TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 24/09/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ABYA YALA 
ABYA YALA / Tutto ciò che si sa e non viene detto sul Venezuela
Date of publication at Tlaxcala: 13/02/2019
Original: Todo lo que se sabe y no se dice sobre Venezuela
Translations available: Français 

Tutto ciò che si sa e non viene detto sul Venezuela

Alfredo Serrano Mancilla

Translated by  Alba Canelli

 

In questi tempi di dittatura della congiontura, i signori/e "So tutto Io", escono come lumache dopo la pioggia. Molti di loro fallirebbero un semplice test a scelta multipla per testare le loro conoscenze di base sull'argomento della loro "competenza". Con poche eccezioni, tra coloro che scrivono o parlano del Venezuela, nessuno ha idea se Lara sia una città o uno stato, per non parlare di dove "esso" si trovi geograficamente. In altre parole, mancano degli elementi essenziali di base per avventurarsi nel dare lezioni.

Per correggere alcuni errori ricorrenti che condizionano analisi e commenti, mi sia consentito menzionare alcuni dati "sconosciuti" per contribuire a una migliore salute del dibattito globale sul Venezuela:
  1. Juan Guaidó è stato eletto dallo stesso corpo elettorale con cui è stato eletto il presidente Maduro. Guaidó ha ottenuto 97.492 voti nello stato di Vargas nel 2015.

  2. L'Organizzazione degli Stati americani non ha riconosciuto Guaidó come presidente di nulla. Fu Luis Almagro, il suo segretario generale, a farlo a proprio rischio, ma non i suoi Stati membri come un blocco. Né le Nazioni Unite hanno riconosciuto Guaidó, e questo è stato chiaramente affermato in una lettera pubblicata dal suo segretario generale, António Guterres, che ha dato la sua approvazione a prestare assistenza umanitaria se l'attuale governo lo avesse richiesto. Papa Francesco non ha aderito alla proposta di Trump su Guaidó in risposta a una domanda esplicita di un giornalista fatta sul volo di ritorno da Panama. 
    Paesi di una certa importanza geopolitica, come Cina, Russia, Turchia, Iran, Messico e Sud Africa, non convalidano l'opzione di un altro presidente che non sia Maduro.
     Tutti i paesi dell'Unione Europea (UE) non partecipano al ripudio di Maduro. Finora, Italia, Grecia, Romania, Irlanda, Bulgaria, Cipro, Malta e Slovacchia non lo hanno fatto. Un altro dato: il capo della diplomazia europea, l'italiana Federica Mogherini, ha accettato di recarsi a Montevideo il 7 febbraio per iniziare il dialogo all'interno del gruppo di contatto internazionale sul Venezuela. Da parte sua, il Parlasur, il parlamento del Mercosur, non ha in alcun modo tenuto conto dell'esistenza di un altro presidente oltre a Maduro. E non dimentichiamoci della Comunità del Caribe, CARICOM, che nemmeno riconosce Guaidó.

  3. Il Venezuela è l'ottavo paese al mondo con le maggiori riserve di gas comprovate; il primo in petrolio; in oro, le sue riserve superano il PIL del Cile o della Danimarca; in ferro, il valore supera il PIL del Messico o della Spagna; in diamanti, la cifra è superiore al PIL del Paraguay o della Bolivia; e, ciliegina sulla torta, è stato recentemente dimostrato che il suo territorio contiene molto coltan.

  4. In termini di proprietà, il 98,5% delle società costituite in Venezuela sono private; Lo 0,5% è misto e l'1% è interamente pubblico. E un altro fatto: l'80% dei media in Venezuela sono privati.

  5. Secondo un articolo del New York Times, stando alle stime del governo Trump, le nuove sanzioni costeranno all'economia venezuelana 11 miliardi di dollari di ricavi petroliferi persi. E questo in aggiunta agli effetti già consumati dai precedenti decreti. Il primo è stato quello di Obama, approvato il 9 marzo 2015, che annunciava le prime sanzioni contro il Venezuela a causa del "rischio straordinario" per la sicurezza degli Stati Uniti. Poi molti altri seguirono con l'amministrazione Trump già in atto.

  6. Nel ventunesimo secolo, il Venezuela ha diversificato le sue relazioni economiche e politiche. E la Cina diventa uno dei suoi principali partner. Ad esempio, il Venezuela rappresenta il 40% dell'investimento di Pechino in tutta l'America Latina. Anche la Russia e la Turchia svolgono un ruolo chiave in queste nuove alleanze.

  7. A volte si dimentica che il Venezuela ha un confine con gli USA regolato dal Trattato marittimo del 1978, che stabilisce i confini marittimi tra le isole venezuelane nel Mar dei Caraibi e i territori dipendenti degli Stati Uniti (Porto Rico e le Isole Vergini).
Questi sono elementi importanti che dobbiamo considerare quando vogliamo esprimere un giudizio su ciò che sta accadendo in Venezuela. Da lì, l'analisi in prospettiva diventa un esercizio molto complesso. L'unica cosa certa è che ogni volta che gli Stati Uniti parlano di aiuti umanitari, le cose finiscono male. Speriamo che questa volta tutto rimanga nella stessa categoria della guerra dichiarata da Trump alla Corea del Nord, o il muro che non poté mai essere costruito sul confine messicano. Vedremo.




Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.celag.org/todo-no-se-sabe-sobre-venezuela/
Publication date of original article: 12/02/2019
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=25359

 

Tags: Nicolas MaduroVenezuelaMediaPropagandaUSAPetrolioUEImperialismoDemocraziaSovranità
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.