TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 21/10/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Israele: anche se il Partito dei coloni ha perso, le colonie hanno vinto
Date of publication at Tlaxcala: 26/09/2019
Original: Israel: Even if the settlers' party lost, the settlements won

Israele: anche se il Partito dei coloni ha perso, le colonie hanno vinto

Amira Hass عميرة هاس עמירה הס

Translated by  Frammenti vocali in MO: Israele e Palestina

 

Vorrei poter, come Gideon Levy, vedere il basso numero di seggi della Knesset vinti da Yamina come una sconfitta per i coloni (" Il topo che ruggiva ", 22 settembre). Vorrei poter condividere la sua visione degli insediamenti come un progetto dei coloni concentrato  in questo partito. Vorrei poterli vedere come una minoranza che ha creato abilmente questo mostro ed è responsabile del "progetto più pernicioso e distruttivo nella storia dello Stato". Sfortunatamente i coloni sono il prodotto, non il creatore, di una perniciosa politica. È lo Stato che detiene il copyright sul progetto di colonizzazione.

http://tlaxcala-int.org/upload/gal_21007.jpg

Subito dopo il 1967, lo Stato, sotto il governo del Mapai [primo partitio laburista sionista], allo stesso modo falchi e colombe, mise gli occhi sul suolo palestinese e sperò di "arrangiare" ciò che era mancato nel 1948. I coloni non avrebbero potuto ricattare e ingannare i successivi governi israeliani,  se gli stessi governi non avessero desiderato essere ingannati e ricattati. E questi erano governi caratterizzati dal laicismo come Yigal Allon, Levi Eshkol, Yisrael Galili, Golda Meir, Shimon Peres e Yitzhak Rabin. È solo grazie alle definizioni fuorvianti della scienza politica che loro e ciò che resta dei loro discendenti ideologici , sono chiamati "di sinistra".

Il presunto partito socialista Mapai sviluppò metodi di inganno per rappresentare Israele davanti ai partiti politici  progressisti in tutto il mondo, come uno Stato che cercava la pace e credeva nel rispetto dei diritti umani. Allo stesso tempo lavorò  per impedire ai palestinesi di aderirvi  come collettivo nazionale riconosciuto , che chiedeva i suoi diritti. Israele fallì qui, ma ciò non fermò la sua continua presa di terra.

I governi del Likud devono molto al Mapai: meccanismi formali di espulsione e di insediamento , in funzione prima e dopo la fondazione dello stato, l'attuale  legge sulla assenza nella proprietà, la demolizione di villaggi nell'area di Latrun e l'espulsione dei loro residenti, l'espulsione degli abitanti delle alture del Golan, l'annessione di Gerusalemme est e dei villaggi circostanti e la simultanea, massiccia espropriazione di terre private e la costruzione di colonie su di esse, designando aree come zone da sparo reale per bloccare l'accesso ai palestinesi, in particolare nella Valle del Giordano e  a Sud di Hebron, la negazione  alle autorità locali palestinesi del diritto di pianificare e  di costruire sulla propria terra.

Coloro che credevano che il secondo governo Rabin avrebbe cercato di porre rimedio alle vecchie ingiustizie, sono stati presi in giro. I negoziatori del suo governo hanno piantato le trappole di " Oslo " per i palestinesi : costruendo strade di deviazione durante la fase intermedia. Ciò ha reso superfluo il negoziato  per la rimozione delle colonie nella fase di status finale. Quindi hanno continuato a tagliare la Cisgiordaniae dividendola artificialmente nelle aree A, B e C in quella che  doveva  essere  presumibilmente una mossa temporanea. ("Non ci sono date sacre", ha detto Rabin).

La colonia a Hebron non è stata rimossa anche dopo il massacro commesso da Baruch Goldstein, i palestinesi in città sono stati penalizzati con coprifuoco  e restrizioni ai movimenti. Il blocco di Etzion ha ricevuto un grande dono sotto forma del  Tunnel Road, i beduini  sono stati  espulsi per l'espansione di Ma'aleh Adumim e la popolazione di Gaza  divisa  dalla popolazione della Cisgiordania. Tutto per l'obiettivo di contrastare l'istituzione di uno Stato palestinese.

L'idea che i coloni abbiano imposto  il loro progetto su una "maggioranza silenziosa e apatica" fa parte della mitologia. Il governo si è assicurato che sempre più israeliani beneficiassero del progetto di colonizzazione: società di costruzioni e marketing, generali, industria delle armi e della sorveglianza, comunità ortodosse non sioniste. In tal modo è stato assicurato un pool molto più ampio di sostenitori, anche tra le persone che vivono al di fuori delle colonie.


Di sicuro, i coloni hanno affinato e intensificato l'arroganza che fa parte dell'ideologia di qualsiasi impresa coloniale. Il loro messianismo religioso accresce il loro egotismo e il pericolo che rappresentano. I processi demografici ed economici hanno trasformato i sionisti religiosi in un avido ceto medio capitalista. Questi stessi processi e la necessità di proteggere il bottino si sono fatti strada nei  corpi statali come l'esercito, lo Shin Bet e il Ministero della Giustizia. L'accettazione da parte dello Stato dei loro atti di violenza e inganno  non deriva dalla paura dei coloni, ma dalla condivisione della stessa causa.

 





Courtesy of Frammenti vocali in MO: Israele e Palestina
Source: https://www.haaretz.com/opinion/.premium-even-if-the-settlers-party-lost-the-settlements-won-1.7898953
Publication date of original article: 25/09/2019
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=27090

 

Tags: YaminaElezioni israeliane 2019Colonie ebreeOccupazione sionistaPalestina/israele
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.