TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 07/12/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Il sogno del giovane ciclista gazawi, amputato
Date of publication at Tlaxcala: 28/06/2019
Original: A young Gazan’s dream, amputated
Translations available: Français 

Il sogno del giovane ciclista gazawi, amputato

Gideon Levy جدعون ليفي גדעון לוי

Translated by  Frammenti vocali in MO: Israele e Palestina
Edited by  Fausto Giudice Фаусто Джудиче فاوستو جيوديشي

 

Alaa ad-Dali era il campione di ciclismo di Gaza. Ha vinto la Tokyo Race due volte di seguito. La gara di Tokyo si tiene a Gaza. Nessun ciclista  di Gaza è mai riuscito ad arrivare alla Tokyo Race di Tokyo. Nella sua casa di Rafah, dove le pareti sono prive di intonaco, sfoggia medaglie e trofei. Stanno  nell'angolo della sua stanza. Ad Alaa non è mai stato possibile lasciare la gabbia di Gaza o competere in nessuna altra gara tranne che per la Tokyo Race di Gaza.

Si allenava duramente, 150 chilometri al giorno. La  striscia di Gaza  è lunga 41 chilometri e li ha percorsi  avanti e indietro. Alaa ha vissuto  e respirato  il ciclismo. Desiderava poter partecipare alla competizione ciclistica di Giacarta nell'estate 2018 ed alzare la bandiera palestinese sul podio del vincitore.

Il 30 marzo 2018, ha terminato il suo allenamento mattutino, poi si è avvicinato alla recinzione per prendere parte alla protesta del primo marzo. Era a circa 250 metri dalla recinzione  e stava osservando cosa stava succedendo quando un  soldato israeliano lo ha colpito  alla gamba.

Due giorni dopo, si è risvegliato all'ospedale europeo di Khan Yunis. "Mi sentivo come se la mia vita fosse finita. Ho pensato  al mio sogno di diventare un campione di ciclismo ", ha detto  a  Muhammad Sabah di B'Tselem.

Per quasi una settimana  la sua famiglia ha cercato di farlo trasferire in un ospedale di Ramallah, dove c'era forse la possibilità di salvare  la gamba. Le autorità israeliane non lo hanno permesso . L'8 aprile i medici di Khan Yunis lo hanno informato  che la sua gamba doveva essere amputata sopra il ginocchio. "Resterò  senza una gamba, senza un sogno e senza futuro. La mia vita perderà ogni significato ", ha detto  loro.

Alaa ad-Dali ha deciso di diventare il primo paraciclista di Gaza. Foto Nicola Zolin/Al Jazeera]


Ora ha 21 anni. Ha rimosso un pedale dalla sua bicicletta e ha imparato a pedalare con una gamba. "La bicicletta è la mia anima", ha detto  in un filmato prodotto da B'Tselem. Ad-Dali si appoggia contro un muro per montare la sua bici, quindi parte in sella percorrendo le  polverose strade di Rafah. "L'occupazione ha raggiunto il suo obiettivo", dice, prima di scomparire lentamente dalla vista.

Alaa ad-Dali continua a pedalare con una gamba sola, andando avanti e indietro sull'unica strada pianeggiante di Gaza. Foto Nicola Zolin/Al Jazeera

Centotrentotto giovani a Gaza hanno perso le gambe nelle proteste alla recinzione a causa del   fuoco dei cecchini delle FDI. Secondo i dati dell'Organizzazione mondiale della sanità, 30 di loro sono bambini. È difficile immaginare la vista di 138 giovani amputati, la maggior parte dei quali disarmati e che non poneva  in pericolo la vita di nessuno.

La vista di 30 bambini amputati è un orrore. Apparentemente alcuni di questi arti avrebbero potuto essere salvati, se Israele non avesse impedito l'accesso a cure tempestive.

Come è successo nel caso del pescatore  Khader Sa'idi, che ha perso la vista dopo essere stato colpito negli occhi per aver presumibilmente superato la zona di pesca consentita. Nel caso di Sa'idi l'accesso a un trattamento migliore è stato negato perché non si trattava di una misura salvavita. Lo stesso pretesto ha portato alla perdita di ogni possibilità di salvare la gamba del campione di ciclismo di Rafah.

Il venerdì le folle marceranno ancora una volta verso il recinto e  alcuni  saranno feriti  e uccisi  e Israele rimarrà del tutto indifferente al loro destino. I dimostranti disarmati che vengono uccisi  e feriti  non sono nemmeno una storia. Le loro motivazioni non interessano a nessuno. Sono tutti etichettati come terroristi .

Guardare la figura straziante di Alaa ad-Dali è vedere Gaza e vedere noi stessi. Un giovane uomo che ha fatto un sogno - cosa abbastanza rara a Gaza - ed è stato schiacciato dalle FDI. Domani, quando arriveranno le notizie sugli ultimi feriti, penserò al campione di ciclismo amputato di Gaza.

Quando migliaia di israeliani usciranno per le loro gite in bicicletta settimanali questo fine settimana, forse alcuni di loro avranno  un pensiero per Ad-Dali, il cavaliere di Gaza, che voleva essere come loro, Per il suo presente, il suo futuro e le sue possibilità di avere qualcosa dalla sua vita.





Courtesy of Frammenti vocali/Tlaxcala
Source: https://bit.ly/31RyvxT
Publication date of original article: 27/06/2019
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=26382

 

Tags: Alaa Ad-DaliCiclista di Gazacrimini sionistiGhatto di GazaPalestina/Israele
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.