TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 15/11/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 EUROPE 
EUROPE / La decomposizione dell'UE
Date of publication at Tlaxcala: 24/06/2018
Original: La décomposition de l’UE

La decomposizione dell'UE

Jacques Sapir Жак Сапир

Translated by  Alba Canelli

 

L'Unione europea si decompone. Molto chiaramente, il problema dei "migranti" ha giocato il ruolo di detonatore. A questa questione si sommano gli errori politici, un discorso con pretesa morale che si rivela fondamentalmente moralista e un'enorme ipocrisia.

Ne è prova il caso dell'Aquarius, questa nave noleggiata dall'ONG SOS-Méditerranée. Ma, in sostanza, questo problema ha solo riflesso le contraddizioni interne che si sono sviluppate in seno all'UE. In un certo senso, è probabile che pochi leader "credano" ancora in una UE federale.

Questa scomposizione potrebbe portare a varie soluzioni, e anche se il nome "Unione europea" dovesse sopravvivere, è chiaro che non sarebbe più l'UE come era stata immaginata e messa in pratica dopo il voto del famoso "Atto unico" del 1986. Stiamo assistendo al crollo di oltre trent'anni di "costruzione europea".

Un contesto ricolmo

C'è stata in primo luogo la Brexit, votata nel 2016, e alcuni speravano di vederla rovesciata da un ignoto intrappolamento "legale". Tuttavia, con il recente voto nel Parlamento britannico in cui la signora Teresa May ha vinto contro la fazione pro-UE, è chiaro che la BREXIT avrà luogo. Il Regno Unito lascerà quindi l'Unione europea (UE). Le elezioni generali degli ultimi 6 mesi, in Ungheria, Austria, ma anche in Slovenia, hanno portato (o mantenuto) al potere governi chiaramente euroscettici, desiderando un profondo cambiamento nelle regole dell'UE. Infine, l'azione dell'attuale governo italiano, risultante da una coalizione tra il M5S e la Lega, ha messo in luce queste contraddizioni.

La decisione del ministro dell'Interno italiano, Matteo Salvini, di rifiutare alla nave Aquarius, il permesso di sbarcare i migranti raccolti ha causato uno scandalo. Le anime buone si sono opposte a questa decisione. Tuttavia, quest'ultima ha rispettato da un lato il diritto internazionale marittimo, e il fatto che l'ONG in questione non abbia attaccato il governo italiano ne porta testimonio, e d'altra parte i casi di emergenze umanitarie sono stati rispettati. Nonostante le dichiarazioni spesso sconvolgenti, Salvini ha "proposto" che le donne incinte e le persone gravemente malate possano essere sbarcate (ma senza i loro famigliari), e la Guardia costiera italiana ha continuato le sue missioni di soccorso. L'Aquarius è scortata da una nave della Guardia Costiera italiana, fatto riconosciuto dall'ONG SOS-Mediterranée stessa.

L'ipocrisia franco-tedesca

Ciò che è quindi in gioco è una politica caratterizzata da una cecità alla vera e immensa ipocrisia dell'UE, ma anche di Germania e Francia. È questa ipocrisia in particolare che ha caricato l'Italia del peso quasi esclusivo dell'accoglienza dei "migranti" negli ultimi tre anni.

Il ritirata del presidente francese, Emmanuel Macron, che - dopo aver denunciato l'atteggiamento dell'Italia in termini di moralità piuttosto che di politica - è stato costretto ad abbassare il tono è significativa. E' tornato ad una posizione più ragionevole, ma al prezzo di un'umiliazione internazionale. I due leader hanno dimostrato un intesa tanto più cordiale che si sa che si era passati al bordo della  crisi.

Ma questa crisi si è invitata in Germania, dove Angela Merkel è stata costretta a trattare con il proprio ministro dell'Interno Horst Seehofer. Quest'ultimo, sostenuto da una maggioranza di deputati CDU-CSU, vuole che la Germania raggiunga un accordo con la Grecia e l'Italia sulla questione dei migranti, un accordo che permetterebbe alla Germania di respingere tutti i migranti non precedentemente registrati. Si è appreso di un incontro dei tre ministri degli interni di Germania, Austria e Italia per discutere sulla questione dell'immigrazione clandestina. Ciò dimostra la volontà dei governi di coordinarsi. Ma, e questo non è sfuggito a nessuno, è un coordinamento intergovernativo tra Stati sovrani, un coordinamento che abilmente elude le procedure e le abitudini dell'UE e che, probabilmente, metterà in causa le sue regole. Segno dei tempi?

Il peso dell'economia in questa decomposizione

Si potrebbe pensare che la questione dei "migranti" stia esaurendo l'ordine del giorno dell'UE. Questo è lontano dal caso. Il governo italiano ha appena annunciato che proporrà al Parlamento di non ratificare il CETA, l'accordo di libero scambio tra il Canada e i paesi dell'UE. Una decisione che potrebbe alla fine provocare la cancellazione di questo trattato. Questa decisione del governo italiano, in contraddizione con la volontà della Commissione europea di decidere, invece degli Stati, su questioni commerciali, ribadisce il ruolo primario, e fondatore, della sovranità degli Stati. Allo stesso modo, il governo italiano ha lasciato intendere che si opporrebbe  al rinnovo delle sanzioni contro la Russia. Anche in questo caso, abbiamo a che fare con una decisione di consenso. Se un paese rompe questo consenso, ne seguiranno altri.

Le questioni economiche e commerciali svolgono quindi un ruolo importante nel processo di decomposizione dell'UE. Un processo che è stato messo in evidenza dalla decisione della Germania di respingere la maggior parte delle proposte avanzate dal presidente francese, Emmanuel Macron. La recente pubblicazione da parte dell'OFCE di un testo sul ruolo deleterio dell'euro nei confronti delle economie francese e italiana lo conferma (1). In effetti, scopriamo che la "coppia franco-tedesca" non esiste, tranne che nei deliri degli editocrati francesi. Le forme prese dalle "storie" della crisi generata dall'Italia, al primo posto delle quali le prime pâgine scandalose della stampa tedesca ma anche i termini estremamente offensivi che Emmanuel Macron aveva usato, sono entrambi un sintomo della decomposizione dell'Unione europea, ma è anche uno delle sue cause.

Della sovranità delle nazioni

Questa decomposizione dell'UE, tuttavia, è un processo a lungo termine. In questo contesto, il gesto di Matteo Salvini sull'Aquarius, che lo si approvi o no, ha causato una rottura importante. Ha dimostrato che un paese potrebbe liberarsi dalle regole dell'UE e dimostrare allo stesso tempo l'inesistenza della "sovranità europea", questo mito tanto caro a Emmanuel Macron e l'esistenza della sua stessa sovranità.

Questo gesto avrà conseguenze. Aiuta a dare agli italiani fiducia nel governo del loro paese e nelle capacità di quest'ultimo. Ma questo gesto è importante anche per gli altri paesi dell'Unione europea. Perché, se l'Italia può recuperare la propria sovranità, in un momento di crisi può decidere che è proprio che è lei che fissa l'agenda dei problemi da trattare tanto quanto la natura delle soluzioni, il che è una definizione della sovranità, allora altri paesi impareranno la lezione.

(1) Villemot S., Ducoudré B., Timbeau X., « TAUX DE CHANGE D'ÉQUILIBRE ET AMPLEUR DES DÉSAJUSTEMENTS INTERNES À LA ZONE EURO », in, Revue de l'OFCE, n°156 (2018) 





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://fr.sputniknews.com/points_de_vue/201806161036825136-unionne-europeenne-migrants/
Publication date of original article: 16/06/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23657

 

Tags: Unione EuropeaImmigrazioneAcquariusM5SItaliaFranciaGermaniaEmmanuel Macron
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.