TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 15/11/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Israele: non smetteremo di filmare, non smetteremo di scrivere
Date of publication at Tlaxcala: 22/06/2018
Original: Israel: We won’t stop filming, we won’t stop writing
Translations available: Español  Français 

Israele: non smetteremo di filmare, non smetteremo di scrivere

Gideon Levy جدعون ليفي גדעון לוי

Translated by  Alba Canelli

 

La Knesset potrebbe agire non solo contro la stampa, ma anche contro i gruppi per i diritti umani e i Palestinesi, gli ultimi testimoni dell'accusa contro l'occupazione.

Censura israeliana: per proteggervi dalla realtà

Violeremo questa legge con orgoglio. Abbiamo l'obbligo di violare questa legge, come ogni legge su cui sventola una bandiera nera. Non smetteremo di documentare. Non smetteremo di fotografare. Non smetteremo di scrivere, con tutte le nostre forze.
 
Le organizzazioni per i diritti umani faranno la stessa cosa e, come loro, speriamo, i testimoni palestinesi, che saranno ovviamente puniti più di chiunque altro. Secondo la legge approvata domenica dalla commissione ministeriale per la legislazione [ma con alcune richieste di modifica della formulazione], le persone che documentano le azioni dei soldati delle forze di difesa israeliane nella Cisgiordania possono essere incarcerate fino a cinque anni in determinate circostanze.
 

Robert Ilatov

Una bella iniziativa, Onorevole Robert Ilatov, gran democratico del famoso partito della libertà Yisrael Beiteinu. Il vostro progetto di legge dimostra che le Forze di Difesa israeliane hanno qualcosa da nascondere, cose che devono essere imbarazzanti, cose da occultare, al punto che la telecamera e la penna sono diventate i loro nemici. Ilatov contro il terrorismo delle telecamere e Israele contro la verità.
 
In un momento in cui la polizia israeliana equipaggia i suoi agenti con body cam, che secondo lei hanno dimostrato di ridurre la violenza della polizia, Israele cerca di rimuovere le telecamere dai territori occupati, la vera arena del suo disonore - in modo che la verità non sia esposta e l'ingiustizia ridotta al minimo.
 
Senza macchine fotografiche, il caso di Elor Azaria non sarebbe esistito; senza telecamere, ci saranno molti altri Azaria. Questo è esattamente lo scopo della legge: avere un sacco di Azaria, non è che la documentazione riesca a evitare qualsiasi cosa.. Le forze di difesa israeliane e il pubblico non sono più così disturbati dalle violazioni dei diritti umani e dai crimini di guerra nei territori, e la maggior parte dei giornalisti non è più interessata ad essi.
 
E pensare che rompere ossa con una pietra di fronte alle telecamere di una catena usamericana abbia causato uno scandalo durante la prima intifada! Al giorno d'oggi nessuno è infastidito da immagini simili, infatti, potremmo anche dubitare che faremmo lo sforzo di pubblicarle. Ma i soldati israeliani hanno imparato a trattare la macchina fotografica e la penna come il nemico. Se una volta abbiamo presentato le credenziali della stampa ai posti di blocco, oggi le nascondiamo in modo che i soldati non ci catturino in tutte le nostre iniquità. Una volta siamo stati persino arrestati. 
 
Coprire l'occupazione oggi comporta già violare la legge. Agli israeliani è vietato entrare nella zona A controllata dai palestinesi e i giornalisti devono "coordinare" il loro ingresso con l'ufficio del portavoce delle Forze di difesa israeliane. Ma poiché il giornalismo coordinato non ha senso, tranne il giornalismo dei corrispondenti militari in Israele, ignoriamo questo ridicolo ordine, mentiamo ai posti di blocco, imbrogliamo, ci infiltriamo, usiamo le tattiche diversive e andiamo ovunque in Cisgiordania.
 
Dove sei stato? chiede il soldato dopo ogni visita a Hebron. In Kiryat Arba. Cosa stavi facendo lì? Abbiamo amici lì. Perché c'è solo una manciata trascurabile di giornalisti che si prendono ancora la briga di andarci, le autorità chiudono gli occhi.
 
Ma la tecnologia e la ONG B’Tselem hanno dato vita a un nuovo nemico: videocamere che vengono consegnate ai volontari palestinesi e, sulla scia dei telefoni cellulari, nelle mani di ogni volontario palestinese o Machsom Watch. Tutto ad un tratto, è più difficile nascondere e mentire. All'improvviso, non è facile inventare coltelli ed altri pericoli immaginari dopo ogni inutile omicidio. Chi ci salverà? Ilatov e il suo disegno di legge, che naturalmente hanno ricevuto l'incoraggiamento di un altro famoso democratico, il ministro della Difesa Avigdor Lieberman.
 
Nel 2003, quando i soldati delle forze armate hanno sparato pallottole vere sull'auto blindata con targhe israeliane, che stavamo guidando verso Tulkarem, adornati con cartelli "stampa", il portavoce delle forze armate di quel tempo, la generale di brigata Miri Regev, ha chiesto al caporedattore di Haaretz, che cercava urgentemente di porre fine all'incidente: "Ma che cazzo stanno facendo lì?"
 
Da allora, Israele non ha smesso di fare questa domanda. Ora, la Knesset potrebbe benissimo agire: non solo contro la stampa, con la quale continua a essere cauta, ma soprattutto contro le organizzazioni per i diritti umani e i residenti palestinesi, gli ultimi testimoni dell'accusa contro l'occupazione. Israele sta dicendo loro: niente prove incontrovertibili.
 
Nelle note esplicative del disegno di legge, si afferma giustamente che i testimoni dell'accusa e i testimoni oculari mirano a "spezzare lo spirito dei soldati e dei residenti israeliani". Questo è esattamente il loro obiettivo: rompere la motivazione per vedere Azaria come una vittima e un eroe, pensare che il massacro di 120 persone disarmate è legale e non voler sapere, ascoltare o vedere ciò che viene fatto ogni giorno nel nostro nome, nel cortile del nostro paese.

Prossimamente: una legge che vieta qualsiasi critica alle Forze di Difesa israeliane (IDF). Ilatov la sta già scrivendo; la maggior parte degli israeliani è certamente favorevole. Ovviamente ci rifiuteremo di seguirla. 





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.haaretz.com/opinion/.premium-we-won-t-stop-filming-we-won-t-stop-writing-1.6180061?=&ts=_1529555927608
Publication date of original article: 17/06/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23639

 

Tags: Palestina/IsraeleCensuraOccupazione sionistaB'Tselem
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.