TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 21/09/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 MAPS & GLOSSARIES 
MAPS & GLOSSARIES / Google Maps: le città palestinesi sono villaggi fantasma tra gli insediamenti
Date of publication at Tlaxcala: 19/06/2019
Original: Palestinian cities are ghost towns between settlements, on Google Maps

Google Maps: le città palestinesi sono villaggi fantasma tra gli insediamenti

Thomas Suárez

Translated by  Simonetta Lambertini

 

In ‘1984’ di Orwell, Winston Smith si imbatte in un vecchio ritaglio di giornale che rivela che il Grande Fratello aveva incastrato tre uomini per crimini contro lo stato. Tutte le prove del passato in contraddizione con la “verità” mutevole del regime avrebbero dovuto essere distrutte, ma questo scampolo era stato trascurato. Winston completò il lavoro – anche se alla fine, anche distruggendo le prove non poteva cancellarne la conoscenza dalla sua mente.

Ciò che Orwell non avrebbe potuto prevedere era un mondo in cui il Grande Fratello non avrebbe avuto bisogno di distruggere le prove, un mondo in cui le prove non esistono in forma fisica e possono essere cambiate a volontà senza lasciare traccia. Tutte le ‘copie’ di un giornale virtuale si aggiorneranno istantaneamente su ogni nuova ‘verità’. I criminali del pensiero potrebbero, naturalmente, aver salvato una copia del precedente file virtuale, o persino uno screen-grab, ma tutti questi non saranno altro che numeri sui media. Quale prova di quale serie di cifre fosse quella vera, quando non c’è traccia fisica e legale? Vero, falso, falsificato, reale, nuovo, vecchio, passato, presente, causa, effetto e persino indicatore dell’ora e firme digitali, in definitiva non sono altro che insiemi di uno e zero senza distinzione, perché – per riscrivere un altro romanzo di Orwell – tutti i numeri sono creati uguali, nessuno più uguale di altri. Chiunque controlli la macchina da stampa virtuale che crea e riscriva la realtà secondo le necessità, indossa l’anello wagneriano del Nibelungo – ha il potere di governare il mondo.
Benvenuto nel presente. Benvenuto, ad esempio, su Google Maps.
 

Una ricerca per ‘Palestina’ su Google Maps fa apparire la regione con solamente Israele come nome di un paese. In questa veduta generale, l’unico luogo che appare all’interno della Cisgiordania o di Gaza è l’insediamento israeliano di Ma’ale Adumim.

Google Maps ha fatto alla Palestina ciò che il Grande Fratello non è stato capace di fare con il ritaglio di giornale di Winston. Una civiltà indigena ha prosperato a lungo sulla terra che vuoi rubare? Nessun problema – puff, l’abbiamo cancellata. È andata. Non solo dallo schermo in cui abbiamo cliccato su ‘cancella’, ma dallo schermo di tutti, compreso lo scampolo ribelle su cui Winston Smith è inciampato.
Il tentativo di Google di far de-esistere la Palestina è stato ben segnalato *, insieme alla sua ‘spiegazione’ che non esiste nessun paese con quel nome. Ma anche quella vacua scusa non riesce a rispondere al suo rifiuto di tracciare l’accesso a qualsiasi luogo in Palestina, ad eccezione degli insediamenti illegali – cioè, blocco delle informazioni cartografiche dei palestinesi come strumento di controllo etnico.
 
Google Maps ha trasformato città e villaggi palestinesi in fantasmi. Appaiono (a differenza del termine Palestina, Google non può far finta che non esistano), ma secondo la tecnologia Goliath non esistono come luoghi in cui uno possa effettivamente arrivare. Galleggiano in un’altra dimensione. Se vuoi andare nelle città della Cisgiordania, anche città importanti come Jericho, Betlemme o Hebron, Google ti risponderà: Scusa, non siamo riusciti a calcolare le indicazioni stradali da …
Ma se i coloni della Cisgiordania vogliono visitare altri insediamenti in Cisgiordania, Google è al loro servizio.
 

FOTO – Nonostante lo sfoggio diversivo di Israele di una Abu Dis come capitale proposta per un futuro stato palestinese, Google non riesce a capire come arrivarci dalla vicina Gerusalemme (a sinistra). Ma se vuoi andare nella colonia israeliana di Ma’ale Adumim vicino ad Abu Dis, la nebbia improvvisamente si dirada. Anche se stai partendo da Londra, l’unica domanda è se vuoi la rotta nord o quella sud (a destra).

Abu Dis è un’affollata città universitaria palestinese vicina a Gerusalemme; il gigante tecnologico Google, tuttavia, “non riesce a trovare una strada lì”, da nessuna parte. Ma nelle vicinanze di Abu Dis si trova l’insediamento israeliano di Ma’ale Adumin, che non è un problema per Google, non importa da dove tu parta – sia Londra o Città del Capo.

Betlemme ed Hebron sono facilmente raggiungibili in mezz’ora di viaggio, supponendo che l’IDF non interferisca per conto dei vari insediamenti israeliani che punteggiano la strada. Google, tuttavia, è bloccato.

Né Google può capire come arrivare a Hebron, la più grande città della Cisgiordania – nemmeno da Betlemme, 22 km a nord sulla Route 60. Quando ho dovuto guidare dall’aeroporto Ben-Gurion a Hebron, ho dovuto mentire al Grande Fratello: ho indicato uno degli insediamenti israeliani nell’area di Hebron. Questo Google lo ha mappato con piacere, e quando ho preso familiarità con Route 60, ho spento il mio teleschermo.

Google “non riesce a trovare una strada” per Gerico, una città iconica nella civiltà umana (a sinistra). Ciononostante, trova istantaneamente tre percorsi per il vicino insediamento israeliano di Beit HaArava (a destra)

Gerico è stato abitato in modo continuato per millenni prima del regno biblico il cui nome è stato preso dallo stato moderno per conto di Google che sta conducendo queste bugie cartografiche. Ma sebbene Google finga di ignorare come arrivare a Gerico, sarà lieto di indirizzarti verso il vicino insediamento di Beit HaArava. Google, in effetti, preferirebbe portarti da Israele in paesi con i quali Israele è in guerra, piuttosto che in Palestina. Libano? Siria? O forse una vacanza nella soleggiata Riyadh? Facile.
 
Israele ha usato i suoi amici nel governo degli Stati Uniti per tentare di controllare un altro aspetto della mappatura di Palestina-Israele: i dettagli dei satelliti. Nel 1997, un anno prima della fondazione di Google, i senatori Jon Kyl e Jeff Bingaman scrissero con successo un Emendamento alla Military Defense National Defense Authorization Act che limitava i dettagli delle vedute satellitari della terra sotto controllo israeliano. [1] Ma questa legge può solo controllare le società statunitensi, e la sua efficacia è diminuita in quanto i cartografi non vincolati dalla legge degli Stati Uniti hanno offerto immagini satellitari più dettagliate.
 
Le mappe stampate devono ancora essere distrutte alla vecchia maniera. Quando HarperCollins pubblicò un libro (stampato) per il mercato del Medio Oriente con una mappa che non etichettava Israele, il clamore fu palpabile; l’editore, accusato di antisemitismo e di voler “cancellare Israele dalla mappa”, intese la connotazione della frase ben oltre la cartografia. I libri furono mandati al macero. [2]
Ma le mappe sullo schermo non hanno bisogno di macero, e anche la stessa mappa non è statica. Informazioni e nomenclatura possono apparire o scomparire in base a un ordine gerarchico mentre la veduta è ingrandita o ridotta. Quando la parola “Israele” non apparve su una mappa di volo di Air France sullo schermo, il titolo del Jerusalem Post diceva “Air France spazza via Israele dalla mappa … letteralmente”. [3] Sebbene le rotte di Air France includano Tel Aviv, fu accusata di impegnarsi nel BDS. La compagnia aerea si scusò e risolse il problema, spiegando (plausibilmente) che l’omissione era stata il risultato di “problemi di scala e visualizzazione della mappa”. Alcune mappe delle compagnie aeree mediorientali continuano a omettere Israele, sia come dichiarazione politica che per dare priorità allo spazio sullo schermo se la compagnia aerea non vola in Israele [4].
 
Sebbene Google si sia posizionata come cartografo predefinito della maggior parte delle persone, ci sono alternative. Ecco come gli altri principali servizi di mappatura vanno a scrivere, da un indirizzo IP di Londra, una cache cancellata, e Firefox. Tutti questi etichettano Israele con o senza ricerca, mentre nessuno di questi indica ‘Palestina’ o ‘Territori palestinesi’ senza inserirli come termine di ricerca, e solo uno – MapQuest – indica Palestina anche quando è inserito come termine di ricerca.
  • Google Maps: Palestina arriva su una ricerca? No. Etichette Palestina? No. Indicazioni per località palestinesi? No.
  • MapQuest: Palestina arriva su una ricerca? Sì. Etichette Palestina? Sì, come “Stato della Palestina” (!). Indicazioni per località palestinesi? Sì, molte, anche se non complete.
  • Bing: Palestina arriva alla ricerca? No. Etichette Palestina? No. Indicazioni per località palestinesi? Sì.
  • Rand McNally: Palestina arriva alla ricerca? No. Etichette Palestina? No. Indicazioni per località palestinesi? No.
  • Waze (sviluppato da Israele, ora di proprietà di Google): Palestina arriva alla ricerca? No. Etichette Palestina? No. Indicazioni per località palestinesi? Estremamente limitato.
  • HereWeGo: Palestina arriva alla ricerca? No. Etichette Palestina? No. Indicazioni per località palestinesi? Limitato.
Anche se MapQuest è qui il migliore, se il nostro semplice criterio è: la mappa tratta Palestina senza pregiudizi rispetto alla copertura di altre aree ben popolate, specialmente quelle confinanti? … tutti falliscono.

Tra i principali servizi cartografici online testati, solo MapQuest ha riconosciuto ‘Palestina’ – anzi come stato (sopra lo schermo non è stato modificato). Eppure Israele vince ancora le guerre cartografiche su MapQuest: se si va semplicemente nella regione ‘neutrali’, senza termini di ricerca, solo Israele viene etichettato.

L’anomalia di Google, e indizio della sua follia, è Gaza. Anche se non occorre dire che Google si rifiuta di collegare Gaza con il mondo esterno, Google è perfettamente disposto a guidare le persone catturate all’interno di quella “prigione”. L’ovvia ragione è che al momento non ci sono ancora insediamenti israeliani a Gaza. E così Google mapperà le strade che collegano le principali città di Gaza, come Gaza City a nord e Rafah a sud, o luoghi più piccoli come Al Qarara e Nuseirat Camp.
 

Dal momento che Gaza è sotto assedio israeliano piuttosto che colonizzazione israeliana attiva, Google agisce sulle direzioni all’interno della striscia.

Gli enormi benefici apportati, e ancora da apportare, dalla tecnologia digitale e da internet sono almeno altrettanto profondi di quelli dell’avvento della stampa sei secoli fa, e forse ancor più. Questa nuova rivoluzione porta con sé cambiamenti nella società umana che non possiamo ancora comprendere pienamente; ma per lo meno, mentre ci osserviamo in tempo reale, dovremmo denunciare i suoi evidenti abusi, il suo sfruttamento per scopi immorali.
 
Le mappe sono per definizione creature sospette: non esiste una mappa ‘neutra’. Tutte le mappe riflettono i pregiudizi collettivi culturali, storici, scientifici, tematici ed estetici dei loro creatori. Ci sono tuttavia mappe il cui intento è quello di presentare i loro soggetti ‘onestamente’ all’interno del mondo in cui esistono e lo scopo per cui sono state create è servire. Il trattamento della Palestina da parte di Google Map è, piuttosto, criminalità cartografica, l’uso della sua piattaforma dominante come arma per aggressione, oppressione e pulizia etnica israeliana.
 
Lo scritto di Tom Suárezsulla storia della mappa ha preso forma nelle guerre delle mappe di oggi: il suo libro del 1999 “Early Mapping of Southeast Asia” (Charles E. Tuttle) è stato tra le prove (allegato 528) utilizzate dai negoziatori filippini nella loro riuscita campagna ONU contro il tentativo della Cina per rivendicare la sovranità sulle isole Paracel e Spratly.
 
* Consiglio vivamente di scaricare l’eccellente rapporto in PDF del Centro arabo per l’avanzamento dei social media, la mappatura della segregazione – Google Maps e i diritti umani dei palestinesi (settembre 2018), che affronta sistematicamente questioni non trattate in questo articolo, come ‘non riconosciuti’ villaggi, check-point, e strade dell’apartheid.
  1. Kyl–Bingaman Amendment, Public Law 104-201, Section 1064, Military Defense National Defense Authorization Act for 1997.
  2. https://www.theguardian.com/books/2015/jan/05/middle-east-atlas-israel-anger
  3. https://www.jpost.com/International/Air-France-wipes-Israel-off-of-the-mapliterally-410999
  4. https://www.express.co.uk/travel/articles/777297/israel-airline-maps




Courtesy of Invictapalestina
Source: https://mondoweiss.net/2019/06/palestinian-between-settlements/
Publication date of original article: 03/06/2019
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=26305

 

Tags: GazaPalestina/IsraeleGoogle MapsPropagandaOccupazione sionista
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.