TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 18/06/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 UNIVERSAL ISSUES 
UNIVERSAL ISSUES / La battaglia per l'alimentazione del futuro
Date of publication at Tlaxcala: 13/04/2019
Original: La batalla por la alimentación del futuro

La battaglia per l'alimentazione del futuro

Alejandro Nadal

Translated by  Alba Canelli

 

Come faremo a garantire l'alimentazione di una popolazione di 8 miliardi e mezzo di persone per il 2030? La maggior parte della popolazione pensa che l'unico modo per ottenere questo risultato sia attraverso l'agricoltura commerciale su larga scala, che ora domina il mercato mondiale degli alimenti. Questa è la risposta sbagliata. La lotta per il cibo di domani inizia oggi. 

Il modo di produrlo ora influisce sulla produzione di un'alimentazione nutriente e un ambiente sano in futuro. L'agricoltura commerciale su larga scala, intensiva in capitale e in prodotti agrochimici, non solo non è la risposta alle esigenze produttive e di conservazione, ma mette anche a rischio l'approvvigionamento alimentare globale del futuro. È urgente rivalutare l'agricoltura governata dai principi della produzione agroecologica.
Negli Stati Uniti, è stato pubblicato un libro di grande valore, dal ricercatore Timothy A. Wise. Il suo titolo è Eating Tomorrow ed è il risultato di cinque anni di ricerche in Messico, negli Stati Uniti e in diversi paesi africani (Zambia, Malawi e Mozambico). La linea guida dell'analisi è la questione sui sistemi agricoli per alimentare una popolazione mondiale in crescita. La risposta è orientata in modo convincente verso l'agricoltura su piccola scala, che oggi continua a dominare la produzione alimentare mondiale (il 70% della produzione mondiale proviene dall'agricoltura contadina). Questa attività produttiva viene svolta in piccole unità e, sebbene spesso si tratti di terreni che non sono della migliore qualità, le tecniche di gestione del suolo, l'acqua e le risorse genetiche di questi piccoli produttori consentono loro di ottenere rendimenti sufficienti per soddisfare i bisogni familiari e portare eccedenze sul mercato.

Le tecniche di produzione di questi produttori poveri si basano su una conoscenza contadina millenaria basata sull'agrobiodiversità. Questa forma di produzione va contro quasi tutti i principi della produzione capitalista, che preferisce l'uniformizzazione (monocultura), la meccanizzazione e l'uso intensivo di prodotti agrochimici (fertilizzanti e pesticidi). La produzione commerciale in grandi unità è quella che meglio si presta all'applicazione dei principi che privilegiano la generazione di profitti prima di quella del cibo. Ma quella redditività del complesso agricolo capitalista sta lasciando una scia tossica nell'ambiente. Il miglior esempio è lo stato dell'Iowa, negli Stati Uniti, che Wise descrive come l'epicentro di una catastrofe ecologica e sociale.

Le corporazioni che dominano la produzione agricola e zootecnica negli Stati Uniti gestiscono le unità produttive come se fossero una fabbrica di tessuti. Ciò che conta è la redditività. Ma il complesso dell'agrobusiness continua a esaurire le falde acquifere con nitrati, pesticidi, agenti patogeni, rifiuti farmaceutici e ormoni. Un risultato è la cosiddetta zona morta, nel Golfo del Messico, prodotta dal deflusso di nutrienti da agricoltura commerciale su larga scala. Inoltre, le pratiche di aratura e monocoltura continuano ad avere un impatto che deteriora le proprietà produttive della terra. In questo schema, la produzione agricola è intrecciata con gigantesche fabbriche di carne, in cui milioni di maiali e polli sono sottoposti a un processo di sovraffollamento estremo con un'impronta tossica di dimensioni bibliche.

Il problema non è solo ambientale. Sebbene molte unità produttive siano ancora di proprietà di una famiglia, la verità è che questi proprietari non controllano il processo di produzione. Il mix di prodotto (agricolo e zootecnico), cos' come le forniture necessarie, nonché quando portare l'intero prodotto sul mercato, sono decisioni che le famiglie non controllano: sono le grandi aziende a determinare le linee di produzione e la combinazione di forniture.

Queste grandi società dominano i mercati di semi, cereali, carne, fertilizzanti e pesticidi. Sono integrati orizzontalmente e verticalmente, e i nomi di questi giganti sono ben noti: Monsanto, Dupont, Syngenta, Cargill, Archer Daniels, Tyson, Smithfield. Le famiglie che possiedono fattorie sono diventate una specie di vassalli medievali di queste società. E sebbene il sogno americano abbia un posto bucolico per le famiglie padrone di una proprietà, la verità è che oggi la maggior parte di queste famiglie riceve un reddito annuale insufficiente a coprire i costi operativi sotto i parametri imposti da queste grandi società. Molte famiglie vivono al di sotto della soglia di povertà e hanno perso la terra. Gli Stati Uniti hanno avuto per anni un problema agrario di grandi dimensioni.

L'analisi di Tim Wise mostra come la politica agricola abbia punito per anni l'agricoltura su piccola scala e conferisca privilegi esorbitanti alle grandi società. Il costo può essere molto elevato, poiché è in gioco la sostenibilità della produzione alimentare dell'intero pianeta. 





Courtesy of Tlaxcala
Source: http://www.sinpermiso.info/textos/la-batalla-por-la-alimentacion-del-futuro
Publication date of original article: 04/04/2019
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=25800

 

Tags: Sovranità alimentareAlimetazioneAgricolturaMultinazionaliBiodiversitàCapitalismoPesticidiAmbiente
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.