TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 18/07/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Massacro alla frontiera di Gaza:
"Non resteremo in silenzio, mettiamo fine all’impunità israeliana”
Date of publication at Tlaxcala: 04/04/2018
Original: Massacre at Gaza’s Borders:
We Will Not Be Silent – End Israeli Impunity

Translations available: Español 

Massacro alla frontiera di Gaza:
"Non resteremo in silenzio, mettiamo fine all’impunità israeliana”

Freedom Flotilla Coalition

Translated by  Daniela Trollio

 

Nel Giorno della Terra, il 30 marzo, migliaia di donne, uomini e bambini palestinesi pacifici, speranzosi e disarmati si sono riuniti sulle frontiere di Gaza per la Grande Marcia del Ritorno. I rapporti iniziali indicano che almeno 16 palestinesi sono stati assassinati e più di 1.400 persone ferite a seguito degli spari delle Forze di Occupazione israeliane contro la folla, con munizioni vere e gas lacrimogeni.

Questa azione pacifica, non diretta dai partiti, si celebra ogni anno il 30 marzo per ricordare un’ingiustizia che i palestinesi sperimentano tutti i giorni: la perdita delle loro terre per l’occupazione coloniale illegale. Seguendo la tradizione di Gandhi e di Martin Luther King la popolazione palestinese manifestava in forma non violenta sulla sua terra, nel tentativo di correggere una grave ingiustizia: si sono scontrati con gli spari dei francotiratori.
 
Nella Risoluzione 194 (del 1949) dell’ONU, L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite esprimeva chiaramente che “i rifugiati che desiderino ritornare alle loro case e vivere in pace con i loro vicini dovrebbero poterlo fare nella data più vicina possibile” ( https://www.unrwa.org/content/resolution-194).
 
La società civile palestinese intende continuare le sue azioni pacifiche tutti i giorni, fino al 15 maggio, giorno in cui i palestinesi commemorano la Nakba (Catastrofe) e giorno in cui il governo USA ha deciso di traslocare la sua ambasciata ad al-Quds/Gerusalemme.
 
La Coalizione della Flottiglia della Libertà (Freedom Flotilla Coalition), composta da organizzazioni della società civile di 14 paesi, tra le quali “Verso Gaza”, condanna il massacro del governo israeliano contro il popolo palestinese che esercitava il suo legittimo diritto di protestare contro l’occupazione illegale ed il diritto universale alla libertà di movimento.
 
Una volta ancora le Forze di Occupazione Israeliane (IOF) hanno dimostrato il loro disprezzo per la vita umana: non si deve permettere loro di farlo impunemente. I responsabili di questi crimini di guerra devono essere portati davanti alla giustizia.
 
E’ importante dare un nome a coloro che sono stati assassinati venerdì dalle Forze di Occupazione israeliane. Non sono “caduti” anonimi, sono giovani con familiari e amici, persone che avevano un futuro ma che l’hanno messo a rischio per la Palestina e per la libertà di movimento:
 
Naji Abu Hajir – 25 anni
 
Mohammed Kamal Al-Najjar
 
Wahid Nasrallah Abu Samour – 27 anni
 
Amin Mansour Abu Muammar
 
Mohammed Naeem Abu Amr
 
Ahmed Ibrahim Ashour Odeh – 16 anni
 
Jihad Ahmed Fraina
 
Mahmoud Saadi Rahmi
 
Abdel Fattah Abdel Nabi – 18 anni
 
Ibrahim Salah Abu Shaar – 22 anni
 
Abd al-Qader Marhi al-Hawajri - 25 anni
 
Sari Walid Abu Odeh
 
Hamdan Ismail Abu Amsha
 
Jihad Zuhair Abu Jamous – 30 anni
 
Bader al-Sabbagh – 22 anni
 
Mus' ab Zuhair Essaloul – 23 anni
 
La Coalizione della Flottiglia della Libertà continuerà a navigare finché dureranno l’occupazione e il blocco, chiedendo ai governi di non essere complici di queste violazioni dei diritti umani.

 





Courtesy of CIP
Source: https://freedomflotilla.org/coalition-statements/massacre-gaza-border-end-israeli-impunity/
Publication date of original article: 02/04/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23140

 

Tags: GazaOccupazione sionistaUNRWAONUMassacroPalestina/Israele
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.