TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 18/04/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 UNIVERSAL ISSUES 
UNIVERSAL ISSUES / Come gli alberi possono salvare il mondo
Date of publication at Tlaxcala: 28/04/2018
Original: Comment les arbres peuvent sauver le monde

Come gli alberi possono salvare il mondo

Vincent Lucchese

Translated by  Alba Canelli

 

Le terre fertili stanno morendo, la biodiversità sta collassando, il clima si sta scaldando. Ma gli alberi arricchiscono la terra, proteggono la biodiversità e assorbono il carbonio. Integrando gli alberi nelle colture, l'agroforestazione potrebbe addirittura triplicare il reddito dei paesi più poveri. In ogni caso questo è ciò che ci assicura Pierric Jammes, co-fondatore di PUR Projet, impresa sociale che promuove l'agroforestazione nel mondo e premia questo mercoledì, 18 aprile, i vincitori francesi del concorso "Alberi del futuro".

"È tempo di accelerare la democratizzazione dell'agroecologia. L'appello arriva dal direttore generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO), José Graziano da Silva, ed è stata lanciata il 5 aprile alla chiusura del 2° Simposio internazionale di agroecologiaPresente sul posto, il ministro dell'Agricoltura francese Stéphane Travers ha giocato ai bravi scolari promettendo di "moltiplicare per dieci" il numero di aziende agricole impegnate in agroecologia.

Questo entusiasmo anche nelle più alte sfere politiche per un concetto così complesso da definire è un vero segno di speranza per il pianeta. Almeno, se osiamo credere alle sue molte promesse: conservazione del suolo, protezione della biodiversità, lotta contro il riscaldamento globale ... Dove l'agricoltura era la fonte di tutti i problemi nella sua versione intensiva, diventa una soluzione per le virtù dell'agroecologia.

Prendere ispirazione dalla natura

Oltre all'ideale dell'agricoltura biologica (coltivare senza input o prodotti fitosanitari derivati ​​da prodotti petrolchimici), l'agroecologia consente di "progettare sistemi di produzione che si basano sulle funzionalità offerte dagli ecosistemi", si può leggere sul sito web del Ministero dell'Agricoltura. In altre parole, con "la ricerca della complementarità tra le specie", ispirata agli scambi reciprocamente proficui osservati tra piante, animali, funghi e altri esseri viventi, l'agroecologia sfrutta la natura preservandola e "cerca di integrare nella sua pratica tutti i parametri di gestione ecologica dello spazio coltivato, come l'economia e il miglior uso dell'acqua, la lotta contro l'erosione, le siepi, il rimboschimento ...", spiega l'associazione Colibrì.

Questo mercoledì sera, a Parigi, una sotto-branca dell'agroecologia è sotto i riflettori: agroforestazione, che mira a integrare gli alberi nelle colture. Il concorso "Alberi del futuro" premierà per la sua seconda edizione 25 agricoltori impegnati nell'agroforestazione in Francia. E permetterà loro di piantare circa 50.000 alberi. Organizzata da PUR Projet, Fermes d'Avenir, Blue Bees, AccorHotels e CDC Biodiversité, la competizione consente anche ai vincitori di condividere una dotazione di 250.000 euro.

Abbiamo colto l'occasione per discutere con Pierric Jammes, direttore generale e co-fondatore di PUR Projet, un'impresa sociale che supporta le aziende nell'impegno per il clima e la lotta contro la deforestazione. Ci ha raccontato come gli alberi possono proteggere l'ambiente, aumentare il reddito dei piccoli agricoltori e perché è urgente passare al gradino superiore.

Usbek e Rica: cosa rende l'agroforestazione così interessante per le colture?

Pierric Jammes

Pierric Jammes: L'albero consente in primo luogo di sfruttare la verticalità, i diversi strati del suolo. In un campo di grano convenzionale, il raccolto attira ogni anno i suoi nutrienti nei 30 cm superiori del suolo, che diventano più poveri, compensiamo mettendo sempre più fertilizzante e entriamo in un circolo vizioso. In un terreno con un albero, questo agisce come una pompa di nutrienti. Le sue radici li attirano più profondamente, li ridistribuiscono con la decomposizione delle radici, la caduta delle foglie e l'albero arricchisce il terreno creando una lettiera vegetale. La verticalità del terreno può essere ottimizzata con colture che utilizzano sostanze nutritive a diverse profondità: fragole sopra, poi grano e noce più profonde, per esempio. L'albero permette anche di de-compattare il terreno, porta ombreggiature, biodiversità ...

In effetti, gli scienziati avvertono regolarmente del collasso della biodiversità, a livello globale o locale, con ad esempio la perdita in 15 anni di un terzo degli uccelli delle campagne francesi. Evocano l'intensificazione dell'agricoltura come probabile causa del fenomeno. L'agroforestazione può essere una risposta a questo collasso?

Gli alberi sono importanti ospitanti di biodiversità, ospitano batteri, funghi, insetti, uccelli e persino animali più grandi. La biodiversità è particolarmente forte se mescoliamo le specie arboree, perché non si tratta di passare dalle monocolture a una forma di bicultura, ma è necessaria anche la biodiversità dell'habitat.
Questa biodiversità è essenziale per la resilienza dei sistemi agricoli "
L'erosione del suolo è un altro grosso problema. La desertificazione minaccia il 40% delle terre emerse secondo il comitato scientifico francese sulla desertificazione. Anche in questo caso, l'agroforestazione fornisce una risposta?

L'erosione del suolo è assolutamente fenomenale, anche in Francia. Non la vediamo perché ci sono raccolti sopra ma li coltiviamo nel deserto, su terreni aridi, grazie a prodotti chimici. Dozzine di tonnellate di terra scompaiono a causa del vento in Francia. Anche la pioggia e il deflusso superficiale erodono il terreno. In Perù, abbiamo misurato una perdita di quasi 60 tonnellate di terra per ettaro in un anno su suolo nudo!
Gli alberi possono interrompere il vento e la pioggia. L' agroforestazione deve essere considerata su una scala territoriale o di spartiacque. Siepi o file di alberi o aree boschive aiutano a stabilizzare il terreno, sia attorno agli appezzamenti che all'interno.
  "Trasformare tutti i pacchi agricoli in agroforestazione potrebbe essere una soluzione per risolvere il problema del clima."
Conosciamo anche l'effetto purificante degli alberi, molto utile per filtrare l'acqua. Questo è il motivo per cui le file di alberi sono poste lungo i corsi d'acqua per pompare l'eccesso di fertilizzanti, fosfati e nitrati che escono dalla superficie o dal flusso interno di terreno.
C'è anche un bio-accumulo di metalli pesanti possibile sugli alberi, che non sarà necessariamente in grado di degradare, ma che consente almeno di immagazzinare per un lungo periodo. Infine, l'acqua stessa è meglio regolata dall'albero. Viene assorbita, riduce il rischio di inondazioni durante forti piogge e mantiene il terreno più umido durante le stagioni asciutte. A condizione, ovviamente, di piantare un albero adattato all'ecosistema, per ripristinare il giusto equilibrio. Se si pianta un eucalipto nel deserto, pomperà inevitabilmente troppa acqua e squilibrerà l'ambiente.

Ma la sfida non è solo quella di preservare le farfalle e gli uccelli meravigliosi per gli escursionisti. Questa biodiversità è essenziale per la resilienza dei sistemi agricoli. Portare predatori naturali in grado di controllare alcuni parassiti che altrimenti farebbero un sacco di danni in monocoltura. La biodiversità porta anche altri parassiti, ma in una foresta non c'è una grande malattia perché c'è un perfetto equilibrio tra tutte le specie. Non possiamo trovare questo equilibrio in agricoltura, ma possiamo provare ad avvicinarci ad esso.

Secondo il programma internazionale "4 pour 1000", aumentare le scorte di materia organica del suolo dello 0,4% sarebbe sufficiente a compensare tutte le emissioni mondiali di gas serra. L'agroforestazione può svolgere un ruolo in questo obiettivo?

Gli alberi fissano il carbonio nelle loro radici, i loro rami e la lettiera vegetale che creano. Potrebbe essere una soluzione sufficiente per risolvere il problema del clima se trasformassimo tutti i terreni agricoli in agroforestazione ...
Una appezzamento di grano convenzionale immagazzina da 20 a 30 tonnellate di carbonio per ettaro. In agroforestazione, fino a 100 tonnellate per ettaro. Più il reinserimento del carbonio nel suolo che è più difficile da quantificare, ma stimato intorno al 30-40% in più. L'impatto può essere davvero enorme.
"Un albero costa tra 2 e 6 euro e genererà fino a 16 euro di ecosistema e servizi sociali all'anno"
A sentire Lei, l'agroforestazione ha solo vantaggi ... Manca ad essa un incentivo economico per essere più praticata? Maxime de Rostolan ci ha spiegato come difendere il "triplo capitale" generato dall'agricoltura: finanziario, umano e naturale.

Abbiamo fatto un lavoro di valutazione compilando centinaia di pubblicazioni. Un albero costa tra 2 e 6 euro per essere piantato e mantenuto, e genererà fino a 16 euro di ecosistema e servizi sociali all'anno. Questo non è il caso ovunque, ovviamente. Ma il problema è che oggi non conosciamo il valore di questi servizi resi.
 
Nessuno è disposto a remunerare gli agricoltori per il loro ruolo nella gestione degli ecosistemi. L'unica cosa che possiamo monetizzare oggi è il carbonio. Ma questo rappresenta solo 50 centesimi sui 16 euro di servizi resi. Il valore dell'ecosistema dell'albero è completamente sottovalutato. Forniscono un ritorno sull'investimento del 67%, certamente condiviso tra l'agricoltore, la sua famiglia, i cittadini ... ma pochi prodotti oggi possono mostrare un tasso simile.

In attesa di un'inversione della logica della remunerazione, l'agroforestazione può generare reddito agricolo sufficiente a incoraggiare gli agricoltori a muoversi verso la transizione?

È stato misurato un raddoppio o addirittura una triplicazione delle entrate quando gli alberi e il loro valore sono stati integrati nell'attività. Non vi è ovviamente una triplicazione delle entrate in Francia, ma per i 3 milioni di piccoli produttori nel mondo, i benefici sono numerosi.
La coltura è più produttiva in agroforestazione per i motivi già citati. L'albero stesso è anche una fonte di reddito o dai frutti che produce o dallo sfruttamento del legno, specialmente in ambienti tropicali dove gli alberi crescono più velocemente. Diversificando le sue fonti di reddito, un produttore è più resiliente e meno soggetto alle fluttuazioni dei prezzi di mercato. E infine, ci sono molti costi evitati rimuovendo fertilizzanti e prodotti fitosanitari il cui uso spinge ad aumentare le dosi nel tempo e crea meccanismi di indebitamento.
"Il contadino deve essere interessato, amare il suo albero, integrarlo nel suo disegno, altrimenti non funziona"

Hai menzionato i meccanismi di incentivazione del carbonio. PUR Projet supervisiona i progetti REDD + (Riduzione delle emissioni da deforestazione e degrado forestale) che conferiscono alle foreste un valore finanziario sotto forma di crediti di carbonio, in nome del loro potenziale di cattura del carbonio, per incoraggiare la conservazione e combattere la deforestazione. Diverse ONG tra cui Amici della Terra denunciano questa possibilità per le imprese di acquistare un "diritto ad inquinare" e allertano sugli effetti negativi di un meccanismo che espropria le popolazioni locali e le priva delle risorse forestali. Monetizzare la natura per salvarla e sottoporla al gioco del mercato e alla speculazione non è forse controproducente?

Si può fare l'osservazione che il mercato non funziona e scegliere di fare la rivoluzione, sia accompagnare la transizione nel quadro esistente, nel miglior modo possibile. Non siamo particolarmente favorevoli ai fondi di investimento che generano miliardi di dollari con cose completamente disconnesse dal mondo reale. Ma se possono farlo promuovendo sistemi sostenibili e rispettosi della natura e dell'uomo, è sempre meglio di niente.
 

Pompa di nutrimento, aerazione del suolo, protezione della biodiversità, limitazione dell'erosione del suolo ... Gli alberi intorno ai campi offrono molti vantaggi. (cc) John Westrock / flickr.


Lavoriamo sempre direttamente con gli agricoltori, non passiamo attraverso i governi. La nostra filosofia è di partire sempre dalle pratiche partecipative, dalle esigenze degli agricoltori, non da un esterno che dirà dove conservare il carbonio a loro posto. Per l'agroforestazione, l'agricoltore deve essere interessato, amare il suo albero, integrarlo nel suo disegno, altrimenti non funziona.

Qual è il più grande freno secondo voi, in questa transizione del modello che state promuovendo?

In Francia e in Europa, sono passati decenni da quando gli alberi erano considerati ostacoli per il passaggio della mietitrebbia. Anche in Turchia, i contadini molto poveri sono infarinati dal discorso dell'agricoltura convenzionale. Dobbiamo lavorare su istruzione, formazione, consapevolezza, ma è una diffusione di buone pratiche che richiede tempo.
"Le tasse e i sussidi sono il modo migliore per andare veloci"
Questo è molto più facile da promuovere nei paesi poveri o tropicali dove gli agricoltori sono più vicini alla natura e sono stati convertiti più recentemente al convenzionale: hanno ancora ricordi dei genitori che si godono i benefici degli alberi. In Colombia, gli agricoltori possono vedere immediatamente quando una siccità risparmia la terra con gli alberi.

Dice che la consapevolezza richiede tempo, ma le sfide ambientali sono urgenti. Come passare al gradino superiore rapidamente?

Ciò non è ovvio di fronte all'ampiezza delle terre degradate e della pressione delle lobby petrolchimiche, che ovunque promuovono fortemente l'uso di prodotti fitosanitari. Tasse e sussidi sono il modo migliore per andare veloci. Questi sussidi esistono: oggi ci sono miliardi di euro che sovvenzionano il modello convenzionale, soprattutto per l'acquisto di macchinari. E chi mantiene un sistema che genera debito.

Crediamo nel valore dell'esempio. Quando funziona davvero sul terreno, le pratiche sono la macchia d'olio, specialmente nei paesi in via di sviluppo dove le persone parlano di più, scambiano e dove le colture crescono più velocemente. Cambiare le coscienze è più lunga e difficile in Europa. Le famiglie hanno spesso investito massicciamente in un sistema di produzione che non possono cambiare da un giorno all'altro. Ma funziona comunque, soprattutto se preferiamo le dinamiche di gruppo, le reti, le cooperative. Tutto ciò dà visibilità, di cui l'agroforestazione ha davvero bisogno.




Courtesy of Tlaxcala
Source: https://usbeketrica.com/article/comment-les-arbres-peuvent-sauver-le-monde
Publication date of original article: 18/04/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23278

 

Tags: AmbienteAgroforestazioneBiodiversitàAgricolturaFAOEcologia
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.