TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 19/08/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ABYA YALA 
ABYA YALA / Cuba sempre
Date of publication at Tlaxcala: 05/01/2019
Original: Siempre Cuba

Cuba sempre

Cristóbal León Campos

Translated by  Daniela Trollio

 

Si compiono 60 anni del trionfo della Rivoluzione cubana, il cui esempio per i paesi dipendenti del mondo significò la possibilità di realizzare l’utopia di liberarsi e poter decidere da sé la strada da seguire. Le grandi trasformazioni che da subito realizzò il governo rivoluzionario sono la dimostrazione che è possibile realizzare un’altra forma di economia e di società, lontane dalla devastazione che il capitalismo storico ha generato per sua natura.

 
 
La Rivoluzione è riuscita a vivere resistendo ad ogni forma di aggressione, da un’invasione orchestrata dagli Stati Uniti nel 1961 a Playa Giròn al permanente blocco economico impostodall'imperialismo yankee, insieme a centinaia di attacchi terroristici coordinati dalla CIA oltre che a continue campagne controrivoluzionarie, molte delle quali provenienti da Miami. Cuba ha superato un numero senza fine di boicottaggi economici, politici, sociali e culturali, e da essi ne è uscita con sempre maggior onore per la sua resistenza, per il suo spirito rivoluzionario e per la sua dignità fondata nelle convinzioni socialiste che guidano i passi liberi del suo popolo per il mondo.
 
L’instaurazione del socialismo a Cuba – il 16 aprile 1961 –permise di aprire la via che l’ha portata alla costruzione di una nuova società. Nel campo dell’educazione ha ridotto a zero l‘analfabetismo. Ha scuole e maestri per tutti i bambini, anche nei luoghi più isolati. Ha anche contribuito con brigate internazionaliste di maestri all'alfabetizzazione in luoghi del mondo dove erano richiesti, come nei paesi africani e latinoamericani che condividevano l’umanesimo internazionalista di Fidel Castro e di Ernesto Che Guevara, con la loro concezione della costruzione di un Uomo Nuovo.
 
Allo stesso modo ha costruito centri di ricerca scientifica e intellettuale come la Casa de Las Americas ed il Centro Studi Martiani, mettendosi in rilievo per i suoi apporti nel contesto latinoamericano e in gara con molti dei centri scientifici più importanti del mondo nel rappresentare l’avanguardia del pensiero della Nostra America.
A Cuba ogni cittadino ha il diritto di ricevere gratuitamente qualsiasi servizio riguardante l’educazione e la salute; la dignità è un fatto e non solo un diritto. La rivoluzione ha messo in pratica la massima di José Martì che dice “Fare è il miglior modo di dire”, materializzando in questo modo il suo pensiero da quando iniziò il processo rivoluzionario di trasformazione della vita di Cuba il 1 gennaio 1959.
 
Cuba è riuscita a mantenere la mortalità infantile al di sotto degli standards internazionali; la vita è una priorità perché il carattere umano della rivoluzione lo esige. Per il socialismo cubano la salute è fondamentale e non è commercio o merce come succede nel capitalismo mondiale.
 Nonostante il continuo bombardamento informatico contro di essa, non è possibile negare che la società cubana è leader mondiale in fatto di sicurezza nazionale e personale perché i crimini sono pochi e i delitti violenti poco frequenti.
Il socialismo a Cuba permette alle famiglie che i loro figli crescano sani, istruiti e senza paure; l’infanzia è protetta e curata per un buon sviluppo di uomini e donne a differenza dei paesi capitalisti, dove è facile vedere bambini in povertà estrema che camminano per le strade cercando un po’ di pane.
Cuba è la barriera più solida nell'emisfero contro il traffico di droga, in totale contrapposizione agli Stati Uniti che hanno gli indici più alti di consumo pro capite.
 
Il cammino della rivoluzione e della costruzione del socialismo non è stato facile perché, oltre alle continue minacce del’imperialismo, la società cubana ha dovuto superare errori e contraddizioni naturali della continua trasformazione che vive da sessant'anni. Oggi gli organismi di governo e la società in generale discutono di una serie di riforme vitali per il mantenimento dell’economia cubana: nel prossimo febbraio il popolo cubano voterà una nuova Costituzione che, senza dubbio, modificherà vari aspetti della realtà cubana. La rivoluzione è un cambiamento permanente, un’evoluzione senza fine che richiede l’analisi, la critica e anche la rettifica, a seconda delle misure pratiche prese e delle loro ripercussioni.
La rivoluzione è permanente perché sia reale e profonda.
 
Cuba e la sua rivoluzione continuano a rappresentare la possibilità di realizzare l’utopia di costruire un altro mondo per il quale il progetto socialista è la strada.
Ma il nuovo mondo migliore non arriverà come conseguenza logica dell’evoluzione sociale, come si è creduto erroneamente per molto tempo. L’utopia verrà costruita solo come risultato della presa di coscienza collettiva e dell’azione organizzata della società.
 
Attualmente il capitalismo continua ad aggravare i mali di cui soffrono i popoli per la sua logica del profitto, che rende più ricchi pochi ricchi e più povera la maggioranza delle popolazioni.
La necessità di far sparire questi mali è la ragione storica della nascita del socialismo come alternativa, ed è la ragione per cui continua ad essere necessaria la sua costruzione nel mondo, soprattutto nei paesi latinoamericani che sono così distrutti e lacerati per la voracità di governi al servizio dell’imperialismo e del neocolonialismo.
 
Superare, per il bene dell’umanità, i mali che la lacerano è l’alternativa da molto tempo.
L’opera di costruzione dell’utopia richiede l’esercizio cosciente di uomini e donne liberi e decisi, come affermava Fidel Castro nel discorso pronunciato il 1° maggio 1980.

Finché l’uomo sarà lupo per l’uomo, l’utopia socialista continuerà ad essere necessaria e Cuba sarà un esempio da seguire per l’emancipazione e la dignità dell’umanità. 





Courtesy of CiP "Tagarelli"
Source: http://www.rebelion.org/noticia.php?id=250866
Publication date of original article: 03/01/2019
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=25045

 

Tags: CubaRivoluzioneSocialismoAbya YalaFidel CastroErnesto GuevaraCIA
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.