornare" [sic] in Israele e diventare subito cittadino israeliano, mentre il mio amico Raouf Halaby, cittadino usamericano naturalizzato nato da genitori arabi cristiani a Gerusalemme Ovest tre anni prima della fondazione di Israele, non può. L'unica differenza è che mia madre era ebrea, facendo di me, uno spinozista, un cittadino ebreo agli occhi di Israele, e la madre di Raouf non lo era.
 
Per quanto riguarda le restrizioni sui partiti politici, la "Legge fondamentale, la Knesset" afferma:

Una lista di candidati [partito] non parteciperà alle elezioni della Knesset, e una persona non sarà un candidato per l'elezione alla Knesset, se gli obiettivi o le azioni della lista o le azioni della persona, espressamente o per implicazione, includono:
  1. la negazione dell'esistenza dello Stato di Israele come Stato ebraico e democratico.
Prima di continuare, facciamo notare un enigma. La domanda che pongo qui è se uno Stato debba essere ebraico e democratico. La radice della parola democrazia è demos, popolo. Quindi, se la ragion d'essere di Israele è il benessere di pochi dei suoi cittadini e di milioni di altri cittadini e residenti di altri paesi, come può Israele essere una vera democrazia? A rigor di termini, tenendo presente quella parola e la lingua della legge, legittima un partito che "danneggia l'esistenza dello Stato di Israele come Stato ebraico...." ma non come Stato democratico. Le autorità elettorali israeliane accetterebbero tale distinzione? Non credo proprio.

In passato, la Corte suprema israeliana ha ribaltato i divieti del governo sull'inclusione di un partito o di un candidato in un'elezione. I singoli casi ruoteranno intorno all'esatta formulazione della dichiarazione di missione di un partito o della piattaforma del candidato, e il linguaggio giuridico è soggetto a infinite e imprevedibili interpretazioni politiche. Ma indipendentemente, il governo ha il potere di proibire a sua discrezione e le future corti supreme potrebbero non essere così liberali. Sicché la minaccia di un divieto incombe sempre. A proposito, anche un partito o candidato che si impegna in "incitamento al razzismo" non è idoneo a partecipare alle elezioni, ma questa disposizione non è stata ancora applicata ai partiti e ai politici ebrei, come il Likud e Benjamin Netanyahu, che vomitano regolarmente una retorica razzista.

I sostenitori di Israele negano anche che gli arabi israeliani - cittadini, si badi bene - hanno pochissimo accesso alla terra, la maggior parte della quale è di proprietà di un'autorità "pubblica" e del Fondo nazionale ebraico (molto poco è di proprietà privata), ai permessi di costruzione, ai servizi pubblici, all'istruzione, alle strade e ad altri servizi e risorse controllati dal governo. Il governo israeliano ha realizzato programmi in Galilea e nel Negev, noti come ebraizzazione, da cui sono stati sfrattati gli israeliani arabi, soprattutto beduini, per far posto agli israeliani ebrei. Tali restrizioni all'interno di Israele hanno l'odore dell'apartheid.

Nel suo libro Palestinians in Israel: Segregation, Discrimination, and Democracy, Ben White documenta che il governo israeliano stanzia risorse - il che non è sorprendente -, secondo il concetto che Israele, per la sua dottrina fondatrice, non è la terra di tutti i suoi cittadini, ma solo di alcuni. Questa dottrina è stata rafforzata l'anno scorso nella legge dello Stato-nazione, che afferma che "Il diritto di esercitare l'autodeterminazione nazionale nello Stato di Israele è esclusivo del popolo ebraico".

Quindi, come dicono i difensori di Israele, tutti i cittadini israeliani sono, di fatto, uguali. È solo che alcuni, quelli la cui nazionalità è "ebraica", sono più uguali di altri, a differenza di quelli la cui nazionalità è "araba" o qualsiasi altra cosa che non sia "ebraica". 





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.counterpunch.org/2019/10/28/to-be-or-not-to-be-a-jewish-state-that-is-the-question/
Publication date of original article: 28/10/2019
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=27369

 

Tags: Palestina/IsraeleGideon LevyOccupazione sionistaNakba
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.