TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 11/04/2021 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 EUROPE 
EUROPE / La repressione dello Stato e il crimine immaginario della ribellione catalana
Date of publication at Tlaxcala: 21/04/2018
Original: La represión del Estado y el delito imaginario de la rebelión catalana

La repressione dello Stato e il crimine immaginario della ribellione catalana

Daniel Raventós
Miguel Salas


Translated by  Alba Canelli

 

Politici catalani imprigionati e altri esuli in Svizzera, Germania, Belgio e Scozia. Tutti eletti alle urne dalla legislazione sovrana. Senza aver praticato alcuna violenza. Di diverso pensiero politico: di destra, di sinistra e di estrema sinistra. Con una cosa in comune: il loro accordo con il diritto del popolo catalano di decidere quali relazioni vogliono mantenere con gli altri popoli e le nazioni del mondo. In vista degli eventi, coloro che hanno preferito l'esilio a causa della grande internazionalizzazione della situazione catalana, che a sua volta ha evidenziato l'attuale giustizia spagnola, ereditata dal regime di Franco ("La Procura della Repubblica, il Tribunale Nazionale e il Tribunale Supremo non si comportano come gli organi di amministrazione della giustizia di uno stato di diritto sociale e democratico, ma come quelli che erano nel Regime delle Leggi Fondamentali"), un aspetto non unico di ciò che significa il regime della restaurazione borbonica - o del 78 - ma oltre la declamazione.

La decisione del tribunale dello Schleswig-Holstein di rilasciare Carles Puigdemont e respingere l'accusa del reato di ribellione rappresenta un colpo diretto a tutti gli argomenti giudiziari e repressivi del sistema giudiziario spagnolo. Il castello di carte montato sulla presunta violenza della ribellione catalana è stato abbattuto dalla corte tedesca. Il governo Rajoy subisce un'altra grave battuta d'arresto nella sua politica repressiva, la giustizia spagnola è in discussione e il fango copre l'intera campagna mediatica dei sostenitori dell'art. 155. Delle diverse risposte cavernose la copertina della ABC del 6 aprile è una delle più rappresentative: "La giustizia europea dà aria al golpismo". In altre parole, ora quelli che avrebbero presumibilmente difeso il presunto colpo di stato catalano erano le corti europee che vogliono solo screditare la "Spagna" e, aggiungono, il fantastico governo presieduto da Rajoy, il "nostro" sovrano Felipe e la magistratura che ha imprigionato i leader catalani. Qualche giorno prima, quella stessa campagna mediatica ha celebrato, con un odio vendicativo evidente a chiunque la cui percezione cognitiva non fosse seriamente deteriorata, che la polizia tedesca aveva arrestato Puigdemont e già offriva la prospettiva di averlo presto nelle carceri spagnole.

Queste cose accadono quando le decisioni vendicative delle alte corti spagnole si confrontano con i regolamenti giudiziari europei. Non si tratta di ingigantire "la giustizia europea", ma di confrontarla con un'altra tremendamente screditata. È come riflettere sul livello democratico dello Stato spagnolo. Recentemente, un veterano costituzionalista spagnolo ha scritto:
"Il reato di ribellione che il Giudice Esaminante vede nel comportamento degli ex membri del Governo dell'Ufficio del Parlamento o in quello dei presidenti dell'ANC e di Òmnium, non è visto da alcun giudice europeo. E non lo vede, perché non esiste, come hanno già affermato più di cento professori di diritto penale delle università spagnole. Il crimine di ribellione delle macchine e del mandato di cattura europeo del giudice Pablo Llarena è un crimine immaginario, cioè un crimine che esiste solo nell'immaginazione del giudice".
Per ora, gli unici "successi" raggiunti dal governo spagnolo sono stati quelli di attuare l'art. 155, sospendere l'autonomia catalana e imprigionare o forzare all'esilio alcuni dei capi più visibili del diritto all'autodeterminazione. A livello internazionale, l'incapacità di presentare alcuni capi della lotta per l'autodeterminazione catalana come ribelli violenti è fallita miseramente. Il giudice Llarena ha dovuto ritirare un primo euromandato quando è stato informato che la giustizia belga non accetterebbe l'estradizione degli esuli in quel paese. La Commissione delle Nazioni Unite per i diritti umani ha chiesto che vengano riconosciuti i diritti politici di Jordi Sánchez, a cui non è stato permesso di partecipare alle sessioni parlamentari. Una raccomandazione di questo tipo non è discutibile, anche se la giustizia spagnola continua a non accettarla con la scusa di avere 6 mesi per soddisfarla. 

Al secondo euromandato, il Belgio ha risposto rilasciando tre consiglieri esuli della Generalitat. Sembra che la giustizia scozzese possa rispondere nello stesso senso della consigliera Clara Ponsatí. Questo mandato di arresto riguardava anche l'estradizione di Marta Rovira, dirigente dell'ERC esiliata in Svizzera. Questo paese ha risposto che non estrada le persone per motivi politici. Per provare a fare pressioni, la polizia spagnola ha arrestato Hervé Falciani, impiegato della banca che ha scoperto l'evasione fiscale nascosta in Svizzera, recuperando un mandato di arresto di un anno fa. Il grossolano tentativo (il tribunale nazionale aveva già respinto la sua estradizione) è stato risolto con le dichiarazioni dei rappresentanti svizzeri secondo i quali Falciani non sarebbe stata una moneta di scambio. In breve, una tattica giudiziaria che non trova eco nella legislazione europea. Forse l'eredità franchista è un fattore da prendere in considerazione nella spiegazione.

In un precedente articolo abbiamo detto che ciò andrà per le lunghe. Quindi dobbiamo prenderlo come se avessimo vinto un assalto di un lungo combattimento la cui fine è incerta, è tutto da decidere e non dipende solo dagli aspetti giudiziari, ma ci sono e ci saranno altri elementi che determineranno il risultato, la capacità di risposta e di protesta della società catalana e spagnola, l'evoluzione politica nello stato spagnolo e delle sue ripercussioni in Europa.

Il Regno di Spagna e la sua giustizia dipendente dal potere esecutivo contrattaccherà, cercheranno nuovi argomenti legali, imporranno interpretazioni legali, ecc. perché tutte le parti del regime del '78 (PP, PSOE e l'erede C) sono determinate a schiacciare la ribellione catalana. Questo non è né nuovo né dovrebbe stupire nessuno. È una costante che deve essere presa in considerazione in modo permanente. Dopo il referendum del 1 ottobre, gli scioperi e le dimostrazioni del 3 ottobre, si sono resi conto che il processo di autodeterminazione, anche con i suoi numerosi problemi, vacillazioni ed errori, era serio, che la repubblica era possibile, e tutti i poteri dello Stato, a cominciare dal Re, hanno preso nota. È conveniente che, dall'altra parte, si sia anche molto consapevoli.

Da dove viene la violenza?

Chi ha definito il contenuto della campagna mediatica contro la ribellione catalana è stata l'accusa dei giudici da cui si è sviluppato un processo violento che si è materializzato nei crimini di sedizione e ribellione. La questione fondamentale è, senza dubbio, cercare di screditare la mobilitazione massiccia e pacifica sviluppata durante questi anni. È una vecchia manovra provata non sempre con successo in diversi momenti storici.

C'è anche un altro elemento importante. Lo Stato ritiene di avere l'unica legittimità sulla violenza e partendo da lì sembra normale la repressione del 1 ottobre, o le centinaia di persone processate per aver partecipato ad atti di protesta. Questo regime ha anche dimostrato che accuserà di violenza coloro che semplicemente combattono per difendere e chiedere diritti. Con la paura vogliono smobilitare, con la smobilitazione vogliono imporre la punizione a coloro che hanno osato chiedere la cosa più incompatibile con il regime del '78: il diritto all'autodeterminazione. O è necessario ricordare l'intervista del padre dell'attuale re spagnolo Borbone ad una stazione televisiva francese?: 
"Giorni prima che morisse, Franco mi prese la mano e disse: Altezza, l'unica cosa che chiedo è che preservi l'unità della Spagna. Non mi ha detto 'fai una cosa o l'altra', no: l'unità della Spagna, il resto ... Se ci pensi, significa molte cose".
Il "a por ellos" (a loro) è ora concretizzato, tra l'altro, con "a por los CDR". I CDR (Comitati di Difesa della Repubblica) sono unitari e aperti a coloro che vogliono partecipare alle organizzazioni emerse attorno alla preparazione del referendum del 1 ottobre e che sono state sviluppate dopo il tentativo fallito di proclamare la Repubblica catalana il 27 ottobre. Sono organizzazioni diffuse in tutta la Catalogna, molto attive nell'organizzare azioni per chiedere il rilascio di prigionieri, ma discutono e riflettono anche sui problemi costitutivi di una futura repubblica.

Il blocco di alcune strade, il sollevamento di alcuni caselli autostradali e alcune cariche dei Mossos sono serviti a rilanciare la campagna mediatica accusando il CDR di organizzare un nuovo kale borroka (*). Ben lontano dalla realtà. Le azioni dei CDR sono generalmente massicce, convocate pubblicamente e di resistenza passiva, quando ci sono incidenti di solito sono causati dall'intervento della polizia, per quella realtà per cui chi ha la legittimità della violenza è lo Stato e le sue forze di sicurezza. È qui che si trova l'origine della violenza. Proprio come la corte tedesca ha respinto l'accusa di ribellione contro Puigdemont, tra l'altro a causa dell'assenza di violenza nella ribellione catalana, sarà necessario smantellare le campagne mediatiche che cercano di identificare le azioni per la libertà dei prigionieri con il kale borroka
I CDR lo hanno detto molto chiaramente: usiamo metodi tradizionali come quelli degli scioperi dei lavoratori, ma la nostra lotta non è violenta.

Quale governo

Più di tre mesi sono trascorsi dalle elezioni e il Parlamento non ha eletto un presidente per il governo della Catalogna. Non c'è dubbio che la principale responsabilità è nelle mani dei giudici che hanno impedito a Puigdemont di essere eletto, né lo hanno permesso a Jordi Sánchez, e Jordi Turull, imprigionato per evitare la sua possibile elezione. La massima dei sostenitori di Rajoy e dell'art.155 è che dovrebbero scegliere un presidente che piacesse a loro.

Durante questi mesi è stato possibile verificare l'inefficienza politica e la volontà ultranazionalista spagnola dei cittadini e del loro leader Inés Arrimadas. Erano la prima forza dei voti, ma senza un sufficiente sostegno sociale e parlamentare per convertirli in un governo non sono stati in grado di generare alcuna idea o proposta per uscire dalla situazione. È evidente che la demagogia è migliore di un programma governativo o di proposte politiche. La sua unica "politica" consiste nel fatto che tutto è colpa del movimento indipendentista e dell'illegalità permanente che implica il diritto all'autodeterminazione.

Dalla Catalogna di Comú è stato proposto un governo trasversale di indipendenti presieduto da qualcuno progressista. La proposta di Xavier Domènech mira a recuperare le istituzioni, abrogare il 155, rilasciare prigionieri politici e stabilire urgenti misure sociali. Al momento non sembra aver avuto molta eco, dal momento che quella proposta afferma che il presidente non potrebbe essere Junts per Catalunya (la seconda forza politica nel Parlamento e prima indipendentista) e dovrebbe includere i socialisti, che continuano a sostenere il 155 e accettare la repressione contro gli imprigionati e gli esiliati. Una quadratura del cerchio difficile da raggiungere o un vero spettacolo di impotenza quando si vuole nuotare tra due acque molto potenti: quella della repressione del regime del '78 e quella della volontà di rompere e affrontare questo regime. Con fatti, non dichiarazioni.

È una proposta che continua a porre il dibattito solo come un problema di sinistra o di destra, senza dare abbastanza importanza alla situazione di emergenza democratica e al peso delle richieste nazionali sulla popolazione nel suo complesso. Come se le questioni sociali fossero da una parte e le questioni nazionali dall'altra.

Tuttavia, nonostante tutti gli impedimenti imposti dai giudici, la maggioranza parlamentare indipendentista non raggiunge un consenso sufficiente per formare un governo e, inoltre, non riesce nemmeno a definire il contenuto del suo programma governativo. Il risultato è una paralisi politica che dura e che, anche se nessuno sembra volerlo, potrebbe concludersi con una nuova elezione nel mese di luglio.

Sono in corso numerosi dibattiti. Uno è se sia sufficiente recuperare le istituzioni catalane, con il dubbio che sia possibile tornare alla situazione prima del 155, o che il governo dovrebbe essere nella costruzione della Repubblica, senza sapere molto bene in cosa consisterebbe concretamente. L'altro dibattito è quello delle politiche sociali del governo. Tra le forze indipendentiste coesistono le posizioni neoliberali di persone provenienti dalla vecchia Convergenza e le posizioni anticapitaliste del CUP. Una coesistenza difficile. Da Junts per Catalunya e da ERC non si vede quali politiche sociali ed economiche promuoverebbero, tuttavia questa settimana hanno deciso di ritirare dall'approvazione parlamentare il recupero di una parte della paga extra dovuta ai dipendenti pubblici. Cattiva decisione se si tratta di espandere la base sociale per esercitare il diritto all'autodeterminazione.

È vero: la situazione complessa non ha una via d'uscita facile. Richiederebbe una maggioranza la più ampia possibile per rispondere alle richieste sollevate l'1 e il 3 ottobre, avanzare verso la repubblica con misure sociali di urgenza. Un'uscita in chiave repubblicana, con le mediazioni e il supporto sociale necessario rappresenta la possibilità di lasciare la paralisi. L'opposto è la continuità, in un modo o nell'altro, del 155 o di un'autonomia intervenuta Non si tratta di opporre le misure sociali a quelle nazionali. Lo abbiamo scritto in più di un'occasione:
"Un grave errore è quello contrapporre "il sociale" al "nazionale", per dirla in poche parole. Come se le classi popolari dovessero tenere conto solo degli aspetti che a volte sono associati allegramente solo alla politica sociale: salari, salute, istruzione, protezione sociale ... Il "nazionale" sarebbe un problema che "depista" la cosa principale o unica che dovrebbe preoccupare le classi popolari, il sociale. Come se ci fossero spazi sociali che nel capitalismo contemporaneo sfuggissero alla lotta di classe. L'indifferenza, l'incomprensione o, peggio ancora, l'ostilità verso le richieste democratiche di autodeterminazione nazionale si trasforma in sostegno diretto, indiretto, esplicito o implicito alle classi dominanti della nazione dominante".

Il 15 aprile

Per il giorno successivo all'ottantacinquesimo anniversario della Seconda Repubblica, a Barcellona è stata organizzata una manifestazione organizzata dall'entità Democràcia i Convivència , che ha riunito sindacati dei lavoratori, ANC e Omnium e numerose associazioni, partiti ed entità [1]. È un appello ampio e trasversale allo scopo di chiedere il rilascio dei prigionieri politici. Sarà l'occasione per dimostrare il sentimento maggioritario di protesta contro la politica repressiva dello Stato spagnolo e calibrare le possibilità di confluenza di diverse sensibilità e posizioni politiche che permettano di unire le forze per uscire dall'attuale blocco, iniziando dalla liberazione dei prigionieri e abrogando il 155. Alcune richieste che iniziano ad avere una certa eco di solidarietà in altre parti dello Stato. Alle già massicce manifestazioni nei Paesi Baschi o in Galizia vanno aggiunte le meritevoli dimostrazioni a Madrid lo scorso 7 aprile, e la solidarietà di quelli che in Murcia subiscono la repressione nella loro lotta contro l'AVE.
 
Note
[1] Il gruppo propulsivo dell'Espai Democràcia i Convivència è formato dalle seguenti entità e organizzazioni: Associazione degli attori e direttori professionisti della Catalogna (AADPC), Assemblea Nazionale Catalana (ANC), Consiglio nazionale del gioventù della Catalogna (CNJC), CCOO de Catalunya, Confederación d'Associacion Veïnals de Catalunya (CONFAVC), Lafede.cat-Organizzazione per la giustizia globale, Òmnium Cultural, Unió de Federacions Esportives de Catalunya (UFEC), Unió de Pagesos e UGT de Catalunya.

N.d.T:

(*) kale borroka: violenza di strada; vandalismo perpetrato in clima di guerriglia urbana, originario dei Paesi Baschi. 





Courtesy of Tlaxcala
Source: http://www.sinpermiso.info/textos/la-represion-del-estado-y-el-delito-imaginario-de-la-rebelion-catalana
Publication date of original article: 08/04/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23214

 

Tags: SpagnaCatalognaAutodeterminazioneGiustiziaPrigionieri politici
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.