TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 13/08/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 UNIVERSAL ISSUES 
UNIVERSAL ISSUES / Il secolo del controllo delle masse
Date of publication at Tlaxcala: 27/02/2018
Original: El siglo del control de las masas

Il secolo del controllo delle masse

Raúl Zibechi

Translated by  Alba Canelli

 

Poiché i settori popolari hanno traboccato i centri di reclusione e quindi neutralizzato le società disciplinari, il grande disordine sociale che ne è derivato ha spinto la ricerca di nuove forme per controllare grandi agglomerati umani al fine di recuperare la capacità di governarli. Senza di esso, qualsiasi sistema, e in particolare questo basato sullo sfruttamento e l'oppressione, sarebbe naufragato in un caos profondo.

Dagli anni che seguirono lo scoppio del 1968, questa ricerca è stata incessante. L'obiettivo è sostituire l'obsoleto panopticon*: uno strumento in grado di controllare le folle con la stessa efficienza del controllo individuale. Le tecnologie che sono state sviluppate negli ultimi anni, in particolare l'intelligenza artificiale, vanno in quella direzione. Non appaiono nuove tecnologie che facilitano il controllo: vengono sviluppate come priorità quelle che sono più adatte per il controllo di grandi masse. I risultati sono sconvolgenti e dobbiamo conoscerli per acquisire le capacità necessarie per neutralizzare questi dispositivi.
 

Un ufficiale di polizia a Zhengzhou che indossa occhiali con tecnologia di riconoscimento facciale. AFP

La polizia dei principali paesi, Cina, Stati Uniti, Russia e Unione Europea, ha adottato tecnologie moderne per controllare meglio i propri cittadini. Giorni fa i media hanno diffuso il modo in cui la polizia cinese controlla le folle nelle stazioni ferroviarie, utilizzando occhiali dotati di piccole telecamere per il riconoscimento facciale, collegate al database della polizia che consente loro di identificare le persone in pochi secondi.

Stiamo parlando di grandi concentrazioni umane, che implicano l'uso di tecnologie molto precise e, inoltre, la creazione di un database che raggiunge 1,4 milliardo di persone, cioè l'intera popolazione della nazione più popolata del pianeta. La Cina ha già installato 176 milioni di telecamere di sicurezza, che entro il 2020 saranno 400 milioni. Nelle regioni più conflittuali, i database della polizia includono la scansione dell'iride, del DNA e delle foto dei volti, rafforzando l'assedio ai dissidenti.



Nei paesi occidentali puoi già scattare una foto di un vicino seduto sull'autobus, e in pochi secondi conoscere la sua identità. Se ciò può essere fatto dagli utenti dell'iPhoneX, possiamo immaginare i livelli di sofisticazione raggiunti dai servizi di sicurezza dello stato.

Un aspetto che merita una riflessione è quello proposto dal Centro di Diritto alla Privacy e Tecnologia di Georgetown. Álvaro Bedoya, il suo direttore, riflette: I database di DNA e le impronte digitali erano costituiti da persone con precedenti penali. Ora si sta creando un database biometrico di persone che rispettano la legge.

I dati precedenti mostrano l'incredibile progresso dello Stato nel controllare le persone, ma anche le grandi aziende che hanno sistemi simili per facilitare le relazioni con i loro clienti. Il risultato è che siamo osservati all'aperto (in precedenza, si poteva vigilare solo in spazi chiusi), sempre e in tutti i luoghi, come mai prima nella storia dell'umanità. Fa parte della concentrazione brutale di potere e ricchezza negli stati, che sono controllati dall'1% più ricco.

È evidente che questo sviluppo - prodotto della neutralizzazione e traboccamento dei centri di confinamento e disciplina, qualcosa che non dobbiamo dimenticare - influenza i modi e i mezzi per resistere e combattere il sistema. Nella storia, a ogni tipo di oppressione è stata data una risposta con nuove strategie. Penso che sia necessario trarre alcune riflessioni per il futuro.

La prima è che siamo solo all'inizio di forme sempre più meticolose di controllo della popolazione. Si inaugura una nuova era di controllo di massa, strutturale, non congiunturale, che durerà finché non saranno i settori popolari a sopraffarla o a neutralizzarla. Il compito principale in questo momento è identificarli.

La seconda è che dobbiamo imparare dal passato, in particolare dalle lotte contro i centri di isolamento, in particolare le fabbriche e le scuole, che erano le aree di disciplina più popolate e, quindi, le più conflittuali. A rigor di termini, non era una lotta per appropriarsi del centro di comando, il panopticon, ma per distruggerlo o schivarlo, nei modi più insoliti ma sempre basato sulla cultura popolare: lavorare con riluttanza, usare l'uscita ai bagni come un tempo di perdita, rubare secondi e minuti al timer di produttività e così via.

Non era una resistenza organizzata dai sindacati o da partiti, e questo è fondamentale. Sono stati gli stessi lavoratori, gli internati dei centri di studio e gli studenti, che hanno vinto millimetri in ogni competizione, qualcosa che i leader raramente capivano ma mai orientarono. Queste culture per sopravvivere alle oppressioni, come James Scott in The Dominated and The Art of Resistance (I dominati e l'arte della resistenza), sono poco apprezzate e fraintesi da coloro che puntano tutto sulla struttura istituzionale, tanto vuota quanto inconcludente.

La terza domanda è: i modi più diversi di resistere all'intelligenza artificiale applicata al controllo di massa delle popolazioni avranno una caratteristica comune, il controllo sui corpi ci sta dicendo che questi corpi sono e saranno i campi di battaglia. Non respingo le analisi, né le ideologie. Ma i corpi sono il nucleo dell'emancipazione; pertanto, gioie e dolori, celebrazioni e angosce, ribellioni modello, come ci insegnano i popoli indiani e le femministe dal basso.

Potrebbe sembrare poco concreto. Lo è, senza dubbio. Non si tratta di studiare per definire una strategia, ma di iniziare azioni piccole e medie, per neutralizzare il controllo. Infine, la creatività umana, che è la chiave della nostra sopravvivenza come specie, è un'avventura senza certezze, con una fine imprevedibile. Possiamo contare solo sulla nostra forza collettiva e sulla caparbia tenacia della vita.

IE Business School lancia WOW Room, un'aula virtuale unica in Europa con schermo gigante e riconoscimento facciale delle emozioni dello studente

Nota

* Il Panopticon è un tipo di edificio istituzionale e un sistema di controllo progettato dal filosofo inglese e teorico sociale Jeremy Bentham nel tardo XVIII secolo. Lo schema del progetto è quello di consentire a tutti i detenuti di un'istituzione di essere osservati da un singolo guardiano senza che i detenuti siano in grado di dire se siano stati osservati o meno. Sebbene sia fisicamente impossibile per il singolo guardiano osservare contemporaneamente tutte le celle dei detenuti, il fatto che i detenuti non possano sapere quando vengono osservati significa che sono motivati a comportarsi come se fossero osservati in ogni momento. Questo schema costringe efficacemente i detenuti a controllare costantemente il proprio comportamento.





Courtesy of Tlaxcala
Source: http://www.jornada.unam.mx/2018/02/16/opinion/019a1pol
Publication date of original article: 16/02/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=22826

 

Tags: Controllo delle masseSorveglianzaRiconoscimento faccialePrivacyCinaBiometria
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.