TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 21/10/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Teresa Aranguren: Trump e Netanyahu sono due supremazisti
Date of publication at Tlaxcala: 18/05/2018
Original: Teresa Aranguren: Trump y Netanyahu son dos supremacistas

Teresa Aranguren: Trump e Netanyahu sono due supremazisti

José Bautista

Translated by  Alba Canelli

 

Alle 21:00 di lunedì 14 maggio, quando si compie il 70° anniversario della proclamazione dello Stato di Israele, oltre 50 morti palestinesi (tra cui sei minorenni) e 2.400 persone ferite dal fuoco dell'esercito israeliano nel quadro delle proteste contro il trasferimento dell'Ambasciata USA a Gerusalemme da Tel Aviv.

Teresa Aranguren

La decisione di Washington diventa realtà solo un giorno prima che il popolo palestinese ricordi, come ogni 15 maggio, i 70 anni della Nakba ("catastrofe", in arabo), l'esilio forzato di migliaia di palestinesi dopo l'occupazione israeliana del loro territorio. Per questo motivo, abbiamo intervistato via email Teresa Aranguren, giornalista e scrittrice con una vasta e pluripremiata carriera che copre il Medio Oriente e il conflitto di Palestina e Israele e autore della Palestina. Il filo della memoria e di Contro l'oblio.

Si celebra il 70° anniversario della Nakba, perché è importante sottolineare questa data?

Perché la memoria è il mezzo più efficace per smantellare l'errore della propaganda sionista che ha sempre cercato di nascondere il crimine di pulizia etnica portato avanti in Palestina, nei mesi precedenti e successivi alla creazione dello Stato di Israele. Memoria e dati, perché tutto questo è documentato: il numero e i nomi delle oltre 400 località palestinesi distrutte e cancellate dalla mappa, le date e i metodi di ogni attacco e ogni massacro, il numero di espulsi, a giugno 1949 le Nazioni Unite avevano già registrato 940.000 rifugiati dalla Palestina ... Tutto è documentato e anche efficacemente nascosto. 
 
https://images-na.ssl-images-amazon.com/images/I/51c9DioMdVL._SY348_BO1,204,203,200_.jpg

Sulla copertina del libro: Dipendenti del Dipartimento delle dogane di Haifa (1942)

Nel suo libro Contro l'oblio ha mostrato immagini poco conosciute di una Palestina pre-1948. Perché?

Uno degli elementi chiave della propaganda sionista stava presentando la Palestina come un deserto e un territorio vuoto che loro trasformarono in un giardino. È il famoso slogan di "una terra senza popolo per un popolo senza terra" che ancora oggi molti credono. È una grande menzogna che può essere facilmente smantellata, semplicemente ricorrendo a censimenti e registri di proprietà della terra, sia dal periodo ottomano che dal mandato britannico dal 1917 in poi, ma la propaganda a volte è più potente dei fatti e dei dati, ecco perché Sandra Barrilaro ed io - faccio questa precisazione perché il libro non è solo mio - pensiamo al potere della fotografia di smantellare le bugie. Il libro raccoglie centinaia di fotografie dalla fine del XIX al 1948 che mostrano una società viva e diversificata, con contadini, pescatori, mercanti, persone ricche e cosmopolite e lavoratori, li vediamo nella loro vita quotidiana, in una festa di famiglia, in gita ... Sorridendo alla macchina da presa senza nemmeno sapere che tutto il loro mondo sarebbe stato sopraffatto e che persino la loro esistenza sarebbe stata negata, come se non fossero mai esistiti.

Come spiega che la comunità internazionale continua a permettere alla popolazione palestinese della diaspora di continuare a non essere in grado di esercitare il diritto al ritorno, riconosciuto dalle stesse Nazioni Unite?

Perché l'ONU, la cui esistenza difendo pienamente, ha grandi limiti, il principale è che riflette lo squilibrio del potere nel mondo. Israele ha il sostegno incondizionato degli USA, come prima aveva quello della Gran Bretagna, e c'è un chiaro doppio standard quando si tratta di far rispettare le risoluzioni delle Nazioni Unite. Israele non rispetta nessuna delle risoluzioni che si riferiscono alla Palestina, a partire dalla 194, che include il diritto dei rifugiati di tornare alle loro case e di essere risarciti per i beni usurpati, fino all'ultima sull'illegalità di tutti gli insediamenti ebraici nel territorio palestinese occupato dal 1967. Ma non succede nulla. Non una misura di pressione, né una tagliente condanna. C'è una vergognosa complicità delle grandi potenze, specialmente degli USA, nella catastrofe che colpì la Palestina.

L'inaugurazione dell'ambasciata usamericana a Gerusalemme proprio alla vigilia dell'anniversario, a quale scopo?

La decisione di Donald Trump è un attacco non solo ai diritti e alle vite dei palestinesi, ma ai principi del diritto internazionale e delle Nazioni Unite. Il messaggio è: "lo facciamo perché possiamo" e nessuno osa opporsi a noi. Donald Trump e Benjamin Netanyahu sono due supremazisti che confidano nel potere della forza e non vogliono limiti a quel potere. Sono un grande pericolo non solo per il popolo palestinese ma per il mondo.

Questa apertura (dell'ambasciata, N.d.T.) ha causato dozzine di morti palestinesi nelle prime ore, cosa può accadere da ora in poi? In termini generali, in quale situazione si trova il conflitto israelo-palestinese?

La cosa più terribile che accade, e che succede in Palestina da decenni, è che può accadere senza che succeda nulla. Questo non è il primo e sfortunatamente no sarà l'ultimo massacro che l'esercito israeliano compie contro la popolazione palestinese. E temo che, come in precedenti occasioni, la reazione della comunità internazionale, e in particolare dell'Unione europea, non andrà oltre una dichiarazione di tiepida condanna e nessuna misura concreta. Nessuno che mandi un messaggio forte al governo israeliano, facendogli sapere che la sua politica di violazione sistematica dei diritti umani ha ripercussioni, come ad esempio la rottura degli accordi commerciali preferenziali con l'Unione europea, o la chiamata alle consultazioni degli ambasciatori ... l'impunità consente di ripetere e perpetuare il crimine.
 

Tra le immagini preferite da Teresa Aranguren si evidenzia quella di questa ragazza "con una bella treccia che lavora su un telaio" dell'Associazione delle donne arabe della Palestina a Ramalla negli anni '30.

Israele viene presentato come l'unica democrazia nella regione e sventola la bandiera della difesa dei (suoi) diritti e delle libertà attraverso la sua partecipazione a eventi come l'Eurovisione, ecc. Quali sono i suoi principali supporti? In che misura la sua immagine è danneggiata da campagne come il BDS (boicottaggio, disinvestimento, sanzioni)?

La democrazia è un valore universale, vale a dire, si applica a tutti, altrimenti è una falsa democrazia. In Israele ci sono partiti politici, libertà di stampa, di manifestazioni, di riunioni ... Come c'era anche in Sudafrica, ma solo per i cittadini bianchi del Sudafrica. In Israele c'è democrazia per i cittadini ebrei, non per i cittadini arabi (palestinesi che non sono stati espulsi nel '48) che hanno diritti limitati, sono cittadini di seconda o terza categoria e, ad esempio, non possono commemorare la Nakba, perché è un crimine farlo. E infine, c'è la popolazione palestinese dei territori occupati dal 1967, inclusa Gerusalemme Est, sottoposta ad un atroce regime di apartheid in Cisgiordania e un crudele blocco a Gaza.

L'Arabia Saudita, l'Egitto e altri regimi arabi mantengono un discorso antisionista. Tuttavia, agiscono in favore di Israele. Quali alleati rimangono per la Palestina nel mondo arabo e a livello internazionale?

Triste a dirsi, ma la popolazione palestinese non ha veri alleati. Ha il sostegno morale e legale delle risoluzioni delle Nazioni Unite, ma senza forze che costringano a rispettarle. Ha la solidarietà dei popoli arabi ma non quella dei loro governi, alcuni come l'Arabia Saudita o l'attuale governo egiziano sono complici della politica usamericana e israeliana nell'area. E poi c'è l'Europa, che in teoria ha una visione più vicina del dramma palestinese e la necessità di applicare il diritto internazionale nella soluzione del conflitto, ma in pratica non fa nulla. Niente che la differenzia veramente dagli USA. Lo scodinzolare dell'Europa agli USA  sulla questione della Palestina è vergognoso e molto irresponsabile.
 




Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.lamarea.com/2018/05/14/teresa-aranguren-palestina/
Publication date of original article: 14/05/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23411

 

Tags: Donald TrumpBenjamin NetanyahuNakbaGazaOccupazione sionistaApartheidBDSPalestina/Israele
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.