TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 17/12/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 UNIVERSAL ISSUES 
UNIVERSAL ISSUES / La crocifissione di Julian Assange
Date of publication at Tlaxcala: 14/11/2018
Original: Crucifying Julian Assange
Translations available: Français  Español 

La crocifissione di Julian Assange

Chris Hedges

Translated by  Fausto Giudice Фаусто Джудиче فاوستو جيوديشي
Edited by  Alba Canelli

 

Il santuario di Julian Assange presso l'ambasciata ecuadoriana a Londra è stato trasformato in un piccolo negozio di orrori. Negli ultimi sette mesi la sua comunicazione con il mondo esterno è stata in gran parte bloccata. La sua cittadinanza ecuadoriana, concessa qualche tempo fa a seguito di una domanda di asilo politico, è in corso di revoca. La sua salute è precaria. Gli vengono negate le cure mediche. I suoi sforzi per difendersi legalmente sono stati boicottati da leggi-bavaglio non scritte, compresi gli ordini che gli impediscono di rendere pubbliche le sue condizioni all'interno dell'ambasciata se vuole combattere la revoca della sua cittadinanza ecuadoriana.

Carlos Latuff, 2012

Il primo ministro australiano Scott Morrison si è rifiutato di intercedere a nome di Assange, cittadino australiano, nonostante il fatto che il nuovo governo ecuadoriano, guidato da Lenin Moreno, che vede in Assange un "problema ereditato" e un ostacolo al miglioramento delle relazioni con Washington, renda insopportabile la vita del fondatore di WikiLeaks. Quasi quotidianamente, l'ambasciata impone ad Assange condizioni più severe, tra cui il pagamento delle spese mediche, l'imposizione di regole arcane su come deve prendersi cura del suo gatto e l'obbligo di svolgere una varietà di lavori domestici degradanti.
 
Gli ecuadoriani, riluttanti ad espellere Assange dopo avergli concesso l’asilo politico e persino la cittadinanza, cercano di rendere la sua esistenza così insopportabile affinché accetti di lasciare l'ambasciata ed essere arrestato dagli inglesi ed estradato negli USA. L'ex presidente ecuadoriano Rafael Correa, il cui governo ha concesso asilo politico all'editore, descrive le attuali condizioni di vita di Assange come "tortura".
 
Sua madre, Christine Assange, ha dichiarato in un recente video d'appello: "Anche se Julian è un giornalista che ha vinto numerosi premi, è amato e rispettato per aver coraggiosamente denunciato crimini gravi e di alto livello - come la corruzione nel settore pubblico - è attualmente solo, malato, nel dolore, messo a tacere in isolamento, bloccato da ogni contatto e torturato nel cuore di Londra. La moderna prigione per prigionieri politici non è più la Torre di Londra. E' l'ambasciata ecuadoriana”.
 
"Ecco i fatti", ha continuato. "Julian è stato detenuto per quasi otto anni senza accuse. Hai sentito bene. Nessuna accusa. Negli ultimi sei anni, il governo britannico ha rifiutato la sua richiesta di accesso ai bisogni sanitari di base, all'aria fresca, all'esercizio fisico, alla luce solare per la vitamina D e l'accesso a cure mediche e dentistiche adeguate. Di conseguenza, la sua salute si è gravemente deteriorata. I medici hanno avvertito che le sue condizioni di detenzione sono potenzialmente letali. Un lento e crudele omicidio sta avvenendo davanti ai nostri occhi all'ambasciata di Londra”.
 
"Nel 2016, dopo un'indagine approfondita, le Nazioni Unite hanno stabilito che i diritti legali e umani di Julian sono stati violati in diverse occasioni", ha detto. "Era detenuto illegalmente dal 2010. E hanno ordinato il suo rilascio immediato, il trasferimento sicuro e il risarcimento". Il governo britannico si è rifiutato di conformarsi alla decisione dell'ONU. Il governo degli USA ha fatto della detenzione di Julian una priorità. Vogliono aggirare la protezione di un giornalista del Primo Emendamento accusandolo di spionaggio. Niente potrà fermarli per farlo".
"Come risultato del precedente confronto tra l'Ecuador e gli USA, il suo asilo è ora sotto minaccia immediata", ha detto. "La pressione degli USA sul nuovo presidente dell'Ecuador ha causato a Julian di essere messo in rigoroso e severo isolamento negli ultimi sette mesi, privato di qualsiasi contatto con la famiglia e gli amici. Solo i suoi avvocati potevano vederlo. Due settimane fa, le cose sono peggiorate notevolmente. L'ex presidente ecuadoriano Rafael Correa, che ha legittimamente concesso asilo politico a Julian a causa delle minacce usamericane contro la sua vita e la libertà, ha pubblicamente avvertito che durante la visita del vicepresidente Mike Pence in Ecuador è stato raggiunto un accordo per consegnare Julian agli USA. Egli ha dichiarato che a causa dei costi politici elevati di un’espulsione di Julian dall'ambasciata, il piano era quello di abbatterlo mentalmente. Un nuovo, impossibile e disumano protocollo è stato attuato presso l'ambasciata per torturarlo fino al punto in cui si romperà e sarà costretto ad andarsene".
Assange è stato a un certo punto elevato e corteggiato da alcune delle più grandi organizzazioni mediatiche del mondo, tra cui The New York Times e The Guardian, sulla base delle potenti informazioni che possedeva. Ma una volta che questi media hanno pubblicato l'imponente materiale che documenta i crimini di guerra degli Stati Uniti, molti dei quali forniti da Chelsea Manning, la sua persona è stata demonizzata.
 
Un documento trapelato dal Pentagono e preparato dalla Cyber Counterintelligence Evaluation Branch l'8 marzo 2008, ha esposto una campagna di propaganda nera per screditare WikiLeaks e Assange. Il documento dice che la campagna di diffamazione dovrebbe cercare di distruggere il "sentimento di fiducia" - considerato il "centro di gravità" di WikiLeaks - e annerire la reputazione di Assange. Gran parte di esso ha funzionato. Assange è particolarmente diffamato per la pubblicazione di 70.000 e-mail pirata appartenenti al Comitato Nazionale Democratico (DNC) e ad alti funzionari democratici. I democratici e l'ex direttore dell'FBI James Comey dicono che le e-mail sono state copiate dai conti di John Podesta, presidente della campagna della candidata democratica Hillary Clinton, da hacker del governo russo. Comey ha detto che i messaggi sono stati probabilmente consegnati a WikiLeaks da un intermediario. Assange ha detto che le e-mail non sono state fornite da "attori statali”.
 
Il Partito Democratico, che attribuisce la sua sconfitta elettorale alle "interferenze" russe invece delle grottesche disuguaglianze di reddito, del tradimento della classe operaia, della perdita delle libertà civili, della deindustrializzazione e del colpo di stato padronale che il partito ha contribuito ad orchestrare..... attacca Assange come traditore, anche se non è un cittadino usamericano. Non è neanche una spia. Non è vincolato da nessuna legge che si sappia a mantenere i segreti del governo degli USA. Non ha commesso un crimine. Ma ora, le storie sui giornali che una volta pubblicarono materiale di WikiLeaks si concentrano sul suo presunto comportamento negligente, non evidente durante le mie visite con lui, e su come si rivela essere, nelle parole di The Guardian, "un ospite indesiderato" presso l'ambasciata. La questione vitale dei diritti di un editore e della libertà di stampa viene ignorata a favore di una campagna di linciaggio.
 
Assange ha ottenuto l'asilo presso l'ambasciata nel 2012 per evitare l'estradizione in Svezia per rispondere a domande sui reati sessuali che sono stati finalmente abbandonati. Assange temeva che una volta in custodia svedese sarebbe stato estradato negli USA. Il governo britannico ha detto che anche se non è più ricercato per l'interrogatorio in Svezia, Assange sarà arrestato e imprigionato per aver violato i termini della sua cauzione se lascia l'ambasciata.
 
WikiLeaks e Assange hanno fatto di più per smascherare le macchinazioni oscure e i crimini dell'Impero US-americano di qualsiasi altra organizzazione giornalistica. Assange, oltre a denunciare le atrocità e i crimini commessi dall'esercito degli USA nelle nostre infinite guerre e a rivelare il funzionamento interno della campagna di Clinton, ha reso pubblici gli strumenti di pirateria utilizzati dalla CIA e dall'Agenzia Nazionale per la Sicurezza, i loro programmi di sorveglianza e le loro interferenze nelle elezioni straniere, comprese le elezioni francesi. Ha rivelato la cospirazione contro il leader laburista britannico Jeremy Corbyn da parte di deputati laburisti. E WikiLeaks ha lavorato velocemente per salvare Edward Snowden, che ha scoperto la sorveglianza del governo degli USA sui propri cittadini, lo ha evacuato da Hong Kong a Mosca. Le fughe di notizie di Snowden hanno anche rivelato, in modo inquietante, che Assange era in una "lista di obiettivi" degli Stati Uniti.
 
Quello che sta succedendo ad Assange dovrebbe terrorizzare la stampa. Eppure la sua situazione sta incontrando indifferenza e disprezzo beffardo. Una volta espulso dall'ambasciata, sarà processato negli Stati Uniti per quanto pubblicato. Questo creerà un nuovo pericoloso precedente legale che l'amministrazione di Trump e le future amministrazioni utilizzeranno contro altri editori, compresi quelli che fanno parte della mafia che cerca di linciare Assange. Il silenzio sul trattamento di Assange non è solo un tradimento di lui, ma un tradimento della libertà di stampa stessa. Pagheremo a caro prezzo per questa complicità.
 
Anche se i russi hanno fornito le e-mail da Podesta ad Assange, lui avrebbe dovuto pubblicarle. L'avrei fatto. Hanno esposto le pratiche della macchina politica di Clinton che lei e la leadership democratica hanno cercato di nascondere. Nei due decenni in cui ho lavorato come corrispondente estero, organizzazioni e governi hanno regolarmente fatto trapelare documenti rubati. La mia unica preoccupazione era se i documenti fossero falsi o autentici. Se erano autentici, li pubblicavo. Tra coloro che mi hanno fatto trapelare materiale sono stati i ribelli del Fronte Nazionale di Liberazione Farabundo Martí (FMLN); l'esercito salvadoregno, che una volta mi ha consegnato documenti FMLN sporchi di sangue trovati dopo un'imboscata; il governo sandinista del Nicaragua; i servizi segreti israeliani, il Mossad; l'FBI, la CIA, il gruppo ribelle del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK), l'Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP), i servizi segreti francesi, la Direzione generale della sicurezza estera, o DGSE, e il governo serbo di Slobodan Milosovic, che fu poi processato come criminale di guerra.
 
Abbiamo appreso dalla pubblicazione delle e-mail di WikiLeaks che la Fondazione Clinton ha ricevuto milioni di dollari dall'Arabia Saudita e dal Qatar, due dei principali finanziatori dello Stato islamico. Come segretaria di Stato, Hillary Clinton ha restituito ai suoi donatori l'approvazione di 80 miliardi di dollari per la vendita di armi all'Arabia Saudita, permettendo al regno di intraprendere una guerra devastante nello Yemen che ha portato ad una crisi umanitaria, tra cui una diffusa carenza di cibo e un'epidemia di colera, lasciando quasi 60.000 morti. Abbiamo appreso che Clinton è stata pagata 675.000 dollari in un colloquio con Goldman Sachs, una somma così grande che può essere descritta solo come una tangente.
 
Abbiamo appreso che Clinton ha detto alle élite finanziarie nelle sue conversazioni lucrative che voleva "commercio aperto e frontiere aperte", e abbiamo creduto che i dirigenti di Wall Street erano meglio posizionati per gestire l'economia, una dichiarazione che contraddiceva direttamente le sue promesse di campagna. Abbiamo appreso che la campagna di Clinton ha lavorato per influenzare le primarie repubblicane per assicurare che Donald Trump fosse il candidato repubblicano. Abbiamo appreso che Clinton ha ricevuto informazioni anticipate sulle questioni dal dibattito primario. Abbiamo scoperto, perché 1.700 delle 33.000 e-mail provenivano da Hillary Clinton, che era l'architetto principale della guerra in Libia. Abbiamo appreso che lei credeva che il rovesciamento di Moammar Gheddafi avrebbe completato le sue credenziali di candidata alla presidenza. La guerra che cercava ha fatto sprofondare la Libia nel caos, visto l'ascesa al potere dei jihadisti radicali in quello che ora è uno stato fallito, ha innescato un massiccio esodo di migranti verso l’ Europa, visto le scorte di armi libiche catturate dalle milizie ribelli e dai radicali islamici in tutta la regione, e ha provocato 40.000 morti. Queste informazioni avrebbero dovuto rimanere nascoste al pubblico US-americano? Si può dire di sì, ma poi non chiamarti più un giornalista.
"Stanno preparando mio figlio in modo di avere una scusa per consegnarlo agli USA, dove dovrà affrontare un processo", ha avvertito Christine Assange. "Negli ultimi otto anni, non ha avuto un vero e proprio processo legale. Tutto è stato ingiusto dal primo momento all'ultimo, in un'insopportabile perversione della giustizia. Non c'è motivo di ritenere che questo cambierà in futuro. L'ordine di estradizione negli USA del tribunale del caso WikiLeaks è stato tenuto segreto da quattro procuratori, non c'era nessuna difesa e nessun giudice. Il trattato di estradizione tra il Regno Unito e gli USA consente al Regno Unito di estradare julian senza una base giuridica solida. Una volta negli USA, la National Defense Authorization Act consente la detenzione a tempo indeterminato senza processo. Julian potrebbe benissimo essere tenuto nella baia di Guantanamo e torturato, condannato a 45 anni in un carcere di massima sicurezza, o essere condannato alla pena di morte”.
Assange è solo. È sempre più difficile per lui ogni giorno. Tutto è stato progettato a questo scopo. Sta a noi protestare. Siamo la sua ultima speranza, e l’ ultima speranza, temo, per una stampa libera.

"Dobbiamo alzarci per protestare contro questa assordante brutalità", ha detto sua madre. "Chiedo a tutti i giornalisti di alzarsi perché è il tuo collega e tu sei il prossimo. Chiedo a tutti i politici che dicono di essere entrati in politica per aiutare le persone ad alzarsi adesso. Chiedo a tutti voi, attivisti che difendete i diritti umani, i rifugiati, l'ambiente e siete contro la guerra, di alzarvi ora perché WikiLeaks ha servito le cause per le quali diciamo di lottare e Julian sta soffrendo proprio ora accanto a tutto questo. Chiedo a tutti i cittadini che apprezzano la libertà, la democrazia e un giusto processo legale di mettere da parte le loro differenze politiche e unirsi, sollevandosi ora.

La maggior parte di noi non ha il coraggio di filtratori o giornalisti come Julian Assange che, grazie al loro impegno, ci permettono di essere informati e avvertiti sugli abusi di potere”. 





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.truthdig.com/articles/crucifying-julian-assange/
Publication date of original article: 12/11/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=24641

 

Tags: Julian AssangeRegno UnitoEcuadorCIAONUMediaWikileaksHillary Clinton
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.