TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 15/11/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Rock palestinese contro Euro-spazzatura
Roger Waters contro Bono
Date of publication at Tlaxcala: 14/10/2018
Original: Palestinian Rock vs Euro trash:
Roger Waters vs Bono

Translations available: Español 

Rock palestinese contro Euro-spazzatura
Roger Waters contro Bono

Aidan O’Brien

Translated by  Alba Canelli

 

"I maiali dominano il mondo",

messaggio principale del Tour europeo 2018 di Roger Waters (co-fondatore di Pink Floyd). 

"Io l'amo [l'élite europea]", 

essenza del discorso di adulazione pronunciato da Bono nel 2014 prima del vertice del centro-destra europeo (la gente che ha messo l'Europa in guerra e ha installato l'austerità)*.


Sentire parlare di politica da Roger Waters è puro rock and roll. Il genio dei Pink Floyd è attualmente la voce più importante del movimento BDS (Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni) che difende i diritti dei palestinesi. Al momento, sembra che Roger Waters sia l'unico uomo bianco di fronte allo Stato di Israele (senza dimenticare la brillantezza del politologo US-americano Norman Finkelstein). In effetti, se teniamo conto del fatto che Israele è al centro della geopolitica occidentale, il vero obiettivo dell'attivismo di Waters è l'Impero occidentale stesso. E lui lo sa.
Bono con i suoi migliori amici: 
George W. Bush, Bill Clinton e Tony Blair

Al contrario, quando ascoltiamo Bono pontificare, sentiamo i bombardieri volare sopra le nostre teste. Lo scorso settembre, mentre Waters era in tournée a San Pietroburgo, Bono era a Parigi, anche lui in tournée, ma si incontrava contemporaneamente con il presidente francese Emmanuel Macron. Il mediocre leader degli U2 in seguito ha affermato di aver parlato dell'Africa con "colui che ha bombardato la Siria". Era la continuazione di un dibattito iniziato da Bono anni fa, quando incontrò quelli che "bombardarono l'Iraq", Bill Clinton, Tony Blair e George W. Bush.


Waters e Bono provengono da due culture diverse: Waters dagli anni '60 e Bono dagli '80. I Pink Floyd pubblicarono il loro primo album nel 1967, mentre il debutto degli U2 fu nel 1980. Questo fatto è significativo perché dà l'impressione che i leader di entrambe le band abbiano assorbito le politiche dei loro anni formativi: la rivoluzione nel caso di Waters e la controrivoluzione nel caso di Bono. E i discorsi attuali di entrambi continuano ad esprimere rispettivamente il progresso e la regressione.

Le guerre culturali che hanno avuto luogo tra gli anni Sessanta e Ottanta, tra la cultura di Che Guevara e la cultura di Ronald Reagan, non sono mai andate via. Al di là dell'attuale battaglia tra il populismo e i suoi critici elitari, lo sfondo di classe, imperialismo e anti-imperialismo rimane più forte che mai. E persino i musicisti milionari sono attratti da una parte o dall'altra.

In un'intervista concessa a Russia Today (il canale televisivo internazionale RT) a San Pietroburgo, Roger Waters ha riassunto in una parola la cultura di Che Guevara (la cultura anti-imperialista) che perpetua. Quella parola è "empatia": la capacità di connettersi con la sofferenza degli altri e il desiderio di lottare per porre fine a quella sofferenza, che riassume essenzialmente l'atteggiamento del Che e degli anni Sessanta.

Questo tentativo di comprendere l'"altro" debole o vulnerabile è alla base del sostegno di Waters alla causa palestinese ai nostri giorni. Infatti, l'"empatia" lo costringe ad aprirsi alla Russia. In questa intervista con RT ha detto che nei suoi concerti chiede al pubblico - motivato dalla guerra psicologica anti-russa che distorce l'Occidente oggi: "Sapete che la Russia ha sacrificato 20 milioni di cittadini per liberarsi del nazismo?"

Bono non fa questo tipo di domande. Al contrario, durante i suoi spettacoli dal vivo, si avvolge nella bandiera del potere. E, senza vergogna, dichiara il suo amore per l'impero che sta attaccando la Russia, con sanzioni, blocchi e giochi di guerra. La bandiera è quella dell'Unione Europea, e l'impero è il pugno di ferro che si nasconde dietro quella bandiera: la NATO.

A differenza di Waters - che vuole stabilire legami con la più grande prigione a cielo aperto del mondo, Gaza - Bono fa del suo meglio per connettersi con il progetto padronale quale è l'UE. Dimentica i deboli e vulnerabili, all'interno dell'UE, che vengono bombardati da politiche di austerità e vengono trascinati in una guerra dopo l'altra. La preoccupazione principale di Bono è difendere la bandiera del super-stato.

In un'Europa dominata da grandi aziende e dai loro lobbisti, le parole e le azioni di Bono sono quelle di un ultra-elitario. Sentiamo il suo discorso europeista"Beh, gli U2 iniziano il loro tour questa settimana a Berlino e abbiamo avuto un'idea molto provocatoria: durante il concerto sventoleremo una grande bandiera blu, quella dell'Unione Europea [...] per alcuni di noi questo è diventato un atto radicale".

Bono conclude la sua dichiarazione a un giornale tedesco con la tipica falsa illusione: "Mi sento privilegiato per aver assistito al più lungo periodo di pace e prosperità che il continente europeo abbia vissuto".

Il fatto che l'UE abbia messo fine a qualsiasi "pace e prosperità" che ci fosse in Europa rivela la sinistra "cecità" di Bono. Imponendo all'Europa il neoliberismo, i salvataggi delle banche, l'austerità e le guerre della NATO (Libia, Siria, Ucraina e Russia), l'UE si è delegittimata. È quindi giusto che Bono difenda questo stato di cose o sia radicalmente di destra?

Nella sua intervista con RT, Roger Waters afferma che c'è sempre un modo giusto e ingiusto di fare le cose. Nel contesto della Palestina, il boicottaggio di Israele è la cosa giusta da fare. E questo perché il boicottaggio segue il corso della storia. Waters menziona la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani del 1948, che si basa su tutte le rivolte di schiavi del passato. Qualunque cosa aiuti questa traiettoria dell'umanità è giustizia per se stessa.

Oggi, non c'è una rivolta degli schiavi più grande di quella della resistenza palestinese all'occupazione israeliana. In realtà, è l'asse della lotta per la giustizia globale. Attualmente, il più grande crimine contro l'umanità è la politica guerrafondaia dell'Occidente in Medio Oriente (Afghanistan, Iraq, Siria e Yemen). E l'origine di questa politica è nella guerra che mantiene l'Occidente contro la Palestina, iniziata nel 1917. In due parole: l'attuale impero occidentale ruota intorno alla repressione in Palestina.

Ciò presuppone, ovviamente, che Israele non sia solo. Senza il supporto degli Stati Uniti e dell'UE, Israele non durerebbe un solo giorno. Israele lavora per l'Occidente. Pertanto, boicottare Israele significa boicottare l'Occidente e il suo regno del terrore. E qui fa la sua apparizione Bono. La sua preoccupazione non è l'Africa, ma la debolezza dell'Occidente. E il suo compito è quello di sostenere il corso dell'Europa.

Bono ha ragione a percepire l'attuale debolezza dell'UE. La verità è che gli stessi popoli europei stanno boicottando l'istituzione sovranazionale. Stanno votando contro l'idea di un "UE über alles"Non vogliono un altro impero romano, un altro Carlo Magno, un'altra Pax Romana nel Mediterraneo. In realtà, non vogliono un altro Terzo Reich. Non vogliono "rendere l'Europa di nuovo grande". Ma Bono sì.

E Roger Waters, invece no. Colloca l'umanità davanti all'Occidente. Ed è disposto a denunciare l'Occidente per un mondo migliore. La sua musica, quindi, costituisce un atto di resistenza, mentre quella di Bono è un atto provinciale di imperialismo. Sventolando la bandiera dell'UE, Bono sta sventolando la bandiera di Israele e sta bruciando la bandiera della Palestina. Nel linguaggio di Waters, Bono è un maiale.
 
Noi, d'altra parte, quelli che boicottiamo Israele e l'UE siamo umani. Siamo bambini degli anni sessanta. Siamo cartucce di dinamite contro il Muro.

N. d. l. T.

* Bono ha partecipato alla chiusura del Congresso del Partito popolare europeo e difeso per quasi un'ora l'idea dell'UE e le riforme di Mariano Rajoy. 





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.counterpunch.org/2018/10/03/palestinian-rock-vs-euro-thrash-roger-waters-vs-bono/
Publication date of original article: 03/10/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=24314

 

Tags: Roger WatersBono VoxU2Palestina/IsraeleUSAUE
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.