TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 11/04/2021 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ABYA YALA 
ABYA YALA / Abecedario per capire la vittoria del Chavismo in Venezuela
Date of publication at Tlaxcala: 22/05/2018
Original: Abecedario para entender la victoria del chavismo en Venezuela

Abecedario per capire la vittoria del Chavismo in Venezuela

Katu Arkonada

Translated by  Alba Canelli

 

Il Chavismo ha vinto nuovamente  le elezioni in Venezuela. Si tratta di 22 delle 24 elezioni tenutesi in Venezuela dopo il trionfo del Comandante Chávez nel 1998, un trionfo che ha inaugurato il cambio d'epoca in America Latina.

 

In un chiaro esempio di dissonanza cognitiva, buona parte dell'opinione pubblica internazionale, inclusa la sinistra, non comprende appieno il motivo per cui se il Venezuela è una dittatura nel mezzo di una guerra civile, le elezioni si svolgono in pace, senza morti e con risultati simili, in partecipazione e supporto al vincitore, ad altri processi elettorali del continente.
Cerchiamo di capire con un breve abecedario cosa è successo:

C di Chavismo. Questo abecedario non inizia con la A, ma con la C di Chavismo, che, più che un concetto teorico, è una teoria dell'azione collettiva, plebea, messa in pratica. Senza il chavismo politico e sociologico, selvaggio nelle parole di Reinaldo Iturriza, non sarebbe possibile comprendere non la rivoluzione bolivariana, ma l'eroica resistenza agli attacchi politici, economici e mediatici contro un processo, attacchi che iniziarono dopo la vittoria di Chávez, ma si sono intensificati con la sua morte nel 2013.

E di elezioni. Tenute in un'atmosfera di totale calma e tranquillità, e garantite da un sistema elettorale che l'Unione Europea stessa ha approvato, e che l'ex presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter ha considerato come "il più sicuro al mondo". È necessario sottolineare che il processo di voto è aperto per mezzo dell'impronta digitale, unica, di ogni persona, che consente di effettuare un voto elettronico in una macchina, che a sua volta emette una ricevuta, che a sua volta viene inserita nell'urna. Pertanto, il processo ha 3 salvaguardie che lo rendono estremamente sicuro e affidabile prima di qualsiasi verifica.

F di Falcón. Henry Falcon, il secondo candidato (tra i 4 che aveva, 1 ufficiale e 3 oppositori) più votati, ha dimostrato che si può essere oppositore, proporre misure che implicano un ritorno alla dottrina dello shock neoliberista, e competere elettoralmente a condizione che sia fatto in modo democratico e non violento. Un'altra cosa molto diversa è che il popolo venezuelano avrebbe dato la vittoria a un candidato che difendeva apertamente la dollarizzazione della valuta.

M di Maduro. L'offensiva chavista che ha permesso di conquistare 20 dei 23 stati del paese e più di 300 comuni, così come le elezioni per l'Assemblea costituente, non sarebbe stata possibile senza la guida di Nicolás Maduro. È necessario ricordare che l'attuale presidente venezuelano non era solo un grande leader sindacale fin dai tempi in cui Chavez desse il colpo di stato civile-militare del 1992, ma anche deputato e costituente, è stato il miglior cancelliere che ha avuto l'ALBA, durante la sua carica di 6 anni.

G di Guerra economica. Queste elezioni sono state fatte nel mezzo dell'iperinflazione e hanno indotto speculazioni valutarie, una situazione che si è aggiunta al calo dei prezzi del petrolio che è passato da 120 dollari a 20 dollari al barile in pochi mesi, e la corruzione presente in ogni governo in cui vengono spostati importi milionari in appalti pubblici (dal Messico all'Argentina). La differenza è che altri presidenti non avrebbero resistito o non sarebbero stati rieletti, come lo è stato Nicolás Maduro.

O di opposizione. Queste elezioni sono la sconfitta dell'opposizione, con V di violenza. La violenta opposizione che ha assassinato la gente nei guarimbas o li ha bruciati vivi per il fatto di essere poveri, neri e/o chavisti. Scommisero su una strategia di scontro violento, una strategia che è stata sconfitta da un popolo organizzato, che castigò elettoralmente il Chavismo nelle elezioni legislative del 2015, ma non ha avvallato elettoralmente né politicamente lo scontro violento e il colpo di stato.

S di Santo Domingo. Continuiamo a sperare che un giorno gli accordi di Santo Domingo saranno resi pubblici e che mai furono firmati, e al pubblico internazionale verrà spiegato perché l'opposizione venezuelana, dopo aver concordato con la delegazione del governo in 6 punti, compreso lo svolgimento delle elezioni e il riconoscimento del risultato dello stesso, non si è mai seduta per firmare e ratificare l'accordo concordato da essa stessa.

U degli United States. Così, nel linguaggio dell'impero, per comprendere il modo di pensare di un paese che ha fatto dell'imperialismo la sua dottrina politica, economica e militare; di un paese che, circondato da mura ed espulso migranti, semina basi militari in America Latina e promuove colpi di stato; da un paese il cui Comando Sud crede di avere giurisdizione su paesi che difendono la loro sovranità politica, economica e territoriale. L'imperialismo oggi è più presente che mai in Venezuela (dichiara pericolo per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti), e l'obiettivo è chiaro: petrolio, gas, coltan e altre risorse strategiche venezuelane.

Z di Zapatero. L'aggressione subita dall'ex presidente spagnolo José Luis Rodríguez Zapatero, nulla di sospetto di essere Chavista, in un collegio elettorale dove le classi alte di Caracas votano, ritrae l'opposizione venezuelana. Un'opposizione con caratteristiche fasciste, che è stata sconfitta politicamente, ma ha ancora un'alto potere di fuoco per continuare la guerra economica e dei media.

Questo piccolo abecedario ci aiuta a capire cosa è successo oggi, dove il Chavismo si è imposto con fermezza (quasi 6 milioni di voti contro i meno di 2 ottenuti da Falcon) a un'opposizione divisa in tattiche e strategia da seguire. Ma è importante essere vigili, la strategia che si sviluppa ora è dovuta sia al non riconoscimento del risultato elettorale e all'isolamento internazionale della rivoluzione bolivariana, sia a una strategia di destabilizzazione per cercare di vincere attraverso la violenza ciò che non sono riusciti a vincere nelle strade.

Il governo venezuelano ha molte carenze, come tutti i governi del mondo, ma il popolo venezuelano ha parlato per le strade e dato un voto di fiducia a Maduro per risolvere una crisi economica indotta. È chiaro che il Chavismo ha più sostegno del progetto di opposizione che mira a ritornare al neoliberismo e questa è l'unica cosa che dovrebbe interessarci; rispettare la sovranità politica, economica, territoriale e popolare di un popolo informato e politicizzato, che anche con le critiche e l'autocritica necessarie, non vuole tornare al passato.




Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.telesurtv.net/bloggers/Abecedario-para-entender-la-victoria-del-chavismo-en-Venezuela-20180521-0002.html
Publication date of original article: 21/05/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23433

 

Tags: Abya YalaElezioniUSAHugo Chávez Nicolas MaduroRivoluzione bolivarianaSocialismo
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.