TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 23/10/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / La jeep era in ritardo
Vita quotidiana in Cisgiordania occupata
Date of publication at Tlaxcala: 13/09/2019
Original: The jeep was late
Daily life in the occupied West Bank

Translations available: Français 

La jeep era in ritardo
Vita quotidiana in Cisgiordania occupata

Amira Hass عميرة هاس עמירה הס

Translated by  Frammenti vocali in MO: Israele e Palestina

 

Quando i tuoi figli sono troppo pigri per andare a scuola, parla loro dell’uomo armato con la camicia gialla e dell’uomo armato con la camicia viola con la scritta “Regavim Ba’emek” con due cani da pastore tedeschi.

 

No, non così i tuoi figli avranno paura, ma così sapranno dei bambini di un altro mondo, molto lontani, a un’ora e 15 minuti da Gerusalemme, per i quali andare a scuola e tornare a casa sono atti di coraggio.

Questi sono i bambini di  Tuba, un villaggio di pastori e contadini nascosto tra colline e massi a sud della città di Yatta, nella Cisgiordania meridionale.

La scuola si trova nel villaggio più grande di At-Tuwani, una passeggiata di circa due chilometri su una strada in parte asfaltata e su un sentiero  in parte sterrato. Potrebbe essere una piacevole passeggiata, soprattutto quando l’autunno sussurra tra le nuvole bianche, ma  i membri dell’ordine dei signori, in giallo e viola, li stavano aspettando in agguato.

Due macchine hanno bloccato il percorso. Uno di loro ha spinto i bambini verso la recinzione, poi un altro uomo armato è emerso, insieme all’autista della seconda auto, e hanno inseguito  i bambini chiedendo loro  di identificarsi.

Gli 11 bambini – i più piccoli di 6 anni, i più grandi di 16 e 17 anni – hanno superato la loro paura e hanno continuato a camminare. Due donne volontarie dell’organizzazione italiana Pace e Giustizia Operation si sono avvicinate a loro con delle telecamere. I signori hanno cercato di bloccare anche loro, mentre filmavano e documentavano ogni movimento.

Le autorità israeliane hanno deciso molto tempo fa di non indagare, trovare, detenere o giudicare i criminali per i quali tali molestie contro i palestinesi, così come atti molto più violenti, sono una routine.

Ci riferiamo qui agli ebrei israeliani che, circa 19 anni fa, si sono insediati ripetutamente nell’area dell’avamposto illegale e non autorizzato di Ma’on Farm, un discendente dell’insediamento illegale Ma’on, e con catene vorticose, percosse, minacce e cani hanno ostacolato  il movimento dei palestinesi tra i due villaggi.

I bambini spaventati hanno scelto di andare a scuola a piedi attraverso una lunga tangenziale, così scivolosa in inverno da diventare pericolosa.

Dopo circa tre anni i genitori si sono ribellati e hanno portato il problema all’attenzione del Knesset Education Committee che ne è stata scioccata.

È così che è iniziata una tradizione sorprendente circa 15 anni fa: come compensazione per l’impotenza volontaria delle autorità nei confronti dell’ordine violento dei signori, è stato deciso che una jeep delle forze di difesa israeliane avrebbe scortato i bambini. Due volte al giorno. Cinque giorni a settimana. Durante tutte le stagioni dell’anno. Partendo dal presupposto che i nostri amati scagnizzi non avrebbero agito contro i soldati.

Nell’incidente sopra descritto, domenica scorsa, la scorta mattutina non si è materializzata come richiesto alle 7:30. (Il portavoce dell’IDF ha confermato che c’è stato un ritardo nell’arrivo della scorta.)

I volontari italiani, che scortano i bambini in parte, hanno contattato l’esercito per chiedere cosa fosse successo. “La jeep è in arrivo”, hanno detto. La jeep non è arrivata. Alle 8:15 i bambini hanno iniziato a camminare verso la scuola e, come previsto, hanno incontrato i signori.

Sono trascorse tre settimane dall’inizio dell’anno scolastico palestinese e la scorta militare è già stata in ritardo cinque volte – da 15 a 45 minuti  sempre nel primo pomeriggio, quando è tempo di tornare a casa.

Il 1° settembre i bambini si sono stancati di aspettare la jeep e hanno iniziato a tornare a casa accompagnati dai volontari.

Sulla strada, due bambini israeliani sono scesi dall’avamposto e si sono avvicinati ai bambini in modo minaccioso, insultandoli. Un israeliano su  una macchina che  passava, li ha anche spaventati. La jeep militare si è presentata  quando i bambini e i loro accompagnatori avevano già percorso circa due terzi del cammino.

Vale la pena per il governo israeliano sprecare risorse per una scorta invece di punire gli ebrei violenti, perché hanno un obiettivo condiviso: isolare  le comunità palestinesi l’una dall’altra e rendere amara  le vite dei residenti fino a quando non andranno  a vivere in enclavi  nell’area A, così più territorio sarà lasciato libero per l’ordine dei signori.





Courtesy of Frammenti vocali in MO: Israele e Palestina
Source: https://www.haaretz.com/opinion/.premium-the-jeep-was-late-1.7824838
Publication date of original article: 10/09/2019
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=26987

 

Tags: At-TuwaniCisgiordania occupataPalestina/Israele
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.