TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 08/12/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 CULTURE & COMMUNICATION 
CULTURE & COMMUNICATION / Bertolucci e l’incontro con l'alterità
Date of publication at Tlaxcala: 26/11/2018
Translations available: Français  Español 

Bertolucci e l’incontro con l'alterità

Annamaria Rivera

 

Per una strana coincidenza, il giorno prima della notizia della scomparsa del grande Bernardo Bertolucci, dalla fittissima e caotica memoria del mio computer è emersa una recensione del suo L'Assedio, che avevo scritto per la rivista "Rinascita" nel 1998. La ripropongo, per la prima volta in rete, con qualche piccola modifica: quale testimonianza, sia pur minuscola, non solo della grandezza, ma anche dell’impressionante attualità della sua opera.

Ventisei anni dopo, Ultimo tango a Parigi perde “le storiche sodomie e le profonde titillazioni” (per usare i termini di Norman Mailer), per divenire un apologo, quasi casto, sull’incontro fra diversi. L’erotismo – che nel film del 1972 parve tanto empio alla censura italiana da meritare un rogo da Inquisizione, ma intellettualistico a Moravia, stilizzato e inconseguente a Mailer – qui, anche per causa dell’assenza di un Brando e di una Schneider, si fa allusivo quasi fino all’astrattezza.

Il tema dell’irresistibile attrazione verso lo/a Sconosciuto/a, che nell’Ultimo tango rimandava a significati psicoanalitici e a decadentismi talora struggenti (l’intreccio sesso-morte attraversava l’intero film), ne L’Assedio acquisisce un risvolto quasi-sociologico. La sapienza narrativa di Bertolucci riesce a scansare ogni possibile stereotipo (anche le opere meglio intenzionate a raccontare dal verso giusto l’immigrazione raramente sfuggono a cliché). E il rischio del sociologismo è scongiurato dalle metafore, che trascendono l’immediatezza del presente.

L’Altra da sé è Shandurai, una giovane di origine sub-sahariana, la quale studia medicina all'Università: una dei/delle naufraghi/e delle tragedie terzomondiali che approdano pericolosamente nell’Europa-fortezza. Ma Straniero è egli stesso, Jason Kinski, l'eccentrico pianista inglese che la ospita in cambio di qualche lavoro domestico: lo è per nascita, anche lui, ma soprattutto per scelta. L’incontro fra culture "estranee" – rappresentato mediante la musica più che con le parole: Papa Wemba e Salif Keita, da una parte, Mozart e Beethoven, dall’altra –, scioltesi le iniziali diffidenze reciproche, diviene così profondo da farsi carnale.

Il tema dell’alterità come dimensione necessariamente relazionale e contestuale s'intreccia con quello dell’identità: le identità contemporanee non possono che essere multiple, provvisorie, mutevoli, cangianti. La serena accettazione di questa prospettiva, la disponibilità a fare esperienza dell’altro/a e a farsene “contaminare” è la sola che possa contrastare etnicismo, xenofobia, razzismo: accomunati dalla mitologia delirante che narra di identità sacre, fisse e intangibili, di culture originarie, di genealogie, di sangue, di radici… Che lo si voglia o no – sembra dire Bertolucci – il métissage è l’unico futuro possibile per il vecchio continente: per andarvi incontro Mr. Kinski vende tutti gli oggetti d'arte e d'antiquariato che possiede, e perfino l’amato pianoforte.

La Roma transculturale del futuro prossimo appare come il frutto dello sguardo, un po' estetizzante, di un intellettuale raffinato e pensoso che vede più la bellezza del métissage che non l’asprezza dei conflitti. E tuttavia, pur senza naturalismi, soprattutto le splendide sequenze iniziali, che raccontando con ritmo veloce e perfetto la tragedia post-coloniale di una dittatura africana, restituiscono con grande efficacia il senso della realtà contemporanea.
 




Courtesy of MicroMega
Source: http://temi.repubblica.it/micromega-online/bertolucci-e-l%E2%80%99incontro-con-lalterita/
Publication date of original article: 26/11/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=24757

 

Tags: Bernardo BertolucciAlteritàL'AssedioCinema italiano
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.