TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 17/11/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ABYA YALA 
ABYA YALA / Colombia: La strategia della paura, il nuovo genocidio e la difesa del potere
Date of publication at Tlaxcala: 02/02/2018
Original: Colombia: la estrategia del miedo, el nuevo genocidio y la defensa del poder
Translations available: Français 

Colombia: La strategia della paura, il nuovo genocidio e la difesa del potere

Oto Higuita

Translated by  Alba Canelli

 

La Colombia è uno dei paesi più violenti e agitati della regione e sta vivendo una delle peggiori crisi politiche, economiche e sociali. Combina una crisi dello stato e delle sue istituzioni con una crisi politica di tale portata che, se ci fosse un vero scenario di cambiamento, lo sforzo per invertire ciò che è in atto non dovrebbe nemmeno essere eccezionale. Basterebbe un ampio movimento cittadino consapevole delle gravi crisi e dei problemi e pronto a lottare per cambiare.

Ma non dobbiamo dimenticare che non siamo più ai tempi della rivoluzione bolscevica, cubana o bolivariana. Potrebbero essere tempi peggiori, ma dove manca lo spirito rivoluzionario, e questa realtà facilita la strategia della paura, il nuovo genocidio in atto contro i leader sociali e dell'opposizione e la conservazione del potere. Ciò sicuramente prefigura l'imminente fallimento degli accordi di pace.
 

"Se li spaventi a sufficienza, saltano da soli nella padella" - El Roto

La strategia della paura

Per la destra, bugiarda e intransigente per tradizione, il problema fondamentale del Paese non è la grave crisi che sta attraversando, ma i problemi del vicinato con il Venezuela. Da qui la sua feroce e disperata campagna di paura contro il "castrochavismo", con cui cerca, da un lato, di nascondere i veri problemi del Paese e, dall'altro, genera un ampio consenso di opinione pubblica come strategia per rimanere al potere, senza la necessità di apportare modifiche al modello economico, politico, istituzionale e culturale. Questa strategia dà loro voti.

Ecco perché quelli che agiscono oggi in correnti politiche alternative come se stessimo vivendo una rivoluzione politica, sono o fuori dal gioco o lo stanno facendo con la piena consapevolezza dei fatti e cercano di ripetere la tradizione delle imprese elettorali in cerca di risorse pubbliche per i loro profitti che sono diventati i tradizionali partiti storici dell'oligarchia. Perdono di vista il fatto che per superare la strategia della paura usata dal blocco dominante per mantenere il potere, è necessario innanzi tutto costruire un movimento sociale ampio e solido e, così facendo, guidare la battaglia delle idee che permette di vincere con argomenti di larga maggioranza dei cittadini al cambiamento storico della società.

Il paese è polarizzato e radicalmente diviso tra due tendenze principali che competono per la conquista del potere statale e i benefici che genera, il blocco di destra e la sinistra o alternativa. Quest'ultimo è convinto degli sforzi dell'attuale presidente (Santos) per raggiungere un accordo politico per porre fine alla guerra che per decenni ha configurato la realtà nazionale, sapendo che ciò che è effettivamente riuscito a disarmare e smobilitare il principale gruppo di guerriglieri nel paese (spera di fare lo stesso con l'altro, anche se, visti gli eventi recenti, non è chiaro se riuscirà o lascerà il compito al suo successore), non onorando la maggior parte degli impegni presi a lui. Ciò smentisce l'affermazione secondo cui "era meglio negoziare con un rappresentante legittimo dell'oligarchia piuttosto che con un gamonal* parassita legato al paramilitarismo" (Uribe). Tuttavia, vi era un consenso all'interno del blocco del potere dominante sul sbaragliare o disarmare i guerriglieri. Abbiamo visto il trionfo del disarmo e della smobilitazione in cambio di concessioni minime, lasciando intatto il blocco del potere dominante, rafforzato oggi dall'alleanza Uribe-Pastrana-Vargas, che ha tutte le possibilità rimanere al potere.

Dobbiamo aggiungere a questo blocco, in caso di dubbio sulla loro egemonia di classe, i neoliberali ridipinti verdi Sergio Fajardo e Claudia Lopez, e il liberale Humberto de La Calle, stratega degli accordi con le FARC, ne è convinto, un cowboy solitario, per essere in grado di implementare. Ora è ovvio che ciò non sarà possibile senza il sostegno e un più forte equilibrio di potere di quelli (Uribe, Pastrana, Duke, Ramirez Ordoñez e Vargas) che, sostenuti da grandi capitali, gruppi finanziari, proprietari terrieri arricchiti dall'esproprio di milioni di ettari di terra, dalla chiesa, dalle forze armate e dai media, non accettano questi accordi ridotti a un semplice patto di consegna di armi, smobilitazione e partecipazione politica limitata di ex comandanti della guerriglia, con la pistola puntata contro la tempia per assicurarsi che non superino di un millimetro ciò che è ststo loro concesso.

È stato detto e ripetuto, l'illusione e il desiderio sono una cosa, la realtà sociale è un'altra. Nel migliore scenario politico possibile, un governo alternativo potrebbe governare o dovrebbe agire immediatamente per difendersi? Inoltre, quelli che hanno un potere reale lo lasceranno governare? Esiste un movimento sociale e politico per difendere una conquista democratica come questa? Questa premessa vale sicuramente più di ogni illusione. Un tale movimento sociale e politico non esiste nemmeno per difendere gli accordi con l'importanza storica che è stata loro attribuita, cosa dire dell'idea di andare in piazza per difendere un governo democratico che vorrebbe applicarli seriamente.

Nessuno oserebbe negare lo stato generale di corruzione, l'accelerata perdita di legittimità dell'attuale regime, la criminalità diffusa e l'insicurezza nelle città e nelle aree rurali, le minacce e gli omicidi permanenti dei leader sociali in tutto il paese, il rischio di non attuazione e il fallimento degli accordi con le FARC, che qui, a proposito, invia all'ELN un chiaro messaggio su cosa può aspettarsi da una negoziazione.

Completando questo quadro, la povertà dilagante e la miseria, la distruzione e la deforestazione della natura e dei beni comuni, che nessuno nel cosiddetto blocco alternativo osa nemmeno discutere: è il modello economico su cui si basa questo regime ignominioso e ingiusto e coloro che vivono a proprio agio, la minoranza dominante.

Questo è il motivo per cui il loro programma governativo di punta è costituito dalle stesse ricette neoliberali degli ultimi tre decenni: la privatizzazione dei beni pubblici e della ricchezza, gli investimenti esteri da parte del grande capitale per intensificare l'estrattivismo, un abbassamento delle tasse sul capitale in favore di società transnazionali che mirano a zero imposte in paesi in cui le condizioni di investimento sono "migliori", e la Colombia è una destinazione di scelta per questo.

Per quanto riguarda i valori e la visione del mondo gelosamente difesa dal blocco di potere di destra, questa rimane una società conservatrice e riparatrice di valori cattolici e cristiani, pre-moderna con tratti signorili e arcaici, anteponendo la la difesa della famiglia eterosessuale e monogama, negando i diritti a un'ampia varietà di gruppi familiari e preferenze sessuali. In sostanza, rimangono fedeli a un passato i cui obiettivi sono la tradizione, la famiglia e la proprietà privata in una società ideale punteggiata da grandi vacanze e gite con i proprietari terrieri e i loro subordinati che li applaudono sui marciapiedi e sugli spalti.

Fare del Venezuela, che è senza dubbio di fronte a gravi problemi, il cattivo esempio per suscitare paura e guadagnare dei voti di un pubblico modellato dalla propaganda, dalla disinformazione e dalle notizie false come è il colombiano medio, può essere vantaggioso, ma non cesserà di essere l'esercizio più sporco e cinico della politica elettorale e della propaganda nera contro un paese, un popolo e un governo che, da Chavez a Maduro, ha offerto i suoi buoni uffici per aiutare a rafforzare non solo i dialoghi per la fine del conflitto armato, ma anche rafforzare la pace e la stabilità nella regione. Ma qui non c'era un interlocutore sincero sul lato colombiano, ma solo un avversario aggressivo che voleva spazzarli via. Questi sono due diversi progetti e modelli dello stato e della società, non un blocco unitario di nazioni e interessi comuni come pensava Bolívar nel suo sogno della Grande Colombia.

Uribe: "Figli miei, se non votate per chi vi dico, il Castrochavismo vi porterà alla fame e alla miseria"

La debolezza del governo di Santos alla fine del suo mandato è un fattore che gioca contro i desideri di giusta pace, apertura democratica, partecipazione politica e protezione del sacro diritto alla vita, di gran parte della popolazione colombiana. I suoi alleati di classe più intransigenti, non soddisfatti dell'obiettivo di Santos di disarmare le FARC e smobilitarle in cambio di concessioni minime, si precipitano su ciò che rimane degli accordi per finire di divorarli come rapaci.

Infine, gli omicidi quotidiani e sistematici dei leader sociali nelle campagne e nelle città della Colombia è forse il segnale più oscuro all'orizzonte che anche questa volta non è stato possibile costruire una pace vera, solida, stabile e durevole. Tutto il contrario. È verso una pace di bugie, debole, instabile e molto breve che si stanno muovendo. Questo potrebbe essere l'augurio di un nuovo fallimento storico, che non offre alcun vantaggio all'altra guerriglia, che osserva da lontano, nascondendosi, con il fucile in mano, ciò che viene, un scenario di confronto in cui lo stato e il blocco dominante del potere vogliono vincere a costo di un bagno di sangue. Con la strategia della paura che stanno seguendo e il nuovo genocidio in atto contro i leader sociali e gli oppositori del regime, l'imminente fallimento degli accordi e il mantenimento del potere dei suoi proprietari storici non sono in dubbio.

NdT
* Gamonal: termine spagnolo dal Perù che designa un grande proprietario terriero. Il gamonalismo, una pratica peculiare dei gruppi politici tradizionali, è un termine coniato dal pensatore socialista Mariategui, che si è diffuso in altri paesi andini. Si riferisce alle pratiche predatorie di grandi allevatori e latifondisti, che attaccano comunità e collettivi che combattono per l'autonomia dei loro territori e la difesa delle loro terre collettive.




Courtesy of Tlaxcala
Source: http://www.es.lapluma.net/index.php/articulos/opinion/10600-colombia-la-estrategia-del-miedo-el-nuevo-genocidio-y-la-defensa-del-poder.html
Publication date of original article: 31/01/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=22606

 

Tags: ColombiaAbya YalaAmerica LatinaAlvaro UribeNeoliberismoCorruzionePrivatizzazioniCapitalismoFARC
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.