TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 23/07/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ABYA YALA 
ABYA YALA / Nicaragua : Lettera aperta ad Amnesty International
Date of publication at Tlaxcala: 19/06/2018
Original: Carta abierta a Amnistía Internacional repudiando su posición sobre Nicaragua
Translations available: Français  English 

Nicaragua : Lettera aperta ad Amnesty International

Camilo E. Mejía

Translated by  altrenotizie

 

Attraverso questa lettera esprimo la mia inequivocabile condanna di Amnesty International riguardo al suo ruolo destabilizzante in Nicaragua, il mio paese di nascita. Apro questa lettera citando Donatella Rovera, che fino a questo momento era stata una delle investigatrici sul campo di Amnesty International per più di 20 anni:

"Situazioni di conflitto creano ambienti altamente politicizzati e polarizzate. (...). Gli attori e le parti interessate passano attraverso straordinaria di manipolare e fabbricare" prove "per le distanze dei consumi interni ed esterni. Un recente, ma non per questo unico, esempio è fornito dal conflitto siriano, che è spesso considerato la "guerra di YouTube", con innumerevoli tecniche utilizzate per manipolare sequenze video di incidenti avvenuti in altri momenti, in altri luoghi, anche in altri paesi - e presentarle come "prova" delle atrocità commesse da una o dall'altra parte nel conflitto in Siria ".
 
 
Le osservazioni della signora Rovera, fatte nel 2014, descrivono correttamente la situazione in Nicaragua oggi, dove anche il preambolo della situazione è stato manipolato per generare il rifiuto verso il governo del Nicaragua. Il maliziosamente intitolato rapporto di Amnesty International, “Sparare per uccidere: la strategia del Nicaragua per reprimere la protesta”, potrebbe essere squalificato punto per punto, ma richiederebbe tempo prezioso che il popolo nicaraguense non ha, pertanto, mi concentrerò su due punti principali:
  • Il rapporto è totalmente privo di neutralità;
  • Il ruolo che Amnesty International sta svolgendo sta contribuendo al caos in cui si trova la nazione.

La narrativa in corso, concordata con l'opposizione locale e i media aziendali occidentali, è la seguente: il presidente Ortega voleva ridurre il 5% dei pagamenti mensili ai pensionati e aumentare il contributo dei dipendenti e dei datori di lavoro al sistema di sicurezza sociale. Le riforme hanno provocato proteste, alle quali il governo ha risposto con un atto di genocidio contro manifestanti pacifici, uccidendo più di 60 persone, per lo più studenti. Un paio di giorni dopo, il governo nicaraguense avrebbe aspettato la notte per scatenare la sua polizia al fine di decimare la popolazione nicaraguense, notte dopo notte, città dopo città, avrebbe distrutto i propri edifici governativi e assassinato la sua stessa polizia, fino a quando il suo attacco omicida è culminato con un massacro della Festa della Mamma, e via continuando in questo modo. 

Mentre la precedente narrazione non è uniformemente espressa da tutti gli attori anti-governativi, gli elementi unificanti sono che il governo è genocida e che il presidente e il vicepresidente devono andarsene.

Le affermazioni di Amnesty International sono basate in gran parte su testimonianze delle persone e delle vittime antigovernative, o su informazioni manipolate e infondate emesse dai media dell’opposizione e diverse organizzazioni non governative (ONG) finanziate dagli Stati Uniti, noti collettivamente come società civile.

Le tre principali organizzazioni mediatiche citate nel rapporto sono Confidential, Noticias al 100% e La Prensa. Tutte arcinemiche del governo Ortega; quasi tutti i media di opposizione, insieme alle principali ONG citate nel rapporto, ricevono finanziamenti dagli Stati Uniti attraverso organizzazioni come il National Democratic Institute (NDI) e la National Foundation for Human Rights. Democrazia, (NED, per il suo acronimo in inglese), che è stato descritta dal deputato americano in pensione, Ron Paul, come: "... un'organizzazione che utilizza le nostre tasse per sovvertire la democrazia, riempiendo di denaro partiti o movimenti politici nostri alleati all'estero. Contribuisce a" rivoluzioni colorate" all'estero che somigliano agli scritti di Lenin su come rubare il potere ai genuini movimenti democratici autoctoni ".

Il rapporto di Amnesty International si basa fortemente su una copertura di 100% Noticias, un canale televisivo che ha trasmesso i materiali manipolati e incendiari per generare odio contro il governo nicaraguense, comprese le immagini di manifestanti "pacifici", ignari delle pistole e dei fucili che portavano e di sparare ai membri della polizia nazionale durante gli incidenti segnalati dal canale come atti di repressione della polizia durante le marce dell'opposizione. Nella festa della mamma, 100% Noticias ha segnalato una presunta sparatoria contro i manifestanti disarmati dai cecchini della polizia, tra i quali un incidente in cui un giovane era con cervello fuori dal suo cranio. Il canale ha corroborato la relazione con una fotografia che la signora Rovera avrebbe descritto come un "... incidente che si è verificato in altre occasioni, in altri luoghi". La foto, inclusa nel rapporto, è stata rapidamente confrontata sui social network con link a vecchi articoli online che avevano utilizzato la stessa immagine.
 
Una delle fonti citate (nota n. 77) a sostegno della presunta negazione di cure mediche negli ospedali pubblici ai pazienti feriti in atti di opposizione - una delle principali accuse ripetute e ribadite da Amnesty International - è una conferenza stampa trasmessa da La Prensa, in cui il primario di Chirurgia smentisce di essere stato licenziato e che il personale dell'ospedale aveva negato l'attenzione ai manifestanti, all'inizio del conflitto. "Lo ripeto - ha detto distintamente - l’ordine che ho ricevuto come capo di chirurgia, è chiaro: occuparmi di tutta la popolazione che viene, senza indagare assolutamente nulla ". In altre parole, una delle fonti di Amnesty International contraddice una delle principali accuse nel suo rapporto.

Gli esempi di cui sopra di prove manipolate e fabbricate, per usare le parole della ricercatrice di Amnesty International, rappresentano solo un piccolo campione, ma catturano l'essenza di questa forma di cambio di regime sponsorizzato dagli Stati Uniti. Il rapporto è alimentato da dichiarazioni di persone su un solo lato del conflitto e si basa su prove profondamente corrotte; in ultima analisi, essa contribuisce a creare l'illusione di uno stato genocida, generando a sua volta più sentimento negativo contro il governo, a livello locale e all'estero, e apre la strada per un ulteriore intervento straniero e sempre più aggressivo.

Una diversa narrazione

Le prime riforme della previdenza sociale non sono state proposte dal governo sandinista, ma dal Fondo monetario internazionale (FMI) e hanno ricevuto il sostegno del COSEP. Prevedevano  l'innalzamento dell'età pensionabile da 60 a 65 anni e il raddoppio del numero di quote necessarie per ottenere la pensione, da 750 a 1500. Tra i pensionati interessati, circa 53.000 sono le famiglie di combattenti morti nel conflitto armato, dal lato dell'esercito sandinista, come da quello della Contra, l'esercito mercenario finanziato del governo degli Stati Uniti negli anni ottanta, allo stesso tempo che la NED è stata creato, in parte per fermare la diffusione del sandinismo in America Latina.
 
Il governo del Nicaragua si è opposto alle riforme del Fondo monetario internazionale, respingendo la sospensione dei benefici a qualsiasi pensionato e proponendo invece una riduzione del 5% a tutti i conguagli pensionistici, un aumento di tutti i contributi previdenziali e una riforma fiscale che rimuova il tetto d'imposta che protegge gli stipendi più alti in Nicaragua. Gli imprenditori erano infuriati e, insieme alle organizzazioni non governative, ha organizzato le prime manifestazioni usando il pretesto delle riforme nello stesso modo manipolatorio che il rapporto di Amnesty International spiega:" ... la riforma ha aumentato i contributi alle assicurazioni sociali dei datori di lavoro e dipendenti e un contributo aggiuntivo del 5% ai pensionati ".
 
Secondo la versione degli eventi offerta dell'opposizione e ripetuta e convalidata da Amnesty International, i manifestanti sono pacifici e il governo genocida e irrazionale è impegnato a commettere atrocità in piena vista. Nel frattempo, il bilancio delle vittime tra i simpatizzanti sandinisti e gli agenti di polizia continua a salire. Il rapporto afferma che le indagini balistiche indicano che coloro che sparano ai manifestanti sono probabilmente cecchini, suggerendo il coinvolgimento del governo, ma non menziona che molte delle vittime sono sandinisti, cittadini regolari e agenti di polizia. Né menziona che i manifestanti "pacifici" hanno dato fuoco e distrutto più di 60 edifici pubblici, tra cui molti municipi, case sandiniste, mercati, laboratori artigianali, stazioni radio e altro; né menziona che i manifestanti hanno eretto "barricate" o blocchi stradali, come tattica per indebolire l'economia e quindi rovesciare il governo. Queste "dighe" sono diventate luoghi estremamente pericolosi, dove si sono verificati omicidi, rapine, sequestri e stupri di almeno una ragazza e dove una giovane donna incinta, la cui ambulanza è stata bloccata, è morta il 17 maggio.
 
Tutti questi crimini si verificano quotidianamente e sono ben documentati, ma non sono inclusi nel rapporto di Amnesty International.
 
L'organizzazione ha ragione nel criticare la reazione sprezzante del governo alle proteste iniziali, ma questa reazione non era totalmente sbagliata. Secondo il rapporto, il vice presidente Murillo ha detto, tra le altre cose, che "... essi [i manifestanti] si sono inventati i decessi (...) come parte di una strategia contro il governo ". Ciò che esclude Amnesty è che molti degli studenti dichiarati morti sono apparsi vivi, uno di loro in Spagna. Altri non erano stati uccisi nelle proteste, né erano studenti o attivisti, incluso uno che era morto da un proiettile vagante, e uno che morì di infarto nel suo letto.

Il rapporto di Amnesty International tralascia, inoltre, che molti studenti hanno lasciato il movimento, sostenendo che ci sono criminali rintanati nelle università e nelle diverse "tranques" che sono interessati solo a destabilizzare il paese. Questi criminali hanno creato uno stato di costante paura nella popolazione, imponendo "tasse" a chi vuole muoversi, perseguitare coloro che rifiutano di essere fermati, rapendo, picchiando, torturando e dando fuoco ai loro veicoli. Una pratica che è diventata comune è che spogliano le loro vittime, dipingono i loro corpi pubblicamente di blu e bianco (la bandiera del Nicaragua), per poi rilasciarli e incoraggiarli a correre pochi momenti prima di cominciare il tiro con mortai. Tutte queste informazioni, che non fanno parte del rapporto, sono disponibili in numerosi video e altre fonti.

Perché il Nicaragua?

La rassegna più basilare della storia tra il Nicaragua e gli Stati Uniti mostra una chiara rivalità. Dalla metà del XIX secolo, il Nicaragua ha resistito alle interferenze degli Stati Uniti negli affari del paese, la resistenza è continuata nel corso del XX secolo, prima con la lotta del generale Augusto C. Sandino nei decenni del 20 e 30, e poi con i sandinisti organizzati nel Frente Sandinista de Liberación Nacional (FSLN), che nel 1979 ha rovesciato la dittatura della famiglia Somoza, che era stato sostenuto dagli stati Uniti per più di 40 anni.
 
Il FSLN, pur avendo conquistato il potere attraverso la lotta armata, organizzò elezioni poco dopo la sua vittoria nel 1984, perdendole poi nel 1990contro una coalizione di partiti di destra, sostenuta anche dal governo degli Stati Uniti. Sostenuto da patti con la chiesa e l'opposizione, l'FSLN riuscì nuovamente a vincere le elezioni nel 2006, ed è rimasto al potere da allora.

Oltre agli stretti legami tra Nicaragua e Venezuela, Cuba, Russia e in particolare la Cina, con la quale il paese ha firmato un contratto per costruire un canale intraoceanico, l'altro motivo principale per cui gli Stati Uniti continuano la loro campagna anti sandinista è modello economico di successo del governo del Nicaragua, che rappresenta una minaccia esistenziale all'ordine economico neoliberista imposto dagli Stati Uniti e dai suoi alleati.

Pur essendo sempre tra le nazioni più povere del continente americano e del mondo, da quando Ortega è tornato al potere nel 2007il Nicaragua ha ridotto la povertà di tre quarti. Prima delle proteste iniziate nel mese di aprile, l'economia del paese aveva mantenuto una crescita economica costante di circa il 5% per diversi anni ed è stato il terzo l'economia in più rapida crescita in America Latina, oltre che uno dei paesi più sicuri al regione.
 
I miglioramenti infrastrutturali del governo hanno facilitato il commercio tra i cittadini più poveri del Nicaragua; è stato creato l'accesso universale all'istruzione primaria, secondaria e universitaria; ci sono terreni, alloggi, programmi di nutrizione e molto altro. Il sistema sanitario, sebbene modesto, non è solo eccellente, ma accessibile a tutti. Circa il 90% del cibo consumato dai nicaraguensi viene prodotto in Nicaragua e circa il 70% dei posti di lavoro non proviene dalle grandi multinazionali ma dall'economia popolare, compresi i piccoli investitori dagli Stati Uniti e dall'Europa, che si sono trasferiti nel paese per diventare una forza trainante dell'industria del turismo.

L'audacia del successo, di dare ai loro cittadini più poveri una vita con dignità, di essere un esempio di sovranità per le nazioni più ricche e più potenti, tutto è in diretta contraddizione con il modello neoliberista e la sua enfasi sulla privatizzazione e l'austerità, ancora una volta ha messo il Nicaragua nella mira dall'intervento degli Stati Uniti. Immaginate l'esempio per le altre nazioni - le cui economie sono state strangolate dalle politiche neoliberiste – al rendendosi conto che uno dei paesi più poveri della terra può nutrire la sua gente e far crescere la sua economia senza dover lanciare i suoi cittadini più poveri sotto lo stivale di ferro del capitalismo. Gli Stati Uniti non tollereranno mai un esempio così pericoloso.

Per concludere

Il governo del Nicaragua ha carenze e contraddizioni sulle quali deve lavorare, come tutti i governi, e come sandinista vorrei vedere il partito trasformarsi in forme importanti, sia internamente che esternamente. Tuttavia, ho evitato di scrivere di queste carenze e contraddizioni, perché le violente proteste e il caos che abbiamo visto non sono il risultato delle carenze del governo nicaraguense, ma piuttosto dei suoi molti successi; questa verità scomoda è la ragione per cui gli Stati Uniti e i suoi alleati, tra cui Amnesty International, hanno scelto di "... creare ambienti altamente politicizzati e polarizzati (...) [e] ad attraversare distanze straordinarie per manipolare o fabbricare" prove "per consumo interno ed esterno."

In un momento in cui l'Organizzazione degli Stati Americani, le Nazioni Unite e il Vaticano hanno indicato nelle riforme pacifiche e costituzionali l'unica via d'uscita dal conflitto, Amnesty International ha continuato a implorare la comunità internazionale di non "abbandonare il popolo nicaraguense". Una posizione così distorta, oscenamente gonfia di informazioni manipolate, distorte e unilaterali, ha reso ancora peggiore la terribile situazione in Nicaragua. La perdita di vite nicaraguensi, compreso il sangue di persone ignorate da Amnesty International, è stata utilizzata per fabbricare le "prove" utilizzate nel rapporto dell'organizzazione e rende l'organizzazione complice di qualsiasi futuro intervento straniero che potrebbe cadere sul popolo nicaraguense. Ora è nelle mani dell'organizzazione correggere questo male e farlo in un modo che rifletta un forte impegno soprattutto verso la verità, qualunque essa sia, e con la neutralità, la pace, la democrazia e, sempre, con la sovranità di tutte le nazioni del mondo.

Cordialmente,
Camilo E. Mejia
Veterano, oppositore e obiettore di coscienza della guerra in Iraq (2003-2004)
Ex prigioniero di coscienza di Amnesty International (2004). Nato in Nicaragua, cittadino del mondo. 




Courtesy of Altrenotizie
Source: http://www.resumenlatinoamericano.org/2018/06/15/carta-abierta-a-amnistia-internacional-repudiando-su-posicion-sobre-nicaragua/
Publication date of original article: 15/06/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23615

 

Tags: NicaraguaAmerica LatinaFMINEDUSAAbya YalaMediaPropaganda
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.