TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 20/07/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 EDITORIALS & OP-EDS 
EDITORIALS & OP-EDS / Brasile, come un racconto gramsciano
Date of publication at Tlaxcala: 13/10/2018
Original: Brésil, comme un conte gramscien
Translations available: Português/Galego  Español 

Brasile, come un racconto gramsciano

Fausto Giudice Фаусто Джудиче فاوستو جيوديشي

Translated by  Alba Canelli

 

Nella mia prima giovinezza, mezzo secolo fa, un caso come quello di Bolsonaro sarebbe stato risolto alla sventa: un commando di guerriglia urbana avrebbe immediatamente giustiziato con una raffica di mitragliatrice, lui e le sue guardie del corpo al momento giusto prima del primo turno delle elezioni. Ma siamo nel ventunesimo secolo, e la sinistra rivoluzionaria o ciò che ne prende il posto ha rinunciato da molto tempo all'"orribile violenza", scegliendo il percorso elettorale, democratico, pacifico e tutto ciò che implica. A rischio di vedere i suoi leader abbattuti uno dopo l'altro e incassare i colpi piangendo e chiedendo giustizia. Jair Messias Bolsonaro, il capitano killer di negri, froci, donne e petraglie*, nel frattempo è sfuggito alla morte per essere stato pugnalato da uno "squilibrato" la cui storia ci dirà forse che è stato pagato dalla sua vittima per eseguire questa magnifica operazione mediatica che ha posto il candidato alterofobico in una posizione vincente.


 
Seguendo le peripezie della campagna elettorale che sta dilaniando il Brasile, mi veine voglia di gridare: "Sveglia, Antonio, sono impazziti!". Chi meglio di Gramsci può permetterci di decifrare l'enigma brasiliano? Ecco una serie di considerazioni ispirate al grande spettacolo brasiliano, alla luce delle analisi del gobbo sardo.

1- Il Partito dei Lavoratori ha obbedito al principio politico di Archimede: qualsiasi partito di sinistra che salga la scala del potere si sposta a destra per diventare un partito di "centrosinistra".

2 - Il PT, nei suoi tredici anni di potere, non ha toccato il sistema oligarchico, graffiandolo e migliorandolo soltanto. Non ha rotto né con il produttivismo estrattivista, agroindustriale e patrimoniale, né con l'inciucio parlamentare, stringendo alleanze semplicemente mostruose. Non ha realizzato nessuna vera riforma agraria per soddisfare la fame di terre delle masse diseredate. Ha semplicemente ridistribuito le rendite del petrolio in modo più equo. Lungi dall'avvicinarsi all'obiettivo finale - l'abolizione del lavoro salariato e dello stato - ha cercato di rendere lo stato un buon papà che veglia sulla sua progenie.

3 - Il PT è entrato completamente nella logica del denaro, a tutti i livelli. Ha monetizzato la sua relazione, sia con le masse popolari che con gli ambienti oligarchici del potere. In breve, si è lasciato corrompere dal sistema.

4 - Il PT ha abbandonato ogni desiderio di educare le masse, lasciando questo compito alle mostruose chiese evangeliche. Queste inizialmente hanno beneficiato della distruzione da parte del Vaticano della teologia della liberazione. Quest'ultima si proponeva di restituire ai preti il ​​loro ruolo di intellettuali organici delle masse, con il vangelo in una mano, Marx nell'altra e, casualmente, una pistola nella tasca (nel caso ...). Una volta scomparsi i teologi cattolici della liberazione, uno spazio formidabile si è aperto ai mercanti del Vangelo di ogni tipo. Ora sono quelli che fanno e spezzano le carriere dei politici. Bolsonaro, un seguace della Chiesa universale del Regno di Dio - caspita! - è l'esempio più completo di questo "cristofascismo" di cui parlava Dorothee Sölle, la teologa tedesca, negli anni '70. A differenza dei guerriglieri del Cristo Re spagnoli degli anni del franchismo o dei Cristeros messicani degli anni '20-'30, che erano cattolici, i cristofascisti brasiliani di oggi sono evangelici nel modo gringo tropicalizzato, in una parola, adoratori bling-bling di Mammon. Il loro successo con i diseredati è simile a quello degli scugnizzi dei ghetti arricchiti da vari traffici e che tornano nel ghetto per fare ammirare la loro Ferrari e le loro catene d'oro massiccio. Ciò che fa sbavare tutti i ragazzi del ghetto, che pensano solo una cosa: seguire le tracce du capu.

5 - Anche se ha messo molta acqua nel suo rum, il PT è rimasto una minaccia per il sistema, che ha deciso di sbarazzarsene, proprio come aveva fatto nel 1964 coi suoi predecessori, i movimenti operai e progressisti, seguaci di Getúlio Vargas e di Jango (João Goulart). Il colpo di stato fu allora militare e ci vollero 20 anni per i generali, i colonnelli e gli ammiragli per effettuare la pulizia politica e sociale prima di scambiare l'uniforme per cravatta e doppiopetto e "ripristinare la democrazia", pur conservando il potere economico, condiviso con vecchi e nuovi oligarchi.
 
 
6-Il PT, proveniente dalla classe operaia industriale del triangolo ABC, è riuscito ad aprirsi alle classi medie urbane bianche, ma non alle masse rurali, nonostante la staffetta del Movimento dei Senza Terra, né alle masse urbane deprivate, principalmente nere e meticce, delle favelas. Queste masse sono rimaste in gran parte sotto il doppio controllo delle bande armate - come la Milicia di Rio de Janeiro, uno squadrone della morte che è diventato un conglomerato di imprese a tutto tondo che sostituisce lo stato, sul modello del Cartello di Medellín ( Pablo Escobar si era concesso il lusso di costruire 5.000 "case popolari", cosa che gli ha assicurato un'innegabile popolarità) - e delle chiese degli illuminati di Dio e altri Gladiatori dell'Altare, che si sono dati il ​​compito, tra gli altri, di combattere i culti di origine africana, considerati da loro come pure manifestazioni del diavolo (che, come sappiamo, è nero, con una coda biforcuta).

7 - Il PT è rimasto un partito di bianchi, in un paese in cui un quarto della popolazione è nero o misto. E' un partito di uomini, arrivando persino a negare il diritto all'aborto alle donne, per paura di inimicarsi gli illuminati di Dio, sia cattolici che evangelici.

8 - Bolsonaro ha, sotto l'apparenza di vuoto e nullità, un programma molto chiaro, che gli è stato dettato dai suoi mandanti. Questo programma dovrebbe piacere a qualsiasi marxista, dal momento che mira a dare ragione a Engels: "lo stato è una banda armata". Dopo il benevolo stato-papà petista, ecco di nuovo lo stato dello zio-pistolero in tutto il suo splendore. A parte il desiderio di ripristinare il monopolio statale della violenza, il resto deve essere esternalizzato - lo chiamano "outsourcing" - subappaltato ai Chicago Boys. Verranno applicate le buone vecchie ricette friedmaniane-thatcheriane-reaganiane-pinochetiste, come quasi ovunque, nel subcontinente e altrove.

9 - Cosa dovrebbe e potrebbe fare il PT per vincere il secondo turno delle elezioni il 28 ottobre? Gli analisti brasiliani a sinistra sono quasi unanimi: "deve aprirsi al centro", in altre parole virare a destra ancora di più. Penso che questo accelererebbe solo il suo suicidio politico. L'esperienza universale mostra che gli elettori preferiscono sempre gli originali alle fotocopie. Le acque del Giordano in cui questo partito potrebbe rinascere sono le terre depresse del Brasile profondo, quello che abbiamo imparato ad amare, con Zumbi dos Palmares, Besouro Manganga, Jorge Amado e la sua Gabriela, Glauber Rocha e Antonio das Mortes , Luis Carlos Prestes e la sua colonna, Carlos Marighella e la sua guerriglia urbana, Marielle Franco e il suo sorriso disarmante.

10 - Nell'immediato futuro, Fernando Haddad e Manuela D'Avila devono rivolgersi ai 30 milioni di poveri che si sono astenuti dal voto al primo turno, per convincerli a mobilizzarsi il 28 ottobre, se non vogliono immergersi ancora di più nella disperazione. Invece di andare alla deriva a destra, il PT deve, in una parola, scendere la scala e immergersi nel magma in fusione delle passioni popolari.

Immagini: Murales dell'artista di strada Zoo Project (Bilal Berreni, 1990-2013) a Tunisi

N.d.T.:

*Petraglia: neologismo per tradurre la parola brasiliana petralha, formata dalla contrazione di petista (membro o elettore del PT) e metralha (marmaglia). 





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://bastayekfi.wordpress.com/2018/10/10/bresil-comme-un-conte-gramscien/
Publication date of original article: 10/10/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=24305

 

Tags: BrasileElezioniBolsonaroAbya YalaPolitica di sinistraHaddad/D'avila
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.