TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 23/09/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 EUROPE 
EUROPE / La Svezia verso l'abolizione del denaro contante
Date of publication at Tlaxcala: 12/09/2019
Original: Schweden und die Abschaffung des Bargelds
Translations available: Français 

La Svezia verso l'abolizione del denaro contante

Jens Berger

Translated by  Alba Canelli

 

La Svezia è stata a lungo considerata una pioniera nell'abolizione del contante. Secondo un recente studio del Consiglio commerciale svedese, i contanti non avranno più un ruolo nelle transazioni di pagamento giornaliere già dal 2023. Le banche private svedesi avranno così terminato una campagna a lungo termine che annuncia una nuova era che potrebbe di fatto sigillare la fine del monopolio monetario dello Stato e quindi apre loro prospettive di reddito finora insospettate. Tuttavia, i rischi e gli effetti collaterali di questo sviluppo sono enormi e l'unico vantaggio possibile per il cliente finale è e rimane la "comodità". Di Jens Berger.

Quando si tratta del trionfo dei sistemi di pagamento senza contanti, la Svezia viene spesso presentata come pioniera. In Svezia, puoi già pagare un parchimetro e servizi igienici pubblici tramite l'applicazione sul tuo smartphone e persino i senzatetto, secondo i resoconti dei media, hanno lettori di carte e terminali per pagamenti senza contanti. Resta da vedere se è vero, ma è senz'altro cinico.

Tuttavia, il numero di transazioni digitali nel commercio al dettaglio svedese è aumentato da 3,6 miliardi a oltre cinque miliardi negli ultimi cinque anni. Secondo i controlli casuali della Riksbank (Banca Nazionale) svedese, solo il 13% dei pagamenti al dettaglio viene ora effettuato in contanti. In Germania, il 78% di tutti i pagamenti al dettaglio viene effettuato in contanti. Queste cifre non sono ambigue ma devono anche essere interpretate. L'"amore" degli svedesi per il pagamento senza contanti non è affatto volontario come si dice spesso.

Il primo passo verso l'abolizione del contante in Svezia è stata la sua scarsità e l'aumento dei prezzi. In seguito al graduale ritiro della Riksbank dai servizi di erogazione di contante e alla privatizzazione di tali compiti, i costi di elaborazione del contante nel commercio al dettaglio sono aumentati considerevolmente. Secondo la Riksbank, il commercio al dettaglio deve calcolare circa il 4% del fatturato per spese accessorie dirette (contanti, trasporto, deposito e prelievo) quando si paga in contanti. In Germania, questa cifra è solo dello 0,9%*. In settori come discount e supermercati a servizio completo con margini di profitto di circa il 2% delle vendite, ciò non è affatto trascurabile.

Al contrario, le transazioni senza contanti, che costano circa lo 0,4%, sono molto più economiche rispetto alla Germania, dove i costi variano dallo 0,35% all'1,44%, a seconda del tipo e del fornitore. Va notato che questi costi sono sostenuti per ogni singola transazione e che quindi le banche raccolgono denaro per ogni singolo acquisto - tra lo 0,2% e l'1,3% del fatturato in Germania è rappresentato dai costi di transazione pura. Potrebbe non sembrare molto, ma in Germania il fatturato totale del commercio al dettaglio ammonta a 535 miliardi di euro, di cui l'uno per cento rappresenta più di cinque miliardi di euro. Le banche e i fornitori di servizi finanziari hanno quindi forti ragioni materiali per propagare l'abbandono della liquidità.

I vincitori dell'abolizione di contante sarebbero quindi principalmente banche e fornitori di servizi finanziari, che sarebbero in grado di prelevare le loro "decime" controllando l'infrastruttura di pagamento per ogni singola operazione nel settore della vendita al dettaglio. Ciò è evidente a pochissimi consumatori, poiché questi costi sono "fatturati" nel prezzo finale al dettaglio e non sono pertanto visibili. Ma questo è solo uno svantaggio tra molti altri.

Non chiedere al tuo banchiere quali sono i rischi e gli effetti collaterali

- Dipendenza tecnica
 
Il denaro contante ha il grande vantaggio di "lavorare" anche senza elettricità e tecnologia. Maggiore è lo sforzo tecnico, maggiore è il rischio di errori tecnici. Lo spettro spazia da errori "stupidi" a livello di utenti a guasti globali che potrebbero, ad esempio, paralizzare l'intero settore della distribuzione a causa di un'interruzione di corrente o di errori di software negli algoritmi, invisibili a livello dei server.

Una porta d'entrata per potenziali problemi è, ovviamente, il cliente finale stesso. Le carte sono fragili e possono essere graffiate e gli smartphone e i loro sistemi operativi sono tutt'altro che sicuri contro gli errori degli utenti. Da un lato, tutti i clienti finali non comprendono la tecnologia rispetto ai "nerds" che l'hanno sviluppata, e dall'altro gli smartphone sono dispositivi complessi in cui non solo l'utente ma anche i produttori e gli stessi fornitori di software possono introdurre potenziali problemi nel sistema. Dopo un "aggiornamento di sicurezza", ad esempio, la verifica biometrica regolarmente utilizzata dall'utente può essere innanzitutto eseguita utilizzando una procedura bidirezionale con una password complessa che, per motivi di sicurezza, deve contenere caratteri speciali, numeri e lettere minuscole e maiuscole e se questa password è stata dimenticata per lungo tempo, si finisce per restare con un palmo di naso alla cassa - e se per esempio è una stazione di servizio su un'autostrada all'estero, hai un vero problema.

Quello che è un vero problema personale può essere accettabile per la società nel suo complesso con un'alzata di spalle. La situazione è tuttavia diversa per quanto riguarda i rischi sociali. Un'infrastruttura senza contanti è un obiettivo aperto per eccellenza per i cyber-terroristi e la guerra elettronica. Stati come gli USA, che hanno il savoir faire tecnico per sabotare anche le reti complesse tramite i loro servizi, avrebbero quindi il potere di paralizzare temporaneamente o addirittura in modo permanente l'intera economia di altri stati. Anche solo per motivi di sicurezza, questo è un argomento convincente contro le tecnologie vulnerabili basate sulla rete.

- Criminalità

Ai sostenitori dei sistemi di trading senza contante piace ancora sentire l'argomentazione secondo cui il mancato pagamento in contanti ha un effetto positivo sul tasso di criminalità. Ma questo argomento è di corta veduta. Sebbene il numero di rapine in banca sia passato da 110 nel 2008 a 16 nel 2011, il numero di "crimini e reati digitali" che vanno dalla scrematura e dal phishing a molte forme di frode con carta di credito è esploso. È probabile che il numero di casi non segnalati superi tutte le misurazioni, ma è meticolosamente tenuto sotto chiave. I servizi relativi al denaro contante sono generalmente ben assicurati, quindi la compagnia assicurativa sostiene il danno, ad esempio, in caso di furto di un trasporto di fondi. Nelle transazioni di pagamento senza contante, tuttavia, le banche di solito sopportano il danno e queste somme sono ovviamente anche "tariffate" e sono in definitiva a carico del cliente sotto forma di elevate commissioni di transazione addebitate al commercio al dettaglio. Il crimine passa quindi da un dominio visibile (rapina in banca o trasporto di denaro) a un dominio invisibile (crimine informatico); esso non scompare. Al contrario.

- Protezione dei dati

La mia banca deve sapere in dettaglio perché do denaro a chi e per cosa? Lo stato ha bisogno di sapere? No, certo che no. Tuttavia, uno dei problemi principali con i sistemi di pagamento senza contante è che sono proprio questi dati che vengono raccolti e archiviati - e nemmeno resi anonimi. Il risultato è un'enorme quantità di dati che devono solo essere raccolti. Le funzionalità che collegano le registrazioni di dati ad altri database sono di particolare interesse per gli operatori di dati. Chiunque abbia già i tuoi dati personali da Google e Facebook, ad esempio, è anche molto interessato a come spendi i tuoi soldi nella "vita reale".

Sebbene le banche non siano ancora autorizzate a vendere i dati dei loro clienti a commercianti di dati esterni a causa delle normative relativamente rigide sulla protezione dei dati, la situazione è abbastanza diversa per i sistemi di pagamento digitali che utilizzano applicazioni, soprattutto perché non hanno un controllo affidabile su chi "ascolta" e "capta" da tali applicazioni. Il pagamento tramite NFC, che è attualmente la norma per il pagamento senza contatto, viene effettuato a livello di sistema operativo del tuo smartphone. Il sistema operativo della maggior parte degli smartphone proviene da Google, il leader mondiale nella registrazione dei dati personali. Chiunque creda che i dati di pagamento non siano collegati e non continueranno a essere scambiati proficuamente in qualsiasi forma dovrebbe essere molto ingenuo.

- Esclusione

Per i giovani con un'affinità per la tecnologia che hanno integrato l'NFC nel loro Smartwatch e che hanno la connessione - e le piccole modifiche necessarie - tramite Google o Apple Pay per poter pagare rapidamente, facilmente e senza contatto anche presso la panetteria locale, le transazioni di pagamento senza contanti possono essere una cosa conveniente. Anche se è ovviamente necessario chiedere chi è realmente in grado di verificare le singole transazioni in seguito.  La fattura di Starbucks da 23,40 euro è corretta?

In effetti, è più probabile che il cliente si sottometta alla tecnologia a suo rischio e pericolo - un altra porta per hacker e cyber criminali.

Ma cosa succede a tutte quelle persone che, a causa della loro età, dei loro limiti psicologici o di salute, della loro origine o del loro status sociale, non sono in grado di partecipare al bellissimo mondo colorato di applicazioni e carte di credito? In che modo, ad esempio, un cieco può controllare un pagamento visualizzato su uno schermo? Con cosa dovrebbe pagare un senzatetto? Dopotutto, 670.000 tedeschi adulti non hanno nemmeno un conto corrente [contro oltre 8 millioni di italiani, NdlT], che è il minimo richiesto per partecipare alle transazioni di pagamento senza contanti.

Per tenere presente i limiti dell'attrattiva di questi sistemi di pagamento, è spesso utile esaminare la propria "situazione finanziaria". Quando ero ancora uno studente, ad esempio, era più spesso alla fine del mese che un debito dimenticato o cancellato superava il limite di credito. Ma questo non è stato un problema, perché in tal caso potevamo aiutarci a vicenda e potevamo semplicemente prendere in prestito alcuni marchi (oggi euro) da un amico. All'inizio del mese successivo, il limite di credito era di nuovo disponibile e il denaro preso in prestito veniva rimborsato. In un futuro senza contanti, ciò non sarebbe più possibile. E ciò che è vero per gli studenti che sono un po' negligenti dal punto di vista finanziario lo è ancora di più per i disoccupati e i precari, per i quali la fine del mese è una preoccupazione finanziaria costante.

La velocità con cui puoi essere escluso, anche per motivi non finanziari, può già essere vista durante una visita nei paesi scandinavi. Come straniero, non hai un conto svedese, che è una condizione necessaria per l'utilizzo dell'applicazione di pagamento "Swish", che è così diffusa in Svezia. Ma poiché molti parcheggi automatici a Stoccolma possono essere alimentati solo da questa applicazione, non è possibile per i turisti parcheggiare legalmente a Stoccolma. E lo shopping è già un problema per gli stranieri, perché in Svezia - a differenza di altri paesi scandinavi - i negozi non sono obbligati ad accettare contanti.
 

Verso la privatizzazione del monopolio monetario

Se vuoi partecipare a questo meraviglioso nuovo mondo senza contanti, devi avere accesso a un conto in una banca commerciale. Ciò mette le banche in una posizione di potere che difficilmente saranno in grado di raggiungere sulla base del loro unico oligopolio di fatto. La funzione monetaria più importante è probabilmente quella dei mezzi di pagamento. Se questa funzione monetaria è di fatto lasciata ad alcune banche commerciali, che a loro volta possono dettare prezzi, condizioni e accesso al sistema di pagamento, allora questo non è altro che la parziale privatizzazione del monopolio monetario dello stato. E una volta che questo oligopolio avrà il potere di farlo, anche i costi di transazione ancora relativamente bassi in paesi come la Svezia apparterranno al passato. Le banche private non si sentono responsabili né del bene comune né dell'economia, ma dei loro azionisti.

Inoltre, il denaro è - dal punto di vista della teoria economica - una relazione di debito. In teoria, ogni nota è un'obbligazione emessa dalla banca centrale. Tuttavia, i saldi di credito su conti bancari commerciali, carte di pagamento o saldi di credito digitali costituiscono solo una rivendicazione nei confronti dell'istituto emittente o dell'operatore del software di pagamento. Ciò può essere senza conseguenze in periodi di calma, ma durante la prossima crisi finanziaria, questo è di grande interesse perché tutti i fornitori di servizi finanziari che hanno una funzione di creditore diventano improvvisamente "sistemicamente rilevanti" se uno vuole impedire l'implosione dei sistemi di pagamento. Il nostro sistema bancario, che è già deragliato in ogni caso, diventerebbe "sistemicamente rilevante" fino all'ultimo anello abolendo il contante. In un'economia di mercato, tuttavia, tale status è molto problematico per le società private che intendono realizzare profitti e, come dimostra la recente crisi finanziaria, rischi che potrebbero minacciare l'intero sistema economico.

Dov'è lo stato?

L'inerzia dello stato è un altro problema centrale dell'attuale strisciante abolizione del denaro. Anche se i rischi vengono ignorati e si ritiene auspicabile il passaggio a transazioni di pagamento senza contanti, ciò non significa che quest'operazione di pagamento scritturale debba essere privatizzata. Al contrario! La BCE, ad esempio, sta lavorando a un sistema di trasferimento chiamato TIPS, che consentirà trasferimenti quasi in tempo reale a costi di transazione di 0,2 centesimi per transazione, fornendo al contempo un'interfaccia a fornitori terzi.

Quindi non è affatto necessario utilizzare soluzioni completamente sovrafatturate e per la protezione dei dati - soluzioni problematiche dal punto di vista giuridico dal settore finanziario o anche da Google, Facebook, Apple e Co.. Il settore pubblico potrebbe fornire questi servizi meglio, a un costo inferiore e con meno rischi. Ma sorprendentemente, questa alternativa pubblica non è nemmeno seriamente discussa.
http://www.tlaxcala-int.org/upload/gal_20914.jpg
In Svezia, tuttavia, abbiamo già raggiunto il punto in cui la banca centrale nazionale vuole creare una moneta elettronica. Ciò che è speciale: questa e-krona - "corona elettronica" - sarà garantita dallo stato. Ciò che suona bene, tuttavia, è un punto di rottura predeterminato nel sistema. Se lo stato è interamente responsabile della "corona elettronica" e il resto del credito digitale è un debito del settore privato bancario, esiste un rischio molto reale di "corsa alla banca digitale" in caso di crisi finanziaria, vale a dire, passaggio da crediti verso banche private a crediti verso lo Stato. Le conseguenze non sono diverse da quelle di un vero panico bancario: il sistema bancario collasserebbe in brevissimo tempo.

Nota
* Per non parlare dei costi salariali - in ogni caso discutibili - per il processo di pagamento, che non sono inclusi nelle cifre svedesi. Tuttavia, queste cifre dovrebbero essere apprezzate con cautela.  In Germania esiste una chiara correlazione tra l'importo della transazione e il metodo di pagamento. Poiché le carte di debito e di credito sono sempre più utilizzate per transazioni di grandi dimensioni, la percentuale di costi fissi è ridotta da questo metodo di pagamento. Se i tedeschi dovessero pagare importi inferiori senza contanti, i costi relativi (in proporzione al fatturato) per l'elaborazione dei pagamenti aumenterebbero notevolmente.

1661: le prime banconote in Europa erano svedesi

Stockholms Banco ha emesso le prime vere banconote in Europa. Hanno avuto molto successo, ma tutto è finito con il fallimento di una banca.

Johan Palmstruch, fondatore di Stockholms Banco, la prima banca svedese, emise le banconote. Lo sfondo era che nel 1660 il governo centrale aveva iniziato a coniare nuove monete con un peso inferiore a quelle più vecchie. Di conseguenza, molti depositanti desideravano recuperare i loro pezzi più vecchi e pesanti perché avevano un valore in metallo più elevato. Ciò ha portato a una corsa agli sportelli. Per contrastare questo fenomeno, Palmstruch iniziò a emettere certificati di deposito. Era un titolo che dava al proprietario il diritto di ritirare l'importo depositato in monete.

La caratteristica peculiare dei certificati di deposito, denominati crediti, era che la banca non dipendeva più dal deposito di denaro per poter prestare. I nuovi certificati furono emessi dalla banca sotto forma di prestiti. Potevano essere usati per comprare qualsiasi cosa ed è così che furono inventate le prime banconote in Europa.

La novità delle banconote di Palmstruch era che non erano collegate ad alcun deposito. Piuttosto, erano basate sulla fiducia del pubblico che la banca avrebbe pagato il valore del biglietto in monete su richiesta.

Le banconote divennero rapidamente popolari poiché erano più pratiche delle pesanti e ingombranti monete di rame. Negli anni seguenti, la banca stampò sempre più banconote. Ciò li ha portati a perdere valore, un fenomeno che ora è noto come inflazione. Il pubblico alla fine ha perso fiducia e molte persone hanno chiesto il rimborso dei loro biglietti. Ma la Stockholms Banco non aveva abbastanza monete e così iniziò a chiedere il rimborso dei prestiti concessi. Ciò si è concluso con il fallimento della banca e molte persone ebbero problemi finanziari.

Il Consiglio reale- il governo del tempo - nel 1664 decise che i prestiti sarebbero stati rimborsati e che le note di credito sarebbero state ritirate. A Palmstruch fu ordinato di comparire davanti alla corte d'appello di Svea e fu condannato a morte nel 1668 per cattiva gestione della banca . Fu graziato ma rimase in prigione fino al 1670 e morì l'anno successivo. (Fonte : Sveriges Riksbank) 




Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.nachdenkseiten.de/?p=54573
Publication date of original article: 04/09/2019
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=26984

 

Tags: SveziaBankstersBCEBancheMoneta digitaleContantiPrivatizzazionePrivacyAbolizione denaro contante
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.