TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 11/04/2021 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ABYA YALA 
ABYA YALA / Mio zio fu assassinato dall'idolo di Bolsonaro
Date of publication at Tlaxcala: 23/10/2018
Original: Meu tio foi assassinado pelo ídolo de Bolsonaro
Translations available: Français 

Mio zio fu assassinato dall'idolo di Bolsonaro

Tatiana Merlino

Translated by  Alba Canelli

 

Giovedì 18 ottobre 2018, mio ​​zio, il giornalista Luiz Eduardo Merlino, avrebbe compiuto 71 anni. Se non fosse stato ucciso sotto tortura nel luglio 1971, all'età di 22 anni, durante una sessione presieduta da Carlos Alberto Brilhante Ustra, allora capo del DOI-Codi*, principale organo repressivo della dittatura civile-militaire.

È difficile immaginarlo a 71 anni. Per me, a cui è stato impedito da Ustra ed altri boia di conoscerlo, è sempre il giovane della foto. Da bambina, mi hanno presentato mio zio attraverso un ritratto sul comò di mia nonna. Il tempo è passato e lui rimane il giovane di 20 anni. Il giovane uomo nella foto. 

Questa settimana, Luiz Eduardo è stato simbolicamente torturato e ucciso di nuovo. I giudici della Corte di giustizia di San Paolo, Luiz Fernando Salles Rossi, Milton Carvalho e Mauro Conti Machado hanno messo fine al processo che ha condannato Ustra a risarcire la mia famiglia. Nel 2010, l'ex partner di Luiz Eduardo, Angela Mendes de Almeida, e sua sorella, Regina Merlino Dias de Almeida, mia madre, hanno intentato un'azione per danni morali rivendicando il riconoscimento della responsabilità dello Stato e di Ustra. Lasciamo che il giudice decida il valore della compensazione. Per noi, la cosa più importante era che lo stato riconoscesse la barbarie. 

Nel 2012, il giudice Cláudia Menge ha accettato il processo. Nella sua sentenza, affermò che era evidente che il Colonnello aveva diretto le sessioni di tortura e aveva "calibrato" l'intensità e la durata dei colpi, nonché la scelta degli strumenti usati. Ustra, tuttavia, ha fatto appello. È morto poco dopo di cancro nel 2015.

Luiz Eduardo Merlino a 11 anni. Foto: archivi personali

Nel nuovo processo, tuttavia, il risultato è stato diverso. A causa della prescrizione della mozione, i giudici hanno chiesto all'unanimità il rigetto dell'azione. La decisione, oltre a contraddire la giurisprudenza della Corte Suprema - che i crimini di tortura sono imprescrittibili - viola anche i trattati internazionali. Lo statuto di Roma, il trattato che istituisce la Corte Penale Internazionale stabilisce che i crimini contro l'umanità, come la tortura e l'assassinio di oppositori politici, non sono soggetti ad alcuna prescrizione. 
 
I giudici hanno detto che non c'erano prove e persino descritto Ustra come un "presunto torturatore". Presunto? Anche se il candidato alle elezioni presidenziali Jair Bolsonaro, del cui colonnello è l'idolo, ha detto che non vi è alcuna condanna contro il comandante della DOI-Codi, Ustra è stato invece dichiarato torturatore dalla Corte di giustizia superiore nel 2014. Detto questo è stato dichiarato responsabile di 45 morti e sparizioni nel rapporto finale della Commissione della Verità. 
 
I giudici hanno anche qualificato la dittatura - che ha torturato, rapito, ucciso e violentato, con 434 casi di morti e sparizioni - della "presunta dittatura".
 
In una sola decisione, i giudici rimettono in discussione la storia del paese e tutti i progressi compiuti negli ultimi anni nel riconoscere la barbarie commessa dal governo brasiliano durante il regime militare. Peggio: questo accade quando un candidato presidenziale difende la dittatura e le torture e tratta i morti e gli scomparsi con derisione.
 
Mio zio è stato assassinato e hanno cercato di nascondere il suo corpo. Colui che lo ha trovato era mio padre, Adalberto Dias de Almeida, allora delegato. Andò all'istituto medico legale con Geraldo Merlino, il mio prozio, un dottore. Hanno trovato mio zio non identificato con segni di tortura. Il corpo è stato consegnato in una bara chiusa. È stato lì, quattro decenni fa, che è iniziata la lotta della mia famiglia per la verità e la giustizia. 

Dopo l'udienza, Angela Mendes, la vedova di Merlino, ha dichiarato alla stampa che il messaggio trasmesso dal giudice era basato sulla tolleranza e la connivenza con la tortura. Sono d'accordo con lei. Per me, al momento, la decisione significa una convergenza della giustizia con il discorso violento di Bolsonaro. 

La dittatura sostenuta da Bolsonaro e dai suoi seguaci è quella che pose Luiz Eduardo Merlino sul pau de arara**. Coloro che li difendono hanno le mani sporche del sangue di Merlino e di tutte le vittime della dittatura.
 

NdT

* DOI-CODI: Destacamento de Operações de Informação - Centro de Operações de Defesa Interna, Distaccamento delle operazioni di intelligence - Centro operativo di difesa interna, organo principale della guerra di contro-insurrezione guidata dalla dittatura brasiliana, responsabile di molti crimini contro l'umanità.  Carlos Alberto Brilhante Ustra ha comandato le sezioni di San Paolo e Brasilia. 2000 detenuti sono passati nelle sue mani di torturatore.

Pau de arara : "trespolo del pappagallo", una forma di tortura praticata dai mercanti di schiavi portoghesi su schiavi recalcitranti e praticata in maniera massiccia dai torturatori della dittatura nel ventesimo secolo. La stessa tortura si chiamava altalena di Boger  nella Germania nazista, dal nome del capo della SS che la introdusse, falanka nella Grecia dei colonnelli e pollo arrosto nella Tunisia di Ben Ali. 





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://theintercept.com/2018/10/20/bolsonaro-ustra-merlino/
Publication date of original article: 20/10/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=24413

 

Tags: BrasileBolsonaziTorturaAbya YalaLuiz Eduardo MerlinoDittatura militareUstra#Elenão
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.