TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 04/06/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ASIA & OCEANIA 
ASIA & OCEANIA / Aiuti medici per i nativi indiani che resistono
Date of publication at Tlaxcala: 25/11/2010
Original: Medical assistance for the resisting natives of India
Translations available: Deutsch  Français  Español  Svenska/Dansk/Norsk 

Adivasi Drum:
Aiuti medici per i nativi indiani che resistono

Sumud

 

La globalizzazione ha trasformato l'India in una miniera d'oro per le società multinazionali. Il centinaio di corporate families che decidono del destino di un miliardo di persone ha distrutto qualsiasi barriera al flusso di capitali – ... per amore dello sviluppo, sostengono loro.

Principalmente nell’area ricca di minerali del Sud-Est, il governo ha dato in concessione ampie zone alle compagnie minerarie e alle industrie pesanti, con contratti da decine di miliardi di euro. Le compagnie si dedicano al saccheggio delle ricche risorse locali, lasciando in cambio nient’altro che inquinamento e impoverimento. Si dà il caso però che sui terreni che esse sfruttano vivano persone, prive perlopiù di titoli di proprietà: gli Adivasi (parola Hindi che indica i nativi). Sono i più poveri tra i poveri, esclusi dal sistema castale come gli intoccabili (Dalit), ma, diversamente da questi  paria, risiedono in zone precedentemente isolate, nelle giungle da cui traggono sostentamento sufficiente per vivere.

Per portare avanti i propri affari, le multinazionali non hanno quindi che una possibilità: cacciarli dalle loro terre, come in passato il capitalismo nella sua fase di accumulazione fece già con i contadini europei e con i nativi americani. Nell’ultima decina di anni, centinaia di migliaia di Adivasi sono stati cacciati via, col risultato non solo di distruggere il loro sistema di sussistenza ma anche di portare sull’orlo della scomparsa la loro antica cultura.

La resistenza tuttavia si rafforza. I megaprogetti subiscono una battuta di arresto, poiché gli Adivasi si rifiutano di abbandonare le proprie terre e altri strati della popolazione si stanno unendo a loro per difendere le loro fonti di sostentamento contro gli appetiti predatòri delle multinazionali. Non funzionando più le ingannevoli promesse nello stile di quelle dei coloni bianchi in Nord America, si fa ricorso ora alla forza bruta. Di conseguenza le proteste pacifiche si trasformano in autodifesa violenta. Il movimento maoista armato si sta rapidamente diffondendo e si è affermato come guida del movimento adivasi almeno nei punti più caldi del conflitto. Il governo ha creato una milizia irregolare chiamata Salwa Judum ('caccia purificatrice') che, appoggiandosi agli strati privilegiati della società adivasi, ha bruciato villaggi e massacrato o costretto alla fuga la popolazione resistente. Centinaia di migliaia di Adivasi sfollati sono stati rinchiusi in campi. Infine, essi sono fuggiti anche dai campi, trovando riparo nella giungla dove si sono uniti alle fila dei maoisti. Nel 2009 Salwa Judum era già praticamente fallita, e si è assistito alla continuazione della guerra contro i nativi con lo scatenamento dell’operazione Green Hunt ('battuta di caccia') portata avanti da diverse forze paramilitari, assistite e addestrate dall’esercito indiano.

Nel frattempo, il doppio impatto dell’aggressione globalista e della resistenza popolare ha trasformato irreversibilmente la società adivasi. Mentre si oppongono allo sviluppo capitalista acclamato dalle classi privilegiate e dall’élite globale, gli Adivasi intraprendono la strada di uno sviluppo alternativo attraverso e in favore delle stesse masse popolari. Nei luoghi più remoti prendono vita progetti collettivi  nei settori dell’agricoltura e dell’artigianato. I maoisti hanno introdotto l’educazione nelle idiomi adivasi, costringendo il governo a seguirli su questa strada. Si sperimenta un regime di potere popolare che dà alle donne la possibilità di uscire dal loro tradizionale ruolo di secondo piano.

Anche altri settori di poveri e di oppressi si stanno aggregando, poiché la globalizzazione capitalistica è una minaccia universale. Un esempio adatto a illustrare la situazione generale è quello della Posco, una compagnia sudcoreana-statunitense dell’industria pesante, che sta progettando il più enorme investimento singolo – dell’ordine di dieci miliardi di Euro. La Posco progetta di costruire un’acciaieria, un porto d’alto mare e una miniera di materiale di fusione per d’acciaio nello stato dell’Odisha, sulla costa orientale. Il governo sostiene il progetto sostenendo che finirà per portare benessere a tutta la popolazione, mentre il movimento popolare vi si oppone strenuamente: gli Adivasi che si oppongono alla costruzione di miniere sulla propria terra, i pescatori le cui zone di pesca sarebbero distrutte dal porto, i contadini senza titoli di proprietà i cui mezzi di sostentamento verrebbero spazzati via, e la popolazione nel suo insieme che teme che le industrie prosciugherebbero le già scarse riserve d’acqua. Tutti costoro contrappongono il proprio modello popolare di sviluppo a quello portato avanti dalle grandi imprese.

Mentre la crisi economica globale intensifica lo scontro, il governo bolla di terrorismo qualsiasi opposizione, sia essa quella della minoranza musulmana presa di mira dallo sciovinismo indù sponsorizzato dallo stato, sia quella dei movimenti di liberazione nazionale in Kashmir e nel Nord-Est dell'India, quella degli Adivasi o dei Dalit. Seguendo il paradigma occidentale della guerra al terrorismo, l’autoproclamata più grande democrazia del mondo perseguita tutti coloro che osano valersi dei diritti democratici che gli sono formalmente loro garantiti. Persino la più importante scrittrice dell’India contemporanea, Arundhaty Roy, che ha reso visita alla resistenza armata adivasi a testimonianza delle loro motivazioni, è minacciata d’incarcerazione.

Come associazione di volontariato Sumud vogliamo sostenere concretamente e nella pratica la giusta lotta dei nativi indiani per la sopravvivenza, accogliendo la loro richiesta d’aiuto ai progetti autonomi di sviluppo popolare. Non solo perché abbiamo il dovere morale di opporci alla riedizione del genocidio coloniale commesso dalla civiltà occidentale capitalistica in ogni parte del mondo, ma anche perché in ultima istanza la globalizzazione coinvolge anche noi e dobbiamo unire le nostre forze con la resistenza globale.

L’accesso alla zone di resistenza adivasi, estesse come interi paesi europei, è tuttavia impedito dall’esercito. Pertanto i nostri amici e partner di Adivasi Drum, un’organizzazione collettiva comunitaria che opera nello stato meridionale dell’Andhra Pradesh, ci ha proposto di implementare un progetto d’assistenza medica mobile ai bordi delle aree di conflitto. Quanto ciò sarà possibile dipende anche dalla nostra capacità di lanciare una campagna politica sia in Europa sia in India.

Abbiamo in programma di inviare una piccola delegazione all’inizio del 2011, per consegnare i primi aiuti e per verificare sul campo le possibilità di un’attività congiunta con le squadre di Adivasi Drum. In futuro abbiamo intenzione di far crescere questo progetto.

Ciò di cui abbiamo bisogno:

* personale medico, compresi dottori disposti a lavorare in coordinamento con lo staff locale;
* copertura giornalistica e multimediale (video e fotografica);
* alcune migliaia di euro di donazioni per l'acquisto di forniture mediche prodotte localmente.

Chi è interessato ad aiutarci può scriverci a info[at]sumud[dot]org.

Un metodo rapido per sostenere economicamente questo progetto è quello di fare una donazione utilizzando il pulsante qui sotto; è possibile utilizzare un Conto Paypal, una Carta di Credito (anche prepagata) od un Bonifico online.

Se invece preferite utilizzare mezzi più tradizionali, potete fare un bonifico sul nostro conto corrente.

Conto corrente intestato a:
Sumud: volontariato e resistenza
presso: Banca Popolare Etica
IBAN: IT19U0501802800000000127032
BIC: CCRTIT2T84A





Courtesy of Sumud
Source: http://www.sumud.org/index.html
Publication date of original article: 20/11/2010
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=2662

 

Tags: AsiaIndiaAdivasiDalitglobalizzazionemaoistiGreen HuntPOSCOresistenza
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.