TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 21/03/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / La vera faccia di Justin Trudeau:
I palestinesi sono i nuovi ebrei del Canada?
Date of publication at Tlaxcala: 18/12/2018
Original: The real face of Justin Trudeau:
Are Palestinians Canada’s new Jews?

Translations available: Español 

La vera faccia di Justin Trudeau:
I palestinesi sono i nuovi ebrei del Canada?

Ramzy Baroud رمزي بارود

Translated by  Fabrizio Verde

 

Come si spiega la contraddittoria politica estera del Canada nei confronti della Palestina e di Israele? Il 4 dicembre, il Segretario Generale dell'Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), Saeb Erekat, ha elogiato l'impegno del Canada nel non seguire le orme dell'amministrazione statunitense di Donald Trump trasferendo la sua ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau in un incontro con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu

Ma non vale la pena elogiare su questo punto. Rispettare lo status riconosciuto a livello internazionale di Gerusalemme è un impegno legalmente vincolante per il diritto internazionale. Il fatto che gli Stati Uniti abbiano scelto di violare la legge difficilmente rende l'atto opposto eroico in sé.
 
Solo cinque giorni prima, il 30 novembre, il Canada si è unito a una piccola minoranza di stati, tra cui Israele, Stati Uniti, Australia e Isole Marshall per votare "no" contro una risoluzione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite (UNGA) intitolata "Peaceful Settlement on the Question of Palestine”.
 
Il governo canadese che vuole presentare se stesso come modello, un paese progressista e neoliberista, persino l'antitesi delle politiche aggressive degli Stati Uniti, ha votato contro una risoluzione che chiama ad "intensificare gli sforzi delle parti... per concludere un accordo di pace definitivo".
 
Se trovate tale comportamento confusionario, allora non state prestando attenzione. Il Canada non è cambiato affatto. È la nostra comprensione della politica estera canadese che è stata quasi sempre segnata da una vera mancanza di comprensione.
 
E c'è una buona ragione. Il governo canadese ha imparato l'arte del branding politico. L'unico periodo della storia statunitense moderna paragonabile alla propaganda politica di successo del Canada fu la presidenza di Barack Obama.
 
Obama ha deportato 2,5 milioni di immigrati, rispetto ai 2 milioni deportati dal suo predecessore, George W. Bush; ha sganciato altre bombe e fatto del suo meglio per salvare le istituzioni finanziarie più corrotte dell'America; eppure in qualche modo molti liberali pensavano a lui come al matrimonio ideologico di Che Guevara e Malcolm X, con la raffinata eloquenza di James Baldwin.
 
Il primo ministro canadese, Justin Trudeau - visto come "il volto umano del neoliberismo" - è un brand ancor più di successo di Obama. A differenza dell'ex presidente degli Stati Uniti, vi sono poche discussioni sulle immeritate credenziali di Trudeau.
 
Pur essendo posizionato all'opposto politico rispetto all'ex primo ministro conservatore canadese, Stephen Harper, entrambi sono accomunati dall'ideologia del neoliberismo.
 
Il "volto umano del neoliberismo" di Trudeau non è altro che una maschera attentamente costruita per nascondere le politiche ipocrite che il Canada continua a perseguire.
 
Nulla esemplifica meglio il doppiogiochismo di Trudeau della sua condotta sulla Palestina.
 
E prima che il fan club di Trudeau reagisca in modo impulsivo alla suddetta affermazione, si meravigli di questo fatto: nei primi 18 mesi del suo mandato, Trudeau ha votato contro 16 risoluzioni UNGA che erano critiche nei confronti di Israele.
 
Si sostiene che la politica estera del Canada e le sue votazioni all’ONU siano spesso incoerenti. Questo, tuttavia, sembra applicarsi solo ai crimini israeliani contro i palestinesi.
 
Quando Trudeau sconfisse Harper, molti tirarono un sospiro di sollievo, soprattutto a causa del cieco sostegno a Israele.
 
Quindi Trudeau è davvero diverso, meritevole di tanto affetto, fino all'adorazione?
 
Vediamo i fatti.
 
La pagina sul sito web del governo Trudeau intitolata "Politica canadese su questioni chiave nel conflitto israelo-palestinese" è quasi una replica esatta di quanto proposto da Harper, con una notevole eccezione. Sulla pagina di Trudeau, il suo governo riconosce "l'esperienza dei profughi ebrei dal Medio Oriente e dal Nord Africa, che furono sfollati dopo il 1948". 

Quanto sopra è una versione errata della storia che sbandierata dai sionisti ogni volta che vengono sollevati i diritti dei rifugiati palestinesi, che sono stati sfollati dai militanti ebrei durante la pulizia etnica della Palestina del 1948. 

Il primo "problema chiave" per il governo di Trudeau è "Sostegno a Israele e alla sua sicurezza".
 
Trudeau sostiene che la valutazione del suo governo delle risoluzioni ONU è guidata "dai suoi meriti e dalla coerenza con i principi (canadesi)".
 
Harper ha apparentemente sfidato questi "principi" in numerose occasioni, in particolare quando il suo governo ha votato contro le Risoluzioni dell'ONU critiche nei confronti di Israele: 66/17 nel 2012; 67/23 e 68/15, nel 2013, 69/23 nel 2014.
 
Ma l'uscita di Harper non ha inaugurato una nuova era morale per il Canada. Al contrario, le relazioni amorose di Ottawa con Israele si sono intensificate.
 
Oltre a portare avanti lo stesso atteggiamento anti-palestinese alle Nazioni Unite, il 24 novembre 2015 il governo Trudeau ha persino votato contro la Risoluzione 70/15 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, dove viene riaffermata "l'illegalità degli insediamenti israeliani nel territorio palestinese occupati dal 1967 inclusa Gerusalemme Est”.
 
Tale voto va anche contro la posizione dichiarata del Canada sugli insediamenti illegali ebraici.
 
Questo non dovrebbe tuttavia sorprendere. L'ipocrisia e la doppiezza sono diventati una caratteristica importante della politica estera del Canada. Prendiamo ad esempio la posizione di Ottawa sul terrorismo.
 
Nelle sue "questioni chiave" su Israele e Palestina, il governo canadese "condanna tutti gli atti di terrorismo", ma in seguito qualifica ciò che significa in realtà.
 
"Il Canada ha definito Hamas, la Jihad islamica palestinese, Hezbollah, le Brigate dei martiri di Al-Aqsa e altri gruppi come organizzazioni terroristiche". Non solo non è riuscito a collegare alcun gruppo ebraico come terrorista, o, almeno, a enfatizzare la necessità di perseguire i criminali di guerra (in questo caso, i leader israeliani), ma collega palestinesi e arabi solo ad atti di terrorismo.
 
Secondo questa logica, solo gli arabi sembrano capaci di compiere atti di terrore.
 
Ma cosa succederebbe se i palestinesi decidessero di usare mezzi popolari, non violenti e democratici per mostrare resistenza? Lo fecero e furono ancora condannati per questo.
 
Nel 2016, con molto entusiasmo personale di Trudeau stesso, il Parlamento canadese ha votato a stragrande maggioranza a favore di una mozione che ha condannato il movimento palestinese di Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS).
 
Da allora, Trudeau ha reso la sua politica anti-BDS un punto fermo nell'atteggiamento del suo governo nei confronti dei palestinesi.
 
Il mese scorso, è sceso ad un punto ancora più basso quando, in un discorso che ha tenuto per scusarsi per l'immorale atto del Canada di respingere i rifugiati ebrei in fuga dalle atrocità naziste nel 1939, ha collegato direttamente il BDS con l'antisemitismo.
 
"L'antisemitismo è troppo presente", ha detto, "gli studenti ebrei si sentono ancora in disaccordo e a disagio in alcuni dei nostri college e campus universitari a causa delle intimidazioni relative al BDS".
 
Legare il BDS con l'antisemitismo vergognoso del suo paese contro i rifugiati decenni fa potrebbe essere stato un colpo magistrale dei suoi ghostwriter filo israeliani. Tuttavia, sostituire l'odio storico per gli ebrei con odio moderno per i palestinesi dimostra che il Canada non ha imparato nulla dal suo sordido passato.
 
Trudeau e il suo governo saranno certamente giudicati dalle generazioni future, in quanto i suoi predecessori sono stati giudicati per i loro peccati passati, per aver scelto, nonostante il passare del tempo, di stare dalla parte sbagliata della storia.




Courtesy of L'Antidiplomatico
Source: http://www.ramzybaroud.net/the-real-face-of-justin-trudeau-are-palestinians-canadas-new-jews/
Publication date of original article: 12/12/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=24960

 

Tags: Palestina/IsraeleCanadaUSAJustin TrudeauBenjamin NetanyahuGerusalemmeONUBDSOLP
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.