TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 01/10/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ABYA YALA 
ABYA YALA / Perché nella provincia argentina di Neuquén chiedono l'ufficializzazione della lingua mapuche?
Date of publication at Tlaxcala: 04/11/2019
Original: ¿Por qué en la provincia argentina de Neuquén piden que se oficialice la lengua mapuche?

Perché nella provincia argentina di Neuquén chiedono l'ufficializzazione della lingua mapuche?

Julia Muriel Dominzain

Translated by  Alba Canelli

 

Si tratta del Mapuzugun, la lingua del preesistente popolo Mapuche. La Confederazione ha presentato un disegno di legge al legislatore locale.

La Confederazione Mapuche della provincia argentina di Neuquén ha presentato nella Legislatura un disegno di legge per il riconoscimento del Mapuzugun (la lingua del suo popolo preesistente) come lingua ufficiale della provincia. Si basano sulle costituzioni nazionali e provinciali, sui trattati internazionali e sul fatto che la lingua rischia di scomparire. Essi affermano che il diritto di utilizzare la lingua di preferenza è un requisito di esclusione della libertà di pensiero. 

"Siamo molto fiduciosi che i giovani riacquisiscano il Mapuzugun e gli diano la forza necessaria per le nuove generazioni", ha detto Peti Pichiñan, un'autorità [werkén, o messaggera] della Confederazione Mapuche di Neuquén, a RT. 
 
Secondo l'ultimo censimento (2010) circa 200.000 argentini si riconoscono come Mapuches e 40.000 vivono nella provincia di Neuquén. Anche se non ci sono cifre ufficiali, si stima che solo un terzo (circa 15.000) parli il Mapuzugun. Se non si fa nulla, il rischio è che tenda a scomparire.

Il debito storico

Sia nella presentazione del progetto che nel suo testo si parla della riparazione storica che l'ufficializzazione della lingua produrrebbe. In questo senso, Piciñam ha indicato: "Il popolo Mapuche ha subito un genocidio e, prodotto di quel genocidio, la situazione del nostro linguaggio è stato reso invisibile e proibita anche come politica statale".

Ha anche ricordato che ci sono stati molti anni in cui Mapuzugun è stato negato. "Dopo quella che è stata erroneamente chiamata la 'conquista del deserto', le scuole hanno funzionato come strumenti di un sistema razzista che è stato installato negli angoli della Patagonia", ha detto. E' iniziato il processo di negare l'esercizio del linguaggio. 
 
"A quel tempo, 'parlare bene' significava parlare spagnolo e c'era un'intera generazione che cercava di far parlare spagnolo ai propri figli in modo che non fossero repressi come erano stati loro", ha detto. 

Non ci sono statistiche ufficiali sul numero di persone che attualmente parlano questa lingua. Ma la Confederazione vorrebbe farlo. "Ma sappiamo che nel mezzo dei quartieri e nelle periferie delle città il Mapuzugun si sta riprendendo e rafforzandosi dallo sforzo proprio e dalla volontà dei Mapuches, che mettiamo il nostro corpo senza risorse dello Stato", ha commentato Piciñam.
 

Facebook / Confederazione Mapuche di Neuquén

 In alcune scuole rurali è già insegnato, anche se con pochi strumenti pedagogici. È stato inoltre approvato che nel sistema giudiziario locale sarebbe stato obbligatorio avere traduttori quando si giudica un mapuche. Ma il percorso continua e Piciñam commenta: "C'è un debito storico del governo, che deve creare politiche pubbliche di visibilità effettuate  con enfasi e risorse".

Il progetto

Il 2019 è l'anno internazionale delle lingue indigene secondo le Nazioni Unite (ONU). "E' il principale veicolo di comunicazione tra le persone e il loro ambiente. E' presente in tutti gli ambiti della vita. E' uno strumento di integrazione sociale. Le parole esprimono i pensieri di ogni persona nella lingua che condividono con la loro comunità e permettono una migliore comprensione tra individui e società", hanno scritto dall'ONU. Inoltre, secondo l'UNESCO, nel mondo si parlano circa 7.000 lingue. Sul totale, si stima che 6.700 sono lingue indigene e 2680 (40%) sono a rischio di scomparsa.
 
Con la ricorrenza dell'anno internazionale delle lingue come spunto, la Confederazione Mapuche ha deciso di riprendere il progetto di ufficializzazione della lingua e di presentarlo al legislatore. Hanno portato le oltre 3.000 firme raccolte e il 15 ottobre hanno presentato la proposta.
 
Contavano sul sostegno di deputati di diversi gruppi (Mariano Mansilla, di Une; Raúl Godoy, del Fronte di Sinistra dei Lavoratori Unità; Eduardo Fuentes e Pamela Mucci, del Frente Neuquino; Nancy Parrilli e Guillermo Carnaghi, del Frente Para la Victoria, tra altri). Anche le organizzazioni sociali, le organizzazioni per i diritti umani, i consigli territoriali, l'Università di Comahue, tra altri, hanno mostrato il loro sostegno.
 
"Dichiarare lingua ufficiale in tutto il territorio della Provincia di Neuquén il Mapuzugun, lingua del popolo Mapuche preesistente", indica l'articolo 1 del progetto. Indica poi che sarà il ramo esecutivo che si occuperà dell' "effettivo riconoscimento, protezione e sviluppo dei diritti linguistici, individuali e collettivi del popolo Mapuche".
 
La proposta comprende due punti importanti. Il primo è quello di creare un "Istituto per il salvataggio, il rafforzamento e la proiezione del Mapuzugun". L'organizzazione sarebbe guidata da rappresentanti zonali della Confederazione (Pewence, Lafkence, Xawvn Ko, Ragiñce, Pikunce e Wijice), un non-Mapuche che vive in città e un rappresentante dell'esecutivo provinciale.
 
"L'obiettivo è di farne uno strumento per rafforzare l'identità e - d'altra parte - una possibilità per i non-Mapuche di accedere alla lingua di questo territorio e di avere un altro rapporto con lo spazio che ospita i Mapuche e i non-Mapuche che vivono insieme", ha detto il leader della Confederazione.
 
Il secondo punto chiave è che la lingua cessa di essere "nascosta in montagna" e diventa un esercizio: nella giustizia, nella salute, nell'educazione, nella segnaletica. Il progetto stabilisce l'obbligo di tradurre "i cartelli identificativi di tutti gli organismi pubblici, nonché la segnaletica pubblica".

Coloro che vogliono che la lingua diventi ufficiale sollevano un fatto interessante: dei 16 dipartimenti, 13 hanno nomi in Mapuzugun (Lácar, Pehuenches, Aluminé sono alcuni esempi) e di 36 comuni, 20 casi simili (Cutral-Co, Huincul, Loncopué, ecc.).

In un video per diffondere il progetto, Piciñam dice: "Noi come popolo comprendiamo noi stessi come parte della terra, l'universo [....] Essere Mapuche è capire che siamo un altro elemento, senza alcuna idea di superiorità sugli altri elementi. Il fiume ha un ruolo, il sole ha un ruolo, le acque, la terra. Tutto ha vita, tutto ha conoscenza".

L'obiettivo è l'ufficializzazione della lingua Mapuche nella provincia. Oppure, che è lo stesso: "Vnenkvlepe tayin Mapuzugun!





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://actualidad.rt.com/actualidad/331805-provincia-argentina-neuquen-oficializar-mapuche
Publication date of original article: 29/10/2019
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=27363

 

Tags: MapucheArgentinaAbya YalaMapuzugunONUUNESCO
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.