TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 25/09/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 EDITORIALS & OP-EDS 
EDITORIALS & OP-EDS / 70 anni di Nakba, 25567 giorni di sumud
Date of publication at Tlaxcala: 14/05/2018
Original: 70 years of Nakba, 25,567 days of sumud
Translations available: Français  Español 

70 anni di Nakba, 25567 giorni di sumud

TLAXCALA ΤΛΑΞΚΑΛΑ ТЛАКСКАЛА تلاكسكالا 特拉科斯卡拉

 

In questo 15 maggio 2018, i palestinesi commemorano il 70° anniversario della loro Nakba, la catastrofe che è stata per loro la proclamazione dello Stato di Israele.

 

Jorge Alaminos, Tlaxcala

Nel corso dei 25567 giorni da quella sinistra data, le quattro successive generazioni di palestinesi hanno dato prova di una costanza, una determinazione, in una parola, di un sumud - una resilienza che costringe al rispetto. Alcuni per rimanere sulla loro terra, altri per potere tornarci, e tutti con la stessa normale, naturale esigenza di vedere rispettato il loro diritto alla vita e alla terra. Un diritto universale e universalmente rispettato, tranne che per loro, e alcuni altri popoli, anche loro traditi dalla cosiddetta comunità internazionale (Sahrawi e Kashmiri).

I ventenni palestinesi che oggi sfidano l'occupante che li ha rinchiusi a Gaza sono i figli di coloro che hanno fatto la prima Intifada del 1987, i nipoti di coloro che hanno vissuto l'annessione del 1967, i pronipoti di coloro che furono cacciati dai loro villaggi nel 1947-1948.

Ognuna di queste generazioni ha sperimentato tutte le forme di lotta e resistenza immaginabili per un popolo occupato e ha fornito la sua quota di martiri. Nessuna di queste forme di lotta è riuscita. Eppure, non si arrendono, non si piegano e continuano a mobilitare la loro creatività per andare oltre la semplice sopravvivenza quotidiana.

70 anni dopo, i palestinesi sono diventati il popolo-mondo per eccellenza: si trovano dalle pampe argentine, dove sono diventati gauchos, alla Siberia russa, nelle città degli scienziati ereditate dall'URSS. Ma qualunque sia il colore del loro passaporto, la lingua che parlano ogni giorno, mantengono la loro terra nei loro cuori.

La Palestina, un paese che è ovunque e in nessun luogo, è più che mai lo specchio del nostro mondo: saccheggiato, accaparrato, violato nelle sue viscere ma popolato da umani che continuano a combinare il pessimismo della ragione con l'ottimismo della volontà, perseguendo un sogno realistico. Questo sogno, noi lo condivideremo con loro fino al nostro ultimo respiro, ignorando tutti i latrati dei pitbull del pensiero unico e della chutzpah*.

*Chutzpah: parola yiddish entrata nell'inglese e tedesco, significa insolenza, faccia tosta. Si intende facilmente a chi si riferisce.





Courtesy of Tlaxcala
Source: http://tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23375
Publication date of original article: 14/05/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23378

 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.