TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 09/12/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 EUROPE 
EUROPE / Ucraina: Poroshenko si preparava da mesi a introdurre la legge marziale
Date of publication at Tlaxcala: 05/12/2018

Ucraina: Poroshenko si preparava da mesi a introdurre la legge marziale

Fabrizio Poggi

 

Nelle regioni ucraine in cui è stata introdotta la legge marziale, è iniziato il richiamo dei riservisti, a livello di brigata, di centri di addestramento e dei battaglioni della difesa territoriale. Il Ministero della difesa ha tenuto a precisare che il richiamo non significa vera e propria mobilitazione: questa avverrà solo “in caso di aperta aggressione” e coinvolgerà allora tutti i riservisti.

Intanto, Petro Poroshenko ha dato ulteriore conferma del carattere della junta nazigolpista, dichiarando al canale ICTV che la legge marziale è stata introdotta per la “tutela legislativa delle azioni dei militari ucraini”: come dire, chi osa topwar.ru, che la junta stessa riconosce il carattere illegale delle azioni che le forze armate stanno conducendo dal 2014 contro il proprio popolo e ha ora deciso di “legittimarle”.

Il “ragionamento” integrale di Poroshenko è il seguente: “A che scopo in Ucraina è stata introdotta la legge marziale? Ci sono due modelli. Il primo: limitare i diritti costituzionali e le libertà. Così agiscono i dittatori. Ci sia o meno motivo per agire così, essi cominciano da questo. Il secondo modello è quello di tutelare per legge i militari ucraini, conferendo loro il diritto di usare le armi al di fuori delle operazioni in cui esse sono previste dalla legge sulla de-occupazione del Donbass”. In sostanza, l'esercito è ora “legittimato” a usare le armi, al di fuori del Donbass, contro tutte le minoranze linguistiche (Kiev sta da tempo concentrando truppe, sempre più apertamente, anche al confine con la Transnistria e sta ora procedendo allo stesso modo anche nella Transcarpazia, abitata da una forte minoranza ungherese), gli oppositori, gli antifascisti, anche nelle regioni più ostili al presidente e in cui vige la legge marziale.

Che infatti l'incidente di Kerch del 25 novembre non fosse altro che una provocazione organizzata fuori dall'Ucraina e che Kiev ne approfitti anche per motivi interni è risultato evidente sin dall'inizio.

Per quanto riguarda la situazione interna, il giornalista ucraino Dmitrij Gordon ha dichiarato al canale NewsOne che, prima di inviare alla Rada il progetto di legge marziale, la settimana scorsa, Poroshenko ne aveva parlato al telefono con Angela Merkel e Jens Stoltenberg, che lo avevano “convinto” a limitarne l'applicazione a sole 10 regioni e ridurne la durata da due mesi a uno. Gordon ha anche detto che il presidente pensava alla legge marziale già alcuni mesi prima del 25 novembre, dato che gli era necessaria quale “scenario pre-elettorale di riserva per uno dei candidati alla presidenza. Vi vorrei dire anche qualcos'altro” ha detto Gordon, “ma sono sottoposto a censura, sotto forma di famiglia, che non mi permette di dire troppo”. Oltre che alla propria, di pelle, Gordon deve preoccuparsi prima di tutto di quella dei propri congiunti, per nonfare e non far fare anche a loro la fine di Oles BuzinaPavel Sheremet o del povero Andrea Rochelli.

Nel corso della discussione al Parlamento europeo sull'incidente di Kerch, è stata sollevata la questione se la missione di monitoraggio OSCE in Ucraina possa estendere la propria attività al mar d'Azov. Secondo il tedesco Dirk Schuebel, il mandato della missione copre il territorio da Berdjansk a Mariupol, ma non il mare antistante; ci sarebbe dunque bisogno di un mandato specifico, che richiede il consenso di tutti i paesi aderenti all'organizzazione e questo, ha detto, sarà difficile da ottenere. Da parte sua, il rappresentante NATO, Robert Pszczel, che prende parte ai dibattiti dell'europarlamento (!), ha dichiarato che nemmeno l'Alleanza dispone di un tale mandato, ma ciò non impedisce a singoli paesi di fornire autonomamente aiuto a Kiev in armi e munizioni: cosa che stanno apertamente facendo sin dal 2014 Paesi baltici, Stati Uniti, Gran Bretagna, Polonia, Germania.
 
E, effettivamente, il segretario generale NATO, Jens Stoltenberg, parla francamente della crescente presenza dell'Alleanza atlantica nel mar Nero, confermando quanto dichiarato già nei giorni scorsi dalla portavoce Oana Lungescu, secondo cui, solo nel 2018, vascelli di paesi NATO hanno incrociato nel mar Nero per 120 giorni, rispetto agli 80 giorni del 2017. ”Ecco perché” ha detto Stoltenberg, “siamo ricorsi alle più estese manovre di adattamento e di trasporto delle nostre forze, dalla fine della guerra fredda e rafforzeremo ancor più la nostra pressione nei confronti della Russia". Più chiaro di così!

Anche da parte yankee, in relazione ai fatti del 25 novembre, si punta a una “risposta univoca” da dare a Mosca, che dovrebbe esser concordata nel corso dell'incontro dei Ministri degli esteri NATO, di oggi e domani a Bruxelles. “Nell'ultima settimana” ha detto un funzionario del Dipartimento di stato, “ci siamo strettamente coordinati con i nostri alleati europei, sia NATO che UE, e in questo momento ci stiamo concentrando su una risposta univoca proporzionata dell'Alleanza”.

Nei giorni scorsi, anche il politologo Sergej Mikheev aveva dichiarato a Ukraina.ru di esser convinto che Washington fosse perfettamente al corrente del fatto che Kiev stesse preparando una provocazione nel mar Nero. L'unico interrogativo che rimane, ha detto Mikheev, è in quale forma la cosa fosse stata più o meno concordata e ne fosse stato messo al corrente in anticipo Donald Trump.

Mikheev ritiene possibile che Washington e diverse capitali europee non abbiano impartito alcun ordine preciso a Poroshenko, ma sapessero bene in linea di principio cosa si stesse preparando: lo dimostra la reazione coordinata da parte di pressoché tutti gli alleati europei degli USA, che hanno prontamente collegato l'incidente di Kerch alla realizzazione del “Nord stream—2”. Un progetto, questo, contro cui gli USA si stanno muovendo sempre più platealmente, nel tentativo di coinvolgere gli “alleati” europei nella guerra del gas contro Mosca: proprio in questi giorni i deputati lettoni al Parlamento europeo hanno presentato un progetto di risoluzione “Sulla situazione dei rapporti tra Russia e UE”, in cui si sostiene che “Russia e UE rimarranno partner economici chiave nel prossimo futuro, ma il Nord stream-2 aumenta la dipendenza dell'Unione dalle forniture di gas russo, minaccia il mercato interno, non è conforme alla politica energetica UE e deve quindi essere fermato". Altrimenti, ne va del gas di scisto che gli yankee vogliono a ogni costo vendere a caro prezzo all'Europa.

E se non bastasse la legge marziale, ecco che oggi il capo dell'Unione dei giornalisti ucraini, Sergej Tomilenko, scrive sulla propria pagina feisbuc che la frazione parlamentare del presidente “Blocco Petro Poroshenko” e quella del “Fronte popolare” dell'ex primo ministro Arsenij Jatsenjuk hanno presentato una mozione che autorizzi la Rada a chiedere al Consiglio nazionale di sicurezza di chiudere i canali televisivi sospettati di "supporto informativo al terrorismo". Tipo NewsOne e Dmitrij Gordon, per intendersi. Con buona pace dei liberal-fascisti nostrani, che si stracciano le vesti in difesa della nazi“democrazia” golpista. 





Courtesy of L'Antidiplomatico
Source: https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-ucraina_poroshenko_si_preparava_da_mesi_a_introdurre_la_legge_marziale/82_26315/
Publication date of original article: 04/12/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=24819

 

Tags: UcrainaPetro PoroshenkoEuropaLegge marzialeDemocraziaKievFascismo
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.