TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 15/11/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 EUROPE 
EUROPE / L'Unione europea usa le milizie arabe accusate di genocidio in Sudan per bloccare i migranti verso l'Europa
Date of publication at Tlaxcala: 23/06/2018
Original: La Unión Europea usa a milicias árabes acusadas de genocidio en Sudán para bloquear migrantes a Europa

L'Unione europea usa le milizie arabe accusate di genocidio in Sudan per bloccare i migranti verso l'Europa

Mark Aguirre

Translated by  Alba Canelli

 

Alla fine di maggio, 15 persone sono state uccise a colpi di arma da fuoco quando hanno cercato di fuggire dai rapitori in Libia. Medici senza frontiere ha dichiarato che erano originarie dell'Eritrea, dell'Etiopia e della Somalia. Questi migranti erano per qualche ragione intrappolati nelle mani dei trafficanti e non avevano altra scelta che sfuggire ai loro rapitori. I trafficanti li hanno uccisi. Non sapremo mai la vera storia, ma sicuramente temevano di essere venduti come schiavi per pagare i loro debiti, non era la prima volta che accadeva.

Questi sfortunati hanno raggiunto il loro fatale destino attraverso il Sudan. Tre mila chilometri separano il Mediterraneo dal confine eritreo. Da lì devi solo attraversare il Sudan per arrivare in Libia. Un territorio in cui lo Stato difficilmente esiste da quando il regime di Gheddafi è stato distrutto. È uno dei motivi per cui questo corridoio è diventato uno dei più attivi sulla strada per l'Europa dai giovani del Corno d'Africa. Ora le autorità dell'Unione europea stanno chiudendo il corridoio alleandosi con il diavolo. E chi è se non la milizia araba conosciuta come Janjawid*?
 

Miliziani 'janjawid' nella regione del Darfur (Sudan) (DABANGA)

Questa milizia è stata organizzata dal governo sudanese per distruggere le comunità non arabe durante la crisi del Darfur. Gli europei stessi li hanno poi accusati di aver commesso crimini di guerra, una delle ragioni per cui Omar al-Bashir, il presidente sudanese, è sotto mandato di cattura internazionale. Bene, queste milizie genocide, Dio non voglia, ora stanno lavorando per i loro ex accusatori europei. La loro missione: bloccare il passaggio in Europa di questi giovani in fuga dalla povertà, dalla siccità o dalla violenza.

Fu lo stesso governo sudanese che cominciò a riciclare questi criminalJanjawid. Quando il loro lavoro fu svolto in Darfur, Musa Hilal, il più famoso dei suoi comandanti durante le campagne di genocidio del 2003 e del 2004, fu nominato comandante della Brigata di intelligence dei confini. Alex de Waal scrive nel suo libro The Real Politics del Corno d'Africa che il gruppo è stato creato per controllare Hilal e ha discretamente messo i suoi uomini al soldo del governo. Ma è stata l'Europa che ha finito il lavoro di trasformare questi criminali in poliziotti decenti e rispettabili.

A causa del destino, con il boom dei rifugiati, questa polizia segreta è diventata il nostro partner nella politica di immigrazione. Stanno lavorando mano nella mano con la polizia europea per fermare l'ondata di rifugiati. Il New York Times ha riferito che l'Unione europea ha pagato 106 milioni di euro dal 2016 perché il Sudan controlli il passaggio di migranti "irregolari" diretti verso l'Europa. I poliziotti europei non sono abituati a fare lavori sporchi, risulta loro spiacevole e pagano gli altri per farlo. Ciò avviene lontano dai loro confini naturali, dove non ci sono quasi osservatori indipendenti che vigilino sul rispetto delle leggi umanitarie. Bruxelles vuole che il presidente Omar al-Bashir accetti di trasformare il Sudan in uno dei centri di contenimento della tratta di esseri umani nel corno dell'Africa. Le organizzazioni internazionali hanno ricevuto accuse di tortura e abusi commessi contro i migranti in Sudan. La situazione è così perversa che l'Europa sembra pagare gli altri per violare i diritti umani a suo vantaggio.
 
Secondo il New York Times, gli europei fanno pervenire i 106 milioni impegnati per il lavoro sporco nei confini del Sudan attraverso pagamenti a organizzazioni umanitarie e caritatevoli. Ma la polizia locale che fa quel lavoro crudele ha recentemente reclamato pubblicamente la sua parte. Sono quelli che muoiono negli scontri con i trafficanti, coloro che finanziano operazioni, coloro che puniscono, torturano e consegnano i migranti per il loro ritorno. Perché gli altri stanno andando a prendere i soldi? Come riportato da Bloomberg il 13 aprile, Mohamed Hamdan, uno dei comandanti delle Forze di supporto rapido incaricato del controllo delle frontiere, ha detto molto chiaramente durante una cerimonia di laurea per i suoi soldati: "Dovrebbero riconoscere che noi facciamo il lavoro invece dell'Unione europea. Dovrebbero riconoscere i nostri sforzi e sostenerci finanziariamente ".

Molti di questi giovani ai quali i Janjawid chiudono la strada a nome della polizia europea dovrebbero essere protetti, perché fuggono da situazioni di abusi fisici, mentali e sessuali, ma invece vengono restituiti ai perpetratori.
L'Eritrea è uno dei maggiori produttori di rifugiati, il più grande in Africa in termini relativi. Il suo numero è stimato a poco più di mezzo milione, da una popolazione stimata tra 3,5 e 6,5 milioni.

I giovani fuggono in massa di fronte alla minaccia di un servizio militare obbligatorio e "indefinito". In Eritrea sai quando inizi il servizio militare, ma non quando lo finisci, perché per legge gli uomini possono avere fino a 50 anni e le donne fino a 40. È stato documentato che durante il servizio militare le reclute sono costrette a lavorare in lavori pubblici (vengono pagati 33 dollari al mese) o in condizioni di schiavitù per ufficiali di alto livello in progetti privati. Le donne hanno denunciato lo sfruttamento sessuale da parte di ufficiali dell'esercito. Anche punizioni corporali e torture. E' per fermare questi giovani in fuga da questo incubo che gli europei pagano ai Janjaweed. Con la circostanza aggravante che saranno puniti, forse torturati, quando saranno restituiti alle autorità militari eritree.

Pochi giorni fa il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, in quella che è considerata una risoluzione storica, ha imposto per la prima volta sanzioni per i trafficanti. Due di loro erano eritrei, il resto libici, tutti operanti nel corridoio sudanese diretto verso l'Europa. Era una risposta ai crimini contro l'umanità, compresi i 15 assassinati sulle rive della Libia quando fuggivano.
La risoluzione del Consiglio di sicurezza denuncia che sono stati commessi crimini di guerra in Eritrea. E accusa Medhanie Yehdego Mered e Angoson Teame Akolom di gestire le loro reti di trafficanti con la conoscenza del regime eritreo. Questi trafficanti hanno trasformato il diritto di migrare in un affare oscuro e criminale. Hanno trasformato le persone senza diritti in merci con le quali arricchirsi.

È vero che le ultime statistiche mostrano che i janjawid riciclati stanno riuscendo nel loro nuovo impiego come guardie di frontiera europee, come hanno fatto nel Darfur con le loro atrocità. L'arrivo di rifugiati in Europa dalla Libia è diminuito negli ultimi due anni, nonostante il numero di rifugiati in Africa continui ad aumentare. Per l'Europa, 171.635 immigrati sono arrivati ​​nel 2017, il 53% in meno rispetto al 2016. L'Italia, dove i rifugiati arrivano di solito dalla Libia, ha conosciuto il minor numero di arrivi in ​​quattro anni. I rifugiati iniziano a sostituire la rotta della Libia con quella dell'Egitto. Il successo nell'utilizzo dei Janjawid come poliziotti per l'immigrazione rivela il naufragio del progetto politico europeo. I diritti umani e il rispetto del diritto umanitario non erano i nostri segni distintivi?


N.d.T.:

*Con il termine janjawid (in arabo: جنجاويد‎, anglicizzato janjaweed) sono indicati i miliziani filogovernativi impegnati nella guerra civile nella regione del Darfur in Sudan. Anche se... essi rifiutano tale definizione e preferiscono essere chiamati mujāhidīn (guerrieri impegnati nel jihād) oppure "guardie di confine" o ancora "brigate di ricognizione".

Fino a non molto tempo fa però janjawid era un insulto colloquiale, usato per indicare un cattivo comportamento. Il suo significato sembra sia quello di "demone a cavallo", o "uomo armato su un cavallo". 





Courtesy of Tlaxcala
Source: http://www.elviejotopo.com/topoexpress/la-union-europea-usa-a-milicias-arabes-yanyauid/
Publication date of original article: 16/06/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23646

 

Tags: ImmigrazioneUnione EuropeaLibiaMafiaSudanAfricaGenocidioONUJanjawid
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.