TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 23/03/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ABYA YALA 
ABYA YALA / I 13 pagliacci del gruppo di Lima dichiarano guerra al Venezuela
Il Messico salva il suo onore non firmando la dichiarazione
Date of publication at Tlaxcala: 07/01/2019
Original: Los 13 payasos del Grupo de Lima declaran la guerra a Venezuela
México salva su honor al no firmar la declaración

Translations available: Português/Galego 

I 13 pagliacci del gruppo di Lima dichiarano guerra al Venezuela
Il Messico salva il suo onore non firmando la dichiarazione

TLAXCALA ΤΛΑΞΚΑΛΑ ТЛАКСКАЛА تلاكسكالا 特拉科斯卡拉

Translated by  Alba Canelli

 

Riuniti a Lima il 4 gennaio, con la partecipazione in teleconferenza da Washington del segretario di Stato yankee Mike Pompeo, i ministri e i rappresentanti di 13 dei 14 paesi che compongono il cosiddetto Gruppo Lima hanno firmato una dichiarazione su e contro il Venezuela - proposta dal brasiliano Ernesto Araújo, l'uomo di Bolsonaro a Itamaraty (la Farnesina brasiliana) - che è una vera e propria dichiarazione di guerra.
Il Messico si è dissociato dalla dichiarazione. Il suo Sottosegretario agli Affari Esteri per l'America Latina e il Caribe, Maximiliano Reyes, ha dichiarato tra l'altro: "(...) chiediamo una riflessione all'interno del Gruppo di Lima sulle conseguenze che avrebbero per i venezuelani quelle misure che cercano di interferire nelle questioni interne che ostacolano il dialogo tra gli attori coinvolti e la comunità internazionale. Il Messico ritiene che il modo più efficace per raggiungere gli obiettivi per cui questo gruppo è stato creato sia attraverso iniziative di mediazione e dialogo, non isolamento. "(Leggi discorso completo qui)".
Il prossimo passo logico che il governo di AMLO dovrebbe fare sarebbe annullare la sua partecipazione a questo gruppo auto-proclamato, che è iniziato sotto la presidenza di Enrique Peña Nieto. Ecco il testo della dichiarazione, preceduto da una dichiarazione del ministro degli Esteri peruviano Néstor Popolizio e seguito da diverse reazioni nella Patria Grande. - Tlaxcala

Dichiarazione del Gruppo di Lima

 
4 gennaio 2019 1:22 pm
 
Dichiarazione congiunta 001 - 19
 
I governi di Argentina, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Costa Rica, Guatemala, Guyana, Honduras, Panama, Paraguay, Perù e Santa Lucia, di fronte all'inizio il 10 gennaio 2019 dell'illegittimo periodo presidenziale del regime di Nicolás Maduro (2019-2025) in Venezuela, esprimere quanto segue:

1. Ribadiscono che il processo elettorale condotto in Venezuela il 20 maggio 2018 manca di legittimità a causa della mancanza di partecipazione di tutti gli attori politici venezuelani, né della presenza di osservatori internazionali indipendenti, né delle garanzie e degli standard necessari per un processo libero, equo e trasparente. Di conseguenza, non riconoscono la legittimità del nuovo mandato presidenziale del regime di Nicolás Maduro, che inizierà il 10 gennaio 2019.

2. Essi ratificano il loro pieno sostegno e riconoscimento all'Assemblea nazionale, legittimamente eletta il 6 dicembre 2015, come organo costituzionale eletto democraticamente in Venezuela.

3. Esortano Nicolás Maduro a non assumere la presidenza il 10 gennaio 2019, a rispettare i poteri dell'Assemblea nazionale e trasferire ad essa temporaneamente, il potere esecutivo fino a quando si tengano nuove elezioni presidenziali democratiche.

4. Sottolineano l'importanza del rispetto per l'integrità, l'autonomia e l'indipendenza della Corte Suprema di Giustizia legittimamente conformate, in conformità con la Costituzione venezuelana, per il pieno esercizio dello Stato di diritto in quel paese.

5. Riaffermare la loro inequivocabile e ferma condanna della rottura dell'ordine costituzionale e dello stato di diritto in Venezuela, sottolineando che solo attraverso il pieno ripristino, al più presto possibile, della democrazia e del rispetto dei diritti umani, possono essere curate le cause della crisi politica, economica, sociale e umanitaria che sta attraversando quel paese.

6. Esprimono la loro convinzione che la soluzione alla crisi politica in Venezuela corrisponde ai venezuelani e, pertanto, reiterano la loro determinazione permanente a sostenere le iniziative politiche e diplomatiche che portano al ripristino dell'ordine costituzionale, della democrazia e dello Stato di diritto in quel paese, attraverso la celebrazione di un nuovo processo elettorale con garanzie democratiche.

7. Esprimono la propria determinazione a continuare a promuovere iniziative nei forum multilaterali, in particolare nell'Organizzazione degli Stati americani e nel Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, al fine di contribuire al ripristino dell'ordine democratico e al rispetto dei diritti umani in Venezuela.

8. Invitano tutti i paesi membri dell'OAS a riaffermare il loro sostegno alla Carta OAS e alla Carta democratica interamericana, al fine di contribuire al ripristino dell'ordine democratico in Venezuela.

9. Condannano qualsiasi provocazione o dispiegamento militare che minacci la pace e la sicurezza nella regione. Invitano il regime di Nicolás Maduro e le forze armate venezuelane a desistere dalle azioni che violano i diritti sovrani dei loro vicini. In tal senso, esprimono la loro profonda preoccupazione per l'intercettazione di una nave sismica di ricerca effettuata il 22 dicembre 2018  dalla Marina venezuelana all'interno della zona economica esclusiva della Repubblica cooperativa della Guyana.

10. Ribadiscono la loro profonda preoccupazione per la grave crisi politica e umanitaria in Venezuela, che ha generato un massiccio esodo di migranti e richiedenti asilo da quel paese, a seguito degli atti e delle politiche antidemocratici, oppressivi e dittatoriali praticati dal regime di Nicolás Maturo, che può essere risolto solo attraverso il pieno ripristino dell'ordine democratico e il rispetto dei diritti umani. Rinnovano inoltre il loro impegno, nella misura delle loro possibilità, a continuare a fornire assistenza ai migranti provenienti dal Venezuela, nonché a promuovere e sviluppare iniziative di coordinamento regionale in risposta a questa crisi. A tale riguardo, accolgono con favore l'inclusione per la prima volta della crisi dei migranti e dei rifugiati dal Venezuela e l'Appello umanitario globale delle Nazioni Unite per il 2019 così come la nomina del rappresentante congiunto dell'OIM e dell'ACNUR.

11. Esprimono preoccupazione per l'impatto sull'economia e la sicurezza dei paesi della regione causato dalla crisi politica in Venezuela.

12. Esortano il regime venezuelano a consentire l'immediato ingresso di aiuti umanitari per il popolo del Venezuela, al fine di prevenire l'aggravarsi della crisi umanitaria e della sanità pubblica in quel paese e dei suoi effetti transnazionali.

13. Concordano le seguenti misure:
  • A. Rivalutare lo stato o il livello delle relazioni diplomatiche con il Venezuela, basato sul ripristino della democrazia e dell'ordine costituzionale in quel paese, e sulla necessità di proteggere i suoi cittadini e interessi.
  • B. Come consentito dalle sue leggi interne, impedire agli alti funzionari del regime venezuelano di entrare nel territorio dei paesi del gruppo di Lima; preparare elenchi di persone fisiche e giuridiche con le quali gli enti finanziari e bancari dei loro paesi non dovrebbero operare o dovrebbero disporre di una speciale debita diligenza, impedire il loro accesso al sistema finanziario e, se necessario, congelare i loro fondi e altri attivi o risorse economiche.
  • C. Valutare con criteri restrittivi la concessione di prestiti al regime di Nicolás Maduro nelle organizzazioni finanziarie internazionali e regionali di cui fanno parte.
  • D. Sospendere la cooperazione militare con il regime di Nicolás Maduro, compreso il trasferimento di armi alla luce degli articoli 6 e 7 del trattato sul commercio delle armi, nonché valutare i permessi di sorvolo degli aerei militari venezuelani in caso di assistenza umanitaria.
  • E. Intensificare i contatti con paesi non membri del gruppo di Lima per tenerli informati delle azioni del gruppo, della gravità della situazione in Venezuela e della necessità di lavorare insieme per il ripristino della democrazia in quel paese.
  • F. Per quanto riguarda la richiesta avanzata dall'Argentina, dal Canada, dalla Colombia, dal Cile, dal Paraguay e dal Perù alla Corte Penale Internazionale per indagare sulla commissione di possibili crimini contro l'umanità in Venezuela, sollecitare altri paesi a sostenerla e l'Ufficio del procuratore della Corte penale internazionale a muoversi rapidamente nelle procedure corrispondenti.
  • G. Esortare gli altri membri della comunità internazionale ad adottare misure simili a quelle concordate dal Gruppo di Lima contro il regime di Nicolás Maduro per il ripristino della democrazia.

♦  

Il Venezuela denuncia la pretesa del Gruppo di Lima di destabilizzare la sua democrazia

El Gobierno venezolano ha reiterado en varias oportunidades que las declaraciones del Grupo de Lima representa una calara violación a la soberanía del país.

Il governo venezuelano ha ribadito in diverse occasioni che le dichiarazioni del gruppo di Lima rappresentano una grave violazione della sovranità del paese. | Foto: MINCI

 

Il cancelliere Jorge Arreaza ha classificato l'incontro del gruppo di Lima come un'umiliante subordinazione per consentire la partecipazione degli Stati Uniti senza essere un membro.


Il ministro degli esteri venezuelano Jorge Arreaza ha detto venerdì che il cosiddetto gruppo di Lima cerca di destabilizzare la democrazia nel paese.
Durante una dichiarazione ai media, il diplomatico ha affermato che i paesi che compongono il gruppo, su istruzioni del governo degli Stati Uniti , "hanno accettato di incoraggiare un colpo di stato in Venezuela".
 
 
 
Ha anche descritto questa azione come un "fatto senza precedenti nella storia della regione", nel tentativo di ignorare il "governo democraticamente eletto e le istituzioni legittimamente costituite".
 
Il ministro degli Esteri venezuelano ha ribadito che "noi venezuelani e venezuelane sapremo sempre come risolvere i nostri problemi senza ingerenza, senza intromissioni e senza l'interferenza delle potenze imperialiste straniere".

Giuramento di Nicolás Maduro

Per quanto riguarda il giuramento del capo di stato, Nicolás Maduro , previsto per il 10 gennaio, Arreaza ha assicurato che il presidente "prenderà possesso legittimo e costituzionale della presidenza della Repubblica".
 
Ha sottolineato che la vittoria del leader venezuelano si è svolta nell'ambito di elezioni con un'alta partecipazione popolare e con la presenza di 200 accompagnatori nazionali e internazionali.
"Il 10 gennaio, il mondo intero assisterà all'inaugurazione del presidente Nicolás Maduro, rieletto per il periodo 2019-2025, e niente e nessuno potrà impedirlo", ha detto.

"Subordinazione umiliante"

Arreaza ha descritto come una "subordinazione umiliante" l'incontro tenuto dal cosiddetto Gruppo di Lima con la partecipazione, attraverso una videochiamata, del Segretario di Stato americano Mike Pompeo.
Attraverso il suo account Twitter, il diplomatico ha sottolineato che i governi che costituiscono il gruppo di Lima "si incontrano per ricevere ordini dal (presidente degli Stati Uniti) Donald Trump attraverso il Segretario di Stato, Mike Pompeo. Che esempio di umiliante subordinazione! "
 
All'incontro, i rappresentanti di alcuni paesi membri hanno affermato che non riconosceranno il nuovo mandato del presidente venezuelano Nicolás Maduro.
Il governo venezuelano ha ribadito in diverse occasioni il suo rifiuto degli incontri del gruppo di Lima, considerando che rappresentano un chiaro esempio dell'interventismo promosso dagli Stati Uniti nella regione.
Allo stesso modo, il Venezuela ha denunciato l'ingerenza di questi paesi nei suoi affari interni, un'azione che minaccia la sovranità del paese.

♦  

FBuenAbad





Courtesy of Tlaxcala
Source: http://tlaxcala-int.org/article.asp?reference=25040
Publication date of original article: 05/01/2019
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=25055

 

Tags: VenezuelaUSAAbya YalaSovranitàDemocraziaGruppo di LimaMessicoAMLOMike PompeoImperialismoNicolás MaduroOAS
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.