TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 23/09/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 EDITORIALS & OP-EDS 
EDITORIALS & OP-EDS / Distopia socialista
La realtà della nostra rivoluzione democratica
Date of publication at Tlaxcala: 20/01/2019
Original: Distopía socialista
Translations available: Français 

Distopia socialista
La realtà della nostra rivoluzione democratica

Nicolás Maduro Moros

Translated by  Alba Canelli

 

Combattono un socialismo che non esiste. Lottano contro un'anti-utopia che non appartiene a nessuno. Immaginano un mondo senza famiglia, senza ordine, senza mercato, senza libertà. I liberali di destra del mondo hanno inventato un fantasma, gli hanno appeso il segno del "socialismo" e ora lo vedono dappertutto, specialmente, e ogni tanto in Venezuela. Ma adesso basta.

Perché questo socialismo che stanno combattendo non è il socialismo in cui siamo in comunione , noi, le democrazie inclusive, piene di persone che vivono nel XXI secolo... Il nostro socialismo è particolare, popolare e profondamente latinoamericano. Come abbiamo detto chiaramente durante l'Assemblea delle Nazioni Unite lo scorso settembre: il nostro è un progetto autonomo di rivoluzione democratica, di rivendicazione sociale, è un modello e un percorso a sé stante che si basa sulla nostra storia e sulla nostra cultura.
 
E, naturalmente, la nostra democrazia è diversa perché non è stata fondata né da né per le élite, come lo erano le democrazie liberali dell'Europa e degli Stati Uniti. Contro quel modello ci ribelliamo ed è per questo che abbiamo proposto, 20 anni fa, una nostra democrazia, basata sul cuore sovrano del popolo venezuelano.
 
Quello che succede è che, terminando il ventesimo secolo, quando in America Latina lasciammo il periodo delle dittature promosse dagli Stati Uniti, provarono, con l'idea di "democrazia liberale", a rifilarci un pacco regalo - come un cavallo di Troia - con tutti i valori del proprio concetto di "modernità". Ma vogliamo dirvi che qui in America Latina abbiamo anche identità e valori, e che vogliamo coinvolgere i nostri valori, nella nostra democrazia, piuttosto che quelli degli altri. Non solo quelli dell'individuo e del capitale. Anche quelli di solidarietà e comunità. Per noi, la patria è l'altro.
 
Abbiamo imparato la lezione, perché questo è successo a noi per secoli. Invece di arricchire la propria cultura con quella dell'esterno, le élite latinoamericane e le loro modalità liberali hanno cercato costantemente di ricostruire l'Europa nel cuore dell'America. Distruggendo di tanto in tanto tutto ciò che sembra loro diverso. Le élite per le quali noi, l'indiano e il nero, eravamo più scimmie che umani.
 
Crediamo con fervore nella nostra democrazia in America Latina, perché in Venezuela crediamo in tre principi fondamentali che rispettiamo come essenziali e necessari: in primo luogo, perché organizziamo le elezioni in modo sistematico, quotidiano e pacifico. Negli ultimi 20 anni ci sono state 25 elezioni, tutte approvate da istituzioni nazionali e internazionali e attori politici. Alcune le abbiamo vinte in modo schiacciante, altre le abbiamo perse. 
Secondo, perché in Venezuela i cittadini, attraverso meccanismi di democrazia diretta, fondamentalmente con le organizzazioni di quartiere e i partiti politici, hanno accesso e controllo sulle risorse pubbliche. 
E terzo, perché in Venezuela è il popolo a governare, non le élite. 
 
Prima di me governava Chavez, un soldato di origine nero e indiano che divenne il padre della patria. Oggi, il Venezuela è governato, da sei anni, da un modesto sindacalista e autista di autobus. In Venezuela è il popolo che governa se stesso, perché è la sua Assemblea Costituente che ha concepito e redatto una propria Costituzione.

Non siamo e non vogliamo essere un modello di democrazia. Siamo, invece, la democrazia definita e difesa dal suo popolo, quella che plasma uno sforzo quotidiano contro menzogne ​​e falsi positivi. Una democrazia imperfetta che lavora giorno dopo giorno per essere più giusta e di tutti. 





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.jornada.com.mx/2019/01/19/opinion/022a1mun
Publication date of original article: 19/01/2019
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=25138

 

Tags: MaduroVenezuelaAmerica LatinaDemocraziaSocialismoAbya Yala
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.