TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 19/04/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 UNIVERSAL ISSUES 
UNIVERSAL ISSUES / Vaccinegate: Aggiornamento 2° step analisi metagenomiche su Priorix Tetra
Date of publication at Tlaxcala: 16/01/2019
Translations available: English 

Vaccinegate: Aggiornamento 2° step analisi metagenomiche su Priorix Tetra

CORVELVA

 

A luglio 2018 avevamo pubblicato le analisi, qui: “Vaccinegate: 5 su 7 vaccini analizzati non sono conformi“ (https://goo.gl/32vP8r), ma non avevamo finito. Ricapitolando brevemente le precedenti analisi, mutazioni nel genoma dei virus e quantitativi di DNA assurdi erano solo alcuni dei punti da noi rilevati. Come sempre ci eravamo limitati alla divulgazione del dato, senza eccedere in ipotesi sulle reali implicazioni, ogni documento è stato inviato all’EMA, AIFA, ISS e forze politiche per chiedere chiarezza.

Abbiamo continuato le indagini, sia chimiche che biologiche, sul Priorix Tetra, quadrivalente contro morbillo, rosolia, parotite e varicella.
 
 
L’approfondimento delle chimiche/proteiche è disponibile qui: “Vaccinegate: Primi risultati sul profilo di composizione chimica Priorix Tetra” (https://goo.gl/Z4rLJu), dove si è attestata la presenza di molti segnali, tracce di composti (contaminanti non residuali) a cui i laboratori avevano dato una probabile corrispondenza. Parliamo di tracce che probabilmente erano associate all’antiepilettico Vigabatrin, ad un farmaco sperimentale anti-HIV, ad antibiotici, diserbanti, erbicidi, acaricidi, metaboliti della morfina, al famoso Sildenafil (Viagra), all’antiepilettico Gabapentin e l’antimalarico Atovaquone più molti altri. Si era visto in maniera chiara che tra i due lotti analizzati vi erano sostanziali differenze sotto il profilo.
 
Per completezza riportiamo anche che le precedenti risultanze delle analisi biologiche/metagenomiche di luglio (1°step) avevano stabilito che il vaccino “Priorix Tetra”, nei campioni analizzati presenta una popolazione di virus mutanti per ciascun virus attenuato dette quasispecie. Le varianti genetiche degli antigeni vaccinali potrebbero alterare significativamente sia la sicurezza del vaccino, che la sua efficacia.
Oggi vi pubblichiamo il report delle seconde analisi biologiche/metagenomiche su Priorix Tetra, come vedrete pongono un serio dilemma non solo medico e scientifico, ma anche etico e vi elenchiamo di seguito i punti che per noi sono più rilevanti:
 
È stata confermata (come emerso nella fase precedente) la presenza di DNA fetale in grossi quantitativi, 1,7 μg sul primo lotto e 3,7 μg sul secondo lotto, circa 325 volte superiore al limite massimo di 10 nanogrammi e ben 325.000 volte superiore al limite minimo di 10 picogrammi, limiti che Ema ci ha comunicato essere riferiti solo alle cellule che sono note per l’attività cancerogenica. Secondo quanto da loro scritto, le cellule fetali degli anni 60, utilizzate per la produzione di questi vaccini, non sarebbero cancerogeniche perché “utilizzate da decenni”. Questo punto andrebbe maggiormente investigato, vi sono infatti alcuni studi che mettono in serio dubbio l’assenza di cancerogenicità di queste linee.
 
Abbiamo poi appurato in maniera più precisa le dimensioni molecolari del DNA rilevato e rispetto alle precedenti analisi è stato appurato che il DNA contenuto ha un peso molecolare di 20.000/60.000 bp. Questo significa sostanzialmente che non vi sono all’interno di questo farmaco frammenti di DNA, ma interi filamenti, con presenza dunque di genoma intero.
Abbiamo anche confermato che non vi è presenza del genoma del virus della rosolia nel primo lotto e nel secondo lotto, utilizzando una rilevazione molto più sensibile, lo abbiamo rilevato in 3 reads, pari allo 0,00008% del totale dei virus a RNA.
Note: i reads sono copie di virus. Esempio, i virus in questo vaccino sono circa il 5% del DNA totale, equivalente a circa 500.000 reads. Il virus del morbillo circa 850 reads, pari allo 0.008%. Più si scende con i reads e la percentuale, più diminuiscono i quantitativi.
Tenete a mente questo dato, perché è fondamentale.
3 reads, pari allo 0,00008% del totale dei virus a RNA possono creare immunizzazione? Se sì, allora si apre un problema molto molto serio su quanto leggete nel seguito.
 All’interno dello stesso vaccino, sono state rilevate tracce in misura anche superiore ma sempre molto piccola, di numerosi virus avventizi. Ma anche altro.
 
All’interno del vaccino Priorix Tetra della GlaxoSmithKline è stato rilevato il Proteobacteria, vermi Platyhelminthes e Nematoda, altri 10 virus a ssRNA, Microviridae (virus batterici o fagi) e numerosi retrovirus tra cui retrovirus endogeni umani e aviari, virus aviari, virus dell’immunodeficienza umana e virus dell’immunodeficienza delle scimmie (frammenti che se inseriti in banca dati rilevano essere frammenti del virus dell’HIV e del SIV), virus murini, virus dell’anemia infettiva del cavallo, virus della malattia linfoproliferativa, Rous sarcoma virus. Altri virus come alphaendornavirus ed epatite b virus, virus del lievito.
 
Ripetiamo per esprimere meglio il concetto e preghiamo tutti di utilizzare con molta attenzione i nostri risultati: all’interno del vaccino Priorix Tetra non è stata rilevata la presenza del virus della rosolia, tranne in un lotto, ma il quantitativo era così minimo da rendere dubbio che dia immunizzazione. Se invece si considera che questo vaccino sia efficace contro la Rosolia, perché 3 reads pari allo 0,00008% del totale Rna sono quantitativo sufficiente a determinare una risposta dell’organismo, allora questo vale anche per una lunga serie di virus tumorigenici, virus dell’HIV, vermi e batteri, presenti in quantitativi pari o superiori al virus della Rosolia.
 
Sostanzialmente, per rintracciare la Rosolia (per dimostrare che ci fosse) abbiamo dovuto andare molto a fondo, utilizzando una metodica ad alta sensibilità. Questo ci ha portati ad imbatterci anche in decine di virus e retrovirus, taluni potenzialmente cancerogeni, funghi, lieviti, batteri. 

Qualunque sia la risposta in merito alle quantità, nulla toglie che non ci dovrebbero essere, il che ancora attesta che non vi è NESSUN controllo adeguato sui vaccini perché se ci fosse, questi elementi sarebbero stati rilevati.
 
Ricordiamo di seguito le linee guida EMA che attestano come i reads di virus "estranei" devono essere ASSENTI quindi neanche 1 copia è consentita.

Download: CORVELVA-Report-analisi-metagenomiche-su-Priorix-Tetra.pdf  





Courtesy of CORVELVA
Source: https://www.corvelva.it/speciali-corvelva/analisi/vaccinegate-aggiornamento-2-step-analisi-metagenomiche-su-priorix-tetra.html
Publication date of original article: 22/12/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=25114

 

Tags: VaccinegatePriorix TetraMultinazionaliSaluteMedicinaGSKGlaxo Smith KlineVacciniVaccinazioni obbligatorie
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.